Claudio Tamburrino

Ebook, indagine a stelle e strisce

Dopo l'Europa, anche gli Stati Uniti vogliono fare luce sul mercato degli ebook. Esiste un cartello che livella la concorrenza bloccando i prezzi dei testi digitali?

Roma - Dopo la Commissione Europea anche il Dipartimento di Giustizia statunitense (Department of Justice DoJ) ha confermato l'intenzione di voler aprire un'indagine sul mercato degli ebook, in particolare investigando sulla possibilità che vi sia un cartello di editori che in collaborazione con Apple abbia contribuito a fissare i prezzi del settore.

Come nel caso europeo, a far scattare un campanello di allarme nelle autorità antitrust è il fatto che anche un grande operatore come Amazon sia stato costretto a cedere al modello dei prezzi detto agency model, attraverso il quale gli editori mantengono il controllo sui prezzi.

Inoltre, negli Stati Uniti era già stata depositata una class action attraverso cui gli editori HarperCollins, Hachette, Macmillan, Penguin e Simon&Schuster venivano accusati di aver accettato il modello offerto da Apple per paura dell'effetto depressivo sui prezzi degli ebook di quello offerto da Amazon.
A portare avanti l'indagine statunitense sarà l'assistente procuratore generale della divisione Antitrust del DoJ Sharis Pozen, insieme ai procuratori generali di Texas e Connecticut.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
7 Commenti alla Notizia Ebook, indagine a stelle e strisce
Ordina
  • la gente sarebbe più invogliata a leggere, o forse no, comunque l'assenza del costo di stampa dovrebbe incidere di più sul calcolo del prezzo finale, ancora troppo alto
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > Altro che il costo di stampa risparmiano:
    > Carta, stampa, magazzino, resi, problematiche da
    > errori di stampa (o derivanti da qualità della
    > carta, colla, rilegatura), problematiche relative
    > all'individuazione della domanda (quanti ne
    > stampo e dove li metto in vendita? Tocca fare
    > stime di massima e stampare trasportare più di
    > quanto venderò), trasporto, distruzione degli
    > invenduti,
    > ...
    > In più, con il digitale, ottengono una serie di
    > informazioni preziose sui clienti, informazioni
    > che valgono come una miniera d'oro in termini di
    > marketing.
    > A fronte di tutto ciò, vengono inserite
    > limitazioni artefatte che l'edizione cartacea non
    > aveva:
    > 1) no possibilità di rivendita
    > 2) no possibilità di scambio
    > 3) no possibilità di acquisto usato
    > 4) no possibilità di prestito nei tempi e nei
    > modi che decido io, acquirente del
    > libro
    > 5) no possibilità di regalarlo dopo averlo letto
    > 6) no possibilità di riceverlo in regalo da chi
    > l'ha già
    > letto
    > 7) infime possibilità che fra 30 anni potrò
    > rileggere i titoli che compro
    > oggi.
    >Ficoso non posso donarlo alla biblioteca
    > ....
    >
    > A queste condizioni il prezzo giusto dovrebbe
    > variare dai 79 cent (libri vecchi) ai tre euro
    > (per le novità), altro che confronti col
    > cartaceo...

    Sono anni che lo faccio notare, e nessuno mi ha mai dato corda, riguardo agli spiacevoli "effetti secondari" degli e-book...almeno qualcun altro se ne è accorto! Per quanto riguarda i prezzi, direi che si può arrivare anche a 5 euro per le novità, ma di sicuro vendere a più di 10 euro è una follia...
  • - Scritto da: Mela avvelenata

    > Sono anni che lo faccio notare, e nessuno mi ha
    > mai dato corda, riguardo agli spiacevoli "effetti
    > secondari" degli e-book...almeno qualcun altro se
    > ne è accorto! Per quanto riguarda i prezzi, direi
    > che si può arrivare anche a 5 euro per le novità,
    > ma di sicuro vendere a più di 10 euro è una
    > follia...

    5 euro se lo scordano.
    Voglio sapere quando compro una copia cartacea di, un titolo a caso tanto per esempio, questo:
    http://www.lafeltrinelli.it/products/9788804612872...

    Costa 20 euro di listino, 17 euro offetta feltrinelli.
    A Grisham quanto entra in tasca?
    Non credo proprio che gli entrino 5 euro, quindi perche' dovrei pagare 5 euro per una versione digitale?
  • - Scritto da: panda rossa

    (OT) hai posta
  • - Scritto da: ginillo
    > la gente sarebbe più invogliata a leggere, o
    > forse no, comunque l'assenza del costo di stampa
    > dovrebbe incidere di più sul calcolo del prezzo
    > finale, ancora troppo
    > alto

    La gente li scarica e scaricherà gratis. L'editoria si sta scavando la fossa con le sue mani.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > - Scritto da: ginillo
    > > la gente sarebbe più invogliata a leggere, o
    > > forse no, comunque l'assenza del costo di
    > stampa
    > > dovrebbe incidere di più sul calcolo del
    > prezzo
    > > finale, ancora troppo
    > > alto
    >
    > La gente li scarica e scaricherà gratis.
    > L'editoria si sta scavando la fossa con le sue
    > mani.

    Quoto.
    Non hanno imparato niente dalle case cinematografiche, così come queste ultime non hanno imparato niente da quelle discografiche.
    Se vogliono morire, prego. Tanto più che oggi chi vuole stampare un libro non ha certo bisogno del grande editore.