Roberto Pulito

Google e la cifratura che guarda avanti

Una tecnica che aumenta il livello di sicurezza dei dati. Neppure Mountain View avrà modo di forzarla. Ma chi usa Internet Explorer dovrà farne a meno, almeno per il momento

Roma - Google ha recentemente adottato di default il protocollo di sicurezza noto come Secure Sockets Layer (SSL): tutti gli utenti registrati ai suoi servizi vengono ora indirizzati verso un indirizzo protetto riconoscibile dal prefisso HTTPS. Nel corso dell'anno che sta per concludersi anche Facebook e Twitter hanno sposato questa scelta, ma i tecnici Google hanno ora preso una precauzione in più.

Alla cifratura sotto protezione SSL predefinita è stata ora aggiunta una funzione forward-secrecy che, letteralmente, guarda in avanti. L'algoritmo genera ad ogni sessione una chiave pubblica differente e non tiene in memoria le chiavi private in modo persistente. Questo significa limitare la portata di un eventuale attacco alle chiavi cifratura e salvaguardare la privacy.

L'hacker o il cracker in possesso di una chiave di decodifica potrà infatti decifrare solo le informazioni scambiate durante una singola sessione, ma non potrà accedere a sessioni HTTPS avvenute prima o in un momento successivo. Neppure gli operatori dei server ufficiali saranno più in grado di tornare indietro nel tempo.
Google ha comunicato che la modalità forward-secrecy HTTPS è stata subito implementata per Gmail e molti altri servizi come Google Docs, Google Plus, e anche nel nuovo strumento per la ricerca cifrata raggiungibile all'indirizzo https://encrypted.google.com.

Per far funzionare il sistema forward-secrecy i browser devono però supportare il metodo di scambio di chiavi Diffie-Hellman (ECDHE), un protocollo incentrato sulla crittografia a curva ellittica. Chrome e Firefox sono compatibili per default con il sistema ECDHE ma ancora manca il supporto di altri software di navigazione, come Internet Explorer.

Roberto Pulito
Notizie collegate
15 Commenti alla Notizia Google e la cifratura che guarda avanti
Ordina