Elsa Pili

Assange, respinto il ricorso. Sė all'estradizione

Al fondatore di Wikileaks rimane solo la Corte Suprema. Se fallisse anche l'ultima spiaggia dovrebbe andare in Svezia per rispondere delle accuse di stupro

Roma - Giunge (quasi) al termine la vicenda legale di Julian Assange, arrestato a Londra nel dicembre 2010 con le accuse di coercizione illegale, molestie sessuali e stupro, portate avanti dalle autorità svedesi.

Dopo una prima sentenza favorevole all'estradizione, il ricorso presentato dagli avvocati del fondatore di WikiLeaks si è concluso oggi con una conferma del giudizio di primo grado. Ai legali di Assange non rimane che tentare l'ultimo ricorso, alla Corte Suprema, che deve essere presentato entro 14 giorni e deve dimostrare che la concessione dell'estradizione coinvolgerebbe una questione di "importanza pubblica". Se riuscissero a convincere la Corte Suprema ad accettare il caso, ad Assange sarebbe concesso un prolungamento della libertà vigilata in Gran Bretagna fino al successivo, e in questo caso definitivo, pronunciamento della Corte.

In caso questo ricorso non dovesse essere presentato, Julian Assange sarebbe costretto al rientro in Svezia entro 10 giorni. I suoi avvocati, in ogni caso, hanno ribadito l'intenzione di sottoporlo alle autorità nel più breve tempo possibile. (E.P.)
14 Commenti alla Notizia Assange, respinto il ricorso. Sė all'estradizione
Ordina
  • ... anche se mi sembra tanto simile al pretesto con il quale è stato incarcerato Al Capone. Visto che non riuscivano a incriminarlo per tutti gli omicidi lo hanno messo dentro per evazione fiscale.

    Possibile che non si riesca a mettere dentro questo signore dicendo: va in galera perché ha divulgato materiale coperto da segreto di stato mettendo in difficoltà molti governi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Darth Vader
    > ... anche se mi sembra tanto simile al pretesto
    > con il quale è stato incarcerato Al Capone. Visto
    > che non riuscivano a incriminarlo per tutti gli
    > omicidi lo hanno messo dentro per evazione
    > fiscale.
    >
    > Possibile che non si riesca a mettere dentro
    > questo signore dicendo: va in galera perché ha
    > divulgato materiale coperto da segreto di stato
    > mettendo in difficoltà molti
    > governi.

    Allora dovrebbero mettere in galera anche i giornalisti americani che hanno ripubblicato parte del materiale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > - Scritto da: Darth Vader
    > > ... anche se mi sembra tanto simile al
    > pretesto
    > > con il quale è stato incarcerato Al Capone.
    > Visto
    > > che non riuscivano a incriminarlo per tutti
    > gli
    > > omicidi lo hanno messo dentro per evazione
    > > fiscale.
    > >
    > > Possibile che non si riesca a mettere dentro
    > > questo signore dicendo: va in galera perché
    > ha
    > > divulgato materiale coperto da segreto di
    > stato
    > > mettendo in difficoltà molti
    > > governi.
    >
    > Allora dovrebbero mettere in galera anche i
    > giornalisti americani che hanno ripubblicato
    > parte del
    > materiale.

    Credo proprio di sì. O almeno sanzionarli in qualche modo. Alla fine dei conti non si tratta di aver scoperto dei reati, non c'è mica un Watergate dietro. E' puro voyerismo/gossip politico: cosa pensa il console americano in Francia di Sarkozy. Ma chissenefrega. Dobbiamo mettere in imbarazzo i rapporti tra due paesi alleati per la fregola di sapere cosa si dicono i diplomatici tra di loro? Si vede proprio che siamo una società decadente: durante la II guerra mondiale o durante la guerra fredda Assange sarebbe sparito nel nulla ben prima di pubblicare qualsiasi cosa. E chi invece pubblicava scandali VERI lo ha potuto fare (vedi Watergate).
    non+autenticato
  • Già.
    Bruciamo anche le streghe.
    "Any society that would give up a little liberty to gain a little security
    will deserve neither and lose both."
    -Benjamin Franklin
  • immagino che tu segui wikileaks quando ne parlo il tg1, vero ?
    Sgabbio
    26178
  • immagino che tu segui wikileaks quando ne parlo il tg1, vero ?
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Darth Vader
    >
    > Credo proprio di sì. O almeno sanzionarli in
    > qualche modo. Alla fine dei conti non si tratta
    > di aver scoperto dei reati, non c'è mica un
    > Watergate dietro. E' puro voyerismo/gossip
    > politico: cosa pensa il console americano in
    > Francia di Sarkozy. Ma chissenefrega. Dobbiamo
    > mettere in imbarazzo i rapporti tra due paesi
    > alleati per la fregola di sapere cosa si dicono i
    > diplomatici tra di loro? Si vede proprio che
    > siamo una società decadente: durante la II guerra
    > mondiale o durante la guerra fredda Assange
    > sarebbe sparito nel nulla ben prima di pubblicare
    > qualsiasi cosa. E chi invece pubblicava scandali
    > VERI lo ha potuto fare (vedi
    > Watergate).

    Potresti provare a cercare "Collateral Murder" su YouTube, poi potresti dirci se per te sarebbe stato giusto tenere insabbiati quei fatti.
    Secondo me, no.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Darth Vader
    > ... anche se mi sembra tanto simile al pretesto
    > con il quale è stato incarcerato Al Capone. Visto
    > che non riuscivano a incriminarlo per tutti gli
    > omicidi lo hanno messo dentro per evazione
    > fiscale.
    >
    > Possibile che non si riesca a mettere dentro
    > questo signore dicendo: va in galera perché ha
    > divulgato materiale coperto da segreto di stato
    > mettendo in difficoltà molti
    > governi.

    Che reato sarebbe? In quale giurisdizione esiste?
    In realtà Assange è un giornalista, e pubblicare notizie di interesse pubblico è suo diritto (e nostro diritto è leggerle).
    E in questa storia, per quanto tanti imbecilli tentino di sminuirne il valore, di notizie interessanti ce ne sono tantissime. Basta andarsele a cercare, solo che costa fatica... meglio seguire il TG4!

    E' ridicolo e vergognoso quello che stanno cercando di fare ad Assange, e non fa onore a Paesi presunti civili come UK, USA e Svezia.
    Funz
    12974
  • - Scritto da: Darth Vader
    > Possibile che non si riesca a mettere dentro
    > questo signore dicendo: va in galera perché ha
    > divulgato materiale coperto da segreto di stato
    > mettendo in difficoltà molti
    > governi.
    Possibilissimo, per il semplice motivo che non è un reato.
    Pensa, non lo è nemmeno negli Stati Uniti.

    L'accusa di Spionaggio richiederebbe che Assange avesse contattato lui Manning e gli avesse chiesto di fornirgli il materiale del CableGate: ma Wikileaks non lo ha fatto, ha solo RICEVUTO il materiale.
    Manning è in galera negli USA per tradimento. Ma questa è un'altra cosa.

    Quello che gli USA stanno cercando di fare è di rendere la vita difficile ad Assange come monito per chi dovesse, legalmentente, essere nelle condizioni di fare altrettanto.

    Ricorda: puoi pagare la tua quota al Ku Klux Klan con Mastercard, ma non Wikileaks...
    non+autenticato
  • ...daranno il permesso di estradizione anche per la Knox, se la Cassazione dovesse ritenerla colpevole. Io non ci scommetterei.
    non+autenticato
  • - Scritto da: BlaBla
    > ...daranno il permesso di estradizione anche per
    > la Knox, se la Cassazione dovesse ritenerla
    > colpevole. Io non ci
    > scommetterei.

    Non hanno estradato Pinochet, ma Assange sì, colpevole di aver bucato il preservativo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > - Scritto da: BlaBla
    > > ...daranno il permesso di estradizione anche
    > per
    > > la Knox, se la Cassazione dovesse ritenerla
    > > colpevole. Io non ci
    > > scommetterei.
    >
    > Non hanno estradato Pinochet, ma Assange sì,
    > colpevole di aver bucato il
    > preservativo.

    Ha tentato di riprodursi a sua insaputa.
  • La Cassazione non può ritenere colpevole la Knox.
    Può al massimo ordinare che si rifaccia il processo d'appello.
    non+autenticato
  • infatti se non mi sbaglio, la Cassazione giudica la corretta applicazioni delle leggi relative alla sentenza; se cassano una sentenza, si deve ricominciare...ma ormai la signorina è gia in usa a scrivere libri e firmare autografi.