Mauro Vecchio

Google all'attacco degli squatter del Tubo

I legali di BigG chiedono il trasferimento di un gruppo di domini troppo simili a quello di YouTube. Sarebbero stati registrati per scopi fraudolenti da un misterioso cittadino dell'Illinois

Roma - Hanno chiamato in causa i mediatori del National Arbitration Forum (NAF), l'istituto statunitense deputato alla risoluzione di controversie legate ai domini web. I legali di Google contro un misterioso cittadino dell'Illinois, reo di aver attivato svariati indirizzi decisamente simili a quello di YouTube.

Lo squatter dei domini aveva infatti registrato spazi come youtub.com, youtue.com e youube.com, cercando di sfruttare eventuali errori di digitazione per presentare agli utenti un questionario fraudolento. Promettendo buoni acquisto in cambio di tre risposte utili per accaparrarsi informazioni personali.

Stando ai dati forniti dal sito Compete.com, il domino youtub.com sarebbe riuscito ad attirare 6mila visitatori unici nel mese di ottobre. Ai vertici di NAF è stato ora chiesto il trasferimento degli spazi online nelle mani del colosso di Mountain View. L'istituto di mediazione statunitense dovrà ora pronunciarsi su tre tesi fondamentali.
La prima, relativa ad una eventuale violazione del trademark ad opera del gestore dei domini. Successivamente, dovrà essere stabilito se il misterioso webmaster abbia un legittimo interesse nella scelta degli indirizzi web simili a quello del Tubo. E, infine, se i domini siano stati attivati e sfruttati in buona fede o per scopi fraudolenti.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàApple, le mani sui pornodominiLa Mela entra in possesso degli spazi pruriginosi che ricalcavano il nome dei suoi prodotti. Il porno sarà rimosso, e il sito iphone4s.com sarà probabilmente riutilizzato
  • SicurezzaL'accusa: Google lucra sul typosquattingSecondo un docente universitario Google amministra così bene i propri banner e i propri spot da lucrare persino sugli pseudositi che nascono all'ombra predatrice di indirizzi Internet famosi
2 Commenti alla Notizia Google all'attacco degli squatter del Tubo
Ordina