Claudio Tamburrino

Simroid, robot a bocca aperta

Emozioni e reazioni più realistiche per il robot creato per aiutare gli studenti dentisti nella pratica

Roma - Il robot creato per essere paziente su cui sta lavorando da diversi anni la giapponese Kokoro Company e la produttrice di strumenti odontoiatrici Morita Manufacturing si arricchisce ora di nuove reazioni ed emozioni.



Il fembot Simroid è stato creato presso la Nippon Dental University Hospital per far da simulatore di un paziente di un dentista, in modo da permettere ai dentisti di esercitarsi con un feedback di reazioni emotive simulate. Proprio in questo senso si è sviluppata la ricerca e nell'ultima versione il robot garantisce reazioni più umane ed emozionali agli stimoli rappresentati dalle operazioni odontoiatriche.
Il tutto è possibile grazie a sensori piazzati dentro e intorno alla bocca, nonché in aree come il petto contro cui potrebbe premere il gomito del dentista alla prova.

La nuova generazione del robot, poi, cambia pelle: non più silicone ma un altro tessuto artificiale che si lacera più facilmente, per riprodurre le situazioni in cui il paziente è costretto a tenere troppo la bocca aperta.
Inoltre il sistema di riconoscimento vocale permette al robopaziente di reagire alle richieste del dentista-studente.

Gli studenti all'opera sono controllati attraverso due telecamere e valutati successivamente all'operazione.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
2 Commenti alla Notizia Simroid, robot a bocca aperta
Ordina