Alfonso Maruccia

IBM, meno supercomputer e più gatti

Big Blue continua a scalare marcia nella sua simulazione cerebrale nota come "Blue Matter". Si riduce il numero dei processori necessari in attesa dell'avvento dei memristori

Roma - L'obiettivo di IBM della simulazione di un cervello umano in un supercomputer non è stato ancora raggiunto, ma il progresso tecnologico permetterà presto di arrivarci. Nel frattempo, Big Blue pensa a ottimizzare la propria piattaforma riducendo il numero di processori necessari a ottenere lo stesso risultato: simulare il funzionamento del cervello di un gatto.

La riproduzione virtuale dell'intelletto felino era già stata raggiunta alcuni anni fa, e ora come allora IBM usa il supercomputer Big Blue. Diversamente da allora, però, Big Blue è stato "snellito" nella dotazione di capacità computazionale riuscendo a ottenere lo stesso risultato.

Il nuovo supercomputer felino di IBM conta 24.576 processori Power(PC), contro una dotazione che nel 2009 contava su 147.456 unità elaborative connesse in parallelo. Nello stesso numero di 147.456 processori, Big Blue è riuscito a immagazzinare la simulazione del 4,5 per cento delle connessioni del cervello umano.
Big Blue è ora in grado di replicare qualcosa come un miliardo di neuroni e 10 milioni di miliardi di sinapsi - i collegamenti neurali che trasmettono gli impulsi e archiviano le informazioni nel cervello umano - e per arrivare a simulare i 20 miliardi di neuroni e i 200 milioni di miliardi di sinapsi del cervello occorreranno circa 880mila processori.

IBM è convinta di poter raggiungere l'ambizioso obbiettivo entro il 2019, periodo temporale entro il quale i memristori dovrebbero favorire la nascita di una vera intelligenza artificiale contenuta all'interno di un supercomputer con caratteristiche di funzionamento più analogiche che digitali.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • Tecnologia2019, l'anno del cervello digitaleUna squadra di ricerca divisa tra IBM e Stanford University ha annunciato lo sviluppo di un algoritmo capace di misurare e mappare le connessioni cerebrali. Obiettivo: riprodurre l'attività di neuroni e sinapsi all'interno di un surrogato artificiale
  • TecnologiaIl supercomputer felino con cuore di memristoreI ricercatori preparano la strada alla simulazione di una struttura cerebrale complessa. Soprattutto grazie al componente candidato a sostituire il transistor nei microchip di domani
29 Commenti alla Notizia IBM, meno supercomputer e più gatti
Ordina
  • Anno 2019.
    Finalmente e' stato raggiunto l'obiettivo di simulare un cervello umano.
    Putroppo pero' e' quello di Mister Bean.
    non+autenticato
  • non vale è un personaggio immaginario, però se dopo il mister, togli la e, la a e la n...
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > non vale è un personaggio immaginario, però se
    > dopo il mister, togli la e, la a e la
    > n...

    capirai che sforzo, il cervello di quell'individuo si può simulare usando un qualsiasi pc da supermercato su cui gira un erogameA bocca aperta
    non+autenticato
  • ... che vogliono simulare un cervello superiore (il felino è superiore a tutti noiA bocca aperta )

    sarebbe piu' facile simulare quello di una valletta/velina/gallina/fashionvictim...
    non+autenticato
  • hanno migliorato l'efficienza di 6 volte! a giudicare da cio che leggo dovrebbe essere tutta una questione di ottimizzazione software. big blue è proprio brava.
    non+autenticato
  • Servono meno processori anche perche' nel frattempo sono aumentate le potenze unitarie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: frozen
    > Servono meno processori anche perche' nel
    > frattempo sono aumentate le potenze
    > unitarie.

    di 6 volte in 2 anni? un miracolo! posso avere la fonte?
    non+autenticato
  • ...non riesco a togliermi questo brivido dalla schiena.
    non+autenticato
  • Che senso ha parlare di simulare il cervello di un gatto o di un umano senza sapere come funziona, per poi parlare di "intelligenza arificiale"?
    Al massimo si dovrebbe parlare di "simulare la capacità di calcolo di un cervello di gatto" o umano che è cosa diversa.
    In fondo un gatto è più intellegente di un umano di 2 giorni, per il concetto che diamo di intelligenza, sebbene il nenonato abbia molte più neuroni e connessioni del gatto.
    Da dire poi che per raggiungere un certo QI intellettivo basterebbe molte meno connessioni o capcità di calcolo visto che il cervello umano usa una certa parte di se stesso per le funzioni di base.
    In fondo un cervello artificiale non deve necessariamente avere l'istinto di buttare l'occhio in un decoltè o su un paio di scarpe a seconda del genere
    non+autenticato
  • > Da dire poi che per raggiungere un certo QI
    > intellettivo basterebbe molte meno connessioni o
    > capcità di calcolo visto che il cervello umano
    > usa una certa parte di se stesso per le funzioni
    > di
    > base.
    > In fondo un cervello artificiale non deve
    > necessariamente avere l'istinto di buttare
    > l'occhio in un decoltè o su un paio di scarpe a
    > seconda del
    > genere

    questa cosa che dici sembra una boutade ma è fondamentale... le "distrazioni" sono ciò che più ostacola le nostre capacità intellettive e anche creative. se si riuscisse a costruire un sistema che simula il funzionamento del nostro cervello ma senza "distrazioni", e senza limiti alla capacità di concentrazione... ci sarebbe da spaventarsi!
    non+autenticato
  • - Scritto da: max
    > > Da dire poi che per raggiungere un certo QI
    > > intellettivo basterebbe molte meno connessioni o
    > > capcità di calcolo visto che il cervello umano
    > > usa una certa parte di se stesso per le funzioni
    > > di
    > > base.
    > > In fondo un cervello artificiale non deve
    > > necessariamente avere l'istinto di buttare
    > > l'occhio in un decoltè o su un paio di scarpe a
    > > seconda del
    > > genere
    >
    > questa cosa che dici sembra una boutade ma è
    > fondamentale... le "distrazioni" sono ciò che più
    > ostacola le nostre capacità intellettive e anche
    > creative. se si riuscisse a costruire un sistema
    > che simula il funzionamento del nostro cervello
    > ma senza "distrazioni", e senza limiti alla
    > capacità di concentrazione... ci sarebbe da
    > spaventarsi!

    Ovviamente e "dipende".
    Comunque il mio discorso voleva sottolineare una cosa diversa e cioè che il cervello umano ha miliardi di neuroni, ma buona parte del suo numero è dedicato a funzioni non propriamente intellettive (regolare funzioni biologiche, per esempio) quindi se avessero capito davvero cos'è l'intelligenza in modo tale da riprodurla artificialmente, già con un numero di neuroni da gatti o comunque decisamente inferiore a quelli umani, dovrebbero aver creato unamente "superiore".
    In fondo Gasparri o Veltroni hanno lo stesso numero di neuroni di una persona normale ma il risultato ottenuto non vi si avvicina nemmeno
    non+autenticato
  • il problema è ben descritto da Jeff Hawkins nel suo libro e cioè quello che non abbiamo è un algoritmo in grado di simulare l'intelligenza

    non ce ne facciamo niente di una rete neurale se poi non sappiamo come guidare lo sviluppo delle connessioni tra i neuroni

    a me pare che si stia cercando di portarla sull'hardware, perchè i risultati sono abbastanza facili da ottenere e quindi i relativi finanziamenti

    ma rimane il fatto che tutto ciò che stiamo creando è un computer riconfigurabile in hardware e non un'intelligenza artificiale
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0

    > In fondo un gatto è più intellegente di un umano
    > di 2 giorni, per il concetto che diamo di
    > intelligenza, sebbene il nenonato abbia molte più
    > neuroni e connessioni del
    > gatto.

    Io ho due gatti, e quindi credo di saperne qualcosa circa l'intelligenza di un gatto.

    Posso affermare quanto segue:
    - un gatto non si arrabbia
    - un gatto non ha crisi isteriche
    - un gatto se ne frega di marchi e mode
    - un gatto se ne frega della tv
    - un gatto non discute di calcio ne' di politica
    - un gatto sa usare il computer meglio di un utonto winaro (sa spegnerlo, e sa premere ESC al momento giusto per recare il maggior danno possibile a chi lo sta usando).
    - un gatto sa usare perfino l'ipad (cercare filmato in rete) ma non e' cosi' fesso da spenderci dei soldi
    - un gatto non perde tempo su fessbuk

    - conosco esseri umani decisamente piu' stupidi di un gatto
  • Vivo con tre mici e una canide e commento il tuo postA bocca aperta

    > - un gatto non si arrabbia
    FALSO!

    > - un gatto non ha crisi isteriche
    FALSO!

    > - un gatto se ne frega di marchi e mode
    Vero, per fortuna

    > - un gatto se ne frega della tv
    Vero, anche se apprezza alcuni programmi con colori e movimento

    > - un gatto non discute di calcio ne' di politica
    Vero, si limita a leccarsi e ad odiare tutti

    > - un gatto sa usare il computer meglio di un
    > utonto winaro (sa spegnerlo, e sa premere ESC al
    > momento giusto per recare il maggior danno
    > possibile a chi lo sta
    > usando).
    Vero!

    > - un gatto sa usare perfino l'ipad (cercare
    > filmato in rete) ma non e' cosi' fesso da
    > spenderci dei
    > soldi
    Vero! anche se preferisce il tonnetto da 2€

    > - un gatto non perde tempo su fessbuk
    Vero! Ci sono io a perdere tempo per loro

    > - conosco esseri umani decisamente piu' stupidi
    > di un
    > gatto
    Uhm. Vero, ma espresso male.
    Correggo in: "Conosco alcuni esseri umani di intelligenza paragonabile a quella di un gatto. Per gli altri il confronto è impietoso."
  • - Scritto da: A s d f
    > Vivo con tre mici e una canide e commento il tuo
    > post
    >A bocca aperta
    >
    > > - un gatto non si arrabbia
    > FALSO!

    Definisci "arrabbiarsi".
    I miei gatti non ringhiano, non mi tirano addosso la roba, e nemmeno hanno la bava alla bocca.

    > > - un gatto non ha crisi isteriche
    > FALSO!
    Anche qui definisci "crisi isterica"

    > > - un gatto se ne frega di marchi e mode
    > Vero, per fortuna
    >
    > > - un gatto se ne frega della tv
    > Vero, anche se apprezza alcuni programmi con
    > colori e
    > movimento

    Anche con certi suoni e musica, ma viene immediatamente distratto dalla pallina...

    > > - un gatto non discute di calcio ne' di
    > politica
    > Vero, si limita a leccarsi e ad odiare tutti
    >
    > > - un gatto sa usare il computer meglio di un
    > > utonto winaro (sa spegnerlo, e sa premere
    > ESC
    > al
    > > momento giusto per recare il maggior danno
    > > possibile a chi lo sta
    > > usando).
    > Vero!
    >
    > > - un gatto sa usare perfino l'ipad (cercare
    > > filmato in rete) ma non e' cosi' fesso da
    > > spenderci dei
    > > soldi
    > Vero! anche se preferisce il tonnetto da 2€

    I miei quello da 0.50

    > > - un gatto non perde tempo su fessbuk
    > Vero! Ci sono io a perdere tempo per loro
    >
    > > - conosco esseri umani decisamente piu'
    > stupidi
    > > di un
    > > gatto
    > Uhm. Vero, ma espresso male.
    > Correggo in: "Conosco alcuni esseri umani di
    > intelligenza paragonabile a quella di un gatto.
    > Per gli altri il confronto è
    > impietoso."

    Possiamo concludere che quelli che stanno facendo questo esperimento, non conoscono i gatti.
  • > Definisci "arrabbiarsi".
    > I miei gatti non ringhiano, non mi tirano addosso
    > la roba, e nemmeno hanno la bava alla bocca.

    I miei si irritano terribilmente e cercano di strapparsi gli occhi a vicenda, di tanto in tanto

    > Anche qui definisci "crisi isterica"

    Piangere incessantemente in modo nervoso ciondolando per casa quando mi capita di non dare massima priorità ai loro capricciA bocca aperta

    > Anche con certi suoni e musica, ma viene
    > immediatamente distratto dalla
    > pallina...

    O dalla coperta di lana!

    > Possiamo concludere che quelli che stanno facendo
    > questo esperimento, non conoscono i
    > gatti.

    Esatto
  • - Scritto da: A s d f
    > > Definisci "arrabbiarsi".
    > > I miei gatti non ringhiano, non mi tirano
    > addosso
    > > la roba, e nemmeno hanno la bava alla bocca.
    >
    > I miei si irritano terribilmente e cercano di
    > strapparsi gli occhi a vicenda, di tanto in tanto

    I miei no, ma ora che mi hai fatto presente la cosa, mi ricordo di una bella rissa tra gatti, a cui ho assistito tempo fa.
    Ok, i gatti si arrabbiano.

    > > Anche qui definisci "crisi isterica"
    >
    > Piangere incessantemente in modo nervoso
    > ciondolando per casa quando mi capita di non dare
    > massima priorità ai loro capricci
    >A bocca aperta

    E quella sarebbe una crisi isterica?
    Quelli sono capricci.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: A s d f
    > > > Definisci "arrabbiarsi".
    > > > I miei gatti non ringhiano, non mi
    > tirano
    > > addosso
    > > > la roba, e nemmeno hanno la bava alla
    > bocca.
    > >
    > > I miei si irritano terribilmente e cercano di
    > > strapparsi gli occhi a vicenda, di tanto in
    > tanto
    >
    > I miei no, ma ora che mi hai fatto presente la
    > cosa, mi ricordo di una bella rissa tra gatti, a
    > cui ho assistito tempo
    > fa.
    > Ok, i gatti si arrabbiano.
    >
    > > > Anche qui definisci "crisi isterica"
    > >
    > > Piangere incessantemente in modo nervoso
    > > ciondolando per casa quando mi capita di non
    > dare
    > > massima priorità ai loro capricci
    > >A bocca aperta
    >
    > E quella sarebbe una crisi isterica?
    > Quelli sono capricci.

    Chiudi un micio riottoso in un trasportino per sapere cos'è una crisi isterica. Unghie dappertutto, morsi, urla, soffiate e bavetta ovunque.
    Ho una lunga esperienza di felinità mia e altrui...
    E.. si. I mici hanno anche fenomenali crisi isteriche e crisi di panico accecante
  • - Scritto da: A s d f
    >
    > Chiudi un micio riottoso in un trasportino per
    > sapere cos'è una crisi isterica. Unghie
    > dappertutto, morsi, urla, soffiate e bavetta
    > ovunque.
    > Ho una lunga esperienza di felinità mia e
    > altrui...
    >
    > E.. si. I mici hanno anche fenomenali crisi
    > isteriche e crisi di panico
    > accecante

    La mia gatta era terrorizzata da... un manico di ombrello pieghevole che tenevo per caso in mano. Soffi, arruffamento e unghiate da farsi male. Chissà che ci aveva visto...
    Funz
    12992
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)