Alfonso Maruccia

Linux, un kernel unico per l'industria dell'elettronica

La foundation del Pinguino annuncia la nascita di un nuovo progetto. A supporto del mercato consumer. Tra i sostenitori nomi grossi del settore

Roma - Linux, il kernel open source che ha sconfitto Windows in 20 anni (o almeno così dicono i suoi supporter) e conquistato ogni genere di prodotti appartenenti al mercato dell'elettronica di consumo (CE), si arricchisce di una nuova "offerta" destinata a beneficiare grandemente il suddetto mercato.

Linux Foundation ha annunciato la nuova "Long Term Support Initiative" (LTSI) alla Linuxcon europea che si tiene in quel di Praga: l'obiettivo è quello di pubblicare una release annuale unica del kernel del Pinguino specifica per applicazioni CE, con update regolari per ogni singola versione sul biennio successivo.

"L'industria CE si è servita di Linux per ridurre i costi e velocizzare i tempi di commercializzazione - spiega il direttore esecutivo di Linux Foundation Jim Zemlin - Ora sta compiendo il prossimo passo nella riduzione di un costoso raddoppio degli sforzi necessari al mantenimento dei kernel personalizzati".
Tramite LTSI i vari conglomerati industriali che fanno uso di Linux potranno condividere il proprio lavoro con partner e concorrenti, con il risultato (ideale) di un uso ancora più diffuso della tecnologia FOSS e un aumento del contributo dell'industria CE alla sua evoluzione complessiva. Supportano l'iniziativa di Linux Foundation aziende del calibro di Sony, Toshiba e Panasonic.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
87 Commenti alla Notizia Linux, un kernel unico per l'industria dell'elettronica
Ordina
  • Ci siamo si parte con il fork ufficiale...

    A quando lo stesso casino del mondo bsd?
    non+autenticato
  • Ormai, tutte le aziende, piccole, medie e grandi, si sono accorte delle enormi potenzialità del kernel Linux; un vero e proprio gioiello tecnologico capace di adattarsi alle situazioni più disparate.

    Purtroppo, però, la maggioranza di queste aziende approfitta spudoratamente di questa vera e propria miniera d'oro che chiunque può saccheggiare grazie al suo essere free e a codice aperto; naturalmente, per questi furbi: FREE = GRATIS!

    Per motivi alquanto misteriosi, tutti noi utenti Linux ci esaltiamo quando si parla di Google; è vero che quest'azienda usa il Pinguino in modo massiccio sui propri server, ma cosa ci dà in cambio?
    Le versioni per Linux di GoogleEarth e GoogleChrome fanno letteralmente schifo, mentre Google SketchUp neppure esiste per Linux; viene voglia di andare a Mountain View e prendere a calci nel c..o tutti i dirigenti.

    Quei disgraziati di TomTom usano Linux (OpenTom) su tutti i loro navigatori, ma si rifiutano di rilasciare il loro software di interfaccia (TomTom Home) per il Pinguino; alla valanga di proteste che arrivano sul loro forum rispondono di usare Wine (che, infatti, non funziona).

    La NASA usa Linux persino per gestire le missioni spaziali dei nuovi veicoli che sostituiscono lo Shuttle; tutto il software scaricabile dal loro sito è però destinato principalmente a Windows.

    E si potrebbero fare migliaia di altri esempi.

    Se tutte queste aziende avessero dimostrato un minimo di riconoscenza, oggi magari Linux avrebbe avuto una quota di mercato notevole anche nel settore desktop; invece, si usa il Pinguino solo per fare soldi a palate ... e chi se ne frega di tutto il resto!

    All'ironia di Maruccia poi (Linux, il kernel open source che ha sconfitto Windows in 20 anni (o almeno così dicono i suoi supporter)) si può rispondere che almeno Linux, un SO sviluppato inizialmente da hobbisti, ha stracciato Windows nel settore server e CE; gli altri concorrenti di Microsoft cosa hanno fatto?

    Se aspettavamo un "colosso" come Apple ... stavamo freschi.
    non+autenticato
  • > Ormai, tutte le aziende, piccole, medie e grandi,
    > si sono accorte delle enormi potenzialità del
    > kernel Linux; un vero e proprio gioiello
    > tecnologico capace di adattarsi alle situazioni
    > più
    > disparate.
    Che se ne siano accorte anche le piccole è un bene, specie qui in Italia dove c'è un deficit di cultura informatica tra le aziende.

    > Purtroppo, però, la maggioranza di queste aziende
    > approfitta spudoratamente di questa vera e
    > propria miniera d'oro che chiunque può
    > saccheggiare grazie al suo essere free e a codice
    > aperto; naturalmente, per questi furbi: FREE =
    > GRATIS!

    Per le piccole posso anche capirlo, per le grandi no, quindi ti quoto

    > Per motivi alquanto misteriosi, tutti noi utenti
    > Linux ci esaltiamo quando si parla di Google; è
    > vero che quest'azienda usa il Pinguino in modo
    > massiccio sui propri server, ma cosa ci dà in
    > cambio?
    > Le versioni per Linux di GoogleEarth e
    > GoogleChrome fanno letteralmente schifo, mentre
    > Google SketchUp neppure esiste per Linux; viene
    > voglia di andare a Mountain View e prendere a
    > calci nel c..o tutti i
    > dirigenti.

    QUOTONE!! Cavolo Google per Linux rilascia versioni bacate o schifose. E perchè Picasa? Lo fanno girare tramite Wine, ma neanche l'ultimo Picasa... 3 versioni precedenti!

    > Quei disgraziati di TomTom usano Linux (OpenTom)
    > su tutti i loro navigatori, ma si rifiutano di
    > rilasciare il loro software di interfaccia
    > (TomTom Home) per il Pinguino; alla valanga di
    > proteste che arrivano sul loro forum rispondono
    > di usare Wine (che, infatti, non
    > funziona).
    >
    > La NASA usa Linux persino per gestire le missioni
    > spaziali dei nuovi veicoli che sostituiscono lo
    > Shuttle; tuttoo il software scaricabile dal loro
    > sito è però destinat principalmente a
    > Windows.

    +1 anche qui.
    Purtroppo molti pensano che Free == Gratis

    > E si potrebbero fare migliaia di altri esempi.
    >
    > Se tutte queste aziende avessero dimostrato un
    > minimo di riconoscenza, oggi magari Linux avrebbe
    > avuto una quota di mercato notevole anche nel
    > settore desktop; invece, si usa il Pinguino solo
    > per fare soldi a palate ... e chi se ne frega di
    > tutto il
    > resto!
    >
    > All'ironia di Maruccia poi ( Linux, il kernel
    > open source che ha sconfitto Windows in 20 anni
    > (o almeno così dicono i suoi supporter)
    ) si
    > può rispondere che almeno Linux, un SO sviluppato
    > inizialmente da hobbisti, ha stracciato Windows
    > nel settore server e CE; gli altri concorrenti di
    > Microsoft cosa hanno
    > fatto?
    >
    > Se aspettavamo un "colosso" come Apple ...
    > stavamo
    > freschi.

    LOL
    non+autenticato
  • Ma che dici, se questi usano il kernel o altro e li redistribuiscono allora mettono a disposizione anche i sorgenti.

    Ma non vedo che centri il fatto che 'google usa linux su i server' e poi non ti piace il client di google maps. I contributi al software che usano li mettono a disposizione, dei loro prodotti faranno poi quello che gli pare.

    E poi perche' solo linux, non dovrebbero farene una versione anche per *bsd? Oppure dato che a te non piace non importa?
    non+autenticato
  • Sicuramente Google è più quello che prende dall'open source che non quello che da, questo è poco ma sicuro!
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: Gio
    > > Sicuramente Google è più quello che prende
    > > dall'open source che non quello che da,
    > questo
    > è
    > > poco ma
    > > sicuro!
    >
    > E' più importante che 'dia' o che 'prenda'?
    > Quando qualcuno 'prende' ruba qualcosa o fa danni
    > all'open source?
    >
    > Se nessuno prendesse nulla e non quindi *desse*
    > nulla saresti contento? Non è forse vero che
    > l'open source ci perderebbe e
    > basta?
    > Per cosa stai piangendo esattamente?
    > Stai forse accusando Google di violare qualche
    > licenza? Se hai notizie di violazioni da parte di
    > Google, segnalali alle autorità
    > competenti.
    Quoto in pieno.
    Prima i fan di linux e software libero si vantavano che che fosse utilizzato dalle grosse compagnie.
    Ora che lo utilizzano tutti si lamentano perchè non danno niente in cambio. Non sono mai contenti.
  • - Scritto da: ginfitz69

    > Ora che lo utilizzano tutti si lamentano perchè
    > non danno niente in cambio. Non sono mai
    > contenti.

    Chi e' che si lamenterebbe di cio'?
    Linux e' fatto per essere usato, quindi se lo usano fanno solo bene.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: ginfitz69
    >
    > > Ora che lo utilizzano tutti si lamentano
    > perchè
    > > non danno niente in cambio. Non sono mai
    > > contenti.
    >
    > Chi e' che si lamenterebbe di cio'?
    > Linux e' fatto per essere usato, quindi se lo
    > usano fanno solo
    > bene.

    Allora vedi che mi dai ragione ?
    E' Alvaro vitali che si lagna ed è a lui che mi riferivo
  • non posso che esserne contento, se google usa codice open source, ci dovra mettere qualcuno a scrivere codice, spendere in ricerca, muovere il mercato con le api rilasciate libere, usando il kernel permette che esso sia migliorabile da chiunque nei suoi sistemi, permette che vengano creati programmi con le sue api, qualunque azienda puo contribuire con trivers e specifiche open source e magari documentazione, nessuno ci perde e tutti ci guadagnano
    non+autenticato
  • Non è questione di violare o rubare, e che visto quello che prendono e i soldi che hanno, potrebbero contribuire un po' di più al mondo open, tutto qui.
    E poi lo sai che Android è stato dichiarato il progetto open source più chiuso da varie comunità(per la cronaca il più open è Eclipse)?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gio
    > Non è questione di violare o rubare, e che visto
    > quello che prendono e i soldi che hanno,
    > potrebbero contribuire un po' di più al mondo
    > open, tutto qui.

    contribuire != metterci soldi

    usarlo e' di per se' un grosso contributo.

    > E poi lo sai che Android è stato dichiarato il
    > progetto open source più chiuso da varie
    > comunità(per la cronaca il più open è
    > Eclipse)?

    E adesso andiamo anche a fare una classifica tra gli open?
  • Se qualcuno aveva ancora dei dubbi sulla versatilità di Linux e sulla sua superiorità rispetto ad altri SO, questa notizia dovrebbe aver azzerato tali dubbi!
    non+autenticato
  • Se qualcuno aveva ancora dei dubbi...

    C'è gente che per dare un senso alla propria vita passa le giornate a fare a gara a chi ha il sistema operativo più lungo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zio Panello
    > Se qualcuno aveva ancora dei dubbi...
    >
    > C'è gente che per dare un senso alla propria vita
    > passa le giornate a fare a gara a chi ha il
    > sistema operativo più lungo.

    Mai riconoscere i meriti degli altri, vero?
    non+autenticato
  • Sicuramente non mi interessa fare a gare a chi ha il sistema "operativo più lungo". Però visto che si può commentare la notizia, l'ho fatto esprimendo la mia opinione(oggettiva).
    Poi certo, c'è da dire le che la filosofia dietro l'open source(e Linux è un ottimo prodotto di questa 'filosofia') va oltre l'informatica in senso stretto, ma questo è un altro discorso .-)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gio
    > Poi certo, c'è da dire le che la filosofia dietro
    > l'open source(e Linux è un ottimo prodotto di
    > questa 'filosofia') va oltre l'informatica in
    > senso stretto, ma questo è un altro discorso
    > .-)

    Per questo certa gente non riesce a comprendere ciò che linux (e in generale l'opensource) ha fatto per l'informatica
    non+autenticato
  • Dove lavoro c'è gente che fatica anche a comprendere perché ho voluto spendere €150 di dolci e vino per festeggiare il mio compleanno in azienda coi colleghi.

    Ci sono persone talmente bigotte e ostili a qualsiasi generosità nei confronti del prossimo, che non riescono a comprenderla.

    La tristezza negli atti e nei pensieri è un fattore ambientale e culturale.
    Per cui troverai sempre ostilità davanti al paradigma collaborativo dell'opensource.
    iRoby
    9147
  • - Scritto da: iRoby
    > Dove lavoro c'è gente che fatica anche a
    > comprendere perché ho voluto spendere €150 di
    > dolci e vino per festeggiare il mio compleanno in
    > azienda coi
    > colleghi.

    A differenza di ruppolo che e' il classico tipo da fare una festa di compleanno facendo pagare l'ingresso, cosi' e' sicuro che i pezzenti stanno fuori.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: iRoby
    > > Dove lavoro c'è gente che fatica anche a
    > > comprendere perché ho voluto spendere €150 di
    > > dolci e vino per festeggiare il mio
    > compleanno
    > in
    > > azienda coi
    > > colleghi.
    >
    > A differenza di ruppolo che e' il classico tipo
    > da fare una festa di compleanno facendo pagare
    > l'ingresso, cosi' e' sicuro che i pezzenti stanno
    > fuori.

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gio
    > l'ho fatto
    > esprimendo la mia
    > opinione(oggettiva).

    Deluso
    non+autenticato
  • > passa le giornate a fare a gara a chi ha il
    > sistema operativo più
    > lungo.

    Il mio è quello che è il più lungo Troll chiacchierone
    non+autenticato