Claudio Tamburrino

Barnes&Noble: Microsoft approfitta di Android

Si ricompatta il fronte Android anti-Microsoft: la libreria si rivolge al Dipartimento di Giustizia statunitense, mentre Google offre la sua assistenza a tutti i produttori hardware

Roma - Barnes&Noble (B&N) interviene contro Microsoft nelle vicende brevettuali che la vedono protagonista con sullo sfondo il sistema operativo mobile di Google Android.

Microsoft aveva chiesto a B&N di sottoscrivere una licenza e di pagare le royalty per cinque suoi brevetti che riteneva violati nei dispositivi Android-based Nook e Nook Color. E al rifiuto del rivenditore è ricorsa in tribunale.

L'accusa con cui ribatte ora B&N è la stessa già lanciata da Mountain View nei confronti di Microsoft: con la sua strategia brevettuale starebbe ostacolando la competizione nel mercato dei dispositivi mobile.
Ma B&N non si è limitata ad esprimere le sue critiche a parole e si è rivolta al Dipartimento di Giustizia (DoJ), cui ha chiesto di investigare sulla vicenda.

B&N ha scritto a Gene Kimmelman, consigliere alla competizione del DoJ e nella lettera ha dichiarato che Redmond attraverso le sue richieste di royalty cercherebbe di "alzare i costi dei rivali per minare la competizione". In questo modo ostacolerebbe anche l'innovazione del settore e cercherebbe di difendere il suo monopolio nel settore dei sistemi operativi.

L'accusa della libreria va nel dettaglio: le royalty richieste da Microsoft per le tecnologie che ritiene impiegate sarebbero addirittura pari o superiori a quelle da lei stessa richieste per l'utilizzo del suo intero sistema operativo Windows Phone.

Dal momento che tali brevetti coprono secondo B&N solo elementi "non essenziali di design" dell'interfaccia utente Android, quanto richiesto da Microsoft sarebbe non proporzionale. Oppure Redmond valuterebbe ben poco il suo stesso sistema operativo.

Microsoft ha poi acquistato altri brevetti in collaborazione con Apple e con accordi specifici con Nokia e MOSAID, fattore che aumenta il rischio e la possibilità di ulteriori comportamenti simili, che hanno già spinto numerosi produttori hardware legato ad Android a concedere accordi di licenza.

Nella guerra con al centro Android, dunque, si ricompatta il fronte anti-Microsoft: oltre a B&N anche Google risponde a testa alta e ribadisce l'intenzione di voler offrire supporto a tutte le aziende hardware che impiegano il suo sistema operativo mobile: supporto che assumerà la forma di scambio di informazioni, accesso ai brevetti Google e consulenza tecnica.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessMicrosoft, licenze per AndroidTre produttori di tablet con il sistema operativo di Google convinti a sottoscrivere accordi di licenza. Come già era avvenuto per HTC
  • AttualitàBarnes&Noble: vade retro MicrosoftLa catena risponde alla denuncia mossagli per colpire Android: i brevetti coinvolti sarebbero su tecnologie "banali" e Redmond ne farebbe un utilizzo distorto. Ma ce n'è per tutti, anche per Nokia
22 Commenti alla Notizia Barnes&Noble: Microsoft approfitta di Android
Ordina
  • Ma quale difesa di posizione dominante? Microsoft nel mercato delle device mobile ha una netta minoranza. Non ci sono gli estremi per ricorrere, a meno di non estendere il concetto di device mobile anche ai PC. Il che, visti i precedenti del DoJ che all'epoca del processo antitrust riuscì a restringere il campo dell'informatica individuale ai solo PC in piattaforma x86, non è da escludere a priori.
    non+autenticato
  • Ci crede così poco nella sua buona fede che offre supporto in termini di know how.
    Invece di dire io non ho violato i brevetti di nessuno e quindi andiamo in tribunale una volta per tutte e in caso ci sia una condanna pago io (tanto la liquidità non manca...) dice: caro imputato B&N non pagare, fatti portare in tribunale io aiuterò i toui avvocati a difenderti per le accuse di violazione di brevetto di un mio prodotto che tu vuoi solo commercializzare; però se perdi sono tutti cavoli tuoi...lo definire un amico o per meglio dire google incarna la stessa definizione di partnership che adottava Microsft negli anni 90...Dal mio punto di vista Microsoft con i suoi partner si comporta in modo molto ma molto migliore...
    non+autenticato
  • Non penso che Google possa portare in prima persona M$ in tribunale, non produce telefoni, ma in ogni caso la sta sta affrontando attreverso motorola (c'è la stessa causa in corso)
  • Non ho detto che dovrebbe affrontarla in prima persona, ho detto solo che per essere "GOOGLE" fa ridere nel dire ti offro il mio Know how e poi se va bene siamo fighi in 2 se va male i cocci sono tuoi...
    non+autenticato
  • Cos'altro potrebbe fare non essendo citata in giudizio?
  • Metterci soldini di tasca propria nel caso in cui uno dei suoi "partner" venisse condannato a pagare...
    non+autenticato
  • E perché? Google non fa pagare la licenza dell'OS, né obbliga nessuno a usarlo, se le aziende, pur pagando a MS 5$ a device, continuano a produrre smartphone android vuol dire che comunque a loro conviene
  • Scusa ma per supporto da parte di Google cosa intendi, supporto morale?
    Piangiamo insieme se va male?

    Non è gente sua stipendiata, suoi legali, e il suo service e sezione patent e quindi soldi suoi messi a disposizione degli altri?
    iRoby
    9147
  • Era ora che si decidessero a reagire; continuare a cincischiare sarebbe stato fatale.

    Immaginatevi ora cosa succederebbe se si andasse in tribunale e il Giudice chiedesse a Microsoft di mostrare il "suo" codice sorgente che gli altri avrebbero copiato ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > Era ora che si decidessero a reagire; continuare
    > a cincischiare sarebbe stato
    > fatale.
    >
    > Immaginatevi ora cosa succederebbe se si andasse
    > in tribunale e il Giudice chiedesse a Microsoft
    > di mostrare il "suo" codice sorgente che gli
    > altri avrebbero copiato
    > ...

    Non sono mica sicuro che si tratti di codice sorgente quanto di implementazione di idee (gestione di file multimediali etc.)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > Era ora che si decidessero a reagire; continuare
    > a cincischiare sarebbe stato
    > fatale.

    Vedrai ora le palate che prenderà B&N, già il business va male ora si ficcano in gioco che perderanno, prepariamoci a comprare i nook a 10$ sempre che non vengano acquisiti prima.

    > Immaginatevi ora cosa succederebbe se si andasse
    > in tribunale e il Giudice chiedesse a Microsoft
    > di mostrare il "suo" codice sorgente che gli
    > altri avrebbero copiato
    > ...

    ROTFL, microsoft non sta accusando le aziende di aver copiato codice ma di aver violato un brevetto e dovresti sapere che per brevettare qualcosa occorre presentare disegno, dettagli e cosi' via.
    Microsoft ha brevettato il colore blu del bottone di avvio, tu non puoi usare il bottone blu, non importa se il bottone viene generato da una libreria gtk o sailcazzo.
    non+autenticato
  • ...non muore mai. Mi ricordo i "bei tempi" di Digital Research/Novell/Caldera vs Microsoft per il "CP/M affaire". Ovviamente M$ perse piu' volte, ma intanto aveva gia' stra abusato della sua posizione, e aveva lasciato cadaveri intorno.
    non+autenticato
  • ma soprattutto questo dimostra che hanno ragione coloro che parlano di estorsione

    gli altri produttori hanno accettato di pagare semplicemente perchè avevano paura dei costi legali

    a ciò aggiungiamo che stranamente tutti gli accordi sono sotto nda, e si capisce che i brevetti ms sono tutta fuffa
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > ma soprattutto questo dimostra che hanno ragione
    > coloro che parlano di
    > estorsione
    >
    > gli altri produttori hanno accettato di pagare
    > semplicemente perchè avevano paura dei costi
    > legali
    >
    > a ciò aggiungiamo che stranamente tutti gli
    > accordi sono sotto nda, e si capisce che i
    > brevetti ms sono tutta
    > fuffa

    MS è come la mafia, passa e chiede il pizzo, fino a quando qualcuno non si ribella! Di solito finisce male per chi protesta, spero che stavolta MS riceva la lezione che si merita, altro che brevetti!!
  • La differenza è che fino ad ora M$ partiva da una situazione di controllo assoluto e le altre aziende dovevano cederle per sopravvivere. Adesso nonostante i 5$ a device dati a M$ dai vari HTC, samsung, LG etc., questi produttori continuano a sfornare android in tutte le forme a tutti i prezzi e per tutte le esigenze mentre si limitano a un solo modello di WP.
    Continuo a ripetere che secondo me si sono messi tutti a pagare in attesa che termini la disputa legale tra MS e Google-Motorola dove redmond sta rischiando molto
  • - Scritto da: Mettiuz

    > Continuo a ripetere che secondo me si sono messi
    > tutti a pagare in attesa che termini la disputa
    > legale tra MS e Google-Motorola dove redmond sta
    > rischiando
    > molto

    Per poi passare all'incasso con gli interessi. Vorrei ricordare che negli USA per quanto riguarda l'anti trust, ci vanno giu' pesante. AT&T ne sa qualche cosa...
    non+autenticato
  • - Scritto da: jfk
    > - Scritto da: Mettiuz
    >
    > > Continuo a ripetere che secondo me si sono messi
    > > tutti a pagare in attesa che termini la disputa
    > > legale tra MS e Google-Motorola dove redmond sta
    > > rischiando
    > > molto
    >
    > Per poi passare all'incasso con gli interessi.
    > Vorrei ricordare che negli USA per quanto
    > riguarda l'anti trust, ci vanno giu' pesante.
    > AT&T ne sa qualche cosa...

    Ci andavano giu' pesante negli anni '70... Parla pure al passatoTriste
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: jfk
    > > - Scritto da: Mettiuz
    > >
    > > > Continuo a ripetere che secondo me si
    > sono
    > messi
    > > > tutti a pagare in attesa che termini la
    > disputa
    > > > legale tra MS e Google-Motorola dove
    > redmond
    > sta
    > > > rischiando
    > > > molto
    > >
    > > Per poi passare all'incasso con gli
    > interessi.
    > > Vorrei ricordare che negli USA per quanto
    > > riguarda l'anti trust, ci vanno giu' pesante.
    > > AT&T ne sa qualche cosa...
    >
    > Ci andavano giu' pesante negli anni '70... Parla
    > pure al passato
    >Triste

    Per forza. Il caso AT&T è studiato negli USA come caso di applicazione errata delle regole antitrust che ha reso problematico per gli americani accedere a servizi di telefonia in modo semplice (parlo di telefonia fissa). Per difendere il consumatore lo si è danneggiato.
    non+autenticato
  • > Per forza. Il caso AT&T è studiato negli USA come
    > caso di applicazione errata delle regole
    > antitrust che ha reso problematico per gli
    > americani accedere a servizi di telefonia in modo
    > semplice (parlo di telefonia fissa). Per
    > difendere il consumatore lo si è
    > danneggiato.

    L'antitrust ha sempre danneggiato il consumatore, basta vedere le versioni europee di windows senza mediaplayer. Che vantaggio c'è per l'utente?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > - Scritto da: collione
    > > ma soprattutto questo dimostra che hanno
    > ragione
    > > coloro che parlano di
    > > estorsione
    > >
    > > gli altri produttori hanno accettato di
    > pagare
    > > semplicemente perchè avevano paura dei costi
    > > legali
    > >
    > > a ciò aggiungiamo che stranamente tutti gli
    > > accordi sono sotto nda, e si capisce che i
    > > brevetti ms sono tutta
    > > fuffa
    >
    > MS è come la mafia, passa e chiede il pizzo, fino
    > a quando qualcuno non si ribella! Di solito
    > finisce male per chi protesta, spero che stavolta
    > MS riceva la lezione che si merita, altro che
    > brevetti!!

    purtroppo penso che abbiano ottimi avvocati ottimamente pagati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: non fumo non bevo e non dico parolacce
    > - Scritto da: Mela avvelenata
    > > - Scritto da: collione
    > > > ma soprattutto questo dimostra che hanno
    > > ragione
    > > > coloro che parlano di
    > > > estorsione
    > > >
    > > > gli altri produttori hanno accettato di
    > > pagare
    > > > semplicemente perchè avevano paura dei
    > costi
    > > > legali
    > > >
    > > > a ciò aggiungiamo che stranamente tutti
    > gli
    > > > accordi sono sotto nda, e si capisce
    > che
    > i
    > > > brevetti ms sono tutta
    > > > fuffa
    > >
    > > MS è come la mafia, passa e chiede il pizzo,
    > fino
    > > a quando qualcuno non si ribella! Di solito
    > > finisce male per chi protesta, spero che
    > stavolta
    > > MS riceva la lezione che si merita, altro che
    > > brevetti!!
    >
    > purtroppo penso che abbiano ottimi avvocati
    > ottimamente
    > pagati.

    Come tutti gli altri.
    non+autenticato
  • > gli altri produttori hanno accettato di pagare
    > semplicemente perchè avevano paura dei costi
    > legali

    Già una samsung che fattura il doppio di MS ha proprio paura mentre B&N che sta fallendo no...

    > a ciò aggiungiamo che stranamente tutti gli
    > accordi sono sotto nda, e si capisce che i
    > brevetti ms sono tutta
    > fuffa

    Certo... perché rivelare informazioni commerciali al pubblico sicuramente portava il rischio di invalidarli. Gli avvocati di microsoft hanno fatto firmare agli avvocati di samsung un nda perché temevano che arrivasse stallman con una prior art.
    non+autenticato