Roberto Pulito

Il ritorno dal basso dell'avventura grafica

Tim Schafer e Ron Gilbert, storici guru del punta&clicca, raccolgono fondi per realizzare un nuovo gioco dal sapore classico. E in poche ore fanno il pienone di dollari e consensi

Roma - Anche se le avventure punta & clicca sono una rarità nello scenario videoludico attuale, Double Fine non ha alcuna intenzione di farle estinguere. La software house fondata da Tim Schafer, game designer che lavorò ai primi due capitoli di Monkey Island, ha chiesto aiuto direttamente ai nostalgici, mettendo in piedi una colletta per bypassare i consueti canali produttivi.

Il tentativo per la raccolta fondi doveva durare un mese, ma la cifra di 400.000 dollari stimata per la realizzazione del videogame è stata raggiunta e superata in pochissime ore, grazie alla calorosa partecipazione degli appassionati che probabilmente preferiscono le riflessive avventure grafiche rispetto agli action moderni.

In realtà, occorre sottolineare che c'erano anche dei preziosi "bonus" per chi contribuiva con grosse somme alla colletta sulla pagina di kickstarter.com. Tra foto autografate, cene e partite di bowling insieme ai guru Double Fine. Donando 15 dollari si pre-ordinava una copia del gioco da scaricare via Steam, ma con 50.000 dollari ci si aggiudicava la possibilità di passare alla storia, diventando un personaggio virtuale presente nell'adventure.
Al momento Schafer non ha svelato nulla riguardo questo nuovo progetto dal sapore classico, ma si sa già che a bordo c'è anche il mitico Ron Gilbert, vecchio compagno di "avventure" alla LucasArts che ideò il noto motore grafico SCUMM.

Roberto Pulito
Notizie collegate
  • Digital LifeVideogiochi, avvertenza: potrebbero causare dipendenzaUno studio dimostra una correlazione tra utilizzo dei videogiochi e aumento dell'attività dei centri cerebrali di ricompensa, responsabili delle dipendenze. Ma non è possibile determinare il rapporto causale
  • TecnologiaDoom 3 per tuttiCarmack risolve il problema tecnico-legale e distribuisce gratuitamente il codice sorgente del gioco. A 7 anni di distanza, id Tech 4 resta un engine da studiare
53 Commenti alla Notizia Il ritorno dal basso dell'avventura grafica
Ordina
  • Per comparire, come personaggio, all'interno di un videogioco.
    Questa dovevo ancora leggerlo.
    Dati i tempi ridottissimi in cui la cifra è stata raccolta, direi che di personaggi ce ne sono almeno 3-4.

    GT
  • Nel kickstarter si parla di un posto solo per chi offrva 10000 dollari o più
    http://www.kickstarter.com/projects/66710809/doubl...
    non+autenticato
  • mezzucci da chi ormai non ha più nulla da offrire al mondo dei videogiochi e campa di rendita, sono abbastanza sicuro che sto gioco non vedrà mai la luce...

    c'è anche chi ti fa comparire nel gioco gratis, vedi la Radical che ha indetto un concorso con cui vincevi un viaggio da loro e creavano il tuo personaggio su Prototype 2 e avevi l'onore di finire maciullato da Mercer o Heller, tutto questo gratis solo a scopo pubblicitario
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > mezzucci da chi ormai non ha più nulla da offrire
    > al mondo dei videogiochi e campa di rendita, sono
    > abbastanza sicuro che sto gioco non vedrà mai la
    > luce...

    > c'è anche chi ti fa comparire nel gioco gratis,
    > vedi la Radical che ha indetto un concorso con
    > cui vincevi un viaggio da loro e creavano il tuo
    > personaggio su Prototype 2 e avevi l'onore di
    > finire maciullato da Mercer o Heller, tutto
    > questo gratis solo a scopo pubblicitario

    Messa cosi' puzza proprio di invidia sai ?
    Rotola dal ridere
    krane
    22544
  • Io in un videogioco ci sono già comparso, anni fa c'era un programma per creare avventure punta-e-clicca usando fotografie come facce dei personaggi! Sorride

    - Scritto da: Guybrush
    > Per comparire, come personaggio, all'interno di
    > un
    > videogioco.
    > Questa dovevo ancora leggerlo.
    > Dati i tempi ridottissimi in cui la cifra è stata
    > raccolta, direi che di personaggi ce ne sono
    > almeno
    > 3-4.
    >
    > GT
  • Iniziativa molto intelligente e soprattutto molto bella per noi appassionati di giochi "veri"!Sorride

    Però io sostengo da sempre che le migliori avventure sono quelle "semigrafiche" della Sierra, come il primo Larry, i primi due Space Quest e così via. Avventure dove "muovevi l'omino", ma dovevi anche scrivere a manina cosa volevi fare, come nelle vecchie e intramontabili avventure testuali.

    Tra l'altro alcuni di quei giochi ora sono on line in una versione JavaScript:
    http://sarien.net/
    non+autenticato
  • Grazie, ma perché l'hai segnalato a me?
    non+autenticato
  • Sai chi è il tizio nella foto insieme a Schafer?
    non+autenticato
  • grande iniziativa...e speriamo seriamente che pensino anche a noi poveri Linuxxari!!!!!!!! Sperem sperem!!!!...
    non+autenticato
  • Beh, per i giochi di quel tipo basta usare gli emulatori, a meno che non usino librerie moderne strafighe... ma in questo caso, dubito che si sarebbero accontentati di quella cifra.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sutter Kaine
    > grande iniziativa...e speriamo seriamente che
    > pensino anche a noi poveri Linuxxari!!!!!!!!
    > Sperem
    > sperem!!!!...

    Lo vende su Steam che funziona solo per Windows.
    non+autenticato
  • Leggete bene la FAQ:

    Q: What about Android or Linux?

    A: Those are possible too! It all depends on how much money we can raise.

    E visto che viaggiano sul 400% della cifra originale richiesta, mi pare che sia una possibilità concreta!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dave V
    > Leggete bene la FAQ:
    >

    Le avevo già lette, se vuoi ti mostro negli ultimi 10 anni quante volte sono state promesse delle versioni per linux per programmi e plugin, per poi non farne niente. Per ora l'unica cosa sicura è questa:
    STEAM->WINDOWS
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > - Scritto da: Dave V
    > > Leggete bene la FAQ:
    > >
    >
    > Le avevo già lette, se vuoi ti mostro negli
    > ultimi 10 anni quante volte sono state promesse
    > delle versioni per linux per programmi e plugin,
    > per poi non farne niente. Per ora l'unica cosa
    > sicura è
    > questa:
    > STEAM->WINDOWS

    ci sta anche per mac
    Sgabbio
    26178
  • Pensate se proprio un Tim Schafer sfornasse una nuova meraviglia che però può girare su residualvm, come il suo Grim Fandango fa da qualche mese (e lui ne frequenta perfino il forum!)
    La Double Fine Productions non dovrebbe nemmeno più porsi il problema della portabilità, basta vedere su quali e quanti sistemi gira quell'engine Occhiolino
    A quel punto basterebbe vendere il gioco senza eseguibile, il resto lo ha già fatto la squadra di residualvm.
  • Ad onor del vero, non è Tim che frequenta il forum, ma Bret Mogilefsky, lo sviluppatore dell'engine originale.
    non+autenticato
  • Sul web si trovano centinaia di giochi punta-e-clicca in flash: costituiscono il genere "scappa dalla stanza" (o "room escape", in inglese), e sono delle vere e proprie avventure grafiche punta-e-clicca, solo più brevi.

    In genere, la trama è molto semplice: il protagonista non è particolarmente eroico (niente Indiana Jones, quindi), e non sta cercando di salvare il mondo, ma solo di svolgere le sue normali attività quotidiane, quando, per qualche motivo, si ritrova intrappolato da solo in un locale (ad esempio, un ascensore, un bagno, un ufficio...).
    L'obbiettivo è, semplicemente, uscire. Per farlo, il giocatore deve raccogliere gli oggetti che trova (che sono oggetti di uso comune: cacciavite, forbici, calamita, cd, chiave...)

    Quindi, è facile immedesimarsi nel protagonista, perchè le sue sono (dis)avventure che potrebbero capitare a ognuno di noi, e che si possono affrontare con oggetti che tutti noi abbiamo in casa.

    Un esempio può essere: sei bloccato in ascensore, il pulsante di allarme non funziona, il telefono non prende.
    Guardi per terra, trovi una moneta e un pezzo di carta stagnola. Usi la moneta per togliere delle viti sul pannello, vedi un fusibile bruciato. Prendi il fusibile, usi la carta stagnola sul fusibile, rimetti il fusibile a posto. E così via.

    Di solito questi giochi durano poco (quindi, vanno bene per i casual gamer, a differenza delle classiche avventure grafiche che richiedevano giorni o mesi per essere risolti). Realizzarle non è difficile (le prime animazioni interattive mai realizzate in flash erano già così, con un po' di oggetti cliccabili che attivavano diversi eventi), la grafica non è particolarmente complessa (le schermate sono poche, visto che l'ambiente di gioco è una stanza sola: tipicamente ci sono le inquadrature delle quattro pareti, del soffitto, del pavimento, e di qualche anfratto sotto i mobili), basta semplicemente avere un po' di inventiva.

    Qualche esempio:
    http://nuovigiochiscappadallastanza.blogspot.com/

    http://www.escapegames24.com/
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Sul web si trovano centinaia di giochi
    > punta-e-clicca in flash: costituiscono il genere
    > "scappa dalla stanza" (o "room escape", in
    > inglese), e sono delle vere e proprie avventure
    > grafiche punta-e-clicca, solo più brevi.

    > In genere, la trama è molto semplice: il
    > protagonista non è particolarmente eroico (niente
    > Indiana Jones, quindi), e non sta cercando di
    > salvare il mondo, ma solo di svolgere le sue
    > normali attività quotidiane, quando, per qualche
    > motivo, si ritrova intrappolato da solo in un
    > locale (ad esempio, un ascensore, un bagno, un
    > ufficio...).

    AnnoiatoAnnoiatoAnnoiato

    E sara' proprio la noia data da questi giochi che avra' fatto venire voglia di un'avventura punta e clicca VERA !!
    krane
    22544
  • Ma sì, il concetto è lo stesso di tante avventure testuali, solo che sono grafiche. Però non le amo. Sarà perché quelle che ho visto erano poco originali, o sarà perché non ho ancora capito cos'abbia Flash più della riga di comando...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)