Alfonso Maruccia

Bridgestone, pneumatico non pneumatico

Il produttore nipponico presenta un nuovo tipo di gomme per veicoli all'avanguardia, composte da materiale plastico riciclato (e riciclabile) nonché assolutamente prive di camere d'aria

Roma - L'azienda nipponica Bridgestone ha presentato la sua versione di gomme non riempite d'aria, ruote "non pneumatiche" composte da termoplastica riciclata battezzate "Air-Free Concept". Inizialmente pensate per l'uso su piccoli veicoli per la mobilità personale, le Air-Free dovrebbero fare la loro comparsa anche nel mercato automobilistico propriamente detto in un futuro al momento non meglio specificato.



Il colosso dei pneumatici ha disvelato il suo ultimo lavoro di design in occasione del Tokyo Motor Show, rivelando come al posto dell'aria le nuove "gomme" usino alette di resina termoplastica capaci di piegarsi e scaricare il peso del veicolo senza far cedere l'articolata struttura che caratterizza il prototipo.
Altra caratteristica importante delle Air-Free è il loro essere composte da materiale plastico completamente riciclato e riciclabile, fatto che ne aumenta ancora di più la convenienza d'uso, non bastasse la praticità di avere montate quattro ruote che non si "bucano" non avendo alcuna camera d'aria a sostenere i copertoni.

Al momento le gomme Air-Free sono state testate su piccoli veicoli elettrici, e i test hanno messo in evidenza anche la notevole silenziosità dei viaggi. Bridgestone spera naturalmente di commercializzare versioni di gomme non-pneumatiche per le automobili tradizionali, ma al momento non fornisce scadenze specifiche per tali prodotti.

Alfonso Maruccia
41 Commenti alla Notizia Bridgestone, pneumatico non pneumatico
Ordina
  • premesso che gia i bersaglieri nella prima guerra mondiale avevano biciclette con ruote piene ..vorrei sapere dove posso comprare le ruote piene per la bici, ho bucato una settimana fa e mi sono rotto di farle riparrare...
    non+autenticato
  • hai notato che sotto al thread che hai aperto il 9 dicembre si è sviluppata una discussione?

    nel caso non l'avessi fatto, prova a dare un'occhiata, ci sono dei link
    non+autenticato
  • Già visti prototipi del genere tanto da Michelin ("Tweel " del 2005) che da Yokohama ("Youmyaku" presentato, se non erro, ad Ottobre).

    Nessuno ancora in produzione. Occhiolino

    Staremo a vedere.

    Cordiali Saluti
    Fulcrum
  • - Scritto da: fulcrum
    > Già visti prototipi del genere tanto da Michelin
    > ("Tweel " del 2005) che da Yokohama ("Youmyaku"
    > presentato, se non erro, ad
    > Ottobre).
    Hai ragione me li ricordo anche io...
    Evidentemente andare in produzione presenta ancora qualche problema...
    Vedremo....
    non+autenticato
  • Le Tweel non sono indicate sopra gli ottantallora; ecco perchè non le commercializzano.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alfa Romeo Arna
    > Le Tweel non sono indicate sopra gli
    > ottantallora; ecco perchè non le
    > commercializzano.
    è una questione di materiali (e costi relativi).
    Infatti i tempi di "risposta elastica" dei materiali rischiano di essere troppo alti rispetto al tempo di rotazione della ruota.
    non+autenticato
  • La schiuma che si usa per attaccare le porte/finestre
    La schiuma a spruzzo
    non+autenticato
  • La Bridgestone con questa invenzione sta per tirarsi una enorme mazzata sui maroni, perché non venderebbe più gomme, dato che queste non si bucano.
    Non fraintendiamo, personalmente sarei strafelice se queste nuove "gomme" venissero commercializzate, ma non capisco quale potrebbe essere il guadagno dell'azienda...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pino
    > La Bridgestone con questa invenzione sta per
    > tirarsi una enorme mazzata sui maroni, perché non
    > venderebbe più gomme, dato che queste non si
    > bucano.
    > Non fraintendiamo, personalmente sarei strafelice
    > se queste nuove "gomme" venissero
    > commercializzate, ma non capisco quale potrebbe
    > essere il guadagno
    > dell'azienda...

    Le gomme non si cambiano solo quando si bucano, anzi, si cambiano sopratutto quando si consumano.
  • E queste facilmente si consumeranno di più di quelle ad aria, perchè tutto lo stress della deformazione è sopportato dalla struttura (che deve essere elastica), mentre nelle gomme ad aria lo stress è sopportato dall'aria stessa, che non si usura mai (al massimo ne esce un po', e ogni tanto devi rigonfiarla)
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > E queste facilmente si consumeranno di più di
    > quelle ad aria, perchè tutto lo stress della
    > deformazione è sopportato dalla struttura (che
    > deve essere elastica), mentre nelle gomme ad aria
    > lo stress è sopportato dall'aria stessa, che non
    > si usura mai (al massimo ne esce un po', e ogni
    > tanto devi
    > rigonfiarla)
    Di stress ne sopportano parecchio, all'ammortizzazione aggiungi anche la spinta laterale, e la plastica si usura velocemente anche per:
    luce solare;
    solventi (benzina ecc.);
    variazioni termiche;
    ecc.
    per me saranno anche interessanti, ma queste come farai a sapere che è ora di cambiarle? e non dimentichiamo che quando cambi gomma non cambi cerchi, qui cambi tutto con costi sicuramente non banali.
  • > per me saranno anche interessanti, ma queste come
    > farai a sapere che è ora di cambiarle?

    Nello stesso modo che usi per le gomme tradizionali: quando il battistrada è usurato...


    > e non dimentichiamo che quando cambi gomma non cambi
    > cerchi, qui cambi tutto con costi sicuramente non
    > banali.

    Scusa ma dov'è che dicono che "cambi tutto"?
    A me sembra solo un modo diverso per "riempire le gomme": old style = aria, new style = "alette di plastica"..
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pino

    > Non fraintendiamo, personalmente sarei strafelice
    > se queste nuove "gomme" venissero
    > commercializzate, ma non capisco quale potrebbe
    > essere il guadagno
    > dell'azienda...

    Suppoaniamo che siano in vendita.
    Le tradizionali Pirelli a 400 euro a treno e queste a 500 euro a treno.

    Quali compreresti tu?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Pino
    >
    > > Non fraintendiamo, personalmente sarei
    > strafelice
    > > se queste nuove "gomme" venissero
    > > commercializzate, ma non capisco quale
    > potrebbe
    > > essere il guadagno
    > > dell'azienda...
    >
    > Suppoaniamo che siano in vendita.
    > Le tradizionali Pirelli a 400 euro a treno e
    > queste a 500 euro a
    > treno.
    >
    > Quali compreresti tu?
    Queste:
    http://2.bp.blogspot.com/_JZ6oaHSwqMM/SPdJAxspCoI/...
  • - Scritto da: Fragy
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Pino
    > >
    > > > Non fraintendiamo, personalmente sarei
    > > strafelice
    > > > se queste nuove "gomme" venissero
    > > > commercializzate, ma non capisco quale
    > > potrebbe
    > > > essere il guadagno
    > > > dell'azienda...
    > >
    > > Suppoaniamo che siano in vendita.
    > > Le tradizionali Pirelli a 400 euro a treno e
    > > queste a 500 euro a
    > > treno.
    > >
    > > Quali compreresti tu?
    > Queste:
    > http://2.bp.blogspot.com/_JZ6oaHSwqMM/SPdJAxspCoI/

    Le ho provate, ma hanno poco grip sul bagnato.
    Se ci fossero un po' piu' larghe, e coi cerchi in lega, non sarebbero male.
  • > Suppoaniamo che siano in vendita.
    > Le tradizionali Pirelli a 400 euro a treno e
    > queste a 500 euro a
    > treno.
    >
    > Quali compreresti tu?

    Chi ha detto che devono costare di più?
    E comunque seguiranno le leggi del mercato come tutte le cose:
    prima le venderanno ad un prezzo più alto (in quanto novità) e verranno acquistate solo da chi ne ha veramente bisogno (tipo chi gira spesso per cantieri) e da chi ama le mode,
    poi si creerà concorrenza, cominceranno a produrle un po' tutti, i prezzi si abbasseranno e diverranno di uso comune (e se funzionano bene probabilmente porteranno all'estinzione della vecchia tecnologia)...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pietro
    > > Suppoaniamo che siano in vendita.
    > > Le tradizionali Pirelli a 400 euro a treno e
    > > queste a 500 euro a
    > > treno.
    > >
    > > Quali compreresti tu?
    >
    > Chi ha detto che devono costare di più?

    Nessuno. Era solo per fare una ipotesi.
    Supponendo quei prezzi, quali compreresti tu?
    Ovvio che se costassero uguali, uno compra quelle meglio.

    > E comunque seguiranno le leggi del mercato come
    > tutte le
    > cose:
    > prima le venderanno ad un prezzo più alto (in
    > quanto novità) e verranno acquistate solo da chi
    > ne ha veramente bisogno (tipo chi gira spesso per
    > cantieri) e da chi ama le
    > mode,
    > poi si creerà concorrenza, cominceranno a
    > produrle un po' tutti, i prezzi si abbasseranno e
    > diverranno di uso comune (e se funzionano bene
    > probabilmente porteranno all'estinzione della
    > vecchia
    > tecnologia)...

    L'estinzione della vecchia tecnologia la sanciranno i brevetti, non appena arrivera' qualcuno che dira' di aver brevettato lui la ruota.
  • Aggiungo che si taglierebbero fuori anche i produttori dei cerchi in acciao e/o lega che a quanto pare diventerebbero non più necessari.

    @ M.G.
    Il particolare materiale ed il disegno permetterebbe di avere le stesse prestazioni di una camera d'aria (resistenza e flessibilità) che non ci sono nelle ruote piene e/o nelle ruote in plastica dei giocattoli.
    non+autenticato
  • - Scritto da: CiroD
    > Aggiungo che si taglierebbero fuori anche i
    > produttori dei cerchi in acciao e/o lega che a
    > quanto pare diventerebbero non più
    > necessari.

    Potranno sempre aprire una videoteca.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)