Mauro Vecchio

Copyright, la SOPA del Belpaese

Approvata la proposta d'emendamento al Decreto legislativo 70/2003 portata alla Camera dall'On. Fava. Gli hosting provider verrebbero obbligati a rimuovere i contenuti illeciti sulla semplice segnalazione di soggetti privati

Roma - A mostrare il segnale di via libera è stata la Commissione Politiche Comunitarie, che ha approvato la proposta d'emendamento al disegno di legge recante "disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee - Legge comunitaria 2011".

Ovvero l'iniziativa presentata alla Camera dei Deputati dall'On. Gianni Fava (Lega Nord), per introdurre una nuova forma di responsabilità a carico dei cosiddetti hosting provider. Che verrebbero in sostanza obbligati a rimuovere determinati contenuti online sulla base delle richieste inviate "dai titolari dei diritti violati dall'attività o dall'informazione".

Apparirebbe una versione tricolore del famigerato Stop Online Piracy Act (SOPA), il disegno di legge anti-pirateria che tante proteste ha scatenato in terra statunitense. Al comma 1-b dell'Articolo 16 - Responsabilità nell'attività di memorizzazione di informazioni, Hosting - del Decreto legislativo 70/2003 verrebbe aggiunta una cruciale precisazione.
"Dopo le parole autorità competenti sono inserite le seguenti: o di qualunque soggetto interessato": spiegando meglio, gli hosting provider si ritroverebbero a dover rimuovere i contenuti illeciti non soltanto su segnalazione delle autorità competenti, ma anche di qualsiasi detentore dei diritti, ovvero un qualsiasi soggetto privato portatore di interessi.

"Si sta, per un verso, ipotizzando di privatizzare la giustizia consentendo a chiunque di ottenere la rimozione di un contenuto dallo spazio pubblico telematico senza neppure passare da un giudice, semplicemente minacciando un fornitore di hosting di un'eventuale azione di responsabilità", ha spiegato l'esperto Guido Scorza.

"Per altro verso, si sta subdolamente cercando di porre a carico dei fornitori di hosting un obbligo di sorveglianza in relazione ai contenuti pubblicati dagli utenti - ha continuato l'avvocato - trasformandoli in sceriffi della Rete, ruolo che non gli compete e che, come ormai universalmente accettato in ambito europeo, è bene non abbiano".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
132 Commenti alla Notizia Copyright, la SOPA del Belpaese
Ordina
  • Come è che questo "signore" viola la sua stessa legge pubblicando sul suo sito web, tramite youtube(!), dei filmati di proprietà intellettuale di LA7, Mediaset e RAI?

    http://www.giannifava.org/it/doc-29-1.aspx

    Prepariamo le segnalazioni da inviare a: http://www.dominiando.it/
    Che si evince essere il suo hoster:
    http://www.whois.net/whois/giannifava.org
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 28 gennaio 2012 23.26
    -----------------------------------------------------------
    Ubunto
    1350
  • E a te chi ha detto che non ha il loro permesso?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alberto
    > E a te chi ha detto che non ha il loro permesso?

    E chi lo deve dire?

    Se un "Giovanni Fava" qualsiasi avesse un video musicale nel suo sito web e la Universal contattasse l'hoster per intimarne la rimozione, chi dovrebbe stabilire che quel video musicale è legittimo o no?

    Sai, perché proprio Universal ha di recente fatto rimuovere un video promozionale da un sito web accampando diritti che non aveva e minacciando "l'hoster".
    E questo è avvenuto in diversi altri casi, addirittura per opere che non avevano alcun copyright.

    D'altronde dovresti capirlo anche da solo che se tu sei un mio piccolo concorrente ed io sono uno grosso ricco e prepotente, con questa legge ti posso fare quello che voglio, anche farti fallire, e al massimo poi, se tu intenti una causa, pago una multa.
    Intanto ti elimino, ti faccio secco. Senza giudici di terze parti a frenare la mia tracotanza.
    Ed il bello è che tutto questo non centra NIENTE con la pirateria o la contraffazione.
    Ubunto
    1350
  • Megaupload, SOPA, SUCA, ACTA, ACTIMEL... non cambierà niente, si passerà ad applicazioni migliori.

    Es: Un client/server P2P Java, integrato nel browser (quindi basta navigare), con protocollo offuscato (non è possibile stabilire se si sta usando p2p o no, quindi niente blocchi a livello di connessione), ibrido su ftp con split e criptazione dei files (gli hoster sarebbero impossibilitati ad identificare i contenuti, quindi Fava/SOPA si ciucciano la fava), e con supporto streaming integrato(megaupload redivivo).

    E per bontà non ho incluso la possibilità di replicare i dati su tutti i nodi della rete (che renderebbe impossibile identificare gli uploaders).

    Tutte queste cose non sono da inventare, esistono già basta metterle assieme e neutralizzano le leggine da due lire pagate delle multinazionali.
    Ubunto
    1350
  • - Scritto da: Ubunto
    > Megaupload, SOPA, SUCA, ACTA, ACTIMEL... non
    > cambierà niente, si passerà ad applicazioni
    > migliori.
    [...]

    Ecco bravo consolati così.

    Ma invece di trovare nuovi modi per aggirare le regole non sarebbe meglio sbattersi e cambiarle?

    No eh?
  • È quello che i "pirati" stanno facendo. Con i fatti, non con le chiacchiere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > È quello che i "pirati" stanno facendo. Con
    > i fatti, non con le
    > chiacchiere.

    Con i fatti sbagliati e scendendo allo stesso livello morale dei "nemici" che professano di voler combattere.

    Ancora una volta, compagno, io disapprovo il "mezzo" non il fine.
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > È quello che i "pirati" stanno facendo.
    > Con
    > > i fatti, non con le
    > > chiacchiere.
    >
    > Con i fatti sbagliati

    Con i fatti che funzionano.

    > e scendendo allo stesso
    > livello morale dei "nemici" che professano di
    > voler
    > combattere.

    Sentirsi moralmente superiore o inferiore non ha mai aiutato a vincere.


    >
    > Ancora una volta, compagno, io disapprovo il
    > "mezzo" non il
    > fine.

    Ma non hai alcun mezzo da proporre in alternativa. Tutto quello che sai proporre è la supina rassegnazione.

    Quando avrai qualcosa di reale da proporre, ti ascolteremo. Nel frattempo, taci.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > - Scritto da: Ubunto
    > > Megaupload, SOPA, SUCA, ACTA, ACTIMEL... non
    > > cambierà niente, si passerà ad applicazioni
    > > migliori.
    > [...]
    >
    > Ecco bravo consolati così.

    Non è una questione di consolarsi, la mia è una riflessione su come si evolveranno le cose.

    Rispetto alla legge c'era prima una generale indifferenza? E tu credi che corrompendo chi legifera per approvare leggi abusive si ottenga qualcosa?
    Guarda che l'abuso di sopa/pipa/acta non è di poco conto, perché fornendo strumenti esecutivi direttamente ad un soggetto coinvolto, pone l'interesse particolare di un privato sia su quello di altri privati, sia su quello della collettività: senza alcuna garanzia di imparzialità, e con evidenti previsioni di utilizzo speculativo delle norme.

    Se rispetto alle basi democratiche quelle leggi sono eversive (e lo sono), è un DOVERE violarle.

    > Ma invece di trovare nuovi modi per aggirare le
    > regole non sarebbe meglio sbattersi e
    > cambiarle?
    >
    > No eh?

    Anche.
    Ubunto
    1350
  • - Scritto da: Ubunto
    [...]
    > Rispetto alla legge c'era prima una generale
    > indifferenza? E tu credi che corrompendo chi
    > legifera per approvare leggi abusive si ottenga
    > qualcosa?

    No anzi. Personalmente condanno la corruzione e non approvo minimamente le modalità con cui le major si muovono calpestando tutto e tutti in nome del profitto. Ritengo che stiano facendo dei grossi danni, ad esempio con le pressioni per prolungare ogni oltre limite etico la durata del copyright.

    [...]
    > Se rispetto alle basi democratiche quelle leggi
    > sono eversive (e lo sono), è un DOVERE
    > violarle.

    Questo non lo condivido.
    E' un dovere violare le leggi che calpestano i diritti fondamentali. Queste leggi qui vanno combattute con mezzi legali e cambiate.

    Al limite il "non fruire" può essere una scelta accettabile.

    >
    > > Ma invece di trovare nuovi modi per aggirare
    > le
    > > regole non sarebbe meglio sbattersi e
    > > cambiarle?
    > >
    > > No eh?
    >
    > Anche.

    Non sono d'accordo. Ma rispetto la tua opinione (finchè non la tramuti in azioni, ovviamente)Occhiolino
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > - Scritto da: Ubunto
    > [...]
    > > Rispetto alla legge c'era prima una generale
    > > indifferenza? E tu credi che corrompendo chi
    > > legifera per approvare leggi abusive si
    > ottenga
    > > qualcosa?
    >
    > No anzi. Personalmente condanno la corruzione e
    > non approvo minimamente le modalità con cui le
    > major si muovono calpestando tutto e tutti in
    > nome del profitto. Ritengo che stiano facendo dei
    > grossi danni, ad esempio con le pressioni per
    > prolungare ogni oltre limite etico la durata del
    > copyright.
    >
    > [...]
    > > Se rispetto alle basi democratiche quelle
    > leggi
    > > sono eversive (e lo sono), è un DOVERE
    > > violarle.
    >
    > Questo non lo condivido.
    > E' un dovere violare le leggi che calpestano i
    > diritti fondamentali. Queste leggi qui vanno
    > combattute con mezzi legali e cambiate.
    >
    >
    > Al limite il "non fruire" può essere una scelta
    > accettabile.
    >
    > >
    > > > Ma invece di trovare nuovi modi per
    > aggirare
    > > le
    > > > regole non sarebbe meglio sbattersi e
    > > > cambiarle?
    > > >
    > > > No eh?
    > >
    > > Anche.
    >
    > Non sono d'accordo. Ma rispetto la tua opinione
    > (finchè non la tramuti in azioni, ovviamente)
    >Occhiolino

    gne gne gne
    non+autenticato
  • - Scritto da: Basta Pirateria

    >
    > [...]
    > > Se rispetto alle basi democratiche quelle
    > leggi
    > > sono eversive (e lo sono), è un DOVERE
    > > violarle.
    >
    > Questo non lo condivido.
    > E' un dovere violare le leggi che calpestano i
    > diritti fondamentali. Queste leggi qui vanno
    > combattute con mezzi legali e cambiate.
    >
    Durante il fascismo chi si e opposto civilmente che fine ha fatto ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: egotron
    [...]
    > Durante il fascismo chi si e opposto civilmente
    > che fine ha fatto
    > ?

    Vuoi davvero paragonare il diritto di ribellarsi ad un regime totalitario con quello di scaricare gratis le canzonette del momento?
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > - Scritto da: egotron
    > [...]
    > > Durante il fascismo chi si e opposto
    > civilmente
    > > che fine ha fatto
    > > ?
    >
    > Vuoi davvero paragonare il diritto di ribellarsi
    > ad un regime totalitario con quello di scaricare
    > gratis le canzonette del
    > momento?
    Si le major SONO (E') un regime totalitario .
    non+autenticato
  • Perchè io, per stare a riparo da eventuali denuncie intimidatorie non fondate, non dovrei affidarmi ad un servizio di hosting estero, qualora passasse questa aberrazione?
    non+autenticato
  • Ma sei lo stesso carlo che ha postato nei giorni scorsi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Carlo
    > Perchè io, per stare a riparo da eventuali
    > denuncie intimidatorie non fondate, non dovrei
    > affidarmi ad un servizio di hosting estero,
    > qualora passasse questa aberrazione?

    Il caso Mega dimostra che non saresti assolutamente al sicuro neanche in quel caso.
    krane
    22544
  • Forse questa è la sua pagina Facebook dove poter scambiare qualche opinione direttamente con lui. https://www.facebook.com/giannifavapermantova
    non+autenticato
  • ... che i servizi di hosting non sono quattro ragazzetti che condividono su eMule un serverino carico di film e musica, che quindi vengono spazzati via al primo soffio del lupo cattivo, ma sono servizi perfettamente legali, spesso di rilevanza mondiale e con forti introiti e che quindi hanno avvocati , i quali possono prendere le accuse, rivoltarle e far passare dei brutti momenti al privato che si sognasse di denunciarli.
    Come se i tribunali in italia avessero poco lavoro..
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)