Mauro Vecchio

Megaupload, il primo avvoltoio

La prima denuncia contro il cyberlocker di Kim Dotcom: inizia ValCom, che pretende una cifra variabile tra 4,5 e 900 milioni di dollari. Migliaia di contenuti caricati in violazione del diritto d'autore

Roma - Ancora Megaupload, al centro del mirino dell'industria del copyright a stelle e strisce. Un'azienda operativa in Florida ha infatti avviato le procedure legali per una causa contro la celebre piattaforma di file hosting. Accusata - manco a dirlo - di violazione massiva del diritto d'autore; di aver facilitato il caricamento illecito di migliaia di contenuti audiovisivi prodotti da ValCom.

Sul mercato dal lontano 1983, ValCom è un'azienda specializzata in soluzioni per l'entertainment globale, dal broadcasting televisivo al cinema delle major di Hollywood. In particolare, l'azienda della Florida si è concentrata negli anni sulla distribuzione di messaggi registrati - tipo quelli in caso d'emergenza - e musica d'ambiente nelle sale d'attesa di ospedali e scuole pubbliche.

Stando ai vertici societari, i responsabili di Megaupload avrebbero permesso il caricamento di gran parte dei 6mila contenuti audiovisivi distribuiti da ValCom. Nella causa contro il mega-impero sono stati dunque richiesti i cosiddetti statutory damages, che vanno da un minimo di 750 dollari ad un massimo di 150mila per ciascuna opera di cui si è abusato.
Facendo i calcoli, il giudice potrebbe obbligare il cyberlocker di Hong Kong a pagare l'astronomica cifra di 900 milioni di dollari, se si considerasse il massimo della sanzione pecuniaria per le 6mila opere tirate in ballo da ValCom. L'ipotesi appare però remota, dal momento che la stessa azienda statunitense ha parlato di una parte, pur cospicua, del materiale detenuto.

"Abbiamo il diritto di essere rimborsati - ha tuonato il CEO di ValCom Vince Vellardita - per il bene dell'azienda e per accrescere il suo valore nell'interesse dei nostri azionisti". C'è chi ha però fatto notare come l'attuale valore azionario di ValCom si assesti sul prezzo di 0,004 dollari ad azione.

Avvoltoi sul cadavere in decomposizione del sito di file hosting? Le società coinvolte nel caricamento/scaricamento di opere su Megaupload sono certamente numerose. A suon di singole citazioni, la piattaforma potrebbe accumulare danni praticamente impossibili da pagare. Nel frattempo, Kim Dotcom si gode i suoi neonati gemelli. Il processo per la sua estradizione inizierà il prossimo 6 agosto.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàMegaupload, scontro sui file degli utentiIl servizio di hosting Carpathia vorrebbe l'eliminazione di tutti i file, per evitare i costi di gestione dei server. MPAA vuole trattenerli per eventuali citazioni legali. C'è chi tenta di truffare gli utenti del cyberlocker
  • AttualitàKim Dotcom, il sequestro non è validoErrore da parte delle autorità neozelandesi: la polizia ha eseguito un ordine di sequestro definito "nullo e invalido" dall'Alta Corte. Il founder di Megaupload potrebbe ora tornare in possesso dei suoi beni
  • AttualitàMegaupload, estradizione d'agostoDepositati i documenti per ottenere l'estradizione dei quattro gestori della piattaforma di file hosting. Kim Dotcom e soci sono accusati di violazione del copyright, racket, riciclaggio di denaro. Processo in estate
  • AttualitàMegaupload, nuovi guai a stelle e strisceL'impero dei cyberlocker non si sarebbe mai sforzato per eliminare i contenuti illeciti. Mentendo sul numero effettivo di utenti registrati. Pagati più di 3mila dollari ad un utente per il caricamento di 20mila file
122 Commenti alla Notizia Megaupload, il primo avvoltoio
Ordina
  • Come da titolo.... ecco cosa sono le compagnie che citano megaupload.....parassiti da sterminare col DDT.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zero Tolerance
    > Come da titolo.... ecco cosa sono le compagnie
    > che citano megaupload.....parassiti da sterminare
    > col
    > DDT.
    Citano un parassita che ha sfruttato illegalmente le proprie opere, mi sembra che il cattivo sia il ladro non il derubato, almeno fino a poco tempo fa era così.
    non+autenticato
  • > Citano un parassita che ha sfruttato illegalmente
    > le proprie opere

    Ma ti rileggi, almeno?


    > mi sembra che il cattivo sia il
    > ladro non il derubato, almeno fino a poco tempo
    > fa era
    > così.

    Se uno sfrutta illegalmente le proprie opere, si è "derubato" da solo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > - Scritto da: Zero Tolerance
    > > Come da titolo.... ecco cosa sono le
    > > compagnie che citano megaupload.....
    > > parassiti da sterminare col DDT.

    > Citano un parassita che ha sfruttato illegalmente
    > le proprie opere, mi sembra che il cattivo sia il
    > ladro non il derubato, almeno fino a poco tempo
    > fa era così.

    Quindi stai dicento che centinaia di persone del governo, militari, e politicanti americani utilizzavano un sito illegale ?
    krane
    22544
  • Sono il primo a considerare la distribuzione "normale" dei contenuti vecchia e moribonda, stà di fatto però che tanto quanto è sbagliato che campino per 50 anni con un lavoro bisogna considerare che qualcosa devono pur guadagnarlo.

    Cosa li fai a fare i film se non porti a casa soldi? e la musica? dovrebbero tutti lavorare a gratis?

    La soluzione a mio parere sono piattaforme come Hulu o Netflix, la prima ti offre praticamente ogni film e spettacolo semplicemente "sorbendoti" qualche minuto di pubblicità e ci pensano loro a dare i soldi a chi di dovere e la seconda ti offre "tutto quel che vuoi" vedere per un canone mensile ridotto.

    Capisco che faccia comodo voler vedere TUTTO a gratis senza problemi, capisco anche che possiate definire scemo uno che "paga" per queste cose, ma stà di fatto che qualche soldo devono farlo, il problema è "quanti" ad esempio:

    - 20 euro per un dvd/bluray sono una follia.
    - 5 euro per noleggiare un dve sono una follia.

    - 1 euro per vedere un film in streaming in HD con ottima qualità di banda etc è legittimo, io lo pagherei.
    - 1 euro per procurarsi una canzone che puoi copiare/usare come ritieni opportuno ci stà, vuoi 300 canzoni? con calma te le prendi.

    Questa è la mia idea, ovvio che "tutto a gratis" è meglio, ma se una persona non capisce che qualcuno i soldi a hollywood deve darli altrimenti non fanno più i film e lo stesso i musicisti, vuol dire che ha qualche problema.
    non+autenticato
  • hulu ha solo spettacoli e telefilm e film americani, non c'è niente di roba italiana o europea.
    non+autenticato
  • L'unica cosa che si deve capire è che non è che se uno produce un film o una canzone deve essere pagato per forza per il suo lavoro, perchè nessuno gli ha chiesto di farlo. Sarebbe come se io pulissi tutti i marciapiedi nel mio paese e dopo pretendessi che la gente che ci cammina paghi € 10, perchè "devo essere pagato per il mio lavoro". E' un ragionamento che non sta in piedi. Se per i produttori o gli artisti non è conveniente fare film e musica, che smettano di farli. Ma i film si ripagano già al cinema e gli artisti si ripagano con la musica dal vivo, che sono cose che non sono scaricabili con un singolo click. Infatti i cinema lavorano e la gente va comunque ai concerti, e non c'è pirateria che tenga. Ecco, che puntino su questo modello di business, invece di pretendere di far valere leggi idiote che vietano la copia.
  • - Scritto da: SimpleJK
    > L'unica cosa che si deve capire è che non è che
    > se uno produce un film o una canzone deve essere
    > pagato per forza per il suo lavoro, perchè
    > nessuno gli ha chiesto di farlo. Sarebbe come se
    > io pulissi tutti i marciapiedi nel mio paese e
    > dopo pretendessi che la gente che ci cammina
    > paghi € 10, perchè "devo essere pagato per il mio
    > lavoro". E' un ragionamento che non sta in piedi.
    > Se per i produttori o gli artisti non è
    > conveniente fare film e musica, che smettano di
    > farli. Ma i film si ripagano già al cinema e gli
    > artisti si ripagano con la musica dal vivo, che
    > sono cose che non sono scaricabili con un singolo
    > click. Infatti i cinema lavorano e la gente va
    > comunque ai concerti, e non c'è pirateria che
    > tenga. Ecco, che puntino su questo modello di
    > business, invece di pretendere di far valere
    > leggi idiote che vietano la
    > copia.
    Prova a rileggere quello che hai scritto, magari trovi delle idiozie... Nessuno ti obbliga a comprare una canzone, ma dal momento che la vuoi devi pagare chi l'ha creata, forse così è più sensato.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • > Prova a rileggere quello che hai scritto, magari
    > trovi delle idiozie... Nessuno ti obbliga a
    > comprare una canzone, ma dal momento che la vuoi
    > devi pagare chi l'ha creata, forse così è più
    > sensato.

    E se chi l'ha creata è morto? O se è già stato pagato anni fa?
    Il tuo discorso non regge.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > Prova a rileggere quello che hai scritto, magari
    > trovi delle idiozie... Nessuno ti obbliga a
    > comprare una canzone, ma dal momento che la vuoi
    > devi pagare chi l'ha creata, forse così è più
    > sensato.
    Ma io mica voglio la sua canzone? Che se la tenga pure. Io voglio solo farne una copia. Dunque perchè dovrei pagarlo, visto che non gli tolgo nulla? Alla fine, se proprio vogliamo parlare di obbligo, è lui che mi obbliga a dargli dei soldi per una copia che non ha valore. Ma io non ho nessuna intenzione di farlo. Se vorrò, spenderò i soldi per il biglietto per vederlo suonare dal vivo.
  • contenuto non disponibile
  • > abbonamento *mensile* a tutta la musica prodotta
    > divisa in tre
    > librerie:
    > 1) ultimissime (vecchie al max 6 mesi)
    > 2) recenti (vecchie al max 24 mesi)
    > 3) archivio (tutte le altre)
    >
    > Max 5 euro per libreria (era il prezzo di
    > megaupload se non
    > sbaglio).
    > Solo per la musica si può arrivare a 15 euro ad
    > abbonato e a queste condizioni ogni persona si
    > abbonerebbe almeno ad una
    > libreria.
    > Oggi ti risulta che ogni persona compri un Cd al
    > mese?
    > No.
    > Quindi con la mia soluzione abbiamo già
    > migliorato la situazione per entrambe le
    > parti.
    > Questo è capire la domanda e agire di conseguenza
    > nella costruzione
    > dell'offerta.
    > Come dici? c'è da mettere d'accordo tutti?
    > Semplice: non fatelo e la gente continuerà a
    > scaricare gratis, legge ed impedimenti tecnici
    > non servono a
    > nulla.

    Telecom sta facendo questa robba col 'cubo musica':

    # Senza limiti: Ascolto illimitato IN STREAMING, di alta qualità e senza pubblicità, al costo di 3 €/mese IVA inclusa;

    # Senza limiti +10: Ascolto illimitato IN STREAMING con incluso il download di 10 canzoni al mese al costo di 5.03 €/mese IVA inclusa [e altre]; i file sono mp3 DRM-free.

    NON e' certo quello che dici tu... ma FORSE piano piano .. gh.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • io pensavo più alla rai come distributore di media.. chi paga il canone può accedere a tutto l'archivio rai.. e vedersi quello che vuole compresi i film appena aquistati, partite e quant'altro
    non+autenticato
  • Per sbaglio ho scaricato l'ultimo film di topo giggio e me lo sono anche gurdato due volte... ORA ANDRO' IN GALERA!!!!!!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: colpevole
    > Per sbaglio ho scaricato l'ultimo film di topo
    > giggio e me lo sono anche gurdato due volte...
    > ORA ANDRO' IN
    > GALERA!!!!!!!!

    free topo giggio!!!
  • - Scritto da: colpevole
    > Per sbaglio ho scaricato l'ultimo film di topo
    > giggio e me lo sono anche gurdato due volte...
    > ORA ANDRO' IN
    > GALERA!!!!!!!!
    Tu scherzaci... ma se era per i videotecari, doveva essere realmente così. Perchè guardandoti quel film a sbafo gli hai privati di € 6 per il noleggio. LADRO !

    Con la lingua fuori
  • li haiSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: lol
    > li haiSorride
    Ho scritto una frase in singolare, l'ho trasformata in plurale, e ho dimenticato di togliere il "g"...

    Fantasma
  • - Scritto da: SimpleJK
    > - Scritto da: colpevole
    > > Per sbaglio ho scaricato l'ultimo film di
    > topo
    > > giggio e me lo sono anche gurdato due
    > volte...
    > > ORA ANDRO' IN
    > > GALERA!!!!!!!!
    > Tu scherzaci... ma se era per i videotecari,
    > doveva essere realmente così. Perchè guardandoti
    > quel film a sbafo gli hai privati di € 6 per il
    > noleggio. LADRO
    > !
    >
    > Con la lingua fuori

    Eh no! lo hai visto 2 volte, quindi gli euri sono 12!
    Se poi lo hai visto con altri c'e' la moltiplicazione coatta
  • - Scritto da: Riketto
    > Eh no! lo hai visto 2 volte, quindi gli euri sono
    > 12!
    > Se poi lo hai visto con altri c'e' la
    > moltiplicazione
    > coatta
    Comunque, visto che i videotecari parlano di furto se si copia qualcosa e sostengono che le copie hanno un valore, mi sorge un dubbio: se io compro un film e lo scarico sul mio disco fisso di 1 terabyte è poi faccio copia/incolla 1.000 volte fino a riempire il disco fisso, posso sostenere che il mio disco fisso vale € 20 x 1.000, ovvero € 20.000 ???

    Deluso
  • - Scritto da: SimpleJK
    > - Scritto da: Riketto
    > > Eh no! lo hai visto 2 volte, quindi gli euri
    > sono
    > > 12!
    > > Se poi lo hai visto con altri c'e' la
    > > moltiplicazione
    > > coatta
    > Comunque, visto che i videotecari parlano di
    > furto se si copia qualcosa e sostengono che le
    > copie hanno un valore, mi sorge un dubbio: se io
    > compro un film e lo scarico sul mio disco fisso
    > di 1 terabyte è poi faccio copia/incolla 1.000
    > volte fino a riempire il disco fisso, posso
    > sostenere che il mio disco fisso vale € 20 x
    > 1.000, ovvero € 20.000
    > ???
    >
    > Deluso
    No, ma a quel punto qualcuno ti consiglierà uno specialista. Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > No, ma a quel punto qualcuno ti consiglierà uno
    > specialista.
    > Sorride
    Lo stesso specialista che consiglio a chi sostiene che copiare una cosa è un furto. Perchè in quel caso si assume che la copia deve avere un valore e il mio ragionamento pertanto non fa una grinza.
    Comunque spiegami una cosa: se se vado da un fruttivendolo, compro una cipolla, la pianto nell'orto e ne ricavo 100, sono un pirata perchè ho copiato la cipolla del fruttivendolo? Alla fine l'ho privato dell'incasso delle 100 cipolle che ho prodotto grazie a quella che mi ha venduto. Sono un ladro?

    Sorride
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: SimpleJK
    > - Scritto da: colpevole
    > > Per sbaglio ho scaricato l'ultimo film di
    > topo
    > > giggio e me lo sono anche gurdato due
    > volte...
    > > ORA ANDRO' IN
    > > GALERA!!!!!!!!
    > Tu scherzaci... ma se era per i videotecari,
    > doveva essere realmente così. Perchè guardandoti
    > quel film a sbafo gli hai privati di € 6 per il
    > noleggio. LADRO
    > !
    >
    > Con la lingua fuori
    Però a scuola ci sono andati...anzi a squola. Sorride
    non+autenticato
  • Inizia ValCom, che pretende una cifra variabile tra 4,5 e 900 milioni di dollari.

    Grande, GRANDEEE!

    Ancora denunce, ancora... denunciamo tutto il mondo e mandiamo tutti sul lastrico AH AH AH. A bocca aperta

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • .. si trovano già alla nascita un "probabile debito" che altro che quello dei neonati italiani per il nostro debito pubblico!... Sorride
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)