Elsa Pili

Copyright, estradizione contesa

USA e Regno Unito si litigano un 23enne fondatore di una piattaforma di indexing. La decisione dei giudici arriverà il 13 gennaio. Sempre che non vengano rivisti gli accordi bilaterali

Roma - La richiesta da Washington dell'estradizione per chiunque commetta reati informatici sui domini .com e .net non è stata accettata di buon grado da parte dell'avvocato di Richard O 'Dwyer, studente 23enne arrestato quest'estate con l'accusa di aver creato una piattaforma di indicizzazione, TVShack, che forniva link a contenuti protetti da copyright offerti da altri siti.

L'avvocato del ragazzo, Ben Cooper, ha argomentato davanti alla Corte di Westminster che il suo cliente "è un giovane ragazzo che deve ancora completare il suo percorso universitario e sarebbe completamente allontanato dal suo ambiente sociale. Questo - ha spiegato Cooper - avrebbe un impatto sul suo comportamento nel trovarsi circondato dal tipo di persone che solitamente si trovano dentro un centro di detenzione federale a New York. Sarebbe un pesce fuor d'acqua in un contesto simile - ha concluso infine l'avvocato - non si possono sottovalutare i rischi a cui sarebbe esposto".

Non si è fatto convincere l'avvocato della controparte, John Jones, che ha riaffermato la necessità dell'estradizione in quanto "l'accesso ai siti è avvenuto negli Stati Uniti e le vittime - gli studios - sono negli USA".
Probabilmente prendendo spunto da quanto accaduto a O 'Dwyer, e sulla scia della vicenda di McKinnon, il vice-primo ministro britannico, Nick Clegg, ha ordinato una revisione della legge in merito alle estradizioni (trattato molto criticato, peraltro, dopo che è stato reso noto che ogni caso di estradizione per un cittadino USA ne esistono nove per cittadini britannici).

Al giovane O 'Dwyer non rimane che aspettare la pronuncia dei giudici britannici, attesa per il prossimo 13 gennaio.

Elsa Pili
Notizie collegate
  • AttualitàUSA: estradizione per i pirati .comIl governo di Washington vuole mettere le mani sul giovane operatore del sito di indexing britannico TVShack. Tutti i domini .com e .net sarebbero da considerarsi legati ai server a stelle e strisce
  • AttualitàUK-USA, estradizione causa streaming?Le autorità di Washington vorrebbero processare un giovane studente britannico, accusato di essere il principale gestore di una piattaforma di indexing di contenuti in violazione del copyright
6 Commenti alla Notizia Copyright, estradizione contesa
Ordina
  • ... ""è un giovane ragazzo che deve ancora completare il suo percorso universitario e sarebbe completamente allontanato dal suo ambiente sociale." dovrebbero incarcerare l'AVVOCATO! Che caspita di difesa e'?
    Gli arroganti americani rompono con questo crimine inesistente del collezionare weblink, e la difesa sarebbe "non estradatelo xche in galera si sta male?" Mah... avvocato della difesa pagato dalle majorCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > Gli arroganti americani rompono con questo
    > crimine inesistente del collezionare weblink, e
    > la difesa sarebbe "non estradatelo xche in galera
    > si sta male?" Mah...

    non mi pare abbia detto proprio così...
    alla fine, quanto detto dall'avvocato è "ragionevole" (da un punto di vista superficiale). Che poi sia una pessima, nonché ridicola difesa... beh, quello è un altro discorso.
    non+autenticato
  • Se gli inglesi concedono l'estradizione dichiarano a tutti gli effetti di essere una colonia USA.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Creative Common
    > Se gli inglesi concedono l'estradizione
    > dichiarano a tutti gli effetti di essere una
    > colonia USA.

    le parti si sono invertite da tempo, ormai. Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • Stiamo assistendo ad una pericolosissima deriva giustizialista!

    Qui si vuol dare a intendere che una persona, cittadina del proprio paese, che si trova a casa sua, nel proprio paese a fare qualcosa che potrebbe benissimo essere permessa dalle leggi del proprio paese, venga accusata da un paese straniero che ne pretenda perfino l'estradizione!

    Sarebbe come dire che, siccome in italia e' vietato fumare nei luoghi pubblici, quando uno a casa sua, magari in america, dove e' consentito fumare, fumi, e il suo fumo arrivasse fin qua dove e' vietato.

    Arriveremo al punto in cui quando in america sara' vietato pensare, essi chiederanno l'estradizione a tutti i cittadini del mondo che pensano!
  • - Scritto da: panda rossa

    > Arriveremo al punto in cui quando in america
    > sara' vietato pensare, essi chiederanno
    > l'estradizione a tutti i cittadini del mondo che
    > pensano!

    Sta tranquillo... questa legge non verrà infranta da molti...
    non+autenticato