Alfonso Maruccia

IBM, fotonica al servizio del networking

Big Blue annuncia la realizzazione di un prototipo di chip in grado di trasmettere le informazioni a velocità mai sperimentate prima. Perché il networking sta diventando il vero collo di bottiglia

Roma - Dopo aver completato il suo kit di nanofotonica per l'integrazione (nel prossimo futuro) di microchip al silicio e comunicazioni ottiche, IBM rivolge ora la propria attenzione al networking e all'accelerazione delle trasmissioni digitali remote. La chiave di volta, anche in questo caso, è la fotonica.

Holey OptochipIl nuovo prototipo di Big Blue si chiama Holey Optochip, un chipset ingegnerizzato per trasmettere le informazioni ottico-digitali alla velocità senza precedenti di 1 trilione (1.000 miliardi) di bit al secondo, 10mila volte più velocemente delle reti LAN/Ethernet da 100 Mbps standard di oggi.

Il "segreto" del nuovo chip di IBM è la presenza di 48 nano-fori capaci di facilitare e accelerare il passaggio delle trasmissioni fotoniche, un design che tra l'altro permette di raggiungere performance senza precedenti consumando appena 5 watt di corrente elettrica.
Holey Optochip verso


Il chip fotonico bucherellato è stato realizzato partendo da elementi e materiali di uso e produzione comuni, ed è idealmente pensato per essere concesso in licenza a chi volesse creare connessioni tra componenti informatici ad altissima velocità come quelle che saranno necessarie nei supercomputer di prossima generazione.

Alfonso Maruccia

fonte immagini
Notizie collegate
  • TecnologiaIBM completa il suo kit di nanofotonicaBig Blue annuncia di aver raggiunto l'ennesimo avanzamento nella tecnologia necessaria a integrare le comunicazioni ottiche con i tradizionali chip al silicio. Tutto pronto in 10 anni
  • TecnologiaLuce nel silicio, il diodo fotonicoRicercatori del MIT annunciano la creazione di un componente fondamentale per processare i segnali luminosi. Con l'aggiunta di granato niente più tempi morti per convertire da luce a elettricità
  • TecnologiaIl super-chip fotonico di HPHewlett-Packard ipotizza lo sviluppo di nuove tecnologie fotoniche grazie alle quali unire silicio e laser in un'esplosione di capacità computazionali. Al netto dei consumi energetici, bassi come non mai
2 Commenti alla Notizia IBM, fotonica al servizio del networking
Ordina
  • Il "segreto" del nuovo chip di IBM è la presenza di 48 nano-fori capaci di facilitare e accelerare il passaggio delle trasmissioni fotoniche.


    ah, accellerano? e da che velocita' a quale velocita'?
    non+autenticato
  • - Scritto da: iome
    > Il "segreto" del nuovo chip di IBM è la presenza
    > di 48 nano-fori capaci di facilitare e
    > accelerare il passaggio delle trasmissioni
    > fotoniche.
    >
    >
    > ah, accellerano? e da che velocita' a quale
    > velocita'?

    Accelerano dalla velocità della precedente generazione di chip a quella attuale, quindi è corretto definire accelerazione un cambio di velocità.

    PS "accelerano" si scrive con una "l" sola in italiano
    non+autenticato