Claudio Tamburrino

Google: non giocate con Google Play

Denuncia depositata per ottenere un dominio con il nuovo nome del suo negozio di contenuti

Roma - La strada di Mountain View conduce a Google Play, così come la sua strategia per rincorrere iTunes, e l'indirizzo di market.android.com, play.google.com e gli altri siti associati al nuovo nome scelto per rappresentare il cambio di rotta di Google. Tutti tranne googleplay.com.

Nella scelta del nuovo nome, infatti, Mountain View sembra aver sottovalutato (o non considerato), il fatto che il dominio omonimo non fosse libero: appartiene per il momento ad un giapponese.

Così Google ha ora deciso di depositare presso il National Arbitration Forum una denuncia con richiesta di sequestro del dominio contestato, sulla base del fatto che il sito impiega il marchio da essa depositato (il giorno prima della presentazione del nuovo snodo dedicato ai contenuti) e, in generale, fa uso del suo nome altamente riconoscibile. (C.T.)
Notizie collegate
15 Commenti alla Notizia Google: non giocate con Google Play
Ordina
  • Il giapponese voleva rubare il dominio a Google... con un indirizzo GMail?A bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • Quel dominio non esiste più
    non+autenticato
  • - Scritto da: Domenico Costa
    > Quel dominio non esiste più

    Nemmeno il giapponese che lo possedeva!A bocca aperta
  • - Scritto da: discussione in corso
    > BANZAIIIIIII

    Perchè dici "EVVIVAAAAAAAAAA" ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Voorn
    > - Scritto da: discussione in corso
    > > BANZAIIIIIII
    >
    > Perchè dici "EVVIVAAAAAAAAAA" ?

    Banzai non significa "evviva", significa "(onore per) 10 mila anni"
  • Ovvio, .com è in mano agli americani, google è americana... ci avranno messo si e no 30 secondi a farlo sparire (per poi reintestarlo a chi diavolo dicono loro).
    Fanculo i TLD in mano agli americani!
    non+autenticato
  • è giusto, la legge tutela i nomi protetti da copyright sui domini
    Pax
    25
  • - Scritto da: Pax
    > è giusto, la legge tutela i nomi protetti da
    > copyright sui
    > domini

    Credo che si tratti di trademark, non di copyright. Si tratta di una legge diversa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonymous
    > Ovvio, .com è in mano agli americani, google è
    > americana... ci avranno messo si e no 30 secondi
    > a farlo sparire (per poi reintestarlo a chi
    > diavolo dicono
    > loro).
    > Fanculo i TLD in mano agli americani!

    scusa, però se io registro un dominio con il nome googleplay è ovvio che sto cercando di fare del cibersquatting... perché dovrei registrare un dominio con il nome di un'altra azienda famosa dentro? E guarda che direi lo stesso se fosse stato registrato, che so, un ipotetico microsoftstore.com o simili. Mi pare anche giusto in questo caso (e sono un sostenitore della libertà su internet da sempre).
    non+autenticato
  • Quoto in todo. Se tenti di fare il furbo a fondo estorsivo e' piu' che lecito il sequestro.


    - Scritto da: il signor rossi
    > - Scritto da: Anonymous
    > > Ovvio, .com è in mano agli americani, google è
    > > americana... ci avranno messo si e no 30 secondi
    > > a farlo sparire (per poi reintestarlo a chi
    > > diavolo dicono
    > > loro).
    > > Fanculo i TLD in mano agli americani!
    >
    > scusa, però se io registro un dominio con il nome
    > googleplay è ovvio che sto cercando di fare del
    > cibersquatting... perché dovrei registrare un
    > dominio con il nome di un'altra azienda famosa
    > dentro? E guarda che direi lo stesso se fosse
    > stato registrato, che so, un ipotetico
    > microsoftstore.com o simili. Mi pare anche giusto
    > in questo caso (e sono un sostenitore della
    > libertà su internet da
    > sempre).
  • - Scritto da: botero
    > Quoto in todo. Se tenti di fare il furbo a fondo
    > estorsivo e' piu' che lecito il
    > sequestro.
    >
    >
    > - Scritto da: il signor rossi
    > > - Scritto da: Anonymous
    > > > Ovvio, .com è in mano agli americani,
    > google
    > è
    > > > americana... ci avranno messo si e no
    > 30
    > secondi
    > > > a farlo sparire (per poi reintestarlo a
    > chi
    > > > diavolo dicono
    > > > loro).
    > > > Fanculo i TLD in mano agli americani!
    > >
    > > scusa, però se io registro un dominio con il
    > nome
    > > googleplay è ovvio che sto cercando di fare
    > del
    > > cibersquatting... perché dovrei registrare un
    > > dominio con il nome di un'altra azienda
    > famosa
    > > dentro? E guarda che direi lo stesso se fosse
    > > stato registrato, che so, un ipotetico
    > > microsoftstore.com o simili. Mi pare anche
    > giusto
    > > in questo caso (e sono un sostenitore della
    > > libertà su internet da
    > > sempre).
    mah no. io non quoterei affatto. il fatto che le leggi sul trademark si applichino as-is ai TLD, e' un invenzione del marketing & avvocati (e sarebbe da combattere. cfr timbrificio Armani). Salvo abusi.

    In questo caso il cybersquatting c'e', perche il bamba ha registrato il domain UN giorno prima dell'annuncio ufficiale.
    non+autenticato