Mauro Vecchio

UK, la Difesa perde i pezzi

Quasi 300 computer rubati o persi dal ministero britannico. Insieme a chiavette USB, hard disk e smartphone. Le informazioni sarebbero per˛ al sicuro protette da robusta cifratura

Roma - Una quantità impressionante di dispositivi perduti o rubati, sfuggiti alla quotidiana gestione del ministero della Difesa in terra britannica. Un totale di 280 computer svaniti nel nulla negli ultimi 18 mesi di attività, insieme a circa 150 tra hard disk e chiavette USB.

Numeri certo imbarazzanti per il governo di Londra, ora pubblicati in un articolo del Daily Mail. Ai tecnici del ministero della Difesa mancherebbero inoltre quasi 30 dispositivi mobile e 200 tra CD e DVD. Supporti e dispositivi persi - o rubati? - nel corso di operazioni in patria e all'estero.

Gli stessi vertici governativi hanno tuttavia cercato di rassicurare gli animi più allarmati: tutte le informazioni presenti sui device spariti sarebbero ben protette da tecnologie di cifratura. Un numero così alto di smarrimenti hardware andrebbe imputato alla frequenza nei trasporti del materiale impegnato nelle operazioni militari e d'intelligence. (M.V.)
Notizie collegate