Claudio Tamburrino

Intel, accordo con l'antitrust

6,5 milioni di dollari per appianare la causa che nello stato di New York la vedeva accusata di pressioni nei confronti dei produttori di PC

Roma - Intel ha raggiunto un accordo per appianare la causa antitrust che era stata avviata nei suoi confronti dal procuratore generale di New York Andrew Cuomo.

Il chipmaker pagherà una multa da 6,5 milioni di dollari, cifra non particolarmente elevata rispetto alle sue trimestrali.

Il caso era stato aperto nel 2009 per investigare su alcuni comportamenti dubbi da parte di Santa Clara: secondo l'accusa avrebbe fatto alcune offerte vicine all'illecito affinché i produttori di PC impiegassero i suoi chip a discapito di quelli della concorrenza. (C.T.)
Notizie collegate
  • AttualitàIntel, i processi non finiscono maiNuovo procedimento antitrust nei confronti di Intel. Stavolta è il procuratore generale di New York ad accusarla. E all'orizzonte anche l'azione della FTC
  • BusinessIntel e antitrust USA, c'è l'accordoSanta Clara e FTC raggiungono l'intesa e il chipmaker può mettersi l'anima in pace: la causa antitrust si conclude con una piccolissima multa e vincoli molto precisi in merito alle proprie pratiche commerciali
  • BusinessAccordo Intel-AMD, il day afterArchiviata la storica intesa dei due grandi produttori di microprocessori, si pensa ora a valutare le possibili conseguenze sul mercato e per le aziende coinvolte. Sui cui destini incombono incognite ancora tutte da soppesare
2 Commenti alla Notizia Intel, accordo con l'antitrust
Ordina