Acqua dall'aria

Una risorsa per dissetare anche le zone pių torride

Una delle difficoltà maggiori che le truppe al fronte nelle zone torride incontrano è la penuria d'acqua. Tutti gli eserciti del mondo, per mantenere idratati i propri militari, provvedono con sistemi logistici adeguati al trasporto dell'acqua sulle linee di guerra, attraverso mezzi terrestri o aerei che spesso si trovano a raggiungere località molto pericolose per l'incolumità di chi li conduce. Oltre alla pericolosità, bisogna fare anche i conti con costi di trasporto davvero esorbitanti. Per risolvere questo problema alla radice, la startup israeliana Water-Gen Ltd ha dato vita a WaterGen.

WaterGen


Si tratta di un dispositivo che funziona con lo stesso principio di un climatizzatore d'aria, ricavando l'acqua necessaria per dissetare le truppe direttamente dall'umidità dell'aria dell'ambiente circostante. L'aria viene convogliata attraverso una ventola nel dispositivo e filtrata, in modo da raccogliere l'acqua. Questa acqua viene poi ulteriormente sottoposta ad un trattamento di purificazione, attraverso appositi filtri e pompe, e viene mineralizzata per essere poi pronta da bere. L'acqua così trattata può essere conservata in apposite taniche e consumata immediatamente attraverso una tubatura alla cui estremità è presente un rubinetto.
A seconda delle condizioni ambientali in cui si utilizza WaterGen, si possono ottenere dai venti ai sessanta litri al giorno di acqua.
Questa riserva d'acqua portatile offre notevoli vantaggi, risolvendo non poche difficoltà di approvvigionamento. Ovviamente, i moduli di assorbimento ed estrazione dell'acqua richiedono la presenza di fonti di energia elettrica per funzionare. Il produttore non riporta però le caratteristiche di consumo elettrico del dispositivo e non fornisce informazioni relative all'autonomia dei generatori interni.

Per quanto progettato per le forze militari, questa evoluzione potrebbe anche essere applicata in ambito civile. Infatti, spesso capita che la tecnologia che si usa nel quotidiano derivi da sistemi pensati per scopi militari. WaterGen potrebbe essere usato con fini più benevoli, ad esempio per portare l'acqua a quelle popolazioni che soffrono la sete, magari per colpa delle guerre stesse.
Insomma, WaterGen è solamente uno strumento e come tale è poi l'uomo a deciderne quale uso farne.



(via Ubergizmo)
TAG: gadget
5 Commenti alla Notizia Acqua dall'aria
Ordina
  • "spesso capita che la tecnologia che si usa nel quotidiano derivi da sistemi pensati per scopi militari"

    verissimo, e questo fa capire a quale livello di sviluppo si trova la nostra societa', in cui ancora gli obiettivi militari sono piu' importanti di quelli civili.

    scusate l'OT..
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco
    > "spesso capita che la tecnologia che si usa nel
    > quotidiano derivi da sistemi pensati per scopi
    > militari"

    > verissimo, e questo fa capire a quale livello di
    > sviluppo si trova la nostra societa', in cui
    > ancora gli obiettivi militari sono piu'
    > importanti di quelli civili.

    > scusate l'OT..

    Anzi interessante...
    Ho anche notato che se prima e' la militare la primissima e' la fantascienzaA bocca aperta
    krane
    22544
  • - Scritto da: Francesco
    > "spesso capita che la tecnologia che si usa nel
    > quotidiano derivi da sistemi pensati per scopi
    > militari"
    >
    > verissimo, e questo fa capire a quale livello di
    > sviluppo si trova la nostra societa', in cui
    > ancora gli obiettivi militari sono piu'
    > importanti di quelli
    > civili.

    Il motivo è abbastanza semplice.
    In guerra/battaglia/sotto pressione... si possono creare situazioni estreme e per un vasto numero di persone per cui c'è il motivo d'investire molti soldi anche perchè magari da quello dipende l'esito e il ritorno economico di una impresa bellica.
    Sia in caso di disastro naturale o di sciagura singola, ci sono mille altri modi per fornire acqua senza qualcuno che ti spari o cerca di tagliarti i rifornimenti mentre durante una guerra la prima cosa che si cerca di fare è isolare le truppe nemiche in modo da renderle più deboli.
    Soprattutto poi si trovano facilmente i fondi mentre per altre ricerche simili ma non belliche (tipo depuratori di acque a basso costo) bisogna spesso puntare sulla beneficienza ma come numero di idee/soluzione/proposte forse sono di più.
    Che poi "sarebbe bello che fosse diverso" è altra questione, ma basta vedere che il famoso "dividendo della pace" è invece stato reinvestito in profitti extra di una politica aggressiva senza momentanei concorrenti

    > scusate l'OT..

    Ciao!
    non+autenticato
  • Dune.

    Le trappole a vento per estrarre l'acqua dall'aria in quel pianeta desertico.
    Wolf01
    3342
  • ...visto che è il minimo, si dovrebbe supporre che sia nei posti più aridi del pianeta e la vedo dura ottenerli nel deserto (forse di notte, qualcosa, quindi dovrebbe essere ricaricabile al sole di giorno e funzionare di notte) o si richiedono condizioni ambientali minime?
    non+autenticato