Alfonso Maruccia

I neutrini rallentano, Einstein aveva ragione

Un nuovo esperimento condotto sotto il Gran Sasso conferma: i neutrini non viaggiano a velocità superiori a quelle della luce. ICARUS smentisce OPERA, ma Rubbia smorza la polemica

Roma - Dopo aver messo a soqquadro il mondo scientifico e quello dei media internazionali, la scoperta della presunta velocità superluminale dei neutrini deve fare i conti con le verifiche da parte di team di ricerca ed esperimenti terzi. E si tratta, a quando pare, di smentite al lavoro di analisi fatto dai ricercatori del progetto OPERA nel laboratorio del Gran Sasso.

Già messa in dubbio per possibili errori nella strumentazione usata durante i test dal team di Antonio Ereditato - lo stesso responsabile dell'annuncio iniziale - la super-velocità dei neutrini viene ora smentita dal team di ICARUS, progetto operante nello stesso laboratorio di OPERA ma con un rivelatore di particelle differente.

Per rivelare e misurare le particelle elementari sfuggenti e refrattarie all'interazione come i neutrini, ICARUS usa una tecnologia a base di argon liquido contro quella a emulsione fotografica di OPERA: nel corso dell'esperimento, il rivelatore ha "catturato" sette neutrini sparati (come nel caso di OPERA) dal CERN di Ginevra in direzione Gran Sasso, con velocità prossime a quelle delle luce: certamente non superiori.
Che il team di OPERA e dei neutrini superluminali si sia dunque sbagliato? Altamente probabile, visto che ICARUS usa in pratica le stesse strumentazioni adottate dal progetto precedente a parte la differenza succitata nel tipo di materiale usato nel rivelatore di particelle.

Il premio Nobel e portavoce del progetto ICARUS Carlo Rubbia ha commentato dicendo che "ICARUS misura la velocità dei neutrini come niente affatto più veloce della luce", e questo genere di risultati non farebbe altro che "fornire un'importante riscontro sui rapporti di risultati anomali di OPERA dello scorso anno".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaNeutrini più veloci della luce?I risultati di un esperimento italo-svizzero generano sussulti nella comunità scientifica internazionale: i neutrini sarebbero in grado di viaggiare più veloce della luce. Una scoperta che, qualora confermata, avrebbe una portata storica
  • TecnologiaNeutrini superluminali per errore?I ricercatori del Gran Sasso rivelano: la scoperta dei neutrini più veloci della luce potrebbe essere stata influenzata da due diverse anomalie. Permangono i dubbi in attesa di raccogliere altri dati e ripetere l'esperimento
  • TecnologiaNeutrini, messaggeri digitali del futuro?Ricercatori statunitensi codificano un messaggio binario comunicando attraverso i neutrini. Attualmente impraticabile al di fuori dei laboratori di ricerca, un simile meccanismo potrebbe in futuro essere indispensabile
57 Commenti alla Notizia I neutrini rallentano, Einstein aveva ragione
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)