Claudio Tamburrino

Sonda Phobos, l'ombra del complotto

L'agenzia spaziale russa avanza l'ipotesi del sabotaggio o dell'attacco per giustificare la perdita del satellite. La guerra fredda è tornata?

Roma - La scia di Phobos non sembra destinata a seguire la scomparsa del satellite russo: della sparizione della sonda Phobos-Grunt gli scienziati russi sembravano pronti a prendersi le responsabilità, o comunque ad imputare il tutto ad errori e fatalità. Ma adesso il direttore dell'agenzia spaziale Vladimir Popovkin insinua di una fantomatica arma anti-satellite.

La missione dell'agenzia spaziale russa puntava ad arrivare su Phobos, satellite roccioso di Marte, per raccogliere campioni: tuttavia qualcosa è andato storto, le procedure di volo non si sono svolte correttamente, e gli scienziati hanno perso i contatti con la sonda.

Dice ora Popovkin che "pur non volendo accusare nessuno, vi sono potenti dispositivi che possono influenzare le navicelle spaziali. Tale possibilità, dunque, non può essere esclusa".
Una riprova di questa teoria per il direttore dell'agenzia spaziale sarebbe il fatto, degno delle teorie della guerra fredda, che i fallimenti delle loro missioni si concretizzano spesso quando i loro velivoli si trovano a passare sulla parte della Terra non direttamente sopra la Russia, quando cioè non arrivano più informazioni telemetriche né immagini delle navicelle.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • TecnologiaRussia, fallimenti spazialiL'ennesimo botto chiude un anno disastroso per l'industria aerospaziale russa. Un satellite termina in anticipo la sua corsa ritornando nell'atmosfera e saggiando il tetto di una casa russa
  • AttualitàRussia, scuse per il Phobos mancatoDato l'addio alla sonda, gli scienziati russi chiedono scusa. La missione terminerà nelle prossime settimane con la caduta e la disintegrazione in atmosfera
9 Commenti alla Notizia Sonda Phobos, l'ombra del complotto
Ordina
  • QUANDO SI SONO AVUTI DEI PROBLEMI CON LA SONDA NEAR SHOEMAKER CHE ORB ITAVA ATTORNO A 433 EROS I TECNICI DELLA NASA HANNO ATTRIBUITO ALL'ECCESSO DI CORRENTE NEGLI STRUMENTI IL LORO IMPROVVISO MALFUNZIONAMENTO MA NON HANNO VOLUTO AMMETTERE KE L'OGGETTO POSTO IN UN CRATERE DELL'ASTEROIDE FOSSE UNA "ANTENNA PARABOLICA" KE POTEVA AVER CAUSATO IL PROBLEMA...TANTO ERA SOLO UN SASSO CHE SPORGEVA DAL TERRENO...ALLORA COME CREDFRE ALLE TESI COMPLOTTISTE TERRESTRI QUANDO CI SONO STRUMENTI ALIENI KE POSSONO PROVOCARE PROBLEMI SERI AI SATELLITI TERRESTRI?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ALBERTO PILOLLI
    > NON HANNO VOLUTO AMMETTERE KE
    > L'OGGETTO POSTO IN UN CRATERE DELL'ASTEROIDE
    > FOSSE UNA "ANTENNA PARABOLICA"

    ...E tu come fai ad essere sicuro che lo fosse ?
    krane
    22544
  • dobbiamo trovare una scusa per salvarci il culo: diamo la colpa al primo che passa e speriamo che abbocchino.
    non+autenticato
  • giudaico massonica aliena! Molto probabilmente sono stati i grigi, un ottimo spunto per una puntata su Voyager!! A bocca aperta
    non+autenticato
  • Guardando bene le foto del satellite si nota un templare in fuga a cavallo del suo dinosauro ... la foto sarà reale? Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > giudaico massonica aliena! Molto probabilmente
    > sono stati i grigi, un ottimo spunto per una
    > puntata su Voyager!!
    >A bocca aperta

    un complotto delle decadenti demoplutocrazie occidentali alleate coi rettiliani! sono un cieco non lo vedrebbe!
    non+autenticato
  • I russi dovrebbero darsi più da fare, si sa che da loro ci sono moltissimi pirati.
    Qualcuno ha sicuramente rubato la loro PI e quindi stanno andando in malora.

    Scusate se forse è un po' OT ma non potevo resistere.
    non+autenticato
  • Premesso che è dalla guerra fredda che gli americani non sono aerospazialmente "amici" dei russi,questa ricostruzione mi sembra troppo forzata.

    I contatti con P-G si sono persi il day 1 perchè il satellite(dopo il mancato fire dei motori principali) si è messo a girare incontrollatamente su se stesso("tumbling"),quindi l'antenna per i comandi da terra non prende segnale per più di pochi secondi a volta,quando prende.
    Il tutto non è correggibile per mancanza o malfunzionamento della 3AS e di una procedura di inserimento in orbita anche in mancanza delle comunicazioni.Entrambe le cose mi lasciano alquanto basito.

    HAARP e il resto:sì gli americani su quello sono poco chiari,ma progettare un satellite per marte che non sia più che schermato per radizioni/particelle cariche è *pura follia*,quindi è molto improbabile che sia quella la causa.
    Poi l'orbiter cinese Yinghuo-1,non l'avrei mai inserito(made in cina docet anche in orbita).
    Insomma c'è stato un problema,la Roscosmos non sa bene dove,e nel dubbio sputtanano un pò i cari nemici(per quanto dispiaccia a tutti che non sia partita,non fraintendetemi).

    Reentry
    Non credete a NESSUNA previsione di rientro che non provenga dai siti NASA/Roscosmos/ESA;quasi sicuramente arriverà poco o nulla a terra,ora il dubbio è a che quota quelle 11 tonnellate di idrazina faranno boom.

    PS:i voli spaziali attuali (e previsti) NON vanno in orbita con "aviogetti",termine con cui credo il signore intenda i turbojet o i turbofan,e le tonnellate di lift sono dettate da leggi basilari della fisica,a cui dubito si possa scappare.
    Saluti,vò a farmi un caffè
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)