Claudio Tamburrino

Agcom e le regole per la fibra

Il nuovo regolamento pone le basi per lo sviluppo armonico della rete di nuova generazione. Al primo posto la condivisione dell'infrastruttura

Roma - Il Consiglio dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) ha approvato il regolamento con cui punta a semplificare le procedure e ridurre i costi di realizzazione delle opere civili per le reti di nuova generazione (NGN).

Adottato in virtù delle competenze che la legge 133/2008 ha conferito a Agcom, e in attuazione della Direttiva 140/2009 (il Telecoms Package), rappresenta la cornice di riferimento entro cui il settore dovrà sviluppare la realizzazione delle reti in fibra ottica: ad essa si aggiungeranno le regole, attualmente in discussione presso la stessa Authority, relative all'accesso delle reti di nuova generazione.

In pratica, il "Regolamento in materia di diritti di installazione di reti di comunicazione elettronica per collegamenti dorsali e cubicazione e condivisione di infrastrutture" dovrebbe fornire, secondo le intenzioni dell'Autorità, una serie di regole finalizzate all'incentivazione dello sviluppo di reti a banda larga e dà attuazione "ad alcune importanti disposizioni della nuova Direttiva quadro sulle comunicazioni elettroniche", regolamentando i diritti di passaggio ed accesso alle infrastrutture esistenti e ponendo obblighi di trasparenza a soggetti titolari di reti infrastrutturali (come strade e autostrade, linee ferroviarie, acquedotti).
Nello specifico esso prevede: la definizione di linee di indirizzo per l'accesso, da parte degli operatori, alle infrastrutture pubbliche utili alla realizzazione di reti di comunicazione elettronica sia per le reti dorsali dei collegamenti a lunga distanza, sia per le reti d'accesso in ambito cittadino.

Soprattutto, il nuovo regolamento prevede l'obbligo di condivisione delle infrastrutture esistenti in caso non sia possibile la loro replicabilità per motivi tecnici ed economici (collo di bottiglia).

Lo stesso obbligo di condivisione delle infrastrutture era già imposto, dice il Corriere delle Comunicazioni, da Agcom nei casi in cui non vi fossero state alternative praticabili per motivi di sicurezza e salute pubblica, tutela ambientale e pianificazione urbanistica.

Il nuovo regolamento prevede inoltre l'avvio del Catasto delle infrastrutture di rete e la messa a punto delle Linee guida per i Comuni che, come spiega Giovanni Santella di Agcom sempre al Corriere delle Comunicazioni, "mira a uniformare la predisposizione dei regolamenti per l'accesso alle infrastrutture da parte degli operatori di Tlc, che siano uniformi a livello nazionale".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
23 Commenti alla Notizia Agcom e le regole per la fibra
Ordina
  • Diminuiscono i costi per loro, aumentano i prezzi per noi, il loro guadagno cresce. Come sempre. Tutto il resto sono chiacchiere e propaganda.
    non+autenticato
  • Speriamo di avere al più presto una rete veloce per tutti gli italiani. Abbiamo connessioni ridicole, inoltre le aziende diventerebbero più forti con una rete migliore di quella attuale.
    non+autenticato
  • E' sotto gli occhi di tutti che la Videocrazia Berlusconiana ha affossato per quasi mezzo secolo lo sviluppo tecnologico di un intero paese. Oggi nemmeno nei paesi del terzo mondo hanno infrastrutture arretrate come l'Italia. Se non è mafia questa.
    non+autenticato
  • si si e' colpa di berlusconi pure il buco dell'ozono meglio gente come bersani o napolitano che manda su monti capo della bce per spennarci...siete ridicoli come sempre...siete per il popolo e lo spennate sempre...unipol, barchette di d'alema penati e cosi' via'...ma zitto va
  • - Scritto da: iupiter
    > si si e' colpa di berlusconi pure il buco
    > dell'ozono meglio gente come bersani o napolitano
    > che manda su monti capo della bce per
    > spennarci...siete ridicoli come sempre...siete
    > per il popolo e lo spennate sempre...unipol,
    > barchette di d'alema penati e cosi' via'...ma
    > zitto
    > va

    se tu non fossi lottizzato politicamente, noteresti che quel che dice è vero. Faccio noatere che dal 2001 in poi, da quando berlusconi è stato su, proprio quando internet si stava diffondendo da noi, si sono spesi una enormità di solti per incentivare l'acquisto del decoder del penoso digitale terrestre, che ha favorito le solite gorsse entità televisive, mentre non è stato speso un centesimo a risolvere il vergognoso digital divide che ancora oggi afflige il paese.


    PS: Mi sembra che il PDL abbia appoggiato abbondantemente Monti e il governo tecnico.... non diamo colpa solo ad una parte poltica.
    Sgabbio
    26177
  • ma fammi il piacere con ste banche dove li metti i soldi in casa ?
    Non dire cavolate su questo
    Poi sulla politica lascia stare Napolitano che il presidente di tutti ,la colpa è sorpatutto della telecom che ha bloccato altre aziende o lasciato perdere piccoli comuni invece di trovare accordi
    Guarda meglio che telecom venga acquiaita da Google così porta soldi freschi da investire
    non+autenticato
  • [..E' sotto gli occhi di tutti che la Videocrazia Berlusconiana ha affossato per quasi mezzo secolo lo sviluppo tecnologico di un intero paese..]

    Ne sei sicuro, Stallman?
    La Videocrazia Berlusconiana non ha affato affossato lo sviluppo teconologico.. anzi. Ha messo il pepe al culo alla RAI per quello che riguarda l'uso e l'utilizzo della tecnologia televisiva, cha va dall'uso di telecamere di qualità alla scenografia, il reparto audio (mixer e fonia in genere) ecc. Che se no la Televisione di Stato ci manderebbe ancora i film in bianco e nero.. con tanto di canone dei miei cojoni!
    Ma forse il tuo voleve essere un discorso piu generico.. o forse non ti sei spiegato bene.. ?

    Aloha!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Gargilli
    > [..E' sotto gli occhi di tutti che la Videocrazia
    > Berlusconiana ha affossato per quasi mezzo secolo
    > lo sviluppo tecnologico di un intero
    > paese..]
    >
    > Ne sei sicuro, Stallman?
    > La Videocrazia Berlusconiana non ha affato
    > affossato lo sviluppo teconologico.. anzi. Ha
    > messo il pepe al culo alla RAI per quello che
    > riguarda l'uso e l'utilizzo della tecnologia
    > televisiva, cha va dall'uso di telecamere di
    > qualità alla scenografia, il reparto audio (mixer
    > e fonia in genere) ecc. Che se no la Televisione
    > di Stato ci manderebbe ancora i film in bianco e
    > nero.. con tanto di canone dei miei
    > cojoni!
    > Ma forse il tuo voleve essere un discorso piu
    > generico.. o forse non ti sei spiegato bene..
    > ?
    >
    > Aloha!

    Tu parli di televisione, lui parla di media diversi dalla TV, nella quale i vari gruppi posseduti da berlusconi, hanno una presenza praticamente nulla.

    Lasciando perdere Jumping....
    Sgabbio
    26177
  • Giusta e doveroso appunto, Sgabbio.
    Quel "..sviluppo tecnologico di un intero paese.." citato da Stallman lo avevo interpretato genericamente, sconfinando un poco dall'argomento dell'articolo di Claudio..

    Diciamo anche che il tuo post mi aiutato a capire meglio quello a cui si riferiva Stallman.. Occhiolino

    Aloha!
    non+autenticato
  • Infatti al Berlusca interessava di più sviluppare un "media" che lui conosce bene sa come controllare e da cui trarre profitti si economici che
    politici e d'immagine. Mentre la rete che bene o male è più libera e non controllabile come la TV ha sempre spaventato Forza Italia prima e il PDL poi, testimone sono state tutte le leggi che hanno ucciso nel nostro paese
    le reti libere come il WI-FI che fino a poco fa era praticamente sotto sequestro !!! E guarda caso chi le ha fatte certe leggi ??? Ministri al soldo del Berlusca.....
    non+autenticato
  • mi sembra giusto..visto che con la connessione telecom a 20 mb che funziona come una 4 mb, a un utente che ci lavora con internet, gli viene un fegato si...ora ci danno la fibra...si sa per i malati di fegato la fibra, il pollame e il riso in bianco fanno benissimo...spero ci diano anche tanta acqua e tisane...servizi italiani ormai sotto il livello bulgaro...un popolo di contestatori che contestano tutto e tutti e si danno sempre la zappa sui piedi da soli...fiero di non considerarmi italiano.
  • Non ti lamentare se utilizzi una rete Home per un utilizzo commerciale. Un'asdl home ha un utilizzo differente da quello commerciale, ha dei picchi di carico della rete distribuiti in maniera differente e una struttura pensata per un utilizzo non 24h su 24h da tutti gli utenti.
  • - Scritto da: roundtrip
    > Non ti lamentare se utilizzi una rete Home per un
    > utilizzo commerciale. Un'asdl home ha un utilizzo
    > differente da quello commerciale, ha dei picchi
    > di carico della rete distribuiti in maniera
    > differente e una struttura pensata per un
    > utilizzo non 24h su 24h da tutti gli
    > utenti.

    Io invece mi lamento !
    krane
    22544
  • e non puoi, la rete fa cagare proprio per quelli come te, che per fare i furbi e pagare di meno non prendono abbonamenti commerciali e utilizzano le offerte home per lavoro (aziende comprese).
    Avrai notato che le aziende che ti offrono servizi adsl ad un certo punto hanno inserito che i XXMB sono solo nominali, proprio perchè fare una rete buona e poi farsi pagare pochi euro al mese non è un buon investimento.
    Ti manca una visione fondamentale, i "tizi" che ti offrono la connessione internet (fibra, rame o quel che sia) sono aziende private, se l'investimento non rende non lo fanno. Lamentati con te stesso (e con il tuo modo di agire/pensare) se in italia c'è una rete che fa cagare, questo è il risultato del fare da furbetto tipico degli italiani.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Roundtrip
    > e non puoi, la rete fa cagare proprio per quelli
    > come te, che per fare i furbi e pagare di meno
    > non prendono abbonamenti commerciali e
    > utilizzano le offerte home per lavoro (aziende
    > comprese).

    Tu non hai capito a cosa serve la rete evidentemente, sei rimasto al secolo scorso, ti dico solo una cosa: telelavoro.

    > Avrai notato che le aziende che ti offrono
    > servizi adsl ad un certo punto hanno inserito che
    > i XXMB sono solo nominali, proprio perchè fare
    > una rete buona e poi farsi pagare pochi euro al
    > mese non è un buon investimento.

    Fai il confronto con gli altri paesi e vedrai che questa rete non e' affatto buona e ci costa tantissimo in rapporto a cio' che cioffre.

    > Ti manca una visione fondamentale, i "tizi" che
    > ti offrono la connessione internet (fibra, rame o
    > quel che sia) sono aziende private, se
    > l'investimento non rende non lo fanno.

    Strano che negli altri paesi ci riescano, non e' che si parla di altri pianeti o altre specie eh, ma di europa ed aziende europee.

    > Lamentati con te stesso (e con il tuo modo di
    > agire/pensare) se in italia c'è una rete che fa
    > cagare, questo è il risultato del fare da
    > furbetto tipico degli italiani.

    Mi lamento che non si permette alle telco dei paesi vicini di entrare in italia.
    krane
    22544
  • > Tu non hai capito a cosa serve la rete
    > evidentemente, sei rimasto al secolo scorso, ti
    > dico solo una cosa:
    > telelavoro.

    tu non hai capito dove lavori, il telelavoro non è possibile in italia, se l'unico scopo di andare in ufficio e tenerti sotto controllo. La mentalità attuale del management italiano non permette il telelavoro.

    > Fai il confronto con gli altri paesi e vedrai che
    > questa rete non e' affatto buona e ci costa
    > tantissimo in rapporto a cio' che
    > cioffre.

    io l'ho fatto e ti dico che in altri paesi non paghi 20 mb per la casa 30 euro al mese ma molto di più, e ti garantiscono 20 MB effettivi(in germania e america non usano il doppino di rame e ci fanno passare molti altri servizi sul cavo); questo perchè la gente da casa la usa per quello che è pensata un uso domestico e il traffico e bilanciato per come è stata progettata la rete, nessuna azienda (che paga ancora di più per un'accesso internet) comprerebbe un'accesso domestico per uso commerciale.

    > Strano che negli altri paesi ci riescano, non e'
    > che si parla di altri pianeti o altre specie eh,
    > ma di europa ed aziende
    > europee.

    leggi sopra.

    > Mi lamento che non si permette alle telco dei
    > paesi vicini di entrare in
    > italia.

    per lo stesso motivo perchè altri servizi non entrano in italia, i cartelli delle aziende italiane impediscono la libera concorrenza. In quanto sanno che i loro servizi hanno qualità peggiore e li spacciano per la migliore che c'è e che puoi trovare in italia.
  • e si vede che lavori per telecom..i soldi sono soldi e cio' che e' promesso va mantenuto in francia la rete funziona il resto sono solo balle che racconti te.
  • mi spiace per te ma non lavoro per telecom ne per nessuna telco italiana. Lavoro nell ITC e mi capita di utilizzare diverse reti in tutta europa. Quello che tu dici promesso in francia, gli utanti lo pagano più di 20 euro al mese. L'hanno promesso, l'hanno fatto ma gli utenti pagani più che in italia, c'è il rientro per questo hanno matenuto le promesse. No ho capito tu vorresti una fibra a 100 mb a 20 euro al mese ? Mi sa che tu non sai come funzionano le aziende e ti ricordo che in italia tutte le telco sono aziende private, ti sfugge questo piccolo particolare.
    non+autenticato
  • Guarda puoi dire quello che vuoi (e in linea di massima sono anche d'accordo che usare a livello commerciale una linea pensata per un'utenza consumer è abbastanza fuori luogo), ma ti dico 2 cose:
    1) promettere una velocità massima che si raggiunge alle 3 di mattina per pochi secondi non è commercialmente etico (e contrattualmente corretto)
    2) il livello commerciale non è unico e omogeneo (capirai che un piccolo professionista/consulente/mini ufficio/studio è ben diverso da un media-grande impresa: non c'è mica solo la Pirelli, la FIAT e l'Accenture ...).
    non+autenticato
  • guarda che io sto francia e mi hanno passato alla fibra tutto il palazzo conservando il prezzo di 35 euro (con 100 MB DL e 50 UL, telefoni fissi illimitati per 80 paesi diversi, tv e decoder con disco fisso...) e l'ADSL a 15 mega funzionava benissimo prima
    non+autenticato
  • - Scritto da: roundtrip
    > > Tu non hai capito a cosa serve la rete
    > > evidentemente, sei rimasto al secolo
    > > scorso, ti dico solo una cosa: telelavoro.

    > tu non hai capito dove lavori, il telelavoro non
    > è possibile in italia, se l'unico scopo di
    > andare in ufficio e tenerti sotto controllo.
    > La mentalità attuale del management italiano
    > non permette il telelavoro.

    Ti do' una notizia: non c'e' solo l'italia ! Inoltre dall'italia con linee decenti puoi lavorare anche per l'estero.

    > > Fai il confronto con gli altri paesi e
    > > vedrai che questa rete non e' affatto
    > > buona e ci costa tantissimo in rapporto a
    > > cio' che ci offre.

    > io l'ho fatto e ti dico che in altri paesi non
    > paghi 20 mb per la casa 30 euro al mese ma molto
    > di più,

    Cioe' quanto ?

    > e ti garantiscono 20 MB effettivi(in
    > germania e america non usano il doppino di rame e
    > ci fanno passare molti altri servizi sul cavo);
    > questo perchè la gente da casa la usa per quello
    > che è pensata un uso domestico e il traffico e
    > bilanciato per come è stata progettata la rete,
    > nessuna azienda (che paga ancora di più per
    > un'accesso internet) comprerebbe un'accesso
    > domestico per uso commerciale.

    Cioe' quanto ? le tariffe sono su internet sotto agli occhi di tutti.

    > > Strano che negli altri paesi ci riescano,
    > non
    > e'
    > > che si parla di altri pianeti o altre specie
    > eh,
    > > ma di europa ed aziende
    > > europee.
    > leggi sopra.

    > > Mi lamento che non si permette alle telco dei
    > > paesi vicini di entrare in
    > > italia.

    > per lo stesso motivo perchè altri servizi non
    > entrano in italia, i cartelli delle aziende
    > italiane impediscono la libera concorrenza. In
    > quanto sanno che i loro servizi hanno qualità
    > peggiore e li spacciano per la migliore che c'è e
    > che puoi trovare in italia.

    E questo ti fa felice ? Bah.
    krane
    22544
  • La visione della fibra da vicino ?
    non+autenticato