Alfonso Maruccia

USA, censura a perdere

Il paese che ha dato i natali alla rete prende in ostaggio un dominio legittimo per un anno e poi lo restituisce senza dare spiegazioni. Mentre il Senato tenta di ammorbidire l'impatto dei sequestri preventivi previsti da SOPA

Roma - Un dominio preso "in ostaggio" dalle autorità statunitensi per oltre un anno, che lo hanno poi "rilasciato" senza profferire spiegazione alcuna: è quanto successo a Dajaz1, sito musicale specializzato in hip-hop e caduto nella rete della strategia antipirata Operation In Our Sites.

Lo U.S. Immigration and Customs Enforcement (ICE) aveva sequestrato il blog Dajaz1 assieme alle altre decine di migliaia di siti, adducendo come scusa il fatto che il dominio distribuiva contenuti musicali pirata. Nonostante i tentativi legali e le richieste di appello dei gestori, Dajaz1 è risultato inaccessibile dall'esterno per oltre un anno.

Di estensione in estensione del sequestro preventivo - senza che ai legali dei gestori venisse mai data la possibilità di accedere e partecipare alla procedura - si è arrivati all'oggi, quando infine l'ICE ha deciso di restituire il dominio ai legittimi proprietari perché in effetti non c'erano prove sufficienti a sostenere l'accusa di pirateria musicale mossa inizialmente.
Il caso Dajaz1 descrive con chiarezza esemplare quello che potrebbe succedere qualora leggi come SOPA e PROTECT IP entrassero effettivamente in vigore, dice Cory Doctorow: la censura preventiva dei siti web "pirata" o presunti tali diventerebbe facile, immediata, universale, e quanto subito da Dajaz1 si moltiplicherebbe per mille volte e mille volte ancora.

Proprio in materia di difesa del copyright e nuove proposte di legge in seno al Congresso, il già annunciato piano B del Senato progettato per disinnescare la bomba di SOPA e PROTECT IP si è concretizzato nel cosiddetto OPEN Act (Online Protection & Enforcement of Digital Trade Act).

Promosso dal democratico Ron Wyden e dal repubblicano Darrell Issa, OPEN Act mira a togliere il controllo dei sequestri preventivi (e immotivati) dalle mani dell'industria del copyright consegnando la pratica alla Commissione sul Commercio Internazionale, a restituire i diritti legali di difesa alle parti in causa e più in generale a bilanciare le esigenze tra pubblico accesso alla rete e salvaguardia dei diritti di proprietà sui contenuti digitali. Non è un caso che MPAA già parli di "rilassamento" nella lotta alla "pirateria su Internet".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, web sotto sequestroChiusi 18 domini legati alla contraffazione di beni di lusso. Una manovra azzardata dei federali avrebbe portato all'oscuramento di 84mila siti non direttamente collegati alla pedopornografia. Mentre il dibattito su COICA divampa
  • AttualitàSOPA, senatori per un piano BProposta alternativa al disegno di legge che vuole coinvolgere tutti gli operatori del web nella lotta alla pirateria. Verrebbero tagliati solo i ponti di pagamento verso i siti illeciti senza coinvolgere provider e motori di ricerca
5 Commenti alla Notizia USA, censura a perdere
Ordina
  • C'e' poco da parlare di rilassamento!
    E' una lotta persa, lotta che per altro hanno deciso solo loro di combattere, contro mulini a vento che incuranti di tutto continuano a girare.
  • arrivano molte notizie di questo tipo dagli USA, la nazione fondata sulla libertà e la democrazia (prima di tutte le altre nazioni), non capisco perchè in USA stanno prendendo sempre più piede queste logiche di censura..forse democrazia e libertà sono solo delle belle parole rimaste sulla carta o ormai vale solo la legge delle lobby...boh
    non+autenticato
  • democrazia e libertà mal si conciliano con qualsiasi governo.
    gli USA sono buoni solo ad "esportare" la democrazia (a suon di bombe), ma si guardano ben bene dall'applicarla in casa loro.

    ma dato che ci sono ancora dei "paletti" legislativi in difesa di libertà e diritti, allora ecco che si danno un gran da fare per rimuoverli. perché, ormai è palese, l'intenzione è quella.
    non+autenticato
  • - Scritto da: anon
    > democrazia e libertà mal si conciliano con
    > qualsiasi
    > governo.
    > gli USA sono buoni solo ad "esportare" la
    > democrazia (a suon di bombe), ma si guardano ben
    > bene dall'applicarla in casa
    > loro.
    >
    > ma dato che ci sono ancora dei "paletti"
    > legislativi in difesa di libertà e diritti,
    > allora ecco che si danno un gran da fare per
    > rimuoverli. perché, ormai è palese, l'intenzione
    > è
    > quella.

    Basta vedere cib Wikileaks: Prima fanno di tutto per chiuderlo, usando azioni illegali, poi si lamentano se i paesi "canaglia" oscurano internetA bocca aperta
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: enriker
    > arrivano molte notizie di questo tipo dagli USA, la nazione fondata sulla libertà e la democrazia (prima di tutte le altre nazioni),

    E io che credevo che la democrazia δῆμος (démos): popolo e κράτος (cràtos): potere, fosse stata inventata dai graci ed usata dai greci prima di tutti gli altri, e invece ti salta fuori che stono stati gli americani!
    non+autenticato