Kolab, il nuovo rivale free di Exchange

Si affaccia sul mondo open source la versione 1.0 di Kolab, una nuova soluzione per la collaborazione e la messaggistica che, insieme al neonato OpenGroupware, ambisce a rivaleggiare con MS Exchange

OsnabrŘck - Frutto di un progetto open source nato meno di un anno fa, Kroupware.org, Kolab ha di recente raggiunto la sua prima versione stabile, la 1.0, con la quale si prepara ad affrontare l'agguerrito mercato delle soluzioni per il groupware, un segmento dominato da software proprietari come Microsoft Exchange, IBM Lotus/Domino e Novell GroupWise.

Kolab offre le pi¨ comuni funzionalitÓ asincrone per la collaborazione, fra cui e-mail, agenda di gruppo, gestione dei lavori, note e rubrica. Composto da un server e da un client basato su KDE, la suite poggia su altri software free che il progetto Kroupware.org ha integrato in una soluzione organica di cui fornisce supporto commerciale e tecnico.

La versione matura di Kolab Ŕ arrivata a meno di due settimane di distanza dal varo del progettone OpenGroupware.org (OGo), e condivide con quest'ultimo la filosofia di sviluppo free software e l'adozione di standard aperti. I due progetti, come anticipato dalla comunitÓ di OGo, sono fra l'altro destinati a collaborare fra loro e sviluppare moduli di compatibilitÓ per i rispettivi client.
A differenza di OGo, che dichiara senza mezzi termini di essere un'alternativa a MS Exchange, Kroupware.org afferma che, almeno per il momento, il proprio obiettivo non Ŕ quello di costruire un sostituto di Exchange o Outlook, ma quello di sviluppare "qualcosa che risolva lo stesso tipo di problemi". Una differenza che, secondo il team di sviluppo di Kolab, "Ŕ decisamente importante": in parte questo Ŕ probabilmente dovuto al fatto che mentre OGo Ŕ nata come soluzione general purpose, e ha l'obiettivo si soddisfare le esigenze del pi¨ alto numero possibile di aziende, la prioritÓ del progetto Kroupware.org Ŕ quello di creare un prodotto capace di rispondere alle richieste della Bundesamt fŘr Sicherheit in der Informationstechnik (BSI), ovvero l'agenzia governativa tedesca che si occupa della sicurezza informatica.

Kroupware.org Ŕ infatti un progetto fondato da tre aziende europee, Erfrakon, Intevation e Klarńlvdalens Datakonsult, che nel 2002 hanno vinto un contratto governativo per lo sviluppo di una soluzione free software per la collaborazione da impiegare all'interno del BSI. Se dunque nello sviluppo di Kolab le tre imprese si sono focalizzate maggiormente sulle necessitÓ dell'ente tedesco, questo software Ŕ tuttavia adatto a molti altri ambiti aziendali e, nel prossimo futuro, mira a divenire una soluzione sempre pi¨ completa e integrata con atri client, incluso Outlook.

Kolab Server 1.0, che gira su Linux, poggia su software free giÓ molto noti, come Cyrus IMAPd, Postfix, Apache e OpenLDAP, e su standard aperti come LDAP e i formati iCalender e vCard.

"Abbiamo progettato Kolab Server tenendo bene a mente il fattore scalabilitÓ e sicurezza", ha detto Martin Konold, che all'interno di Erfrakon ha sviluppato l'architettura di Kolab. "Dal lato della sicurezza, in particolare, abbiamo fatto in modo che tutte le comunicazioni fra client e server vengano criptate".

Il client di Kolab, giunto alla versione 1.0.1, Ŕ stato progettato integrando fra loro alcuni dei componenti di KDE 3.1, quali KMail, KOrganizer, KAddressbook e KPilot, e aggiungendovi la capacitÓ di dialogare con il server di Kolab. Il software, sviluppato a stretto contatto con la comunitÓ di KDE, Ŕ in grado di funzionare anche in modalitÓ off-line. Gli utenti di Windows possono utilizzare Outlook come client di Kolab a patto di acquistare un plug-in commerciale chiamato InsightConnector, di cui esiste anche una versione dimostrativa. Per il momento non esistono plug-in free software per Outlook, ma su SourceForge Ŕ stato da poco creato un progetto, chiamato Otlkcon, allo scopo di sviluppare una DLL open source che stenda un ponte fra il client di Microsoft e le varie alternative non commerciali a Exchange.
225 Commenti alla Notizia Kolab, il nuovo rivale free di Exchange
Ordina
  • Ok, ok, scusino la battuta i più suscettibili, però il paragone con exchange ci sta, come far capire da quale programma prende spunto senza nominare né Microsoft né Exchange stesso?
    Speriamo che a dispetto del nome sia una alternativa più valida e sicura di Exchange, cosa che mi riservo di verificare ...Sorride

  • - Scritto da: AdessoBasta
    > Ok, ok, scusino la battuta i più
    > suscettibili, però il paragone con exchange
    > ci sta, come far capire da quale programma
    > prende spunto senza nominare né Microsoft né
    > Exchange stesso?
    > Speriamo che a dispetto del nome sia una
    > alternativa più valida e sicura di Exchange,
    > cosa che mi riservo di verificare ...Sorride

    Perchè, tu sai cosa è Exchange?
    non+autenticato
  • Beh, credo di sì, visto che ne ho una base installata di quattro esemplari tutta per me, quattro begli esemplari con cui giocare quando i clienti a cui appartengono mi segnalano qualche rogna o quando faccio loro visita. Non sono tanti, ma non mi vergogno visto che la mia azienda lavora con piccole e medie imprese che di tutto vogliono sapere tranne che di dover fare grandi (o piccoli) investimenti per hw e sw (e corsi di formazione). Inoltre lo utilizzo (per giocare), anzi lo utilizzavo fino all'arrivo di 2003 server, nella mia azienda. Non so perché mi fai questa domanda. Pensavi che fossi un ragazzino che durante una pausa da Splinter Cell avesse voglia di chiacchierare in un post a caso? Beh te l'ho detto, già il titolo voleva essere solo una battuta, ma credo di conoscere i prodotti Microsoft (tutti) abbastanza bene, sono MCSE dal 1999 (e anche questo di per sé, lo ammetto, significa poco). Volendo trovare però quel fondo di verità che contiene, devi ammettere con me che Exchange, arrivato ormai al service pack 3, ha fatto sudare non poco chi ne deve fare uno solido strumento di messaging per l'azienda, il sottoscritto compreso, ed è tuttora il bersaglio preferenziale di molti attacchi, grazie alle molte falle via via scoperte e rimediate. Non inasprisco ulteriormente la polemica, anche se potrei, ma sarebbe stato più semplice se mi avessi chiesto cos'è Kolab, avrei dovuto ammettere: non lo so (ancora).
    E comunque il mio interesse nel caso è puramente amatoriale, visto che per il resto aspetto di mettere le mani su Exchange Server 2003, appena avrò un po' di tempo. Saluti.
  • Non è una battuta la mia, ma una domanda seria.. Hai mai provato lotus domino con client notes? Io mi trovo da dio da quando siamo passati a questa soluzione...
    non+autenticato

  • - Scritto da: il_fabry
    > Non è una battuta la mia, ma una domanda
    > seria.. Hai mai provato lotus domino con
    > client notes? Io mi trovo da dio da quando
    > siamo passati a questa soluzione...

    Confermo, è stata una manna dal cielo anche per noi !
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: il_fabry
    > > Non è una battuta la mia, ma una domanda
    > > seria.. Hai mai provato lotus domino con
    > > client notes? Io mi trovo da dio da quando
    > > siamo passati a questa soluzione...
    >
    > Confermo, è stata una manna dal cielo anche
    > per noi !

    Penso che come strumento di collaborware sia ottimo, e volendo puoi fare un sacco di applicazioni in "casa". Dove lavoro abbiamo 3 sviluppatori notes, e ti dirò, abbiamo fatto tante cosine..
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Penso che come strumento di collaborware sia
    > ottimo, e volendo puoi fare un sacco di
    > applicazioni in "casa". Dove lavoro abbiamo
    > 3 sviluppatori notes, e ti dirò, abbiamo
    > fatto tante cosine..

    Il punto di forza è proprio quello. Anche in azienda da noi ci sono un paio di ragazzi specializzati (tra l'altro) su notes, con sforzo minimo ti implementi features su misura che nessun gestionale da scaffale potrebbe sognarsi - a parte forse il SAP.
    non+autenticato
  • > Il punto di forza è proprio quello. Anche in
    > azienda da noi ci sono un paio di ragazzi
    > specializzati (tra l'altro) su notes, con
    > sforzo minimo ti implementi features su
    > misura che nessun gestionale da scaffale
    > potrebbe sognarsi - a parte forse il SAP.

    A dimostrazione che non occorra che sia free per contrapporre la forza di exchange...
    non+autenticato

  • - Scritto da: il_fabry
    > A dimostrazione che non occorra che sia free
    > per contrapporre la forza di exchange...

    Sgombriamo subito il campo da queste sciocchezze: quello che conta, nel software, è la QUALITA'. Che poi sia public domain, free as free beer, open, o quant'altro è del tutto irrilevante.
    Certo hanno buon gioco coloro che puntano il dito contro la pessima qualità generale microsoft, che è un banale dato di fatto: è come sparare sulla croce rossa. Ma a software qualitativamente scarso, generally speaking, si può e si deve contrapporre software ben fatto, non una semplice variazione di licenza.
    Sono quasi vent'anni che esistono ottime alternative ai prodotti MS, dai compilatori (Borland, Watcom, Codewarrior...) ai tanti prodotti specifici (money, project, exchange e via così), per non dire delle migliaia di prodotti di ms non si è mai neppure sognata di fare, dai CAD/CAM ai GIS ai programmi di calcolo simbolico e numerico, ai gestionali, agli scheduler di produzione.
    Non sono tutti free ? E chissenefrega...
    non+autenticato
  • Hai espresso "meglio" il mio pensiero.. Ultimamente sembra quasi che ci sia una corrente di pensiero che assimili il free per forza migliore del closed... Questo come dici tu è una sciocchezza bella e buona.. Un buon software si distingue dalla qualità... Ben detto!A bocca aperta
    non+autenticato
  • > Un
    > buon software si distingue dalla qualità...
    > Ben detto!A bocca aperta

    Un s.o. è un software di base. Quindi se la qualità è un segno distintivo di un sw, i s.o. ms fan cagare, altri (e ce li metto tutti open e non open) son migliori.
    non+autenticato
  • ...com'è ????
    E' affidabile e c'è qualcuno che mi sa dire se a suo parere dopo averlo provato merita attenzione oppure è ancora un progetto "immaturo"???
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...com'è ????
    > E' affidabile e c'è qualcuno che mi sa dire
    > se a suo parere dopo averlo provato merita
    > attenzione oppure è ancora un progetto
    > "immaturo"???

    Sicuramente sarà fatto meglio del loro sito!
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • MMhhhhhmmmm non l'ho provato... Ma vedere che tra i suoi componenti c'è proftpd (non potevano usare altro?) mi fa stare un poco sull'attenti....
    non+autenticato
  • E dei "teteschi di cermania" si e' sempre detta una cosa: "che non abbiano orrore di se stessi!!".
    Nessuno ha mai visto una splendida motocicletta, magari una super sport moderna o un'Harley tutta customizzata con dietro un lenzuolo di targa di 20x30cm?? E tutte le personalizzazioni super tamarre per le automobili come Golf GTI gialle a striscioni verde pistacchio? E quegli "splendidi" alettoni modello aquilone dietro alle Alfa Romeo con assetto ribassato e gommoni da 205?
    Per non parlare dell'abbigliamento, si dice infatti che la moda dei calzini alti fino al ginocchio coi sandali, gli scandinavi la abbiano importata dalla Germania.
    Ecco cosa intendo per "non avere orrore di se stessi".
    Quindi se sono tedeschi il loro sito bada alla sostanza, e se ne impippa dei fronzoli.
    Io penso che il loro obiettivo sia stato raggiungere lo scopo, e lo scopo che si erano prefissati era informare su cosa e' e cosa fa il loro prodotto. Il sito si legge con qualsiasi browser e ci si e' investito pochissimo tempo. Questa e' mentalita' ed efficienza tipica tedesca. E io l'accetto, anche se da italiano un tocco di qualcosina (quella classe e inventiva tipica delle arti italiane) gliela vorrei dare comunque.

    --
    Ciao.
    Mr. Mechano
    mechano@punto-informatico.it
  • già però quei Golf Gti danno la merda a un bel mucchio di auto molto più fiche e costano come delle limousine
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > già però quei Golf Gti danno la merda a un
    > bel mucchio di auto molto più fiche e
    > costano come delle limousine

    In più la VW fa un test psico-attitudinale
    ad ogni possibile acquirente di Golf e Passat
    per accertarsi che la loro psiche li induca
    a violare tutte le norme del codice della strada
    con grave rischio per l'incolumità degli altri.

    non+autenticato
  • Scusa ma il mio cervello ha dato un logical error e ha interrotto l'esecuzione durante la lettura del tuo post.
    Da una parte sta il luogo comune che i tedeschi ricerchino la sobrietà e le cose prive di fronzoli, dall'altra però porti l'esempio di auto e moto tedesche ridotte a schifo da uno sproposito di fronzoli. Che dire, posso ammettere che queste siano due facce del tedesco medio che al 100% non ha gusto e quindi 50% rinuncia all'aspetto estetico e al 50% non rinuncia, con conseguenze disastrose. Sì, così mi è ripartita l'esecuzione dei processi cerebrali, uff, che fatica però...
  • Tedeschi: sostanza 10, stile 0
    Italiani: sostanza 0, stile 10

    non+autenticato

  • non ho capito bene ma mi hanno detto che l'open sources lavora senza soldi grazie agli aiuti umanitari.
    Volevo quindi chiedervi cosa devo fare per avere un programma tipo kolab per il mio negozio di cancelleria in modo che posso comunicare direttamente con gli operai del magazzino.
    Ecco nei dettagli la mia richiesta:

    - invio messaggi di popup vi internet agli operai
    - server di posta elettronica per creare tutte le caselle di posta elettronica
    - possibilità di fare video conferenza con i miei distributori

    NB. Io uso windows 98 seconda edizione

    Inoltre voglio un programma di scadenze e fatture che mi manda via sms tutti gli avvisi... e ovviamente la gestione di magazzino sempre con i messaggi di avviso

    Qualcuno di voi può farmi questo programma?

    voglio solo questo e poi non vi rompo più e magari poi ci andiamo a mangiare una pizza tutti assieme
    non+autenticato
  • E' fattibilissimo usando diversi moduli di programmi o.s. già esistenti...
    non+autenticato

  • - Scritto da: il_fabry
    > E' fattibilissimo usando diversi moduli di
    > programmi o.s. già esistenti...

    grazie! puoi mandarmi i link e me li installo io stesso senza disturbare nessuno

    PS. C'è anche la gestione scadenze con i messaggi?

    Siete grandi!
    non+autenticato
  • > > E' fattibilissimo usando diversi moduli di
    > > programmi o.s. già esistenti...
    > grazie! puoi mandarmi i link e me li
    > installo io stesso senza disturbare nessuno

    Beh, inanto impara a cercare, anche qui su p.i. giorni fa' venne fuori proprio un programma o.s. per fare gestione come chiedi.

    > PS. C'è anche la gestione scadenze con i
    > messaggi?
    > Siete grandi!

    Certo se sai gestirti gli eventi con windows puoi associarti qualunque evento che vuoi ad un invio dei messaggi..

    Il modulo che puoi usare è tipo smssend...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > non ho capito bene ma mi hanno detto che
    > l'open sources lavora senza soldi grazie
    > agli aiuti umanitari.

    Ti hanno detto male....

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > non ho capito bene ma mi hanno detto che
    > l'open sources lavora senza soldi grazie
    > agli aiuti umanitari.
    > Volevo quindi chiedervi cosa devo fare per
    > avere un programma tipo kolab per il mio
    > negozio di cancelleria in modo che posso
    > comunicare direttamente con gli operai del
    > magazzino.
    > Ecco nei dettagli la mia richiesta:
    >
    > - invio messaggi di popup vi internet agli
    > operai
    > - server di posta elettronica per creare
    > tutte le caselle di posta elettronica
    > - possibilità di fare video conferenza con i
    > miei distributori
    >
    > NB. Io uso windows 98 seconda edizione
    >
    > Inoltre voglio un programma di scadenze e
    > fatture che mi manda via sms tutti gli
    > avvisi... e ovviamente la gestione di
    > magazzino sempre con i messaggi di avviso
    >
    > Qualcuno di voi può farmi questo programma?
    >
    > voglio solo questo e poi non vi rompo più e
    > magari poi ci andiamo a mangiare una pizza
    > tutti assieme

    Ho trovato un programma che fà il caffè di quelli con la miscela ottenuta dal "commercio equo" con i paesi sottosviluppati e lo da' gratis (insieme agli aiuti umanitari) ai dipendenti in dosi che li tengano abbastanza svegli da fargli vedere che non li stai fregando.

    Puo' interessare ?
    non+autenticato
  • > non ho capito bene ma mi hanno detto che
    > l'open sources lavora senza soldi grazie
    > agli aiuti umanitari.

    Hai capito male.
    Vedi ad esempio la licenza GNU (http://www.tuttoirc.it/traduzione-gpl.php)

    > - invio messaggi di popup vi internet agli
    > operai
    Miranda, Gabber, Jabber etc etc


    > - server di posta elettronica per creare
    > tutte le caselle di posta elettronica

    Postfix, Sendmail, QMail, Cyrus,Acmemail,Open WebMail,IlohaMail , IMHO, IMP, JAWMail e decine di altri mail server open source. A tua scelta

    > - possibilità di fare video conferenza con i
    > miei distributori

    Video/Audio/Chat Conference, drawboard

    > Inoltre voglio un programma di scadenze e
    > fatture

    Mosaico

    > Qualcuno di voi può farmi questo programma?

    Insomma, i programmi ci sono, sono gratuiti e tutti open source. Paga qualcuno perchè ti assembli il prodotto che desideri. Oppure aspetta che qualche ditta faccia un prodotto commerciale che sia esattamente coincidente con quanto tu desideri (in quel caso, pagalo e compralo. Se però non sarà esattamente come desideri tu, peccato: non potrai modificarlo, aggiungerci opzioni e personalizzare le caratteristiche).

    > voglio solo questo e poi non vi rompo più e
    > magari poi ci andiamo a mangiare una pizza
    > tutti assieme

    Fai ironia su una tua convinzione (open source = gente che lavora per la gloria) che purtroppo è basata su un falso mito. Se vuoi un programma open source simile, gli strumenti ci sono e se vuoi ti ci progetto il sistema che desideri. Ma non mi pagherai con una pizzaSorride
  • Vai da una ditta che lavori OS e fattelo fare


    Ciao, Krecker
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Vai da una ditta che lavori OS e fattelo fare
    >
    >
    > Ciao, Krecker

    grazie, ma già mi hanno dato i nomi dei programmi gratis da scaricare e già mi sto scaricando sendmail...

    grazie lo stesso
    non+autenticato
  • Prego

    Ciao, Krecker
    non+autenticato
  • questo e' il vero problema, non tanto se sia meglio linux o windows, discussione totalemente inutile.

    tratto dal kernel howto:
    " *   For   Defence Industries or   Military applications , you must read the
        kernel source code and compile with your own hands. No exceptions!! (U.S
        Dept of Defence compiles the Linux kernel before distributing the
        computers).
       
    *   Every country and every Government in the world compiles the kernel on
        site for security and integrity. Every Government/Corporation audits and
        verifies each and every line of the OS kernel source code before using
        the computer.
       
    *   Military Intelligence agencies around the world reads and compiles the
        Linux kernel source code. They know what each and every line of Linux
        kernel source code is doing!!
       
    *   If you compile the Linux kernel with your own hands, then it is   as
        good as reading and verifying all the kernel source code!
    "
    avendo accesso al sorgente di quello che gira sul vostro computer, potete sapere che cosa fanno le righe di codice, mentre con un software proprietario non e' possibilie, si DEVE accettare cio' che decide il produttore.

    poi si devono anche fare i conti con i costi licenze et simila...

    non serve a nulla dire che linux sia meglio di windows o viceversa, sono due modi DISTINTI di operare, e la scelta di adottare uno o l'altro non e' basata solo sul fatto che uno "lo ha piu' grosso" dell'altro.

    http://www.italcardano.com/
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > avendo accesso al sorgente di quello che
    > gira sul vostro computer, potete sapere che
    > cosa fanno le righe di codice, mentre con un
    > software proprietario non e' possibilie, si
    > DEVE accettare cio' che decide il
    > produttore.

    io lo accetto ben volentieri, anche perchè di sorgenti non ci capisco na mazza e i linari posso inventarsi quello che vogliono, inoltre la mandrake la scarico già compilata.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > avendo accesso al sorgente di quello che
    > > gira sul vostro computer, potete sapere
    > che
    > > cosa fanno le righe di codice, mentre con
    > un
    > > software proprietario non e' possibilie,
    > si
    > > DEVE accettare cio' che decide il
    > > produttore.
    >
    > io lo accetto ben volentieri, anche perchè
    > di sorgenti non ci capisco na mazza

    purtuttavia esiste un'alternativa che se a te non interessa è sfruttabile da altri utenti più accorti ed esigenti

    I fatto che i sorgenti siano disponibili per analisi infinitamente approfondite fa dell'open source un metodo che assicura trasparenza massima (ottimo metodo per il software delle PA, quindi)

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > http://www.italcardano.com/

    e questo cose?

    adesso voi linari vi mettete a fare pure pubblicità occulta?

    ...si vede che siete al lastrico
    non+autenticato

  • ->
    > e questo cose?

    ma come parli? anzi..ma come scrivi?
    essere tu italiano?
    parlare tu nostra lingua?


    >
    > adesso voi linari


    un altro neologismo? sei una fonte inesauribile !!

    >vi mettete a fare pure
    > pubblicità occulta?

    a cosa?


    >
    > ...si vede che siete al lastrico


    si dice "siete SUL lastrico"...la prossima volta non guardare solo le figure del libro..leggilo anche.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)