Mauro Vecchio

Spagna, in galera per i link pirata

Condannati ad un anno gli admin di FenixP2P.com e MP3-es.com, siti specializzati nella distribuzione di link a contenuti ospitati su siti terzi. L'indexing costituirebbe una forma di comunicazione pubblica delle violazioni

Roma - Una più che significativa decisione, in un paese spesso accusato dall'industria dei contenuti di trattare con i guanti i vari siti che in qualche modo agevolino la violazione del copyright. Gli amministratori di FenixP2P.com e MP3-es.com sono stati recentemente condannati ad un anno di prigione, rei di aver permesso la "pubblica comunicazione" di svariati contenuti illeciti.

FenixP2P.com e MP3-es.com non ospitavano direttamente film e musica in violazione del diritto d'autore: per "pubblica comunicazione" si intende la proliferazione di link a contenuti ospitati su siti terzi, attività generalmente appannaggio dei cosiddetti siti di indexing.

La corte provinciale di Vizcaya ha così ribaltato la visione già offerta da numerosi tribunali spagnoli, che avevano assolto piattaforme come Rojadirecta. La stessa giurisprudenza iberica aveva spesso sottolineato come le attività di linking a siti terzi non costituisse un reato.
Il giudice di Vizcayha ha ora condannato gli admin dei due siti al pagamento di una multa non meglio specificata, condita da un anno di reclusione. Aver diffuso online i link rappresenterebbe una forma illecita di comunicazione al pubblico condotta senza autorizzazione del detentore dei diritti, dunque punibile a norma di legge.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
26 Commenti alla Notizia Spagna, in galera per i link pirata
Ordina
  • Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito.
    (Proverbio cinese)

    ABOLIRE IL COPYRIGHT

    Pirata
    non+autenticato
  • La sentenza non ribalta niente. I siti oggetto della decisione nascevano per la condivisione di materiale "illecito", a differenza di rojadirecta.
    E' sottile, ma la differenza c'è.

    GT
  • - Scritto da: Guybrush
    > La sentenza non ribalta niente. I siti oggetto
    > della decisione nascevano per la condivisione di
    > materiale "illecito", a differenza di
    > rojadirecta.
    > E' sottile, ma la differenza c'è.
    >
    > GT
    Mhhh la notizia dice:
    "FenixP2P.com e MP3-es.com NON ospitavano direttamente film e musica in violazione del diritto d'autore"
    e' sempre la solita condanna nazista per aver ospitato dei link.. quindi si che ribalta.. non le sentenze vecchie ovviam (sono altri procedimenti), ma ribalta l'idea.
    non+autenticato
  • Finalmente una bella notizia.
    Speriamo avvengano altri casi come questo.
    non+autenticato
  • Infatti, spero che si inizi a far tutto sottobanco così si rischierà di meno, altro che "elenchi telefonici" per dire alle major dove viene hostato materiale pirata, che se lo cerchino come qualsiasi pirata.
    Wolf01
    3342
  • - Scritto da: matty
    > Finalmente una bella notizia.
    > Speriamo avvengano altri casi come questo.

    Dici sul serio? Forse sei un troll...

    Per dei link dare la galera è troppo...Se qualcuno per sbaglio non sapeva che un sito non era autorizzato a mettere certi file (non mi riferisco ai link di questo caso) ma mette il link nella propria pagina allora se ne va in galera??!!!!

    Poi sappiamo che la copia di un file non è un furto perchè non si sottrae niente di materiale (i bit non si possono di certo rubare)...al massimo ci poteva stare una sanzione amministritavia...il problema e che l'istuzioni pensano di più ai diritti delle major e non a quelli di tutta la popolazione...E' giusto alazare il termine del copyright (cosa che secondo me non dovrebbe neanche esistere)?
    non+autenticato
  • - Scritto da: enriker
    > - Scritto da: matty
    > > Finalmente una bella notizia.
    > > Speriamo avvengano altri casi come questo.
    >
    > Dici sul serio? Forse sei un troll...

    Fixed
    non+autenticato
  • - Scritto da: matty
    > Finalmente una bella notizia.
    > Speriamo avvengano altri casi come questo.

    Bing.com in galera !!!! Arrestate il panzone di redmond !.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: matty
    > > Finalmente una bella notizia.
    > > Speriamo avvengano altri casi come questo.
    >
    > Bing.com in galera !!!! Arrestate il panzone di
    > redmond
    > !.

    Giusto seguendo la logica (ovvimente sbagliata) di questa sentenza dovrebbero andare in carcere tutti i responsabili dei motori di ricerca...
    Questo succede perchè chi emette queste sentenze non sa veramente come funziona internet e il computer..
    non+autenticato
  • - Scritto da: enriker
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: matty
    > > > Finalmente una bella notizia.
    > > > Speriamo avvengano altri casi come
    > questo.
    > >
    > > Bing.com in galera !!!! Arrestate il panzone
    > di
    > > redmond
    > > !.
    >
    > Giusto seguendo la logica (ovvimente sbagliata)
    > di questa sentenza dovrebbero andare in carcere
    > tutti i responsabili dei motori di
    > ricerca...
    > Questo succede perchè chi emette queste sentenze
    > non sa veramente come funziona internet e il
    > computer..

    Infatti io andrei subito a denunciare anche bing e google se fossi in quello che e' andato in galera, sempre che poi ci vada veramente...
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: enriker
    > > - Scritto da: krane
    > > > - Scritto da: matty
    > > > > Finalmente una bella notizia.
    > > > > Speriamo avvengano altri casi come
    > > questo.
    > > >
    > > > Bing.com in galera !!!! Arrestate il
    > panzone
    > > di
    > > > redmond
    > > > !.
    > >
    > > Giusto seguendo la logica (ovvimente
    > sbagliata)
    > > di questa sentenza dovrebbero andare in
    > carcere
    > > tutti i responsabili dei motori di
    > > ricerca...
    > > Questo succede perchè chi emette queste
    > sentenze
    > > non sa veramente come funziona internet e il
    > > computer..
    >
    > Infatti io andrei subito a denunciare anche bing
    > e google se fossi in quello che e' andato in
    > galera, sempre che poi ci vada
    > veramente...

    e te pareva che non veniva sempre sto ragionamento stupido.

    Apro bing e nella prima pagina ho i link degli mp3? no.
    L'intento di bing e' di catalogare il web, ovvio che piglia pure i siti illegali.
    Allora arrestiamo chi pubblica le pagine gialle perché mette dentro pure le aziende che non pagano le tasse. Mah
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mariangelo Melato
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: enriker
    > > > - Scritto da: krane
    > > > > - Scritto da: matty
    > > > > > Finalmente una bella notizia.
    > > > > > Speriamo avvengano altri casi
    > come
    > > > questo.
    > > > >
    > > > > Bing.com in galera !!!! Arrestate
    > il
    > > panzone
    > > > di
    > > > > redmond
    > > > > !.
    > > >
    > > > Giusto seguendo la logica (ovvimente
    > > sbagliata)
    > > > di questa sentenza dovrebbero andare in
    > > carcere
    > > > tutti i responsabili dei motori di
    > > > ricerca...
    > > > Questo succede perchè chi emette queste
    > > sentenze
    > > > non sa veramente come funziona internet
    > e
    > il
    > > > computer..
    > >
    > > Infatti io andrei subito a denunciare anche
    > bing
    > > e google se fossi in quello che e' andato in
    > > galera, sempre che poi ci vada
    > > veramente...
    >
    > e te pareva che non veniva sempre sto
    > ragionamento stupido.

    > Apro bing e nella prima pagina ho i link degli
    > mp3?
    > no.

    Quindi e' solo un problema di cosa metto nella prima pagina ?

    > L'intento di bing e' di catalogare il web, ovvio
    > che piglia pure i siti illegali.

    Questo non vuol dire che se ne trovino a milioni, quindi qual e' la percentuale consentita ?

    > Allora arrestiamo chi pubblica le pagine gialle
    > perché mette dentro pure le aziende che non
    > pagano le tasse.
    > Mah

    Veramente mi sembra proprio quello che sta accadendo...
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Mariangelo Melato

    > > L'intento di bing e' di catalogare il web,
    > ovvio
    > > che piglia pure i siti illegali.
    >
    > Questo non vuol dire che se ne trovino a milioni,
    > quindi qual e' la percentuale consentita
    > ?
    >
    Non so quale sia la percentuale consentita, so solo che se su google usi una ricerca del tipo " limitless ita filetype:torrent " ottieni quasi 80mila risultiati a link torrent diretti... per cui? Oscuriamo google?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Grazio
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Mariangelo Melato
    >
    > > > L'intento di bing e' di catalogare il
    > web,
    > > ovvio
    > > > che piglia pure i siti illegali.
    > >
    > > Questo non vuol dire che se ne trovino a
    > milioni,
    > > quindi qual e' la percentuale consentita ?

    > Non so quale sia la percentuale consentita, so
    > solo che se su google usi una ricerca del tipo "
    > limitless ita filetype:torrent
    >
    " ottieni quasi 80mila risultiati a
    > link torrent diretti... per cui? Oscuriamo
    > google?

    Quello che dico sempre anche io, ma come vedi i censori non sanno rispondere...
    krane
    22544