Alfonso Maruccia

iSpy, spiare gli SMS via fotocamera

Ricercatori statunitensi creano un sistema software in grado di "leggere" a distanza il testo immesso sulle tastiere virtuali degli smartphone. Basta il sensore di un cellulare

Roma - Si chiama iSpy ed è l'ultimo "grido" in fatto di sistemi di spionaggio a distanza sulle comunicazioni mobile veicolate da cellulare. Il software, ideato da ricercatori della University of North Carolina at Chapel Hill, è in grado di riconoscere le singole lettere digitate sui piccoli schermi degli smartphone di nuova generazione e quindi di ricostruire parole e frasi complete.

Alla base della capacità spionistica di iSpy c'è lo sfruttamento di uno dei meccanismi introdotti dalle più recenti tastiere virtuali dei cellulari, vale a dire l'ingrandimento delle singole lettere durante l'immissione del testo da parte dell'utente. Il software riconosce questi ingrandimenti dalla distanza e permette di ricostruire quanto digitato in maniera pressoché completa.

Per usare al meglio iSpy occorre avere a disposizione una fotocamera con ottica reflex digitale (DSLR) capace di catturare video in HD - un setup che garantisce lo spionaggio testuale a 60 metri di distanza e persino filmando il riflesso dello smartphone negli occhiali opachi indossati dal suo proprietario.


Con configurazioni più modeste - la fotocamera di uno smartphone, ad esempio - la capacità di iSpy di intercettare il testo digitato resta intatta (risoluzione e larghezza dei sensori permettendo) ma si riduce ad appena 3 metri. In entrambi i casi, i ricercatori sostengono che iSpy sia in grado di "indovinare" le lettere digitate in relazione al contesto con una percentuale di successo del 90 per cento.

Alfonso Maruccia
11 Commenti alla Notizia iSpy, spiare gli SMS via fotocamera
Ordina