Mauro Vecchio

UK, estradizione per i link pirata

Il giovane admin di TVShack Richard O'Dwyer verrà estradato negli Stati Uniti per violazione del copyright. Rischia fino a 10 anni di prigione. Proteste e lacrime della madre: Londra non ha rivisto i trattati bilaterali

Roma - "La vita di Richard, i suoi studi, le opportunità di lavoro, la sua sicurezza finanziaria. Distrutta, e chissà per quanto tempo. Tutto perché il governo britannico non ha introdotto le tanto necessarie modifiche all'attuale legge sull'estradizione". È il dolore di una madre che rischia di perdere un figlio per 10 anni. Il giovane studente di Sheffield Richard O 'Dwyer verrà estradato in terra statunitense per violazione massiva del copyright.

A mostrare il segnale di via libera, il Segretario di Stato britannico Theresa May. Il 23enne admin di TVShack calpesterà per la prima volta il suolo a stelle e strisce, in attesa di un processo che potrebbe condannarlo per aver pubblicato link a contenuti pirata ospitati su siti terzi. Materiale di proprietà dell'industria statunitense, a cui O 'Dwyer, secondo l'accusa, avrebbe sottratto più di 200mila dollari in entrate pubblicitarie illecite.

Ai vertici della U.S. Immigration and Customs Enforcement (ICE) non importa che il giovane laureando sia cittadino britannico. Né che i server del suo sito di indexing risiedano al di là dei confini statunitensi. Come già ribadito in passato, tutti i domini .com o .net farebbero capo al registrar della Virginia Verisign. Dunque sequestrabili dal governo di Washington. Ma che fine farebbero gli amministratori di un sito operativo all'estero?
Nel caso in questione, le attività di TVShack avrebbero rubato all'industria del cinema hollywoodiano. Un giudice britannico non aveva trovato alcun impedimento legale al processo d'estradizione a carico del ragazzo. Mentre la madre Julia tentava la petizione web per chiedere al governo di Londra di rivedere i trattati bilaterali in materia d'estradizione, che non menzionano motivazioni legate alla violazione del diritto d'autore.

Nessuna modifica è stata finora apportata. Il Segretario May ha dunque autorizzato il trasferimento dello studente in terra statunitense. La sua pena potrebbe realisticamente avvicinarsi a quella a carico degli admin di Ninjavideo, condannati ad un periodo compreso tra i 14 e i 22 anni di prigione. L'avvocato di O 'Dwyer, Ben Cooper, aveva espresso timori per l'integrità psico-fisica del suo assistito, una volta incarcerato.

E c'è un ulteriore dettaglio che ha fatto riflettere gli osservatori. Nel 2010, un giudice di Londra aveva scagionato gli admin del sito di indexing TV-Links perché tutelati dalla Sezione 17 della Direttiva Europea sul Commercio Elettronico. Il cittadino britannico O 'Dwyer verrà ora giudicato da un paese estero per attività già reputate lecite nel suo paese. Lo studente si prepara così al suo volo sola andata negli States.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUK, i dolori del giovane adminUn giudice di Londra mostra il segnale di via libera alle autorità statunitensi. Lo studente britannico Richard O'Dwyer verrà estradato, rischiando fino a 10 anni di carcere. Annunciato il ricorso in appello
  • AttualitàCopyright, estradizione contesaUSA e Regno Unito si litigano un 23enne fondatore di una piattaforma di indexing. La decisione dei giudici arriverà il 13 gennaio. Sempre che non vengano rivisti gli accordi bilaterali
  • AttualitàUK-USA, estradizione causa streaming?Le autorità di Washington vorrebbero processare un giovane studente britannico, accusato di essere il principale gestore di una piattaforma di indexing di contenuti in violazione del copyright
69 Commenti alla Notizia UK, estradizione per i link pirata
Ordina
  • 22 anni per il signorino O'Dwyer e per tutti gli scariconi ladroni! Poi per quelli che postano su PI anche i lavori forzati!
    non+autenticato
  • Ma tu credi che sia più ladro chi scarica illegalmente film o chi ti vende quel film a 40€? Mettiamo pure che acquisti quel film, ti assicuro che in base al copyright non posso neppure prestarlo ad un mio amico perché dal momento che lo faccio divento un criminale. Con questa crisi, con la gente senza lavoro e quindi senza soldi, non credo che incriminare chi condivide i film acquistati legalmente, risolvano i loro problemi. Se tutti i beni e i servizi fossero distribuiti equamente non ci sarebbe bisogno di dover infrangere la legge per avere ciò che ci appartiene. Purtroppo il mondo non cambia perché la maggior parte delle persone preferiscono rimanere schiave dei governi, delle multinazionali e delle banche che ci sfruttano e ci imbrogliano con la loro finta democrazia. Ma un giorno tutto questo cambierà ed internet giocherà un ruolo fondamentale. Bisogna lottare perché si possano abbattere queste barriere ma soprattutto bisogna lottare per abbattere le persone come te.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario Bianchi
    > Ma tu credi che sia più ladro chi scarica
    > illegalmente film o chi ti vende quel film a 40€?
    > Mettiamo pure che acquisti quel film, ti assicuro
    > che in base al copyright non posso neppure
    > prestarlo ad un mio amico perché dal momento che
    > lo faccio divento un criminale. Con questa crisi,
    > con la gente senza lavoro e quindi senza soldi,
    > non credo che incriminare chi condivide i film
    > acquistati legalmente, risolvano i loro problemi.
    > Se tutti i beni e i servizi fossero distribuiti
    > equamente non ci sarebbe bisogno di dover
    > infrangere la legge per avere ciò che ci
    > appartiene. Purtroppo il mondo non cambia perché
    > la maggior parte delle persone preferiscono
    > rimanere schiave dei governi, delle
    > multinazionali e delle banche che ci sfruttano e
    > ci imbrogliano con la loro finta democrazia. Ma
    > un giorno tutto questo cambierà ed internet
    > giocherà un ruolo fondamentale. Bisogna lottare
    > perché si possano abbattere queste barriere ma
    > soprattutto bisogna lottare per abbattere le
    > persone come
    > te.

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Cristo Santo che storia...ma è una cosa INDECENTE! Non ci hanno mandato un tipo come BATTISTI - e sto poro ragazzo trattato come una borsa della spesa..bho qua ci stiamo instupidendo veramente...
    non+autenticato
  • Aspetto con ansia la risposta di Anonymouse. Mi auguro che possano mandare in tilt i computer del governo americano.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario Bianchi
    > Aspetto con ansia la risposta di Anonymouse. Mi
    > auguro che possano mandare in tilt i computer del
    > governo
    > americano.

    Sono un sacco di computer!!11 Sorpresa
    non+autenticato
  • ... la violazione del copyright non sta né in cielo né in terra. E` una enormità destinata ad esplodere, ed esploderà.
    non+autenticato
  • Da 10 a 22 anni di carcere per un reato senza vittime ?
    Questa è follìa pura.
  • "Follia" è la prima parola a cui ho pensato anche io.
    Diamine, estradato per un "crimine" commesso altrove; "crimine" poi? Io per mia personale sanità mentale mai e poi mai pubblicherei un sito che contiene link a contenuti "pirata", però cacchio, ha solo pubblicato dei link!
    Ai gestori dei siti a cui quei link puntavano cosa spetta allora? La pena di morte?
    Folle e ancora folle.
    Stento a crederci.
  • Mentre il capo della gang del crack LEHMAN BROTHERS dovrebbe essere ancora a piede libero. Se continuano così si ritornerà ai processi sommari ed alle fosse comuni. Comunque quando qualcuno se le cerca ... è naturale che finisca così.
    non+autenticato
  • Ormai è storia quello che è avvenuto ai regnanti ed alle loro famiglie quando i soprusi sono diventati intollerabili. In quei momenti non c'è stata pietà per nessuno, uomini donne e bambini. Speriamo che questo non avvenga, secondo me purtroppo siamo su quella strada.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)