Alfonso Maruccia

Virgin Galactic, uno spazioporto per SpaceShipTwo

Il sogno di Sir Richard Branson un passo più vicino alla concretizzazione: il turismo spaziale ha il suo primo spazioporto commerciale, testa di ponte per un'industria che si prospetta florida ancorché inavvicinabile al 99% dell'umanità

Roma - Si chiama Spaceport America, ed è il primo spazioporto commerciale della storia dell'umanità. A inaugurare la struttura è Virgin Galactic, la società fondata dal magnate dei media Richard Branson che lavora al progetto da ben sei anni.

Spaceport America sorge nello stato del Nuovo Messico, è caratterizzato da un design avveniristico e da sistemi di climatizzazione di origine geotermica. Lo spazioporto servirà da punto di approdo per SpaceShipTwo, il vascello pensato per trasportare nell'alta atmosfera (e presto in orbita) facoltosi turisti spaziali e strumentazioni scientifiche di proprietà di NASA.

Alla coreografica inaugurazione dello spazioporto, Branson e famiglia si sono calati dal tetto e hanno salutato "un nuovo giorno storico per Virgin Galactic", una struttura che nelle intenzioni di Sir Branson dovrebbe "gettare le basi per la creazione di una dei più importanti settori industriali del 21esimo secolo".


"Non abbiamo mai esitato nel nostro impegno nel monumentale sforzo di fare da pionieri per l'accesso pulito, sicuro ed economicamente ragionevole allo spazio - ha continuato Branson - o nel dimostrare che facciamo sul serio in ogni passo del nostro cammino".

Sarà anche economicamente accessibile come dice Sir Branson, ma il prezzo del biglietto per un viaggio spaziale si aggira al momento sui 200mila dollari, non esattamente un prezzo popolare. Sia come sia, sono già 150 i posti prenotati a bordo di SpaceShipTwo, e altri 430 facoltosi sono in lista d'attesa.



Alfonso Maruccia
Notizie collegate
3 Commenti alla Notizia Virgin Galactic, uno spazioporto per SpaceShipTwo
Ordina
  • Dall'articolo: "una struttura che nelle intenzioni di Sir Branson dovrebbe "gettare le basi per la creazione di una dei più importanti settori industriali del 21esimo secolo"."
    Ecco secondo me non deve essere visto solo come un nuovo "giocattolo per ricchi" (sicuramente è anche quello), ma anche come un nuovo settore industriale, di avanguardia tra l'altro e multidisciplinare.
    Discipline come la chimica, la fisica, l'ingengeria meccanica ed elettronica e l'informatica sono alla base di questo settore (http://www.spacex.com/careers.php - http://www.virgingalactic.com/careers/).
    Ovviamente questo porterà a crescita e ricchezza in USA Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gio
    > Ecco secondo me non deve essere visto solo come
    > un nuovo "giocattolo per ricchi" (sicuramente è
    > anche quello), ma anche come un nuovo settore
    > industriale, di avanguardia tra l'altro e
    > multidisciplinare.
    > Discipline come la chimica, la fisica,
    > l'ingegneria meccanica ed elettronica e
    > l'informatica sono alla base di questo settore
    > Ovviamente questo porterà a crescita e ricchezza
    > in USA Sorride
    E' uno sforzo tecnico interessante, anche perché percorre con convinzione, dopo gli esperimenti con l'aerorazzo X15 degli anni 60, la strada del lancio in quota da aereo vettore.
    Poter ospitare un ragionevole carico per piccoli esperimenti in condizioni di minima gravità con sperimentatori a bordo ha suscitato l'interesse di diversi enti ed università.
    Che al giorno d'oggi questi benefici generino crescita e ricchezza (solo) negli USA non ci giurerei.
    Certo che in Italia sembriamo sempre capaci di investire solo in vecchi settori, comodi per distribuire fette di torta ad aziende amiche.
    Chi fa il calcolo di quanto beneficio otterrebbe il paese, usando in migliori investimenti i soldi di opere come il Ponte sullo Stretto di Messina?
    Certo che bisogna avere idee coraggiose da finanziare, e non è facile avere talenti in Italia per esprimerle. Triste
    non+autenticato
  • Purtroppo in Italia non potranno mai nascere queste "esperienze", siamo destinati al fallimento, in tutti i sensi Triste
    non+autenticato