Alfonso Maruccia

LibreOffice 3.4.5, meno bug per tutti

Nuova release in uscita per la suite di produttività open source. Eliminati decine di bug, dicono gli sviluppatori, per un software nel complesso più stabile

Roma - The Document Foundation (TDF) annuncia la disponibilità di LibreOffice 3.4.5, nuova versione per la suite di produttività open source nata come fork di OpenOffice.org dopo l'acquisizione di Sun da parte di Oracle. Nessuna novità in fatto di funzionalità e caratteristiche tecniche, questa volta, ma una accresciuta stabilità con l'eliminazione di svariati bachi nel codice di programma.

La "caccia" ai bug aperta di recente deve aver dato i suoi frutti, e così TDF può ora comunicare l'eliminazione di 30 diversi errori nel codice sorgente con conseguenti ricadute positive sulla stabilità complessiva dei diversi software presenti nella suite.

In particolare sono stati risolti diverse cause di crash e altri problemi presenti nel foglio di calcolo Calc e nel word processor Writer, un bug che inibiva la corretta transizione di alcune slide 3D nel software per presentazioni Impress e altro ancora.
"Nel 2011 LibreOffice ha vinto l'InfoWorld's BOSSIE Award 2011 come Best of Open Source Software e l'Open World Forum Experiment Award come Most-Popular Software", dice Italo Vignoli di TDF. "I due premi - continua Vignoli - dimostrano la qualità dei miglioramenti apportati al codice legacy (di LibreOffice, nda) dal piccolo esercito di circa 400 sviluppatori che collaborano con TDF".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
20 Commenti alla Notizia LibreOffice 3.4.5, meno bug per tutti
Ordina
  • Provato e graficamente è un bel programma, ma manca una funzione essenziale: il thesaurus in italiano. Senza questa funzione, sai quanto me ne faccio della sua grafica accattivante... Aspetterò la nuova versione di AOO, seppure la vedo dura con LibreOffice.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Martino
    > Provato e graficamente è un bel programma, ma
    > manca una funzione essenziale: il thesaurus in
    > italiano. Senza questa funzione, sai quanto me ne
    > faccio della sua grafica accattivante...
    > Aspetterò la nuova versione di AOO, seppure la
    > vedo dura con LibreOffice.

    Ottimo, quindi tutti quelli che sanno scrivere decentemente sono gia' a posto e possono usarlo Rotola dal ridere
    krane
    22534
  • A me essenzialmente interessa la sillabazione (non potrei scrivere i miei libri senza), che se non erro (ma potrei pure sbagliare) è incorporata con il thesaurus. Peraltro non capisco la stupida battuta. Il thesaurus è importante (Openoffice.org ha fatto il suo salto di qualità in Italia quando ha reso disponibile questa funzione). Certo, non oso paragonarlo a un bel dizionario di sinonimi/contrari, ma è comunque un valido aiuto on the fly.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Martino
    > Provato e graficamente è un bel programma, ma
    > manca una funzione essenziale: il thesaurus in
    > italiano. Senza questa funzione, sai quanto me ne
    > faccio della sua grafica accattivante...
    > Aspetterò la nuova versione di AOO, seppure la
    > vedo dura con
    > LibreOffice.

    Io l'ho provato ed è una m3rda
    non+autenticato
  • Io ho scelto IBM Lotus Symphony Sorride

    http://www-01.ibm.com/software/it/lotus-symphony/

    Superiore ad entrambi, secondo me
    non+autenticato
  • magari lo provo, ma aspettavo una versione non beta di calligra
    non+autenticato
  • IBM ha donato il codice di lotus ad apache che sta vedendo il modo per integrarlo ad OO.

    Come prodotto è sicuramente più curato, ma l'ho visto anche più pesante ed instabile, infatti sono tornato subito a Libre office.

    Poi giustamente sono considerazioni personali

    http://programmazione.it/index.php?entity=eitem&id...

    - Scritto da: Mark
    > Io ho scelto IBM Lotus Symphony Sorride
    >
    > http://www-01.ibm.com/software/it/lotus-symphony/
    >
    > Superiore ad entrambi, secondo me
  • E' da secoli che non esce una nuova versione.
    non+autenticato
  • Manca il tag </em> subito dopo Alfonso Maruccia, qui si vede tutto in "italic mode"...

    P.S. Stanotte gli spammer si sono dati da fare...
    non+autenticato
  • libreoffice, cosi come openoffice prima di lui e come il nonno staroffice sono sempre stati dei mattoni pesanti, goffi, lenti, inefficenti. La interoperabilita' con office e' accettabile (a patto di non pretendere di importare file troppo incasinati) ma e' ora di rivedere il codice e snellirlo.
    non+autenticato
  • E' vero che sono pesanti, ma ciò accade perché si tratta di suite complete per ufficio, rivolte a computer abbastanza potenti e con notevoli disponibilità di memoria; comunque, anche con una normalissima CPU AMD64 dual core girano benissimo.
    Non credo che MS Office sia tanto differente in termini di risorse richieste.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > E' vero che sono pesanti, ma ciò accade perché si
    > tratta di suite complete per ufficio, rivolte a
    > computer abbastanza potenti e con notevoli
    > disponibilità di memoria; comunque, anche con una
    > normalissima CPU AMD64 dual core girano
    > benissimo.
    > Non credo che MS Office sia tanto differente in
    > termini di risorse richieste.

    Ma la domanda e': checcacchio se ne faranno di tutte quelle risorse ???
    krane
    22534
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Alvaro Vitali
    > > E' vero che sono pesanti, ma ciò accade
    > perché
    > si
    > > tratta di suite complete per ufficio,
    > rivolte
    > a
    > > computer abbastanza potenti e con notevoli
    > > disponibilità di memoria; comunque, anche
    > con
    > una
    > > normalissima CPU AMD64 dual core girano
    > > benissimo.
    > > Non credo che MS Office sia tanto differente
    > in
    > > termini di risorse richieste.
    >
    > Ma la domanda e': checcacchio se ne faranno di
    > tutte quelle risorse ???

    le specano.
    Se per fare lo stesso lavoro X i programmi A e B richiedono rispettivamente 100M e 70M, allora il programma A e' scritto male.
    la storiella del "il pc e' potente, non ci sono problemi" e' una emerita cazzata: la frase giusta e' "il software e' scritto col culo, ci vuole hardware piu potente per compensare le deficenze programmatorie".
    non+autenticato
  • - Scritto da: iome
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Alvaro Vitali
    > > > E' vero che sono pesanti, ma ciò accade
    > > perché
    > > si
    > > > tratta di suite complete per ufficio,
    > > rivolte
    > > a
    > > > computer abbastanza potenti e con notevoli
    > > > disponibilità di memoria; comunque, anche
    > > con
    > > una
    > > > normalissima CPU AMD64 dual core girano
    > > > benissimo.
    > > > Non credo che MS Office sia tanto
    > differente
    > > in
    > > > termini di risorse richieste.
    > >
    > > Ma la domanda e': checcacchio se ne faranno di
    > > tutte quelle risorse ???
    >
    > le specano.
    > Se per fare lo stesso lavoro X i programmi A e B
    > richiedono rispettivamente 100M e 70M, allora il
    > programma A e' scritto
    > male.

    E il programma B quale sarebbe? Non tirare in ballo AbiWord ecc.. perchè non sono suite...

    > la storiella del "il pc e' potente, non ci sono
    > problemi" e' una emerita cazzata: la frase giusta
    > e' "il software e' scritto col culo, ci vuole
    > hardware piu potente per compensare le deficenze
    > programmatorie".

    Quoto
  • - Scritto da: sbrotfl
    > - Scritto da: iome
    > > - Scritto da: krane
    > > > - Scritto da: Alvaro Vitali
    > > > > E' vero che sono pesanti, ma ciò
    > accade
    > > > perché
    > > > si
    > > > > tratta di suite complete per
    > ufficio,
    > > > rivolte
    > > > a
    > > > > computer abbastanza potenti e con
    > notevoli
    > > > > disponibilità di memoria;
    > comunque,
    > anche
    > > > con
    > > > una
    > > > > normalissima CPU AMD64 dual core
    > girano
    > > > > benissimo.
    > > > > Non credo che MS Office sia tanto
    > > differente
    > > > in
    > > > > termini di risorse richieste.
    > > >
    > > > Ma la domanda e': checcacchio se ne
    > faranno
    > di
    > > > tutte quelle risorse ???
    > >
    > > le specano.
    > > Se per fare lo stesso lavoro X i programmi A
    > e
    > B
    > > richiedono rispettivamente 100M e 70M,
    > allora
    > il
    > > programma A e' scritto
    > > male.
    >
    > E il programma B quale sarebbe? Non tirare in
    > ballo AbiWord ecc.. perchè non sono
    > suite...

    lo-writer e' parte di una suite ma NON e' una suite, e' un applicativo che puo essere installato a se stante.

    se parliamo di suite si potebbero confrontare MS-Office e LibreOffice, ma il confronto deve essere sempre programma-contro-programma.

    Concettualmente, dal punto di vesta delle prestazioni, scrivere un progamma in java e' una cazzata, perche devi aggiungere il peso computazionale della Macchina Virtuale, sarebbe meglio andare in un linguaggio poi efficente come il C.

    Il problema e' sempre "facilita' di scrittura/manutenzione del codice" versus "efficienza computazionale": la scelta e' responsabilita' dei programmatori ma "allocare memoria perche c'e' e costa poco" e' un errore concettuale, non una facilita' programmatoria.
    Alla critica "il tuo programma e' lento" sentirsi rispondere "compra piu' ram" fa venire il sangue agli occhi!
    non+autenticato
  • gli sviluppatori avevano promesso di snellire il tutto rispetto ad papà openoffice, e credo che un po' di lavoro in questo senso l'abbiano svolto; io lo trovo meno pesante rispetto ad OO
    non+autenticato
  • - Scritto da: dexter
    > gli sviluppatori avevano promesso di snellire il
    > tutto rispetto ad papà openoffice, e credo che un
    > po' di lavoro in questo senso l'abbiano svolto;
    > io lo trovo meno pesante rispetto ad
    > OO

    apprezabili timidi passi in avanti: prima riscrivono in C meglio sara'.
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito

    > apprezabili timidi passi in avanti: prima
    > riscrivono in C meglio
    > sara'.

    OpenOffice e LibreOffice SONO scritti in C e C++.
    Solo alcune parti sono in Java, e sono opzionali.

    Il problema, che il team di LibreOffice sta già progettando di risolvere, è che OpenOffice contiene ancora migliaia (o milioni) di righe di codice di compatibilità col vecchio StarOffice, che aveva addirittura un suo toolkit per i widget e le finestre e anche un desktop alternativo a Windows.

    Stanno isolando e rimuovendo quelle parti, ma non è un lavoro da 5 minuti. E nemmeno da 5 giorni o 5 settimane. Porterà via mesi di sviluppo.

    Per quanto riguarda l'ottimizzazione, purtroppo è "colpa del mercato". La gente vuole la nuova versione con le nuove funzionalità. Se hai un tempo X a disposizione per farlo puoi usarlo per implementare n nuove funzioni usando pezzi già disponibili e incollandoli insieme, o implementare n/2 nuove funzioni scrivendole quasi da zero, o implementare n/10 nuove funzioni cercando di ottimizzarle al massimo.

    Nel mondo open source si cerca di andare per una via di mezzo: correzione dei bug più importanti e implementazione delle nuove funzioni.
    Si procede un po' più lentamente, ma alla fine di solito la qualità del prodotto è migliore.
    Ma nonostante ciò la gente si lamenta che "OpenOffice non ha le stesse funzioni di Office".

    Allora decidetevi (plurale impersonale): volete che sia in pari con Office (ma allora voglio Office in pari con OOo, che apra anche i suoi file) o volete software di qualità che vi dia il 90% delle funzioni di Office (e il 1000% di quelle che usate di solito)?

    Bye.
    Shu
    1232
  • Tipica considerazione da ignorante...

    Staroffice/OpenOffice/LibreOffice sono più pesanti per due motivi:

    1) il design che prevede Java per plugin e molte funzioni;
    2) libreria di widget proprietaria perché quella di Windows non si può usare poiché non completamente documentata.

    Microsoft al solito si tiene molte undocumented features per impedire di fare programmi potenti e integrati come MS Office. È finita anche in tribunale per questa cosa...

    Quindi gli altri sono costretti a reinventare la ruota.

    Poi non è vero che MSOffice è più leggero. Ogni volta che lo installo su WindowsXP o Seven, il sistema diventa più lento.
    Ma tutto il sistema e anche se non apro MSOffice. Segno che molte componenti di MSOffice vengono precaricate anche se non servono.
    Microsoft spalma le necessità di MSOffice sul resto del sistema, dando l'impressione di un software più leggero e integrato.
    iRoby
    5543
  • >
    > Microsoft al solito si tiene molte undocumented
    > features per impedire di fare programmi potenti e
    > integrati come MS Office. È finita anche in
    > tribunale per questa
    > cosa...
    >
    > Quindi gli altri sono costretti a reinventare la
    > ruota.
    >

    Tanto se non deve girare solo su Windows, la ruota la devi far girare.
    Il rendering con cairo è la più bella novità di Libre.