Mauro Vecchio

Svizzera, scaricare resta lecito

La copia pirata per uso personale rimarrà legale. La condivisione selvaggia non avrebbe affatto distrutto il mercato. Perché gli scariconi rientrerebbero tra i migliori amici del business autorizzato

Svizzera, scaricare resta lecitoRoma - Ad annunciarlo è stato un recente comunicato diramato dal Consiglio Federale Elvetico: lo scaricamento su Internet di contenuti audiovisivi per uso personale resterà un'attività lecita. Nessuna modifica alle attuali leggi in materia di diritto d'autore, niente implementazione di misure punitive come quelle adottate in Francia con HADOPI o preventivate negli Stati Uniti con l'imminente Stop Online Piracy Act (SOPA).

Secondo uno studio riportato dal governo svizzero, il 30 per cento della popolazione al di sopra dei 15 anni ha scaricato musica, film e videogiochi senza pagare nulla. Ma più della metà dei quasi 8 milioni di abitanti - censimento al 2010 - ha anche acquistato contenuti in maniera legale, ovvero consumato esperienze dell'entertainment autorizzato. La pirateria digitale sarebbe infatti un fenomeno complementare e non alternativo.

In sostanza, l'industria globale avrebbe poco da lamentarsi. Dal 1999 al 2007, il livello d'acquisto di biglietti per concerti dal vivo sarebbe rimasto inalterato. I downloader di videogiochi sarebbero tra i migliori clienti dello stesso settore videoludico. Tendenze già confermate in terra olandese, dove un artista su due aveva sottolineato come la distribuzione online fosse vantaggiosa in termini di maggiore visibilità.
I vertici del Consiglio Federale Elvetico hanno dunque equiparato lo scaricamento ad uso personale ad altre cruciali tecnologie del passato. Dalla fotocopiatrice alle cassette audio fino ai videoregistratori. La Svizzera non avrebbe dunque intenzione di modificare le sue leggi sul copyright, dal momento che le abitudini dei netizen non sembrano attentare alla salute del business legale.

Lo stesso report ha poi fatto notare come in Francia siano stati già spesi 12 milioni di euro per combattere il fenomeno. Troppi, almeno secondo le autorità di Berna. L'introduzione di misure estreme come i tre colpi rischierebbe di violare il diritto fondamentale all'accesso alla Rete. E soprattutto di risultare inutile, dal momento che gli scariconi sono tra i migliori amici del mercato legato all'entertainment multimediale.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàFrancia, denuncia contro streaming e downloadSenza attendere la nuova fase di HADOPI, i detentori dei diritti partono all'attacco delle piattaforme di condivisione e degli intermediari che le rendono accessibili
  • AttualitàSpagna: i pirati? Amici del mercatoUn giudice iberico smonta una delle tesi più sfruttate dall'industria. Gli utenti del P2P non comprerebbero comunque materiale originale. O lo farebbero solo dopo aver saggiato i contenuti tra i marosi della pirateria
  • BusinessPirateria? C'è di peggioIl CEO di Miramax non la manda a dire e prende una posizione alquanto diversa rispetto a organizzazioni come RIAA e IFPI: il problema dell'industria audiovisiva, dice, è l'esistenza di monopoli nel mercato digitale
303 Commenti alla Notizia Svizzera, scaricare resta lecito
Ordina
  • Un bel regalo di natale per tutti quei videotecari che campano alle spalle di chi lavora veramente!   

    Passate delle buone feste, mangiando pane e cipolla ahahahhaha
    non+autenticato
  • in questo lustro la tecnica di download scaricona dei GGGGGiOvani non è un granché.

    usano spesso, tra l'altro, un coso che si chiama "jdownloader" che serve in sostanza a gestire code di siti di sharing centralizzati tipo megaupload rapidshare e compagnia bella e fottersene dei tempi di attesa

    lo so perché in uno degli istituti ITIS di una ricca regione del nordest c'è gente che lo installa a scuola e lo usa a scuola perché mezza scuola sa la password di admin e la sicurezza è un optional, dicono alcuni ragazzi che ho ascoltato chiacchierare in un autobus (erano di un'altra scuola e li sfottevano)

    di usare emule non hanno la pazienza, non capiscono la potenza della decentralizzazione.

    della storia di uTorrent non hanno seguito le parti oscure, non sanno niente, non si rendono conto di chi sia il codice, la proprietà, il feedback dei dati.

    di shareaza di DC, DC++ e altro non hanno la minima idea. Di Napster hanno forse sentito parlare ma sanno poco

    dei vecchi BBS probabilmente non sanno una mazza e forse ogni tanto conoscono qualche forum privato di passaggio link, in cui almeno hanno imparato la vecchia (20 anni?) pratica della "ratio" che usavano anche i semplicissimi FTP (in totale disuso, tranne quando capiscono e allora sic hiedono "ma come mai non ce ne sono tantissimi dato che è una figata?")

    non vi dovete preoccupare troppo: una delle cose che smantellerà la pirateria è l'ignoranza, la pigrizia, il non saper attendere ed imparare.

    Un tipo russo che ho sentito sempre nello stesso autobus sembrava molto ma molto ma molto più preparato. Evidentemente dalle sue parti la gente preparata esiste ancora, almeno in quel campo. Ma evidentemente saper craccare due stronzate non ti fa mangiare, né fa mangiare la tua famiglia.

    comunque avete visto: gli chiudono thepiratebay e altre due cavolate (centralizzazione) e tutto muore, tutti piangono ... andrà a finire che torneranno alle raccolte su CD (magari su blu-ray! ahhahaha)

    Per fortuna ad un certo punto capisci che perdere il tuo tempo a spaccare le cose non ti fa imparare altro che quello. E che se investi invece un po' del tempo ad imparare ad USARE ALCUNE di quelle cose, poi ti accorgi QUANTO ne devi investire DI PIU' per recuperare il tempo perso in sciocchezze... e ad imparare qualcosa che ti faccia competere con chi nel mondo per sopravvivere, per mangiare domani, non è più schiavo in una fabbrichetta ... ma in un ufficio, un ufficio come il tuo. Ma dove sta molto molto molto meno bene ed ha molte meno garanzie. Non è bello e dovremmo fare in modo che siano più protetti in modo da essere a pari condizioni... e non a far la guerra fra poveri.

    Ma la condizione esiste.

    I nostri ragazzi saranno spazzati via dalla Cindia. Se avete 40 anni e non siete specializzati, lo sarete anche voi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ulrich kazamathe
    > usano spesso, tra l'altro, un coso che si chiama
    > "jdownloader" che serve in sostanza a gestire
    > code di siti di sharing centralizzati tipo
    > megaupload rapidshare e compagnia bella e
    > fottersene dei tempi di attesa

    Quindi? Molti dei captcha te li mette lui. Lo metti la sera e la mattina hai già tutto scaricato. Ti scomprime pure gli archivi, ti mette insieme i file splittati con hjsplit, perché si dovrebbe fare a meno della comodità se esiste? Solo perché potrebbe non esserci? A parte che non puoi saperlo, ma anche fosse dov'è il problema?
    Jdownloader, come il suo omologo FireUploader, sono i migliori alleati, OGGI. Domani ce ne saranno altri.
    Secondo te la gente non può tornare a usare Usenet (e poi ti voglio...) se se ne sente la necessità? Ma anche Usenet ha il suo JDownloader, si chiama BNR. E l'omologo di FireUploader era PowerPost.

    > lo so perché in uno degli istituti ITIS di una
    > ricca regione del nordest c'è gente che lo
    > installa a scuola e lo usa a scuola perché mezza
    > scuola sa la password di admin e la sicurezza è
    > un optional, dicono alcuni ragazzi che ho
    > ascoltato chiacchierare in un autobus

    Buon per loro, se è così.

    > di usare emule non hanno la pazienza, non
    > capiscono la potenza della decentralizzazione.

    Se non la capiscono, la impareranno, come noi l'abbiamo imparata passando da Napster a WinMX a eMule a uTorrent e poi da ed2k a KAD e da torrent a DHT. Secondo te perché il più grande sito bittorrent del mondo non usa tracker torrent ma solo DHT?

    > della storia di uTorrent non hanno seguito le
    > parti oscure, non sanno niente, non si rendono
    > conto di chi sia il codice, la proprietà, il
    > feedback dei dati.

    Su uTorrent hai ragione ma l'alternativa è Azureus ma ho smesso di usarlo dopo l'ennesimo crash, poi è pesante più di Frost. Se devo tenere qualcosa di pesante come Frost, uso Frost, funziona meglio ed è completamente anonimo (girando su Freenet).
    Quando e se uTorrent diventerà insicuro uscirà qualcosa di decente. Io credo comunque che il protocollo torrent sia in caduta verticale (non certo per le major ma per i problemi di sicurezza intrinsechi al protocollo) e che prima o poi il DHT verrà assimilato dallo stesso JDownloader.

    > di shareaza di DC, DC++ e altro non hanno la
    > minima idea. Di Napster hanno forse sentito
    > parlare ma sanno poco

    DC non ha mai funzionato in Italia per il problema del ratio. Io stesso che posso avere l'onore di ritenermi un grande condivisore l'ho usato poco. Nel 2004 pretendere un utente con 40+ GB di sharato (tale era la media dei server migliori, ma alcuni arrivavano anche a 200+ GB) significava comprare due HD e dedicarli soltanto alla roba in condivisione.
    In Italia poi dove molti hanno adsl con upload ridicoli non poteva mai funzionare.
    Napster invece ha funzionato, finché ha retto, così come WinMX che è stato il naturale erede. Shareaza qui in Italia non se l'è cagato nessuno (tranne forse per il porno), contrariamente all'estero. Il periodo in cui all'estero erano in voga Morpheus e Shareaza qui si usavano WinMX prima e eMule poi, con le varie mod (es. AdunanzA su rete Fastweb).

    > dei vecchi BBS probabilmente non sanno una mazza

    Non è importante saperne delle BBS per condividere o scaricare OGGI.

    > e forse ogni tanto conoscono qualche forum
    > privato di passaggio link, in cui almeno hanno
    > imparato la vecchia (20 anni?) pratica della
    > "ratio" che usavano anche i semplicissimi FTP (in
    > totale disuso, tranne quando capiscono e allora
    > sic hiedono "ma come mai non ce ne sono
    > tantissimi dato che è una figata?")

    E' una domanda retorica, la risposta è che non essendo un sistema multicast è legato fortemente alla banda in upload dell'FTP. Che se è pubblico chiuderà in fretta, e se è privato sarà limitato dalla banda. Gli FTP reggono ancora ma in ambiti parecchio chiusi, è un po' come il card sharing se sai cos'è.

    > non vi dovete preoccupare troppo: una delle cose
    > che smantellerà la pirateria è l'ignoranza, la
    > pigrizia, il non saper attendere ed imparare.

    Non credo che li riguardi. La necessità aguzza l'ingegno. Qualcuno farà qualcosa se ne sentisse il bisogno.

    > Un tipo russo che ho sentito sempre nello stesso
    > autobus

    Ma che autobus prendi? Erano tutti lìA bocca aperta

    > sembrava molto ma molto ma molto più
    > preparato. Evidentemente dalle sue parti la gente
    > preparata esiste ancora, almeno in quel campo. Ma
    > evidentemente saper craccare due stronzate non ti
    > fa mangiare, né fa mangiare la tua famiglia.

    Quindi? Certe cose si fanno per passione, per voglia di solidarietà verso gli altri. E' come il volontariato. Non dev'essere un lavoro, se lo consideri così già stai sbagliando. Ma poi che coerenza hai, ti lamenti di uTorrent e poi subito sotto te ne esci dicendo che in Russia non ci mangiano coi crack?

    > comunque avete visto: gli chiudono thepiratebay e
    > altre due cavolate (centralizzazione) e tutto
    > muore, tutti piangono ...

    Non illuderti. Almeno finché Google non censura la censura, la gente sa ancora cercare le guide. E continuerà a vedere che in http://tinyurl.com/nocensura ci sono tante belle istruzioni per bypassare QUALSIASI censura passata, presente e futura.

    > andrà a finire che
    > torneranno alle raccolte su CD (magari su
    > blu-ray! ahhahaha)

    A parte che non sono mai davvero sparite (basterebbe che uscissi di casa)

    > Per fortuna ad un certo punto capisci che perdere
    > il tuo tempo a spaccare le cose non ti fa
    > imparare altro che quello. E che se investi
    > invece un po' del tempo ad imparare ad USARE
    > ALCUNE di quelle cose, poi ti accorgi QUANTO ne
    > devi investire DI PIU' per recuperare il tempo
    > perso in sciocchezze... e ad imparare qualcosa
    > che ti faccia competere con chi nel mondo per
    > sopravvivere, per mangiare domani, non è più
    > schiavo in una fabbrichetta ... ma in un ufficio,
    > un ufficio come il tuo. Ma dove sta molto molto
    > molto meno bene ed ha molte meno garanzie. Non è
    > bello e dovremmo fare in modo che siano più
    > protetti in modo da essere a pari condizioni... e
    > non a far la guerra fra poveri.

    Quindi il problema sono i ragazzi in Cindia, come dici ? E anche fosse, cosa pensi di fare? A parte che ormai le garanzie sul lavoro in Italia sono quasi a quei livelli, grazie a una politica del cavolo che da tutte le parti tutto ha fatto tranne che pensare ai lavoratori. Né a mantenere quelli esistenti, né tantomeno ad assumerne di nuovi. Ovvio che non mi riferisco al settore pubblico (dove i lavori si hanno solo se conosci questo o quel politico) ma ad incentivi alle aziende per mantenere i lavoratori e per assumerne altri (non come precari), o a finanziare la piccola e media impresa, l'imprenditoria giovanile ecc. e allo stesso tempo a migliorare la formazione in modo da formare persone specializzate che quindi possano stare in un mercato globale. Ma cosa c'entra con la prima parte, è un po' forzato... mah.
  • Allora...x caso ho letto questi post sull'articolo in questione...ed ho anche letto tante cazzate e siccome io vivo in svizzera da molti anni vorrei chiarire questo concetto svizzero sullo scarico.
    In primis dovete sapere che in Svizzera paghiamo i diritti di autore su tutto il materiale che compriamo,Cd-DVD-Decoder ecc...ecc...io ho un regolare decoder per il satellitare terrestre ed oltre al canone mensile pago anche 1 franco al mese per i diritti di autore..e cosi via per il resto .Questa legge Svizzera per quanto mi riguarda è molto civile e rispettosa, a differenza di altre nazioni europe, che montano tutta questa pirateria solo ed esclusivamente per raccimolare denaro da comuni internauti, vi siete mai chiesti come mai tutti gli artisti ricevono premi a destra e manca ? vi siete chiesti come mai ricevono immancabilmente dischi di platino oro e argento????Credetemi il tornaconto è solo per tutti questi artisti, senza tutta questa pubblicità molti di loro non sarebbero nemmeno arrivati al grande pubblico. E sappiate che la legge Svizzera consente lo scarico e la masterizzazione ma non permette assolutamente la condivisione..perchè cio che infrange la Legge e la condivisione...quindi prima di definire le persone Ladri del Web... INFORMATI!!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andiel
    > decoder per il satellitare terrestre

    Rotola dal ridere Ho smesso di leggere qui...
  • "La decisione Svizzera non mi sorprende. È il Paese che ha conservato i tesori dei più grandi criminali della storia da Bokassa a Bin Laden e ha opposto per anni il segreto bancario per proteggere gli evasori fiscali. Oggi tutela i ladri del web. È innovazione tecnologica anche questa"


    Ok per la FIMI la Svizzera è un covo di criminali.... MA DAI!
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > "La decisione Svizzera non mi
    > sorprende. È il Paese che ha conservato i
    > tesori dei più grandi criminali della storia da
    > Bokassa a Bin Laden e ha opposto per anni il
    > segreto bancario per proteggere gli evasori
    > fiscali. Oggi tutela i ladri del web. È
    > innovazione tecnologica anche
    > questa"
    >

    >
    > Ok per la FIMI la Svizzera è un covo di
    > criminali.... MA
    > DAI!

    Dovrebbe pagarci per l'aria sprecata ogni volta che respira. Se non vuole pagare, può sempre smettere, nessuno lo obbliga...
  • La copia pirata per uso personale...
    Ma chiudete sto sito e andate a lavorare!!!
    non+autenticato
  • Anche la legge italiana la autorizza, lo sai, vero?
    non+autenticato
  • Forse sei tu a non sapere. La legge italiana consente la copia backup del prodotto acquistato, non la copia del prodotto acquistato da altri. La copia sarà legale solo se accoppiata all'originale. Lo scopo è quello di permettere la salvaguardia dell'originale, non di farne 100. Ricorda, una sola copia solo se è dimostrabile l'acquisto. Il grande errore di chi ha fatto una legge del genere è stato quello di sopravvalutare l'intelligenza dei netizen che interpretano le leggi a loro piacimento.
    Legge 633/41 sarebbe bastato leggerla e capirla.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bob
    > Forse sei tu a non sapere. La legge italiana
    > consente la copia backup del prodotto acquistato,
    > non la copia del prodotto acquistato da altri.

    Dove lo dice, questo?


    > La
    > copia sarà legale solo se accoppiata
    > all'originale.

    Di nuovo: dove lo dice?
    Oltre tutto, non ha senso: se uso una copia di backup, magari lo faccio perchè l'originale è andato distrutto, quindi non ce l'ho.


    > Lo scopo è quello di permettere la
    > salvaguardia dell'originale, non di farne 100.
    > Ricorda, una sola copia solo se è dimostrabile
    > l'acquisto. Il grande errore di chi ha fatto una
    > legge del genere è stato quello di sopravvalutare
    > l'intelligenza dei netizen che interpretano le
    > leggi a loro
    > piacimento.
    > Legge 633/41 sarebbe bastato leggerla e capirla.

    L'articolo in questione è questo:

    Art. 71-sexies

    1. E' consentita la riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi su qualsiasi supporto, effettuata da una persona fisica per uso esclusivamente personale, purché senza scopo di lucro e senza fini direttamente o indirettamente commerciali, nel rispetto delle misure tecnologiche di cui all'articolo 102-quater.

    Dove sta scritto che devi essere in possesso dell'originale?
    non+autenticato
  • Ah ecco.. una domanda che mi faccio spesso (la scirvo qui in forma di risposta perchè, leggendo ivostri post mi è tronata alla mente)
    Per la copia l'articolo 1 dice:
    [E' consentita la riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi su qualsiasi supporto, effettuata da una persona fisica per uso esclusivamente personale].. qui ci siamo. Ma se, per ipotesi, io mi faccio una copia per me (come appena detto, per uso esclusivamente personale) e presto l'originale a qualcuno? Volgio dire.. legalmente (anche accentado per valide le definizioni date dai vari organi competenti in materia di "sharing") come funziona la faccenda?
    Voglio dire che, più si va fondo nella faccenda, e più ci si rende conto della incongruenza perchè, se io mi faccio una copia per uso personale, mgari lo faccio (come giustamente sottolineato da "Uno Qualsiasi

    [..magari lo faccio perchè l'originale è andato distrutto, quindi non ce l'ho..]

    Quindi (stando al ragionamento non-sense dei vari siae ecc., i negozi stessi di vendita di cd e dvd (sia nuovi che usati) sono da considerarsi al li mite dell'illegale? Perchè, di fatto, io posso tranquillamente acquistare, che so, un cd di musica usato, magari a 10 euro, farmi la mia bella copia, e il giorno dopo riportarlo al negozio che mi ri-compra il cd in questione (ovviamente ridandomi indietro magari solo 1/3 di quello che ho pagato). Se però io mi metto daccordo, che so, con 3 amici a cui interessa lo stesso cd, alla fine ci mettiamo 2,5 euro a testa.. e tutti avremo comuqnue una copia "considerata" legale.. ? A meno che, insiema alla copia, si pretenda anche il possesso dell'originale.. Ma allora verrebbe meno il senso di "copia di back-up", proprio perchè, se sono costretto a possedere la copia originale (legalmente parlando), allora cosa la faccio a fare la copia? (Qualcuno potrebbe dire: la copia la faccio perchè, se magari ri riga il cd, ho comunque la musica che ho pagato.. Giustissimo.. Ma allora che faccio, mi devo tenere tutti i cd rovinati (sporchi, rigati, smagnetizzati) tutta la vita, senza la possibilità di liberarmene?

    Boh.. lo chiedo davvero, perchè non ho idea di come funzioni..

    Un saluto
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bob

    > Ricorda, una sola copia solo se è dimostrabile
    > l'acquisto.

    Nel mondo dei sogni. Nella realtà lo scontrino l'ho buttato appena uscito dal negozio; l'originale s'è perso perché l'amico a cui l'ho prestato non s'è fatto più vedere. Divento quindi per questo un delinquente?

    Comunque, a me della questione della copia rubata o meno non mi interessa nulla. Il problema è che si continua ad equiparare ogni copia scaricata ad una mancata vendita. Semplicemente non è così. Al massimo si può lamentale la perdita di una percentuale minima della vendita. Togliamo poi i costi dovuti agli intermediari, quelli che stanno tanto a pestare i piedi convinti che qualcuno gli salverà il culo, e vediamo qual'è il danno effettivo.
    FDG
    10646
  • contenuto non disponibile
  • lo scontrino lo puoi mostrare tranquillamente: visto che dopo un paio di mesi si cancella da solo, basta mostrare un rotolo di carta bianca qualunque.

    ..e buone feste!

    https://playabound.files.wordpress.com/2009/12/il_...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bob
    > Forse sei tu a non sapere. La legge italiana
    > consente la copia backup del prodotto acquistato,

    SE NON PROTETTO DA SISTEMI ANTI COPIA

    questa cosa non è mai cambiata.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)