Claudio Tamburrino

ESA: abbiamo trovato Phobos-Grunt

L'agenzia spaziale europea sembra aver individuato la sonda russa con cui si era perso ogni contatto. Resta da decidere il futuro della missione

Roma - La European Space Agency (ESA) ha ricevuto segnali dalla sonda russa inviata verso il satellite roccioso di Marte noto come Phobos per recuperare campioni dalla più grande luna di Marte.

La missione Phobos-Grunt ha avuto problemi al lancio e i russi non riuscivano più a contattarla: ad averla intercettata ora è stata la stazione Perth dell'agenzia spaziale europea.

Stanotte l'ESA cercherà di avere un nuovo contatto con la sonda russa: l'agenzia sta cercando di avere ulteriori dati per stabilire in maniera più precisa l'orbita che ha assunto la sonda, in modo tale da rendere in futuro più facile mettersi in contatto con essa dalla Terra e avere così un canale attraverso cui aiutare i russi a recuperarla. (C.T.)
Notizie collegate
  • TecnologiaSpazio, problemi di budget per NASAL'agenzia si prepara al lancio del suo nuovo rover marziano. Nel mentre la sua omologa russa Roscosmos pensa a future missioni congiunte con l'ESA dopo il fallimento dell'ultima sonda
  • TecnologiaMarte: Russia alla deriva, NASA in partenzaLa nuova missione spaziale russa si avvia verso un triste epilogo con il ritorno della sonda marziana nell'atmosfera terrestre. Nel mentre NASA si prepara a lanciare Curiosity: studierÓ la vita sul Pianeta Rosso
  • AttualitàLa Russia punta su MarteMosca prepara una missione verso il pianeta rosso ed approva un nuovo programma spaziale: su Marte entro il 2020. Lo scetticismo degli esperti
4 Commenti alla Notizia ESA: abbiamo trovato Phobos-Grunt
Ordina