Roberto Pulito

Lunga vita ai vecchi Windows

Microsoft cambia politica e prende tempo prolungando il supporto per Windows 7, Vista e XP. La nuova generazione può attendere?

Roma - A quanto pare l'arrivo del nuovo Windows 8 non manderà in pensione alcun sistema operativo. Con una mossa a sorpresa Microsoft avrebbe infatti aggiornato i cicli di supporto per Windows 7, Windows Vista e Windows XP, e da quest'anno si ritroverà a supportare tutte e quattro le versioni del software.

La notizia non è stata ancora divulgata ufficialmente, ma la pagina del supporto Microsoft giapponese già conferma le nuove "date di scadenza". Il supporto di Windows 7 durerà altri otto anni, fino al 14 gennaio 2020. Vista sarà aggiornato fino al giorno 11 aprile del 2017, mentre le patch per XP usciranno fino all'8 aprile del 2014. La policy del supporto esteso, riservata ai clienti aziendali, viene quindi applicata alle versioni consumer dell'OS.

Come noto, il nuovo Windows 8 è pensato più per cambiare le vecchie abitudini degli utenti che per adeguarvisi ma il colosso di Redmond non forzerà il passaggio alla nuova generazione, lasciando attiva la possibilità di acquistare una copia di Seven ancora per un paio d'anni. Poi, dal 2014, il sistema uscirà ufficialmente fuori catalogo.
Per Windows XP, storico sistema uscito nel lontano 2001, si tratta di record assoluto. Microsoft continuerà a rilasciare fix di sicurezza per la versione Service Pack 3 ancora per due anni, ma ovviamente il vecchio OS non compirà altri passi in avanti e non potrà far girare novità come Internet Explorer 10.

Roberto Pulito
Notizie collegate
  • TecnologiaWindows: OS che vanno, OS che vengonoSecondo gli analisti l'entusiasmo per il nuovo sistema Microsoft non è alle stelle. Mentre il vecchio XP continua a girare su un terzo di tutti i PC
  • HardwareSpeciale/ Perché Windows 8Il nuovo sistema operativo come un punto di non ritorno. E, per una volta, pensato più per cambiare le abitudini degli utenti che per adeguarsi. Ma dov'è finito Steve Ballmer?
182 Commenti alla Notizia Lunga vita ai vecchi Windows
Ordina
  • Finalmente una buona notizia, dopo tanta crisi ci voleva!
    non+autenticato
  • Io ho sviluppato negli anni passati un'applicazione sotto DOS, poi l'ho portata, ovviamente sotto Windows, fino a Windows7.
    Ci volete credere? alcuni utenti mantengono dei computer con DOS nativo per poter usare la mia applicazione e si rifiutano di passare a Windows.
    Dicono che funziona così bene che non vogliono correre i rischi impliciti nell'upgrading (e non so dar loro torto!).
    Dal punto di vista del mio marketing e dei miei introiti è un fallimento completo. Però sono soddisfatto ugualmente.
  • Hai pensato di installargliela su dosbox?
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Hai pensato di installargliela su dosbox?

    E perchè mai di grazia?
  • - Scritto da: elioculot
    > Io ho sviluppato negli anni passati
    > un'applicazione sotto DOS, poi l'ho portata,
    > ovviamente sotto Windows, fino a
    > Windows7.
    > Ci volete credere? alcuni utenti mantengono dei
    > computer con DOS nativo per poter usare la mia
    > applicazione e si rifiutano di passare a
    > Windows.
    > Dicono che funziona così bene che non vogliono
    > correre i rischi impliciti nell'upgrading (e non
    > so dar loro
    > torto!).
    > Dal punto di vista del mio marketing e dei miei
    > introiti è un fallimento completo. Però sono
    > soddisfatto
    > ugualmente.

    Fatti furbo, portala (se puoi) su Windows, aggiungi una bella interfaccia grafica e proponi aggiornamenti (inutili) annuali! Con MS Office ha funzionato bene...A bocca aperta
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > - Scritto da: elioculot
    > > Io ho sviluppato negli anni passati
    > > un'applicazione sotto DOS, poi l'ho portata,
    > > ovviamente sotto Windows, fino a
    > > Windows7.
    > > Ci volete credere? alcuni utenti mantengono
    > dei
    > > computer con DOS nativo per poter usare la
    > mia
    > > applicazione e si rifiutano di passare a
    > > Windows.
    > > Dicono che funziona così bene che non
    > vogliono
    > > correre i rischi impliciti nell'upgrading (e
    > non
    > > so dar loro
    > > torto!).
    > > Dal punto di vista del mio marketing e dei
    > miei
    > > introiti è un fallimento completo. Però sono
    > > soddisfatto
    > > ugualmente.
    >
    > Fatti furbo, portala (se puoi) su Windows,
    > aggiungi una bella interfaccia grafica e proponi
    > aggiornamenti (inutili) annuali! Con MS Office ha
    > funzionato bene...
    >A bocca aperta

    :DA bocca apertaA bocca aperta ogni tanto cambi la posizione delle voci nei menu a tendina, colori....stravolgi un po' la gui, metti un bel logo a piastrelle che tanto va di moda ..magari BLUA bocca apertaA bocca aperta
  • Beh, potresti provare a convincerli a passare a Linux, e portare la tua applicazione su quel sistema. Le librerie grafiche sono semplici, e se non vuoi usarle puoi sempre lasciarla su riga di comando, usando una libreria come nCurses.
    Oppure portala in PHP se è scritta in C, o in Gambas se è in Basic.

    Per curiosità, che applicazione è?
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno nessuno
    > Beh, potresti provare a convincerli a passare a
    > Linux, e portare la tua applicazione su quel
    > sistema. Le librerie grafiche sono semplici, e se
    > non vuoi usarle puoi sempre lasciarla su riga di
    > comando, usando una libreria come
    > nCurses.
    > Oppure portala in PHP se è scritta in C, o in
    > Gambas se è in
    > Basic.
    >
    > Per curiosità, che applicazione è?

    esatto! casomai usi zenity per i dialog box che è ottimo..cosi' non devi nemmeno romperti troppo le scatole con le librerie grafiche, e l'ossatura del programma la mantieni contenuto all'interno di uno script bash
  • Beh, però, in quel modo lo obblighi ad avere X11 Sorride

    Se usasse Dialog, anzichè zenity/kdialog, potrebbe usarlo sia attraverso un emulatore di terminale che attraverso un ambiente privo di X11 (anche, e soprattutto, da remoto) Occhiolino
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: Darwin
    > Beh, però, in quel modo lo obblighi ad avere X11
    >Sorride
    >
    > Se usasse Dialog, anzichè zenity/kdialog,
    > potrebbe usarlo sia attraverso un emulatore di
    > terminale che attraverso un ambiente privo di X11
    > (anche, e soprattutto, da remoto)
    >Occhiolino

    veroA bocca aperta
    dialog è ampiamente utilizzato..specialmente negli script dei vari installer

    ma davo per partito preso che avrebbe voluto farla ...grafica!A bocca aperta
  • - Scritto da: uno nessuno
    > Beh, potresti provare a convincerli a passare a
    > Linux, e portare la tua applicazione su quel
    > sistema. Le librerie grafiche sono semplici, e se

    E cosa gliene verrebbe in tasca a parte la probabile perdita del cliente alla prima sminchiata di linux (ovvero 5 minuti dopo averlo installato)?
    non+autenticato
  • - Scritto da: elioculot
    > Io ho sviluppato negli anni passati
    > un'applicazione sotto DOS, poi l'ho portata,
    > ovviamente sotto Windows, fino a
    > Windows7.
    > Ci volete credere? alcuni utenti mantengono dei
    > computer con DOS nativo per poter usare la mia
    > applicazione e si rifiutano di passare a
    > Windows.
    > Dicono che funziona così bene che non vogliono
    > correre i rischi impliciti nell'upgrading (e non
    > so dar loro
    > torto!).
    > Dal punto di vista del mio marketing e dei miei
    > introiti è un fallimento completo. Però sono
    > soddisfatto
    > ugualmente.

    Nessun dubbio.
    C'è gente che usa ancora i trapani a mano ....
    E comunque ci sono ancora installazioni industriali con freedos, mentre io ancora realizzo server low cost per gente che possiede delle vecchie versioni di 2000 server con applicazioni sviluppate per quei server.
    E che girano con versioni oblosete di Access, la cui conversione costerebbe troppo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > Android gli fa un baffo Rotola dal ridere

    Bhe ottio, non è cosi tanto deframmentato alla fine, visto che la baste tecnologica di vista, 7 e il futuro 8 e la stessa.

    Senza offessa, ma pure apple supporta ancora le vecchie versioni del suo sistema operativo.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Android gli fa un baffo Rotola dal ridere
    >
    > Bhe ottio, non è cosi tanto deframmentato alla
    > fine, visto che la baste tecnologica di vista, 7
    > e il futuro 8 e la
    > stessa.
    >
    > Senza offessa, ma pure apple supporta ancora le
    > vecchie versioni del suo sistema
    > operativo.

    E diciamo che la probabilità che un software scritto per XP giri su 7 è infinitamente più alta di quella che un sw scritto per macacos 10.0 giri su lion per quanto abbia le unghie affilate.
    non+autenticato
  • Per windows la frammentazione non è certo una novità (ricordi i vari 3.1, NT 3.5, NT 4.0, windows 95....)

    Per un pezzo, poi, c'era la dicotomia tra la serie windows 9x (95, 95b, 98, ME) e NT (NT, 2000): la prima era basata su dos, si accontentava di macchine poco potenti, ed aveva un miglior supporto per le directX (quindi, era molto usata per i giochi, e in generale per gli utenti domestici), mentre la seconda era più stabile (ci voleva poco, del resto, ad essere più stabili di un sistema con un kernel dos a 16 bit sul quale girava un quasi-kernel a 32 bit)

    Con l'introduzione di XP, la linea 9x si è conclusa.

    E XP è durato molto più del previsto (la microsoft intendeva rimpiazzarlo con un sistema completamente nuovo, basato su .NET e su microkernel, ma non riuscì a realizzarlo e dovette tornare sui suoi passi)

    XP è stata una anomalia, nella storia microsoft: un sistema durato più di dieci anni, e da solo (in diverse edizioni, ma con differenze minime), quindi praticamente senza frammentazione, e che era diventato un punto di riferimento per gli sviluppatori.
    E tutto questo solo perchè la microsoft aveva perso tempo tentando di realizzare un sistema con microkernel (sulla carta, tutti dicono che i microkernel sono migliori, e che sono anche più facili da mantenere.... ma quasi tutti quelli che ci hanno provato hanno dimostrato il contrario, con poche eccezzioni)
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > (ci voleva poco, del resto, ad essere più
    > stabili di un sistema con un kernel dos a 16 bit
    > sul quale girava un quasi-kernel a 32
    > bit)

    A parte il piccolo dettaglio che il DOS non aveva nulla di neanche vagamente simile ad un kernelA bocca aperta
    D'accordo parlar male di Windows 95 (che se lo merita), ma il DOS gli serviva solo come bootloader e come raccolta di funzioni mantenute per compatibilità con i vecchi programmi...


    > E tutto questo solo perchè la microsoft aveva
    > perso tempo tentando di realizzare un sistema con
    > microkernel (sulla carta, tutti dicono che i
    > microkernel sono migliori, e che sono anche più
    > facili da mantenere.... ma quasi tutti quelli che
    > ci hanno provato hanno dimostrato il contrario,
    > con poche
    > eccezzioni)

    A metterci dietro la forza della Microsoft, avrebbero potuto farlo benissimo volendo; il problema non è certo solo il kernel ma anche tutti quel mondo di servizi e driver che ci ruotano attorno. E alla fine hai comunque un calo di prestazioni... quindi chi te lo fa fare se non ne hai davvero bisogno? Infatti tra i grandi nomi dell'informatica quella che c'è andata più vicina è la Apple, che aveva bisogno di un nuovo OS alla fine degli anni '90. Anzi, a pensarci bene, l'ha solo comprato.
    non+autenticato
  • > A parte il piccolo dettaglio che il DOS non aveva
    > nulla di neanche vagamente simile ad un kernel
    >A bocca aperta

    Certo che aveva un kernel: IO.SYS
    Era a 16 bit, e monotasking, ma era un kernel.

    > D'accordo parlar male di Windows 95 (che se lo
    > merita), ma il DOS gli serviva solo come
    > bootloader e come raccolta di funzioni mantenute
    > per compatibilità con i vecchi
    > programmi...

    Il vantaggio di appoggiarsi al dos era anche un consumo minore di memoria (i requisiti di win95 erano inferiori rispetto a win nt 4.0, che era il suo "equivalente")


    > A metterci dietro la forza della Microsoft,
    > avrebbero potuto farlo benissimo volendo; il
    > problema non è certo solo il kernel ma anche
    > tutti quel mondo di servizi e driver che ci
    > ruotano attorno. E alla fine hai comunque un calo
    > di prestazioni... quindi chi te lo fa fare se non
    > ne hai davvero bisogno? Infatti tra i grandi nomi
    > dell'informatica quella che c'è andata più vicina
    > è la Apple, che aveva bisogno di un nuovo OS alla
    > fine degli anni '90. Anzi, a pensarci bene, l'ha
    > solo
    > comprato.

    O meglio: la apple ce l'aveva (si chiamava mach), e l'ha gradualmente trasformato in un kernel ibrido/monolitico. In altre parole, anche loro si sono accorti che mantenere un sistema puramente microkernel non era pratico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nonriescoaf areillogin
    > A parte il piccolo dettaglio che il DOS non aveva
    > nulla di neanche vagamente simile ad un kernel
    >A bocca aperta

    Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Per windows la frammentazione non è certo una
    > novità (ricordi i vari 3.1, NT 3.5, NT 4.0,
    > windows
    > 95....)
    >
    > Per un pezzo, poi, c'era la dicotomia tra la
    > serie windows 9x (95, 95b, 98, ME) e NT (NT,
    > 2000): la prima era basata su dos, si
    > accontentava di macchine poco potenti, ed aveva
    > un miglior supporto per le directX (quindi, era
    > molto usata per i giochi, e in generale per gli
    > utenti domestici), mentre la seconda era più
    > stabile (ci voleva poco, del resto, ad essere più
    > stabili di un sistema con un kernel dos a 16 bit
    > sul quale girava un quasi-kernel a 32
    > bit)
    >
    > Con l'introduzione di XP, la linea 9x si è
    > conclusa.
    >
    > E XP è durato molto più del previsto (la
    > microsoft intendeva rimpiazzarlo con un sistema
    > completamente nuovo, basato su .NET e su
    > microkernel, ma non riuscì a realizzarlo e
    > dovette tornare sui suoi
    > passi)
    >
    > XP è stata una anomalia, nella storia microsoft:
    > un sistema durato più di dieci anni, e da solo
    > (in diverse edizioni, ma con differenze minime),
    > quindi praticamente senza frammentazione, e che
    > era diventato un punto di riferimento per gli
    > sviluppatori.
    >
    > E tutto questo solo perchè la microsoft aveva
    > perso tempo tentando di realizzare un sistema con
    > microkernel (sulla carta, tutti dicono che i
    > microkernel sono migliori, e che sono anche più
    > facili da mantenere.... ma quasi tutti quelli che
    > ci hanno provato hanno dimostrato il contrario,
    > con poche
    > eccezzioni)

    Mach (alla base di OS X) è un microkernel.

    Per il resto concordo pienamente con quanto hai scritto.
  • - Scritto da: jackoverfull
    > Mach (alla base di OS X) è un microkernel.

    però il kernel attuale di OS X si chiama XNU ed è ibrido
    http://en.wikipedia.org/wiki/XNU

    non esiste nessun kernel utilizzato da un OS realmente presente in modo diffuso sul mercato che sia puramente microkernel (perchè il microkernel è una minc*iata che affossa le prestazioni ed è adatto solo in contesti particolari)
    non+autenticato
  • No aspetta, non facciamo confusione...


    - Scritto da: uno qualsiasi
    > Per un pezzo, poi, c'era la dicotomia tra la
    > serie windows 9x (95, 95b, 98, ME) e NT (NT,
    > 2000): la prima era basata su dos,

    95 non era un sistema operativo. Tu installavi il DOS, lo avviavi e lo usavi per forza di cose. A quel punto, se volesi, con un comando DOS lanciavi Windows. Poi muovevi il mouse, lui andava in crash, e tu tornati al DOS.

    Si accontentavano di macchine poco potenti? Certo, perché per gestire macchine più moderne il DOS usava due patch lentissime e nemmeno tanto affidabili, chiamate memoria estesa e memoria espansa. Di suo, era fatto per girare solo su computer di 10 anni prima.

    98 era più stabile e partiva in automatico, ma comunque non era un sistema operativo, era sempre un de che girava su DOS6.

    Poi c'è stato Windows NT, che è stato l'unico veramente stabile, anche se mi pare non avesse il supporto a DirectX, e nemmeno molti driver. Insomma: se ti interessavano i videogiochi non andava bene, però era un buon sistema.

    2000 ha integrato le tecnologie NT con il vecchio Windows. Non era stabile e veloce come NT, ma era accettabile.

    XP era meno stabile di Windows 2000, ed è nettamente al di sotto di tutti i suoi concorrenti (anche se all'epoca MacOS era molto meno stabile, perché non era basato su Unix).


    > E XP è durato molto più del previsto (la
    > microsoft intendeva rimpiazzarlo con un sistema
    > completamente nuovo, basato su .NET e su
    > microkernel, ma non riuscì a realizzarlo e
    > dovette tornare sui suoi
    > passi)

    Sì, Vista avrebbe dovuto essere il sistema più stabile che abbiano mai fatto, e invece è stato il peggiore. Da allora, quando MS produce un nuovo sistema, chi ha bisogno di Windows per lavorare cade in depressione, temendo un nuovo Vista. E' per questo che XP è ancora così diffudo, ma ripeto: rappresenta un declino evidentissimo rispetto da 2000 e NT.


    > quindi praticamente senza frammentazione, e che

    Basta installare le applicazioni minime, e il disco è già incredibilmente frammentato. Problema che peraltro non è mai esistito su nessun sistema non-Microsoft.


    > E tutto questo solo perchè la microsoft aveva
    > perso tempo tentando di realizzare un sistema con
    > microkernel (sulla carta, tutti dicono che i
    > microkernel sono migliori, e che sono anche più
    > facili da mantenere.... ma quasi tutti quelli che
    > ci hanno provato hanno dimostrato il contrario,
    > con poche
    > eccezzioni)

    E' stato realizzato solo UN microkernel, ed è MIMIX. Chi non l'ha provato crede che sia preistoria, ma è un sistema all'avanguardia, usato in alcuni campi, e con un'enorme importanza accademica/sperimentale.

    Credo che tu ti riferissi a Linux: in realtà Linus Torvalds da 20 ci sta raccontando che il suo sistema NON è un microkernel e che la sua è la scelta migliore. Mi spiace dirlo, ma ha torto marcio. Non è possibile creare un sistema operativo stabile se non con un microkernel. Non esiste, nè in teoria nè in pratica, altro sistema per gestire il fallimento di un processo o problemi di timing.

    Microsoft ha i sistemi operativi più lontani di tutti dall'idea del microkernel. Non so perché tu dica di sì. Ma se loro affermano di usare un microkernel, sappi che è una bufala mostruosa.
    non+autenticato
  • > XP era meno stabile di Windows 2000, ed è
    > nettamente al di sotto di tutti i suoi
    > concorrenti (anche se all'epoca MacOS era molto
    > meno stabile
    completamente instabile come la beta pre-relase di KDE 4, perché non era basato su
    > Unix).
    >
    non+autenticato
  • Microsoft ha capito che contro l'accoppiata wine+linux e sopratutto REACOS i giochi sono ormai chiusi da tempo...questa mossa a sorpresa di mantenere in vita xp, non e' che la prova di come il mondo libero abbia minato le fondamenta del closed source in modo irreparabile!

    RECAOS, un sistema operativo snello e veloce, capace di rivitalizzare computer che il closed source ha destinato all'oblio ha letteralmente sbaragliato i piani di microsoft. Ora infatti si trovano a dover riabilitare xp pur di impedire la migrazione di massa verso REACTOS o linux+WINE.
    non+autenticato
  • - Scritto da: zeppol shim

    > come il mondo libero abbia minato le fondamenta
    > del closed source in modo
    > irreparabile!
    >

    molti ti criticheranno per quest'affermazione, ma penso tu lo sappia meglio di me

    però non posso non darti ragione

    ultimamente pensavo "e se volessi creare un mio os?"

    ok, i soliti problemi tecnici, microkernel, monolitico, magari diamo un'occhiata agli exokernel, poi mi sono messo a pensare alla licenza e mi sono accorto che un'eventuale scelta closed sarebbe un suicidio annunciato

    mi è parso a quel punto evidente che il modello di business che ha portato a mungere per decenni le vacche grasse si sta sfracellando al suolo

    la stessa apple ha una politica se non open almeno free riguardo il suo software e infatti macos te lo dà gratis su ogni mac e le nuove versioni te le fa pagare una ridicolaggine

    > trovano a dover riabilitare xp pur di impedire la
    > migrazione di massa verso REACTOS o
    > linux+WINE.

    lo sanno, lo sanno, l'hanno dovuto riesumare all'epoca dei netbookA bocca aperta
  • - Scritto da: pabloski
    > - Scritto da: zeppol shim
    >
    > > come il mondo libero abbia minato le fondamenta
    > > del closed source in modo
    > > irreparabile!
    > >
    >
    > molti ti criticheranno per quest'affermazione, ma
    > penso tu lo sappia meglio di
    > me
    >
    > però non posso non darti ragione
    >
    > ultimamente pensavo "e se volessi creare un mio
    > os?"
    >
    > ok, i soliti problemi tecnici, microkernel,
    > monolitico, magari diamo un'occhiata agli
    > exokernel, poi mi sono messo a pensare alla
    > licenza e mi sono accorto che un'eventuale scelta
    > closed sarebbe un suicidio
    > annunciato
    >
    > mi è parso a quel punto evidente che il modello
    > di business che ha portato a mungere per decenni
    > le vacche grasse si sta sfracellando al
    > suolo
    >
    > la stessa apple ha una politica se non open
    > almeno free riguardo il suo software e infatti
    > macos te lo dà gratis su ogni mac e le nuove
    > versioni te le fa pagare una
    > ridicolaggine
    >
    > > trovano a dover riabilitare xp pur di impedire
    > la
    > > migrazione di massa verso REACTOS o
    > > linux+WINE.
    >
    > lo sanno, lo sanno, l'hanno dovuto riesumare
    > all'epoca dei netbook
    >A bocca aperta

    Dubito un sistema operativo ancora in alpha e con uno sviluppo lentissimo e un software che ha ancora moltissimi problemi nel simulare l'ambiente windows, possano veramente impensierire microsoft.

    Basti pensare alle forti pressioni che fai ai produttori, linux per i netbook, ne è un esempio. Anzi, guardate come sono ridotti ora i netbook.
    Sgabbio
    26178
  • certamente il problema non è la pressione di reactos, ma quella dell'opensource in generale si

    sul fronte mobile ed embedded sono stati sbriciolati da android e linux

    il problema è che il tipo di business closed source classico non regge più nel settore dei sistemi operativi, perchè c'è di più e di meglio e a condizioni decisamente migliori

    windows regge su pc solo per i programmi, ma nel mondo mobile, ad esempio, cosa può offrire? il fattore WOW di apple non ce l'ha, i vantaggi di android nemmeno, allora perchè un oem dovrebbe prenderlo sul serio? e gli sviluppatori perchè dovrebbero svenarsi a migrare da java a .net solo perchè ms non è in grado di giocare secondo le regole?

    al tempo dell'accordo ms-nokia, pensai che spingere qt su windows phone sarebbe stata una manna, gli avrebbe fatto guadagnare simpatie nel mondo open ( dove il grosso degli smanettoni e programmatori gravita ) e gli avrebbe permesso di portare a bordo quegli sviluppatori che già usano qt nel mondo embedded per i più svariati progetti

    invece no, volevano portare su windows phone la calca degli sparagestionali in vb, ma, come ruppolo spesso fa notare, un'app desktop e un'app mobile hanno modalità d'interazione con l'utente completamente differenti e uno sparagestionali in vb difficilmente ha le risorse e, spesso, le capacità per cambiare mentalità e portare il suo software su mobile

    in sostanza il mercato degli OS è stato trasformato irrimediabilmente e l'unica che resiste è apple, per il semplice fatto che non vende sistemi operativi ma dispositivi elettronici
  • - Scritto da: pabloski
    > certamente il problema non è la pressione di
    > reactos, ma quella dell'opensource in generale
    > si
    Vero

    > sul fronte mobile ed embedded sono stati
    > sbriciolati da android e
    > linux
    Vero

    > il problema è che il tipo di business closed
    > source classico non regge più nel settore dei
    > sistemi operativi, perchè c'è di più e di meglio
    > e a condizioni decisamente
    > migliori
    Ed è esattamente questo il punto centrale. Il vero nodo della questione.
    Il modello closed ormai è un morto che cammina.
    Nessuno investe più nel closed source se vuole avere soluzioni affidabili.
    Guarda IBM e HP, ad esempio. Hanno i loro giganti AIX, z/OS e HP-UX, eppure ormai li hanno gettati nel dimenticatoio per sostenere soluzioni Linux. IBM ha addirittura sostenuto il porting di SUSE sui suoi IBM PowerZ. HP ha distrutto Tru64 UNIX, rilasciando componenti interessanti come AdvFS sotto GNU GPL per integrarlo in Linux ecc.
    La stessa Sun, prima di morire, aveva aperto il Project Indiana, rilasciando sotto CDDL la maggior parte del core di Solaris (OS/Net), rilasciato Java, OpenOffice.org, VirtualBox ecc.
    Ormai, tutte le grandi società hanno capito che con il closed non si mangia più. I costi di sviluppo sono diventati troppo alti da sostenere. Non si è più negli anni settanta/ottanta. Ormai un anno è un era geologica in informatica. E mentre il closed ci mette due/tre anni a sfornare una soluzione, con il modello open in un anno hai ottenuto lo stesso risultato con una riduzione dei costi altissima e con un aumento vertiginoso della qualità del prodotto.
    La prova di ciò sta in Oracle. Da quando questa azienda ha comprato Sun, TUTTE le menti che hanno partorito le innovazioni di Solaris (smf, zones, zfs ecc.) e Java hanno lasciato la società. Oracle in un anno e mezzo non è riuscita a portare NESSUNA innovazione nel core di Solaris, prima di rilasciarlo.
    Si è limitata a fagocitare gli ultimi progetti come zfs-crypto e a incorporarli sotto licenza proprietaria (zpool v31, prima, e zpool v33 poi).

    > windows regge su pc solo per i programmi, ma nel
    > mondo mobile, ad esempio, cosa può offrire?
    Le mazzette.
    Nel mondo PC funziona A bocca aperta

    > il
    > fattore WOW di apple non ce l'ha, i vantaggi di
    > android nemmeno, allora perchè un oem dovrebbe
    > prenderlo sul serio?
    Beh...i soldi fanno gola a molta gente.

    > e gli sviluppatori perchè
    > dovrebbero svenarsi a migrare da java a .net solo
    > perchè ms non è in grado di giocare secondo le
    > regole?
    Questo è una questione seria, quanto il modello closed.
    Il problema non credo sia tanto il passaggio da Java a .NET, che magari può anche avere dei vantaggi.
    Pensa, ad esempio, se vuoi sviluppare un software che abbia una interfaccia in Java, ma alcune parti in OCaml. Senza una base comune, c'è da impazzire per far interoperare i linguaggi.
    Con .NET e la Framework Class Library, te ne freghi. Scrivi la parte che dovevi scrivere in Java in C# e il resto in F#. Sfruttando il framework, non hai problemi di interoperabilità tra i suoi linguaggi.
    Diciamo che da questo punto di vista potrebbe essere vantaggioso per uno sviluppatore.
    Il problema, credo, sia da ricercare altrove. Ovvero: quanto farà durare le API Microsoft? Se fa come adesso che non si riesce a capire se sosterrà Windows Presentation Foundation, Silverlight oppure altre cazzate, sarà un problema.
    A Redmond non hanno la benchè minima idea di come conquistare un mercato. Non lo sanno fare. Loro vivono di sola corruzione, patent trolling, e monopolio. Non sanno competere e innovare. E questo lo si capisce dal caos attorno alle API che stanno facendo con Windows 8.

    > al tempo dell'accordo ms-nokia, pensai che
    > spingere qt su windows phone sarebbe stata una
    > manna, gli avrebbe fatto guadagnare simpatie nel
    > mondo open ( dove il grosso degli smanettoni e
    > programmatori gravita ) e gli avrebbe permesso di
    > portare a bordo quegli sviluppatori che già usano
    > qt nel mondo embedded per i più svariati
    > progetti
    Certo. E soprattutto avrebbero potuto mettere le mani su un framework con i controca*zi come QT. Ma hanno preferito la più facile martellata sui maroni A bocca aperta
    Darwin
    5126
  • > La prova di ciò sta in Oracle. Da quando questa
    > azienda ha comprato Sun, TUTTE le menti che hanno
    > partorito le innovazioni di Solaris (smf, zones,
    > zfs ecc.) e Java hanno lasciato la società.
    > Oracle in un anno e mezzo non è riuscita a
    > portare NESSUNA innovazione nel core di Solaris,
    > prima di
    > rilasciarlo.
    > Si è limitata a fagocitare gli ultimi progetti
    > come zfs-crypto e a incorporarli sotto licenza
    > proprietaria (zpool v31, prima, e zpool v33
    > poi).
    >

    speriamo che virtualbox rimanga licenziato (ose) alla stessa stregua...

    (lo dico per un interesse pseudo-personale, visto che l'ho implementato in produzione, oltre a xen)


    > A Redmond non hanno la benchè minima idea di come
    > conquistare un mercato. Non lo sanno fare. Loro
    > vivono di sola corruzione, patent trolling, e
    > monopolio. Non sanno competere e innovare. E
    > questo lo si capisce dal caos attorno alle API
    > che stanno facendo con Windows
    > 8.

    questa è da quadretto da appendere sopra la testiera del lettoA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    quotissimo...

    loro sono solamente abili a fare i "ritocchini" sulla cacca...spacciandola ogni volta per cioccolata lindt

    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 febbraio 2012 14.59
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 febbraio 2012 15.00
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 febbraio 2012 15.03
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 febbraio 2012 15.04
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: P.Inquino
    > speriamo che virtualbox rimanga licenziato (ose)
    > alla stessa
    > stregua...
    >
    > (lo dico per un interesse pseudo-personale, visto
    > che l'ho implementato in produzione, oltre a
    > xen)
    EDIT: Scusa, ho dimenticato questa parte.
    Personalmente credo che le soluzioni per Oracle siano due:
    1) Riaprire le porte all'open source, persino ad OpenSolaris.
    2) Far morire i progetti

    Attualmente non sono nella condizione di far evolvere codice.

    > loro sono solamente abili a fare i "ritocchini"
    > sulla cacca...spacciandola ogni volta per
    > cioccolata
    > lindt
    Esatto. Adesso però i giochi sono cambiati.
    Il mercato PC è andato. Ormai morirà con Microsoft.
    Ma il mercato mobile/tablet è tutta un'altra storia. E il ritardo nel mercato, causato dal ritardo mentale di Ballmer, rischia di essere mortale per questo zombie, chiamato Corporation.
    Se Windows 8 fallisce, Ballmer verrà di sicuro cacciato a calci nel sedere. E sono più che convinto di tre cose:
    1) Windows 8 sarà un flop
    2) Ballmer perderà la (precaria) fiducia degli azionisti
    3) Steven Sinofsky sarà il nuovo CEO di Microsoft (questo è uno con le palle d'acciaio. Ha le idee chiare e sa come ingegnerizzare un prodotto. Viene definito da molti il nuovo Jobs, solo che a differenza di quest'ultimo Sinofsky non basa i discorsi sulla magia e la propaganda. Sinofsky è un informatico.).
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 febbraio 2012 15.21
    -----------------------------------------------------------
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: Darwin
    > - Scritto da: P.Inquino
    > > speriamo che virtualbox rimanga licenziato
    > (ose)
    > > alla stessa
    > > stregua...
    > >
    > > (lo dico per un interesse pseudo-personale,
    > visto
    > > che l'ho implementato in produzione, oltre a
    > > xen)
    > EDIT: Scusa, ho dimenticato questa parte.

    no problemOcchiolino

    > Personalmente credo che le soluzioni per Oracle
    > siano
    > due:
    > 1) Riaprire le porte all'open source, persino ad
    > OpenSolaris.
    > 2) Far morire i progetti
    >

    speriamo nella prima ipotesi, altrimenti saranno dolori
    d'altronde sembra che ci sia stato (recentemente) un impulso da parte di oracle nel migliorare le performance di mysql

    speriamo imbrocchino la strada a ns avviso giusta..

    > Attualmente non sono nella condizione di far
    > evolvere
    > codice.

    penso che tutto l'entourage tecnico di oracle abbia mezzi e risorse per farlo..

    >
    > > loro sono solamente abili a fare i
    > "ritocchini"
    > > sulla cacca...spacciandola ogni volta per
    > > cioccolata
    > > lindt
    > Esatto. Adesso però i giochi sono cambiati.
    > Il mercato PC è andato. Ormai morirà con
    > Microsoft.
    > Ma il mercato mobile/tablet è tutta un'altra
    > storia. E il ritardo nel mercato, causato dal
    > ritardo mentale di Ballmer, rischia di essere
    > mortale per questo zombie, chiamato
    > Corporation.

    dall'alto della sua lungimiranza informatica, senti un po' cosa è riuscito a dire in un'intervista bombolo sudaticcio

    http://www.smartphoneandroid.it/steve-ballmer-andr...

    e questo la dice lunga sulla sua "visione" più o meno competente delle cose


    > Se Windows 8 fallisce, Ballmer verrà di sicuro
    > cacciato a calci nel sedere. E sono più che
    > convinto di tre
    > cose:
    > 1) Windows 8 sarà un flop

    lo sono convinto pur io..

    > 2) Ballmer perderà la (precaria) fiducia degli
    > azionisti
    > 3) Steven Sinofsky sarà il nuovo CEO di Microsoft
    > (questo è uno con le palle d'acciaio. Ha le idee
    > chiare e sa come ingegnerizzare un prodotto.
    > Viene definito da molti il nuovo Jobs, solo che a
    > differenza di quest'ultimo Sinofsky non basa i
    > discorsi sulla magia e la propaganda. Sinofsky è
    > un
    > informatico.).

    sinofsky non lo conosco...in realtà non ho mai cercato informazioni a riguardo.. è uno in gamba?



    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 22 febbraio 2012 15.21
    > --------------------------------------------------
  • - Scritto da: P.Inquino
    > speriamo nella prima ipotesi, altrimenti saranno
    > dolori
    > d'altronde sembra che ci sia stato (recentemente)
    > un impulso da parte di oracle nel migliorare le
    > performance di
    > mysql
    Vero. Credo, anche, che la storia dei sorgenti rubati e pubblicati di Solaris 11, in realtà, sia stata solo una trovata pubblicitaria di Oracle.

    > speriamo imbrocchino la strada a ns avviso
    > giusta..
    Già. Anche perchè è un vero peccato che tutto ciò che di grande ha costruito Sun sia demolito da una azienda senza idee.

    > penso che tutto l'entourage tecnico di oracle
    > abbia mezzi e risorse per
    > farlo..
    Non proprio.
    Gli sviluppatori di ZFS, zones, smf, dtrace sono tutti andati via (alcuni alla Joyent, altri come Garrett D'Amore alla Nexenta, altri in Illumos/OpenIndiana e altri come Ian Murdock e Gosling sono andati su altri lidi).
    Alla Oracle non è rimasto più nessuno col cervello e con quelle potenzialità.

    > dall'alto della sua lungimiranza informatica,
    > senti un po' cosa è riuscito a dire in
    > un'intervista bombolo
    > sudaticcio
    >
    > http://www.smartphoneandroid.it/steve-ballmer-andr
    >
    > e questo la dice lunga sulla sua "visione" più o
    > meno competente delle
    > cose
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Non mi fa pena lui, mi fa pena l'azionista che ogni volta che lo vede sbraitare quelle minchiate, suda freddo A bocca aperta

    > sinofsky non lo conosco...in realtà non ho mai
    > cercato informazioni a riguardo.. è uno in
    > gamba?
    Abbastanza.
    Ha curato (a livello tecnico) tutte le release di Office dalla 2000 alla 2007, poi ha curato lo sviluppo di Windows 7 (specie a livello kernel). Insomma di note positive su di lui ce ne sono parecchie (e lo dico da utente non Microsoft). È forse l'unica persona realmente competente in tutto l'entourage di Microsoft.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 febbraio 2012 16.39
    -----------------------------------------------------------
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: Darwin
    > - Scritto da: P.Inquino
    > > speriamo nella prima ipotesi, altrimenti
    > saranno
    > > dolori
    > > d'altronde sembra che ci sia stato
    > (recentemente)
    > > un impulso da parte di oracle nel migliorare
    > le
    > > performance di
    > > mysql
    > Vero. Credo, anche, che la storia dei sorgenti
    > rubati e pubblicati di Solaris 11, in realtà, sia
    > stata solo una trovata pubblicitaria di
    > Oracle.
    >

    potrebbe anche essere siA bocca aperta

    > > speriamo imbrocchino la strada a ns avviso
    > > giusta..
    > Già. Anche perchè è un vero peccato che tutto ciò
    > che di grande ha costruito Sun sia demolito da
    > una azienda senza
    > idee.
    >
    > > penso che tutto l'entourage tecnico di oracle
    > > abbia mezzi e risorse per
    > > farlo..
    > Non proprio.
    > Gli sviluppatori di ZFS, zones, smf, dtrace sono
    > tutti andati via (alcuni alla Joyent, altri come
    > Garrett D'Amore alla Nexenta e altri in
    > Illumos/OpenIndiana e altri come Ian Murdoch e
    > Gosling hanno cambiato
    > lidi).
    > Alla Oracle non è rimasto più nessuno col
    > cervello e con quelle
    > potenzialità.

    è vero hai ragione..persone di quel calibro non ce ne sono più alla oracle..la mia affermnazione era più una "speranza": che nel frattempo abbiano assunto persone altrettanto in gamba come rimpiazzo...

    >
    > > dall'alto della sua lungimiranza informatica,
    > > senti un po' cosa è riuscito a dire in
    > > un'intervista bombolo
    > > sudaticcio
    > >
    > >
    > http://www.smartphoneandroid.it/steve-ballmer-andr
    > >
    > > e questo la dice lunga sulla sua "visione"
    > più
    > o
    > > meno competente delle
    > > cose
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    >
    > Non mi fa pena lui, mi fa pena l'azionista che
    > ogni volta che lo vede sbraitare quelle
    > minchiate, suda freddo
    >A bocca aperta
    >

    :D:D

    > > sinofsky non lo conosco...in realtà non ho
    > mai
    > > cercato informazioni a riguardo.. è uno in
    > > gamba?
    > Abbastanza.
    > Ha curato (a livello tecnico) tutte le release di
    > Office dalla 2000 alla 2007, poi ha curato lo
    > sviluppo di Windows 7 (specie a livello kernel).
    > Insomma di note positive su di lui ce ne sono
    > parecchie (e lo dico da utente non Microsoft).
    > È forse l'unica persona realmente competente
    > in tutto l'entourage di
    > Microsoft.

    un altro abbastanza in gamba, penso, sia russinovich (quello di sysinternals) acquisito in m$ da un po' di anniSorride
  • - Scritto da: Darwin

    > Guarda IBM e HP, ad esempio. Hanno i loro giganti
    > AIX, z/OS e HP-UX, eppure ormai li hanno gettati
    > nel dimenticatoio per sostenere soluzioni Linux.

    infatti, ciò che volevano conservare l'hanno reso opensource....il punto è che è il ferro che vende e fa soldi, non il software....realtà confermata dal fatto che:

    > La stessa Sun, prima di morire, aveva aperto il
    > Project Indiana, rilasciando sotto CDDL la
    > maggior parte del core di Solaris (OS/Net),
    > rilasciato Java, OpenOffice.org, VirtualBox
    > ecc.

    ovvero, muori se fai solo software

    > La prova di ciò sta in Oracle. Da quando questa
    > azienda ha comprato Sun, TUTTE le menti che hanno

    e questa è un'altra conferma....evidentemente oracle ha capito che se vuole continuare a mantenere il dominio nel mondo dei database ha la necessità di abbinarli ad un'offerta hardware integrata

    ma del resto prima di Bill il mondo dell'informatica era così...il sofware era un'appendice di un qualcosa di più grande

    oggi, con tutti questi odm a cui far costruire i gingilli, è così difficile per una startup buttarsi in un progetto hardware/software chiavi in mano? voglio dire, la raspberry foundation ce l'ha fatta, perchè non dovrebbe riuscirsi pure Mario Rossi?

    il nuovo modello è quello del raspberry per intenderci

    > > windows regge su pc solo per i programmi, ma
    > nel
    > > mondo mobile, ad esempio, cosa può offrire?
    > Le mazzette.
    > Nel mondo PC funziona A bocca aperta
    >

    eh ma poi arrivano le mazzate di clienti 2-3% di clienti che ti ha creduto ed è pure rimasto insoddisfatto

    i vari samsung, lg, ecc... hanno lanciato qualche terminale con windows phone tanto per provare, ma ho visto che li hanno risucciati nel vortice dell'oblio...nokia si è legata mani e piedi a Ballmer e sta collassando

    > Il problema non credo sia tanto il passaggio da
    > Java a .NET, che magari può anche avere dei
    > vantaggi.

    ci sono dei vantaggi tecnici, ma il problema è che tutto questo richiede know-how, cioè tempo e soldi spesi a studiare/imparare nuovi framework, paradigmi e linguaggi

    non tutti hanno tempo da perdere, soprattutto quando il ritorno è di là da venire ( windows phone non è nessuno nel mondo mobile )

    > Il problema, credo, sia da ricercare altrove.
    > Ovvero: quanto farà durare le API Microsoft? Se
    > fa come adesso che non si riesce a capire se
    > sosterrà Windows Presentation Foundation,
    > Silverlight oppure altre cazzate, sarà un
    > problema.

    certamente la schizofrenia di ms non aiuta....hanno deluso troppa gente e hanno sempre la fissa di porsi al di sopra degli altri, cercando d'imporre le loro tecnologie

    come ho detto, bastava qt per attrarre una folla di sviluppatori...ma no, loro sono ms, la roba fatta da loro è sempre migliore di quella fatta dagli altri, per cui o ti adegui o muori...solo che questo ragionamento lo puoi fare solo quando hai il 90% del mercato
  • Premetto che è una mia opinione personale ma sono 8 anni che ho Xp (ora Sp3) ed è ancora il miglior os che abbia mai usato, veloce e snello, solo 800 mega se ben ottimizzato rimuovendo tutta la merda in eccesso che non uso. E' stato talmente moddato che ormai parte solo quell oche vuoi, ed è così che un os deve essere, deve partire e avviarti solo quello che ti serve per l'uso che ne devi fare. Quelli della microsoft ormai con i loro win7 e win8 sanno solo fare os che occupano tonnellate di merda inutile che anche un bimbominchia saprebbe usarlo.
    L'unica limitazione di xp è la tecnologia a 32bit che ti forza a usare 3,4 Gb di ram massimo ma non ho mai avuto problemi di mancanza di memoria, nessun programma o gioco hanno mai superato i 2gb di memoria. L'unica cosa che mi dispiace è lo scarso supporto che ha avuto windows xp a 64bit, altrimenti avrei usato quello.
    In ogni caso ci gira tutto quello che mi serve, giochi compresi senza alcun problema, e per quanto riguarda quella sozzeria di IE 9 e 10 non me ne può fregare di meno perchè uso Firefox.

    Lunga vita a Xp.Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Thepassenge r
    > Premetto che è una mia opinione personale ma sono
    > 8 anni che ho Xp (ora Sp3) ed è ancora il miglior
    > os che abbia mai usato, veloce e snello, solo 800
    > mega se ben ottimizzato rimuovendo tutta la merda
    > in eccesso che non uso. E' stato talmente moddato
    > che ormai parte solo quell oche vuoi, ed è così
    > che un os deve essere, deve partire e avviarti
    > solo quello che ti serve per l'uso che ne devi
    > fare. Quelli della microsoft ormai con i loro
    > win7 e win8 sanno solo fare os che occupano
    > tonnellate di merda inutile che anche un
    > bimbominchia saprebbe
    > usarlo.
    > L'unica limitazione di xp è la tecnologia a 32bit
    > che ti forza a usare 3,4 Gb di ram massimo ma non
    > ho mai avuto problemi di mancanza di memoria,
    > nessun programma o gioco hanno mai superato i 2gb
    > di memoria. L'unica cosa che mi dispiace è lo
    > scarso supporto che ha avuto windows xp a 64bit,
    > altrimenti avrei usato
    > quello.
    > In ogni caso ci gira tutto quello che mi serve,
    > giochi compresi senza alcun problema, e per
    > quanto riguarda quella sozzeria di IE 9 e 10 non
    > me ne può fregare di meno perchè uso
    > Firefox.
    >
    > Lunga vita a Xp.Sorride

    Considera che potrebbero levare il supporto software da un momento all'altro.
    Sgabbio
    26178
  • >
    > Considera che potrebbero levare il supporto
    > software da un momento
    > all'altro.

    finché c'è mercato e da far soldini se lo terranno stretto.
  • - Scritto da: shevathas
    > >
    > > Considera che potrebbero levare il supporto
    > > software da un momento
    > > all'altro.
    >
    > finché c'è mercato e da far soldini se lo
    > terranno
    > stretto.

    Se apple leva via il supprto di XP dei suoi prodotti, vedrete quanto dura Xp.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pasta Birateria
    > - Scritto da: shevathas
    > > >
    > > > Considera che potrebbero levare il supporto
    > > > software da un momento
    > > > all'altro.
    > >
    > > finché c'è mercato e da far soldini se lo
    > > terranno
    > > stretto.
    >
    > Se apple leva via il supprto di XP dei suoi
    > prodotti, vedrete quanto dura
    > Xp.

    O_O
  • - Scritto da: shevathas
    > - Scritto da: Pasta Birateria
    > > - Scritto da: shevathas
    > > > >
    > > > > Considera che potrebbero levare il
    > supporto
    > > > > software da un momento
    > > > > all'altro.
    > > >
    > > > finché c'è mercato e da far soldini se
    > lo
    > > > terranno
    > > > stretto.
    > >
    > > Se apple leva via il
    > supprto di XP dei
    > suoi
    > > prodotti, vedrete quanto dura
    > > Xp.
    >
    > O_O

    itunes, quick time, safari..A bocca aperta
    non+autenticato
  • due anni circa.
    sul sito MS si vede il contagiorni
    non+autenticato
  • Anch'io ho usato XP per tanto tempo, e mi sono trovato benissimo. L'ho sempre usato in dual boot con Linux (ultimamente Mint Debian edition). Credevo erroneamente che il supporto a questo os sarebbe terminato nel 2012, e non avendo intenzione di sborsare soldi, avevo deciso di passare definitivamente a Linux. In seguito, per motivi vari ho deciso di acquistare windows 7, e devo dire che con mia grande sorpresa mi trovo benissimo. Gira veloce anche mantenendo i vari orpelli grafici, è stabile, e trovo comode le innovazioni nell'interfaccia grafica, insieme ad altre novità, quali la ricerca nel menù avvio (lo so, c'è anche su Linux), le jump list, l'anteprima delle applicazioni nella taskbar ecc. Sono contento che il supporto a questo os durerà ancora a lungo, e non credo che il merito sia di Linux.
  • ovvio che non superano i 2gb per processo, è il limite dei 32bit......
    non+autenticato
  • non è esattamente così...fai 2^32 e scrivi la rispostaOcchiolino
    non+autenticato
  • limite per processo sto dicendo ed è 2GB, il limite ram è poco più alto
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)