Mauro Vecchio

USA, l'avvento della Generazione C

Boom tecnologico per la fascia anagrafica tra i 18 e i 34 anni. Negli States, rappresenta il 39 per cento del totale dei possessori di smartphone. O il 27 per cento di tutti quelli che passano il tempo a guardare video online

Roma - Una lettera dell'alfabeto per ogni generazione. L'ultimo report stilato dalla società di ricerca Nielsen - intitolato U.S. Digital Consumer Report - ha annunciato l'avvento della Generazione C, dove C sta per connected, in italiano connessa. Nella fascia dai 18 ai 34 anni, i giovani statunitensi vivrebbero come in simbiosi con le attuali tecnologie mobile.

Alla fine del 2011, 274 milioni di americani hanno a disposizione una connessione alla Rete. Con 81 miliardi di minuti spesi sui social network come Facebook e Twitter. Sempre secondo la Digital Revolution dipinta da Nielsen, la fascia anagrafica tra i 18 e i 34 anni rappresenterebbe il 23 per cento della popolazione statunitense.

E come vive o consuma più di un quinto degli abitanti degli States? Il 27 per cento passa il tempo libero a guardare video online, che si tratti della piattaforma di video sharing YouTube o del gigante del noleggio cinematografico Netflix. Č una percentuale di 4 punti più bassa di quella relativa agli spettatori televisivi.
Stesso risultato per chi visita regolarmente un blog o un social network. La Generazione C rappresenterebbe il 33 per cento del totale dei possessori di un tablet, quota che sale fino al 39 per cento per quanto concerne i più piccoli smartphone. Una stirpe in continua mobilità, che sfrutta i principali device anche fuori casa.

E i nuovi giovani connessi d'America sembrano anche il target perfetto per i signori della pubblicità. Sempre secondo Nielsen, il 19 per cento dei possessori di smartphone o tablet cerca informazioni relative ai prodotti sul web.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Digital LifeSocial network, padroni del nostro tempoGli utenti statunitensi avrebbero passato 53 miliardi di minuti su Facebook. Piattaforme social e blog occupano quasi un quarto del tempo complessivo trascorso in Rete. E il sito in blu sembra pių importante delle impellenze fisiologiche
  • AttualitàBarack Obama e il paese di Google e FacebookGli eroi di Internet come Edison e i fratelli Wright. Mentre si pensa ad un piano per far arrivare la banda larga a quasi tutta la nazione. Il discorso del Presidente statunitense nel corso dell'ultimo State of the Union Address
  • AttualitàObama: Jobs è il sogno americanoDopo la nomina a uomo della anno, il CEO Apple si aggiudica un'ulteriore gratifica. Il presidente degli Stati Uniti lo indica come esempio da imitare per tutti i cittadini USA
6 Commenti alla Notizia USA, l'avvento della Generazione C
Ordina
  • vedere quel "C per Connected" (a facebook e twit a sminchionare), mi fa pensare che sia l'iniziale stia per "Cojoni" ,per la verita'Sorride
    non+autenticato
  • La produttività dei giovani occidentali è diminuita perché stanno troppo su Faccia di libro ed affini. E' la generazione C = Causa del suo mal
    non+autenticato
  • dovrebbe prendere in mano i destini dei paesi e scardinare le cariatidi attuali che ci hanno portato dove siamo

    Bisogna rivedere il diritto di voto dei cittadini...mi vengono i brividi a pensare che milioni di nonnetti con un piede nella fossa possono decidere per il MIO futuro
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gennarino B
    > Bisogna rivedere il diritto di voto dei
    > cittadini...mi vengono i brividi a pensare che
    > milioni di nonnetti con un piede nella fossa
    > possono decidere per il MIO
    > futuro
    Verissimo. Per quanto mi riguarda, avendo passato i 30 da un bel po' e avendo visto i miei coetanei, giovani idealisti con tante belle idee, imborghesirsi e adagiarsi sul sistema come tutte le generazioni precedenti, toglierei il diritto di voto a tutte le persone OLTRE i 30 anni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Drummer
    > - Scritto da: Gennarino B
    > > Bisogna rivedere il diritto di voto dei
    > > cittadini...mi vengono i brividi a pensare che
    > > milioni di nonnetti con un piede nella fossa
    > > possono decidere per il MIO
    > > futuro
    > Verissimo. Per quanto mi riguarda, avendo passato
    > i 30 da un bel po' e avendo visto i miei
    > coetanei, giovani idealisti con tante belle idee,
    > imborghesirsi e adagiarsi sul sistema come tutte
    > le generazioni precedenti, toglierei il diritto
    > di voto a tutte le persone OLTRE i 30
    > anni.

    fissa il limite a 34 dai.
    non+autenticato
  • Un potere corrotto può benissimo creare nuove classi dirigenti giovanissime. Anzi, direi che se un potere vuole plasmare la società verso i suoi interessi cercherà di far passare il testimone da personale molto anziano a personale molto giovane, tagliando fuori la esperienza di vita reale di generazioni intere.

    Già successo col fascismo (inno? giovinezza. ideologia? futurismo) comunismo (gli studenti col libriccino di Mao, per fare un esempio) sessantotto, yuppies rampanti...

    Sono il primo a dire che un 18enne è adulto e puo' prendersi tutte le responsabilità che vuole. Ma state attenti quando sentite sempre le stesse litanie, specie quando non hanno funzionato in passato.
    non+autenticato