Claudio Tamburrino

iBooks, licenza aggiornata

Corrette le clausole discusse: forse davvero il frutto di un avvocato troppo scrupoloso e non di un'esplicita scelta commerciale. I libri restano degli autori

Roma - Apple ha aggiornato le clausole dell'accordo di licenza di iBooks Author che tanto avevano fatto discutere.

A preoccupare era in particolare il fatto che iBooks Author, l'app che dà agli utenti iOS la possibilità di creare i propri ebook multimediali, imponesse la vendita esclusivamente via iBookstore. Fermo restando che non poneva ostacoli tecnici al salvataggio di un file sul proprio computer per farne ciò che si vuole.

La nuova formulazione dell'EULA (End User License Agreement) di iBooks Author specifica l'intenzione di vedere i contenuti prodotti attraverso l'app distribuiti con iBookstore, ma altresì chiarisce che Apple non esige esclusive di sorta, né sul prodotto finale né tanto meno sui contenuti impiegati in esso.
Ora nella licenza d'uso si dice che l'obbligo di distribuire via iBookstore sussiste nel caso in cui si voglia vendere il risultato del lavoro fatto con l'app se questo include file in formato.ibooks. Inoltre si specifica altresì che tale restrizione non verrà applicata al contenuto vero e proprio di tale lavoro se distribuito con formati diversi dal .ibooks e che naturalmente restano in capo all'autore.

Come ipotizzano inizialmente da qualcuno, insomma, la formulazione originale sembra essere stato più il frutto di un eccesso di zelo da parte di qualche avvocato Apple che la manifestazione da parte di Cupertino dell'intenzione di campare diritti non solo sul software utilizzato dagli utenti, ma altresì sui prodotti realizzati con tale software. Una rivendicazione che avrebbe calcato la mano sulla materia stessa del diritto d'autore.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàApple e l'EULA che voleva troppoNell'accordo di licenza di iBooks Author rivendica diritti non solo sul software ma anche sui lavori creati con esso. Una pretesa eccessiva, visto che si parla pure di libri scolastici?
  • AttualitàLa nicchia di iBooksdi D. Galimberti - Apple propone la sua soluzione per l'editoria digitale. BasterÓ la novitÓ a far dimenticare i limiti della piattaforma? O la conoscenza sarÓ resa libera?
18 Commenti alla Notizia iBooks, licenza aggiornata
Ordina
  • Io lo avevo detto....

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3405461&m=340...

    Ma sono solo io tanto intelligente da capire quello che leggo dentro una licenza, oppure c'è voglia di trollare e farsi sentire sfruttando il nome Apple?

    Tra l'altro Apple in nessuno modo potrebbe reclamare i diritti dell'opera tramite l'uso di un software, se ci avesse veramente provato sarebbe finita subito in tribunale o peggio dentro una class action, sempre che la clausola non fosse stata ritenuta vessatoria e quindi non valida automaticamente per legge....

    La gente non sa proprio di che parla...

    Fan AppleFan Linux
  • Pensa che FaceBook si tiene i diritti dei tuoi dati. Anche delle tue foto.
    Una volta che hai firmato hai poco di che lamentarti.

    PS: c'era puffo Quattrocchi che dicevo "io l'avevo detto" e "che è meglio". Fai un po' tu come era amato dagli altri puffi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: hermanhesse quello Tost0
    >
    > PS: c'era puffo Quattrocchi che dicevo "io
    > l'avevo detto" e "che è meglio". Fai un po' tu
    > come era amato dagli altri
    > puffi...

    Nelle avventure di Wheelie (macchinina tipo maggiolino) c'era la gang di chopper, truzzissime moto custom che cercavano sempre di rovinargli la giornata, findendo regolarmente male. E alla fine, nel disastro, c'era il più piccolo, Motorino, che diceva: "Te l'avevo detto io, te l'avevo detto io!" "Lo so!" "Te l'avevo detto io! Te l'avevo detto io!" "Tappati lo scappamento" e via così a ogni puntata Sorride
    Izio01
    4368
  • Hai ragione! Mi ricordo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: hermanhesse quello Tost0
    >
    > Pensa che FaceBook si tiene i diritti dei tuoi
    > dati. Anche delle tue foto.
    > Una volta che hai firmato hai poco di che
    > lamentarti.

    in realtà gli concedi il diritto di usare tali contenuti, non è che ne diventano proprietari

    brutta cosa in ogni caso, infatti finché riesco ne sto fuori, ovviamente non solo per questo motivo dato che basterebbe non pubblicare nulla di troppo personale

    > PS: c'era puffo Quattrocchi che dicevo "io
    > l'avevo detto" e "che è meglio". Fai un po' tu
    > come era amato dagli altri
    > puffi...

    si ma questo villaggio è composto perlopiù da puffi Tontolone A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: hermanhesse quello Tost0
    > >
    > > Pensa che FaceBook si tiene i diritti dei
    > tuoi
    > > dati. Anche delle tue foto.
    > > Una volta che hai firmato hai poco di che
    > > lamentarti.
    >
    > in realtà gli concedi il diritto di usare tali
    > contenuti, non è che ne diventano
    > proprietari

    Sì, puoi usarli tu. E possono usarli loro.
    Poi trovi tuo figlio sul barattolo di Nutella e ti chiedi come sia possibile (iperbole, ovviamente).

    >
    > brutta cosa in ogni caso, infatti finché riesco
    > ne sto fuori, ovviamente non solo per questo
    > motivo dato che basterebbe non pubblicare nulla
    > di troppo
    > personale

    Io invece ci sto dentro ma con le dovute precauzioni.

    >
    > > PS: c'era puffo Quattrocchi che dicevo "io
    > > l'avevo detto" e "che è meglio". Fai un po'
    > tu
    > > come era amato dagli altri
    > > puffi...
    >
    > si ma questo villaggio è composto perlopiù da
    > puffi Tontolone
    >A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: hermanhesse quello Tost0
    > Pensa che FaceBook si tiene i diritti dei tuoi
    > dati. Anche delle tue
    > foto.
    > Una volta che hai firmato hai poco di che
    > lamentarti.

    Non ne diventa proprietario, gli concedi i diritti di utilizzarla come vogliono (bruttisima cosa uguale).


    > PS: c'era puffo Quattrocchi che dicevo "io
    > l'avevo detto" e "che è meglio". Fai un po' tu
    > come era amato dagli altri
    > puffi...

    Qui invece è pieno di boccaloni che ascoltano cosa gli dice il cuggino... fai tu...

    Fan AppleFan Linux
  • - Scritto da: hermanhesse quello Tost0
    > Pensa che FaceBook si tiene i diritti dei tuoi
    > dati. Anche delle tue foto.

    Ma che stai addì?
    Facebook si prende il diritto di usarli, mica ne può disporre in modo esclusivo perché ne diventa proprietaria.
    non+autenticato
  • Diciamo che c'hanno provato, li hanno sgamati e hanno dovuto fare marcia indietro. Se era per voi fanatici sarebbe andata diversamente...

    next product: iBreadMachine: pane fatto in casa, ma lo devi vendere esclusivamente attraverso l'Apple Bread Store, pure se te lo vuoi consumare da soloCon la lingua fuori
    Funz
    13000
  • - Scritto da: Funz
    > Diciamo che c'hanno provato, li hanno sgamati e
    > hanno dovuto fare marcia indietro.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Clausola_vessatoria

    Negli USA sono ancora più stringenti e quindi inefficaci per legge

    http://en.wikipedia.org/wiki/Unfair_Terms_in_Consu...

    shall not be binding upon the consumer


    Chiaro? Una interpretazione come quella data da te e quei 4 troll anti-Apple sarebbe stata vessatoria "unfair term" e quindi non valida automaticamente per legge....

    Quindi non puoi dire "ci hanno provato" perché qualunque avvocato o persona che si intenda di diritto sa benissimo che non poteva essere così PER LEGGE, quindi inutile provarci.

    > Se era per voi
    > fanatici sarebbe andata
    > diversamente...

    Confermo, la gente non sa proprio di che parla... e qui di fanatico ci sei solo tu.

    Fan AppleFan Linux
  • - Scritto da: FinalCut

    > Quindi non puoi dire "ci hanno provato" perché
    > qualunque avvocato o persona che si intenda di
    > diritto sa benissimo che non poteva essere così
    > PER LEGGE, quindi inutile
    > provarci.

    Vuoi dire che in Apple le licenze non le fanno scrivere agli avvocati?
    Chi le scrive allora?
    La donna che pulisce gli uffici a Cupertino?

    > Confermo, la gente non sa proprio di che parla...
    > e qui di fanatico c'è solo FinalCut
    non+autenticato
  • ma si, una capro espiatorio si trova sempre. basta pagare.
    non+autenticato
  • ...che sarà possibile preparare il materiale come si vuole (potenzialmente anche un .doc) importare in iBooks per la vendita sullo store di Apple (ottenendo una versione che si vede al meglio sull'iPad) e preparare altri formati per gli altri tablet (dove si potrebbe vedere in modo meno ottimizzato).

    IMHO cade tutta la polemica sui formati proprietari e altre menate che si erano scatenate nell'articolo di settimana scorsa sulla "nicchia" di iBooks
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hermann Hesse
    > ...che sarà possibile preparare il materiale come
    > si vuole (potenzialmente anche un .doc) importare
    > in iBooks per la vendita sullo store di Apple
    > (ottenendo una versione che si vede al meglio
    > sull'iPad) e preparare altri formati per gli
    > altri tablet (dove si potrebbe vedere in modo
    > meno
    > ottimizzato).
    >
    > IMHO cade tutta la polemica sui formati
    > proprietari e altre menate che si erano scatenate
    > nell'articolo di settimana scorsa sulla "nicchia"
    > di
    > iBooks
    Non ho minimamente provato, ma non è sempre stato così? prima scrivi il libro, poi lo importi e lo pubblichi