Claudio Tamburrino

Italia, iPhone 4S resterÓ sugli scaffali

Respinta la richiesta di blocco del nuovo device con la Mela voluta da Samsung: per il giudice si tratterebbe di una misura sproporzionata

Roma - Apple si è aggiudicata un nuovo round della battaglia italiana che la vede contrapposta a Samsung.

Al tribunale di Milano l'azienda coreana si era rivolta, nel capitolo nostrano della guerra mondiale che sta combattendo con Cupertino, accusando Apple di violazione di due brevetti relativi a tecnologie wireless. Ma il tribunale aveva già dato ragione alla Mela nella prima udienza, respingendo la richiesta di Samsung di vedere bloccate le importazioni in Italia del nuovo iPhone 4S.

La prima sezione civile del tribunale di Milano, presieduta dal giudice Marina Tavassi, aveva infatti rifiutato la tesi con cui l'accusa sosteneva la richiesta di blocco delle importazioni del nuovo dispositivo con la Mela, anch'esso, secondo Samsung, in violazione della sua proprietà intellettuale.
Il giudice Tavassi ha ora confermato questa prima decisione, non entrando comunque nel merito della vicenda: ha respinto il carattere d'urgenza della richiesta di Samsung, rinviando la decisione sull'eventuale violazione dei due brevetti contestati dalla coreana e valutando per il momento solo l'eventuale danno inferto ad Apple con il blocco, un danno che sarebbe stato "grave e irreparabile".

Tuttavia nelle memorie delle due parti in causa si apprende qualcosa in più sul caso: in particolare che, in merito al brevetto relativo alla tecnologia UMTS, Apple abbia cercato di raggiungere un accordo di licenza con Samsung, ma abbia desistito davanti alla richiesta di un 2,4 per cento di royalty su ogni dispositivo incorporante la tecnologia.

Tale proposta secondo Apple non rispetterebbe la logica dei termini "FRAND" (Fair, Reasonable and non Discriminatory) cui dovrebbe sottostare una licenza relativa a tecnologia appartenente ad uno standard tecnologico. Secondo Samsung, tuttavia, tale somma sarebbe da comparare a quella pretesa da Apple da Samsung stessa per la licenza di alcune delle sue tecnologie, e pari al 5 per cento.

L'azienda coreana è rimasta naturalmente delusa della sentenza e promette ancora battaglia: "Faremo reclamo e prenderemo in considerazione altre misure per proteggere i nostri brevetti".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
149 Commenti alla Notizia Italia, iPhone 4S resterÓ sugli scaffali
Ordina
  • iO personalmente non capisco la Apple. Perchè pensare sempre a questi brevetti e non al suo vero lavoro: produrre nel campo della telefonia. IOs è un sistema limitato ai soli smartphne e tablet Apple. Visto la crescita degli utenti Android (sistema ottimo e quasi illimitato) posso felicemente dire che Steve Jobs ha perso e che l'Apple ha perso ma non vuole ammetterlo e quindi intenta cause,ecc.........................
    Poi scusate, come si può spendere 899 euro per uno smartphone, ma stiamo SCHERZANDO.
    SALUTI.
    P.S. io sono un possessore di un iphone3s e di un galaxy nexsus e quindi posso valutare. Avevo un htc wildfire, era meglio dell'iphone4!!!!!!
    non+autenticato
  • perchè non andate a cercare quello che la apple nei confronti delle altre aziende ? partiamo dal punto che android è open source, cioè completamente customizzabile da chiunque senza bisogno di pagare una licenza. per esempio io un giorno prenderò una distribuzione linux (sempre open source) e decido di creare un sistema operativo simile a windows, per poi venderlo. CHI CI DICE CHE APPLE NON ABBIA USATO IL CODICE DI ANDROID PER CREARE IL LORO STUPIDISSIMO IOS ? e sarebbe samsung a copiare da apple ?? samsung non ha creato android, bensì google lo ha fatto ! solo che samsung non vende il sistema operativo (anche se modificato) ma solo il telefonino con tutta la sua elettronica. perchè secondo la licenza Gnu (che copre sia linux e tutti i derivati da esso) vieta espressamente di vendere codice unix destinato a sistemi operativi. !!
    non+autenticato
  • ma quando la apple si deciderà a ritirare quella cagata di telefono ? è chiaro che la apple se ne sbatte di chi compra l'iphone, decisamente più piccolo di un mattone, ma con un prezzo da furto !! per poi spendere 700 euro e non avere libera condivisione di files su qualsiasi dispositivo, senza jailbreak che poi invalida la garanzia ? andate al diavolo apple !!
    non+autenticato
  • mano pesante ultimamente eh? A bocca aperta
    non+autenticato
  • ah no.

    i commenti sono riapparsi.
    mah, forse devo riposare di più Perplesso
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > ah no.
    >
    > i commenti sono riapparsi.
    > mah, forse devo riposare di più Perplesso
    è una idea da prendere in forte considerazione!
    non+autenticato
  • ieri, 9 gennaio, era il compleanno di iPhone!

    grazie Apple per aver regalato al mondo l'n-esima rivoluzione, per la quale tutti, androidi compresi, ti sono grati
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > ieri, 9 gennaio, era il compleanno di iPhone!
    >
    > grazie Apple per aver regalato al mondo l'n-esima
    > rivoluzione, per la quale tutti, androidi
    > compresi, ti sono
    > grati

    Annoiato

    Pure i morti della foxconn saranno altrettanto grati?
  • - Scritto da: panda rossa
    >
    > Pure i morti della foxconn saranno altrettanto
    > grati?

    purtroppo in tante zone della cina se vuoi lavorare quelle condizioni sono l'unica via.

    queste sono le aziende, altre a Apple, che si appoggiano a Foxconn: Motorola, Nokia, Sony, Microsoft, Nintendo, Dell, Hewlett-Packard.

    ognuno di noi ha almeno un prodotto di queste marche.

    esse sfruttano tale situazione a loro vantaggio, ma nel contempo stanno contribuendo a portare in cina a un enorme sviluppo economico, il prezzo salatissimo sono le vite di questi operai, che comunque nella situazione attuale non hanno altre chances.

    ma tu sei molto peggio di queste multinazionali, perchè per il tuo sfizio personale di trollare giochi sulla loro pelle
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: panda rossa
    > >
    > > Pure i morti della foxconn saranno
    > altrettanto
    > > grati?
    >
    > purtroppo in tante zone della cina se vuoi
    > lavorare quelle condizioni sono l'unica
    > via.
    >
    > queste sono le aziende, altre a Apple, che si
    > appoggiano a Foxconn: Motorola, Nokia, Sony,
    > Microsoft, Nintendo, Dell,
    > Hewlett-Packard.
    >
    > ognuno di noi ha almeno un prodotto di queste
    > marche.

    Vero. Ma il punto e' che gli oggetti prodotti da quelle marche di cui sopra SONO TUTTI UGUALI.
    Persino la roba apple e' una COPIA SPUDORATA del Galaxy Tab.

    Pero' la roba apple costa il triplo, senza nessun apparente motivo tecnico.
    Solo per questioni di cresta (e la liquidita' di apple lo dimostra).

    Un operaio che muore per produrre un Galaxy Tab, lo fa per produrre un oggetto a prezzo accessibile.
    Un operaio che muore per produrre un iPad, lo fa per far ARRICCHIRE la apple.
  • come ti hanno già detto, cadi molto in basso

    personalmente non mi va di trollare su queste cose

    /PLONK
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > come ti hanno già detto, cadi molto in basso
    >
    > personalmente non mi va di trollare su queste cose
    >

    E allora ammetti che apple e' corresponsabile di una strage sul lavoro, e i loro clienti sono complici di questo crimine.
  • Come HP , Samsung, Sony, Toshiba, Del Monte, FIAT, Nestle, Agip , ecc ... e come me , te , quello a fianco a te ed il suo amico che non conosci , ecc..

    E' così PER TUTTO E TUTTI e te ne devi fare una ragione, l'altra soluzione é un bel monte , due caprette , 4 galline e ciao ciao Panda Rossa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex twin
    > Come HP , Samsung, Sony, Toshiba, Del Monte,
    > FIAT, Nestle, Agip , ecc ... e come me , te ,
    > quello a fianco a te ed il suo amico che non
    > conosci ,
    > ecc..
    >
    > E' così PER TUTTO E TUTTI e te ne devi fare una
    > ragione, l'altra soluzione é un bel monte , due
    > caprette , 4 galline e ciao ciao Panda
    > Rossa.
    Non posso parlare per le altre aziende che hai nominato, ma tutte le societa' del gruppo ENI (ex AGIP inclusa) hanno molto a cuore l'incolumita' di chi opera nelle sue strutture. Siano essi dipendenti che "esterni". Lo testimonia il basso numero di incidenti che si registrano annualmente, nonostante si tratti di aree a "rischio".
    Insomma: una raffineria, una piattoforma o una posatubi non sono luoghi dove fare passeggiate di salute.
    Ti suggerisco di fare un po' piu' attenzione a cosa scrivi: a me non ne viene nulla in tasca, ma a te puo' arrivare una citazione.

    Tornando in tema: in Cina sta accadendo quello che a meta' XIX secolo accadeva in europa. Vedremo se i Cinesi sapranno trarre profitto dall'esperienza europea. Finora sembra di no.

    GT
  • - Scritto da: Guybrush
    >
    > Tornando in tema: in Cina sta accadendo quello
    > che a meta' XIX secolo accadeva in europa.

    *
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guybrush
    > Non posso parlare per le altre aziende che hai
    > nominato, ma tutte le societa' del gruppo ENI (ex
    > AGIP inclusa) hanno molto a cuore l'incolumita'
    > di chi opera nelle sue strutture.

    Come tutte le aziende da me citate, hanno tutte a cuore l'incolumità' dei dipendenti.

    Come tutte le aziende da me citate é li per far soldi.

    Come in tutte le aziende da me citate gli incidenti succedono :
    http://www.trasportoeuropa.it/index.php?option=com...

    > Ti suggerisco di fare un po' piu' attenzione a
    > cosa scrivi: a me non ne viene nulla in tasca, ma
    > a te puo' arrivare una
    > citazione.
    >

    Mi vorresti dire che ENI (le ex e le societa' satellite) non sono mai stati condannati per un incidente.

    Se la risposta é sí , sai cosa me ne faccio della citazione ? A bocca aperta
    non+autenticato
  • cioè se tu sei cliente di un'azienda che produce un prodotto, se quell'azienda tratta male i suoi dipendenti non è colpa dell'azienda ma del cliente?
    MeX
    16897
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)