Claudio Tamburrino

Apple contro quel che rimane di Kodak

Nonostante la bancarotta, Cupertino chiede i resti: punta dritta dritta ai settori su cui Kodak vorrebbe continuare a lavorare

Roma - Apple ha chiesto al giudice che si occupa della procedura di bancarotta di Eastman Kodak il permesso per proseguire in giudizio contro l'azienda, accusata di violare brevetti relativi a tecnologie impiegate in stampanti, macchine fotografiche e cornici digitali, proprio i prodotti su cui l'azienda famosa per la pellicola fotografica vorrebbe ora concentrarsi.

Dal momento che Kodak ha aderito alle procedure di bancarotta assistita prevista dal Chapter 11 della normativa statunitense, infatti, per procedere Apple ha bisogno del via libera del giudice.

Il fronte brevettuale è stato aperto da Kodak che, tramite il suo portafoglio, ha cercato di ottenere una serie di licenze utili a incrementare i suoi introiti: così negli ultimi anni ha denunciato Apple (due volte), RIM, Motorola, Nokia, Samsung (due denunce), Fujifilm, LG, Sharp, HTC e Sony. (C.T.)
Notizie collegate
  • BusinessKodak, l'ultimo scattoIl gigante della fotografia abbandonerà definitivamente la produzione di macchine compatte e videocamere. E' la fine di un'era durata più di 130 anni. Gli sforzi di business si concentreranno ora sulle stampanti
  • BusinessCiribiriciao, KodakDepositate le carte per richiedere la procedura di bancarotta controllata. La pellicola abdica definitivamente al digitale? Le rivendicazioni brevettuali sembrano dimostrarlo, l'ultima contro Samsung
8 Commenti alla Notizia Apple contro quel che rimane di Kodak
Ordina