Mauro Vecchio

USA, il sorpasso dello streaming

Per la prima volta, la visione online dei film supera quella legata all'acquisto dei supporti fisici. Spadroneggiano Amazon e Netflix. Il prezzo medio sul web è decisamente più basso di quello sugli scaffali

Roma - Una svolta epocale nelle abitudini di consumo audiovisivo degli spettatori a stelle e strisce. Per la prima volta nella storia, la visione in streaming dei film ha superato quella legata all'acquisto di un supporto fisico. Che si tratti di DVD o Blu-ray, i classici dischi hanno dovuto cedere il passo alle principali piattaforme online per la distribuzione legale dei contenuti.

I numeri del sorpasso sono stati snocciolati nell'ultimo IHS Screen Digest: nel 2012, la visione in streaming ha toccato quota 3,4 miliardi di film. Una cifra più che raddoppiata dallo scorso anno, quando il totale registrato sfiorava di pochissimo il tetto 1,5 miliardi. L'acquisto di supporti fisici è invece sceso a 2,4 miliardi, circa 200 milioni in meno rispetto al 2011.

Il merito è andato a due tra i principali attori del mercato legato allo streaming. I colossi Amazon e Netflix hanno venduto quasi il 95 per cento di tutti i contenuti di celluloide scelti dai netizen statunitensi per la visione su laptop o dispositivi mobile. Ma è chiaramente cruciale il ruolo ricoperto dal prezzo medio di un singolo film in formato streaming sul web.
Sempre stando ai dati dello IHS Screen Digest, gli utenti statunitensi pagano una media di 51 centesimi di dollaro per ciascun film selezionato online. Il paragone con i supporti fisici appare quasi impietoso: per DVD e Blu-ray bisogna spendere una media di 4,72 dollari per ognuno dei titoli cinematografici.

È forse la campana a morto per l'industria dell'intrattenimento tangibile? Gli stessi ricercatori di IHS hanno sottolineato come, a quasi 10 anni dal primo lancio di iTunes, la vendita dei CD ricopra ancora un ruolo vitale per la sopravvivenza delle major del disco.

Il consumo cinematografico sembra però orientato verso le più flessibili - ed economiche - soluzioni offerte da piattaforme come Netflix e Amazon. Hollywood sta già tentando il grande contrattacco con Ultraviolet, lanciata nell'ottobre dello scorso anno con riscontri non proprio esaltanti. E infatti le stesse major cercheranno di spingere la piattaforma di DRM universale dopo il recente accordo con i vertici di Walmart. In pratica, gli acquirenti di un disco fisico potranno trasferire il contenuto in the cloud dietro un pagamento che varia tra i 2 e i 5 dollari.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessContenuti originali? Internet fa da sédi G. Niola - La produzione diventa sempre più appannaggio di chi ha iniziato a muoversi con i video in rete. Una carrellata sulle realtà più dinamiche del momento, a partire dagli Stati Uniti per arrivare all'Italia
  • BusinessMusica digitale, l'avanzata continuaIl fatturato globale nel 2011 è cresciuto dell'8 per cento sui 5,2 miliardi di dollari. L'aumento più vistoso per i servizi a sottoscrizione. Buone risposte dalla Francia dopo l'adozione di HADOPI. Ma la pirateria resta
  • BusinessNetflix, sbarco in terra d'AlbioneIl servizio di streaming a noleggio è stato lanciato in Irlanda e Regno Unito. Ai prezzi mensili di 7 euro e 6 sterline. Ma il CEO Reed Hastings parla di 70 milioni di dollari persi nel primo trimestre
  • AttualitàNetflix, il nuovo re della ReteLa piattaforma di video on demand avrebbe generato quasi il 30 per cento del traffico in download nelle ore di maggior affluenza in Nord America. Mentre cresce in generale tutto il consumo di servizi legati all'intrattenimento
27 Commenti alla Notizia USA, il sorpasso dello streaming
Ordina
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere

    C'e' blockbuster che sta svendendo tutte le rimanenze perche' deve liberare i locali per i kebabbari.

    Domani vado a comprare un dvd!
    Cosi' potro' contribuire a farli smammare piu' in fretta.
    E mi tengo il dvd come ricordo da far vedere ai nipotini tra qualche decennio.

    "Nonno, nonno, raccontaci ancora quella favola di come sono falliti i noleggiatori di film dei tuoi tempi..."
  • - Scritto da: panda rossa
    >
    > "Nonno, nonno, raccontaci ancora quella favola di
    > come sono falliti i noleggiatori di film dei tuoi
    > tempi..."

    E' più facile che ti diranno: "Nonno per favore, non ti distrarre con l'iniziare a parlare del passato altrimenti perdiamo il turno e i posti per il kebabb" ... A bocca aperta
    non+autenticato
  • e se invece i nonni (non ancora tali) vogliono una STORIELLA ATTUALE, possono digitare "plurivision univideo" su google... E' la favola del videotechino ipocritaSorride
    non+autenticato
  • La svolta é soprattutto nei numeri assoluti 3,4 miliardi contro 2,4, ma prendendo per buoni i costi, nel primo caso con 51 centesimi di dollaro si arriva a poco più di 1,7 miliardi di dollari mentre nell'altro caso si parla di 4,72 dollari per un totale di 11 miliardi.
    I supporti fisici hanno perso 200 milioni di unità vendute per cui sarebbero stati spesi oltre 900 milioni di euro, che si sono trasferiti nello streaming (900 milioni/0,51-> 1,8 miliardi di file circa e l'aumento dello streaming si attesta a 1,9 miliardi di unità).
    Per le case produttrici sarebbe pari se il loro guadagno fosse solo 50 centesimi (sorvolando sull'intermediario) per film comunque, con un leggero guadagno addirittura, mentre a rimetterci sarebbero tutti gli altri che guadagnano sul supporto (produttore, smerciatore, rivenditore, ecc). In caso contrario la cosa non sarebbe così rosea, come dimostra la reazione delle case cinematografiche.
    Senza contare che ad un certo punto la voglia (o tempo) di vedere film dell'utente si satura e non è immaginabile che la somma totale spesa per i dvd (ecc) si trasformi in un'equivalente spesa in streaming
    non+autenticato
  • Al momento di servizi come netflix in italia manco l’ombra

    Vuoi per lo strapotere (spinto dalla politica) di digitale terrestre/satellite e le linee adsl da mozambico che ci troviamo le alternative al momento sono:

    Mediaset premium
    sky
    Videotechini
    download illegale

    Indovinate qual’é il servizio migliore per l'utente italiano medio?
    non+autenticato
  • il problema è il doppiaggio.
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > il problema è il doppiaggio.

    No.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: MeX
    > il problema è il doppiaggio.

    Si sopperisce coi fansub.Sorride
  • Mi dispiace sentire certe notizie... io vorrei che fallissero tutti.
  • meno di 40 centesimi di euro.

    Ecco perchè i videotecari falliranno, altro che pirateria.
    Per 40 centesimi a film la pirateria perde di senso.
  • - Scritto da: dont feed the troll/dovella
    > meno di 40 centesimi di euro.
    >
    > Ecco perchè i videotecari falliranno, altro che
    > pirateria.
    > Per 40 centesimi a film la pirateria perde di
    > senso.
    tra l'altro i videotechini sono di una ipocrisia stellare.

    Da un lato si lagnano per la cosidetta pirateria online (e anche per il satellite, mediaset premium, e ora pure i vari cubovision) perche vengono depredati della vendita/noleggio dei dischi fisici, MA DALL'ALTRO hanno creato un sistema DI STREAMING (chiedere a spacevideo)... praticamente alcuni predicano 'bene' e razzolano male.

    Ma non finisce li'.
    ROMPONO LE PALLE sul Rigoroso e pedissequo rispetto delle norme fasciste (la 633/41) e poi ci lavorano sopra per anni per trovare un modo per ELUDERLA!... vengono portati portano in tribunale piu volte.. e alla fine le "vittime" +- devono constatare che c'e' un buchino nella norma per cui gliela danno buona (parlo della cosiddetta multiproprieta' dei film... imbroglio legale per eludere il divieto al noleggio di cose marcate per la vendita. La chiamano Plurivision. Geniale devo dire ahahha.. stanno a frega' i distributori e pure la siae.... )
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: dont feed the troll/dovella
    > > meno di 40 centesimi di euro.
    > >
    > > Ecco perchè i videotecari falliranno, altro che
    > > pirateria.
    > > Per 40 centesimi a film la pirateria perde di
    > > senso.
    > tra l'altro i videotechini sono di una ipocrisia
    > stellare.
    >

    Eh gia.
    E' l'unica cosa che proprio non riesco a perdonargli.

    > hanno creato un
    > sistema DI STREAMING (chiedere a spacevideo)...
    > praticamente alcuni predicano 'bene' e razzolano
    > male.

    Un sistema di streaming di filmati a bassa qualità, con tanto di DRM, che funziona solo su sistemi windows e il cui costo va sopra i due euro nella migliore delle ipotesi.

    E poi dicono pure che i vari BRRip che si trovano in rete fanno schifo, quando poi i loro film hanno la qualità che hanno.

    >
    > Ma non finisce li'.

    si si, so tutto, sono un fedele follower del loro "forum".

    E' il classico doppiopesismo all'italiana: loro possono fare tutto e gli altri non devono poter far niente.
  • > > tra l'altro i videotechini sono di una
    > ipocrisia
    > > stellare.
    > >
    >
    > Eh gia.
    > E' l'unica cosa che proprio non riesco a
    > perdonargli.
    Idem.

    > > hanno creato un
    > > sistema DI STREAMING (chiedere a
    > spacevideo)...
    > > praticamente alcuni predicano 'bene' e
    > razzolano
    > > male.
    >
    > Un sistema di streaming di filmati a bassa
    > qualità, con tanto di DRM, che funziona solo su
    > sistemi windows e il cui costo va sopra i due
    > euro nella migliore delle
    > ipotesi.
    eh si ma a prescindere dalla qualita'... io trovo spettacolare questa cosa... cioe metti per assurdo che venda BENISSIMO quel sistema (e oggi e' venduto da alcuni videotechini e sponsorizzato come mezzo per guadagnare/attirare piu clienti)... DOPO il negozio fisico e gli armadi di dischi che li tiene a fare?? Metti tutto in housing e chiudi le videotecheSorride

    > > Ma non finisce li'.
    >
    > si si, so tutto, sono un fedele follower del loro
    > "forum".
    >
    > E' il classico doppiopesismo all'italiana: loro
    > possono fare tutto e gli altri non devono poter
    > far
    > niente.
    ehehehhe.. io quando ho letto il tutto mesi fa, mi sono sganasciato dal ridere! anni e anni di lavoro per infinocchiare Univideo ahahha
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: dont feed the troll/dovella
    > > meno di 40 centesimi di euro.
    > >
    > > Ecco perchè i videotecari falliranno, altro che
    > > pirateria.
    > > Per 40 centesimi a film la pirateria perde di
    > > senso.
    > tra l'altro i videotechini sono di una ipocrisia
    > stellare.
    >
    > Da un lato si lagnano per la cosidetta pirateria
    > online (e anche per il satellite, mediaset
    > premium, e ora pure i vari cubovision) perche
    > vengono depredati della vendita/noleggio dei
    > dischi fisici, MA DALL'ALTRO hanno creato un
    > sistema DI STREAMING (chiedere a spacevideo)...
    > praticamente alcuni predicano 'bene' e razzolano
    > male.
    >
    > Ma non finisce li'.
    > ROMPONO LE PALLE sul Rigoroso e pedissequo
    > rispetto delle norme fasciste (la 633/41) e poi
    > ci lavorano sopra per anni per trovare un modo
    > per ELUDERLA!... vengono portati portano in
    > tribunale piu volte.. e alla fine le "vittime" +-
    > devono constatare che c'e' un buchino nella norma
    > per cui gliela danno buona (parlo della
    > cosiddetta multiproprieta' dei film... imbroglio
    > legale per eludere il divieto al noleggio di cose
    > marcate per la vendita. La chiamano Plurivision.
    > Geniale devo dire ahahha.. stanno a frega' i
    > distributori e pure la siae....
    > )

    Ti invito formalmente a riscrivere il post quiSorride
    http://www.facebook.com/pages/A-favore-della-chius...
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > - Scritto da: bubba
    (...)
    > > tra l'altro i videotechini sono di una
    > ipocrisia
    > > stellare.
    (...)
    > Ti invito formalmente a riscrivere il post quiSorride
    > http://www.facebook.com/pages/A-favore-della-chius
    Simpatico questo gruppo... allora FB non e' completamente inutile...Sorride
    Non ho un account su FB, ma vedo di segnalare x il crossposting a chi di dovereSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: dont feed the troll/dovella
    > > meno di 40 centesimi di euro.
    > >
    > > Ecco perchè i videotecari falliranno, altro che
    > > pirateria.
    > > Per 40 centesimi a film la pirateria perde di
    > > senso.
    > tra l'altro i videotechini sono di una ipocrisia
    > stellare.
    >
    > Da un lato si lagnano per la cosidetta pirateria
    > online (e anche per il satellite, mediaset
    > premium, e ora pure i vari cubovision) perche
    > vengono depredati della vendita/noleggio dei
    > dischi fisici, MA DALL'ALTRO hanno creato un
    > sistema DI STREAMING (chiedere a spacevideo)...
    > praticamente alcuni predicano 'bene' e razzolano
    > male.
    >
    > Ma non finisce li'.
    > ROMPONO LE PALLE sul Rigoroso e pedissequo
    > rispetto delle norme fasciste (la 633/41) e poi
    > ci lavorano sopra per anni per trovare un modo
    > per ELUDERLA!... vengono portati portano in
    > tribunale piu volte.. e alla fine le "vittime" +-
    > devono constatare che c'e' un buchino nella norma
    > per cui gliela danno buona (parlo della
    > cosiddetta multiproprieta' dei film... imbroglio
    > legale per eludere il divieto al noleggio di cose
    > marcate per la vendita. La chiamano Plurivision.
    > Geniale devo dire ahahha.. stanno a frega' i
    > distributori e pure la siae.... )

    Fico e quanto costa il plurivision ? Cosi' magari gli utilizzatori del mulo fanno un plurivision a nome del mulo e rientrano tutti nella legalita'.
    krane
    22544
  • >La chiamano
    > Plurivision.
    >
    > > Geniale devo dire ahahha.. stanno a frega' i
    > > distributori e pure la siae.... )
    >
    > Fico e quanto costa il plurivision ? Cosi' magari
    > gli utilizzatori del mulo fanno un plurivision a
    > nome del mulo e rientrano tutti nella
    > legalita'.
    ehehheh... non credo che funzionerebbe xche il mulo prevede copie multiple contemporanee in mano a molteplici soggetti... qui l'oggetto rimane cmq uno.
    Vero pero' che il proprietario pero' puo' fare una copia di backup... e se il (pluri)proprietario la scambia con se stesso via mulo?? mhh qua ci vogliono gli avvocati dei videotechiniA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > >La chiamano
    > > Plurivision.
    > >
    > > > Geniale devo dire ahahha.. stanno a frega'
    > i
    > > > distributori e pure la siae.... )
    > >
    > > Fico e quanto costa il plurivision ? Cosi'
    > magari
    > > gli utilizzatori del mulo fanno un plurivision a
    > > nome del mulo e rientrano tutti nella
    > > legalita'.
    > ehehheh... non credo che funzionerebbe xche il
    > mulo prevede copie multiple contemporanee in mano
    > a molteplici soggetti... qui l'oggetto rimane cmq
    > uno.
    >
    > Vero pero' che il proprietario pero' puo' fare
    > una copia di backup... e se il
    > (pluri)proprietario la scambia con se stesso via
    > mulo?? mhh qua ci vogliono gli avvocati dei
    > videotechini
    >A bocca aperta

    Ho gia' una soluzione facile: basta allegare un file in cui si scrive "giurin giuretto non guardero' questo film mentre lo sta guardando un altro. Fidati..."
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: bubba
    > > - Scritto da: dont feed the troll/dovella
    > > > meno di 40 centesimi di euro.
    > > >
    > > > Ecco perchè i videotecari falliranno,
    > altro
    > che
    > > > pirateria.
    > > > Per 40 centesimi a film la pirateria
    > perde
    > di
    > > > senso.
    > > tra l'altro i videotechini sono di una
    > ipocrisia
    > > stellare.
    > >
    > > Da un lato si lagnano per la cosidetta
    > pirateria
    > > online (e anche per il satellite, mediaset
    > > premium, e ora pure i vari cubovision) perche
    > > vengono depredati della vendita/noleggio dei
    > > dischi fisici, MA DALL'ALTRO hanno creato un
    > > sistema DI STREAMING (chiedere a
    > spacevideo)...
    > > praticamente alcuni predicano 'bene' e
    > razzolano
    > > male.
    > >
    > > Ma non finisce li'.
    > > ROMPONO LE PALLE sul Rigoroso e pedissequo
    > > rispetto delle norme fasciste (la 633/41) e
    > poi
    > > ci lavorano sopra per anni per trovare un
    > modo
    > > per ELUDERLA!... vengono portati portano in
    > > tribunale piu volte.. e alla fine le
    > "vittime"
    > +-
    > > devono constatare che c'e' un buchino nella
    > norma
    > > per cui gliela danno buona (parlo della
    > > cosiddetta multiproprieta' dei film...
    > imbroglio
    > > legale per eludere il divieto al noleggio di
    > cose
    > > marcate per la vendita. La chiamano
    > Plurivision.
    >
    > > Geniale devo dire ahahha.. stanno a frega' i
    > > distributori e pure la siae.... )
    >
    > Fico e quanto costa il plurivision ?


    Immagino tanto quanto un noleggio.


    La cosa assurda è che in teoria se prendo un oggetto X che costa 10 euro e vendo le porzioni di proprietà a 2 euro, potrei vendere al max 5 di queste porzioni...ma in realtà ne vendo n-mila...tanto chi controlla?
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: dont feed the troll/dovella
    > > meno di 40 centesimi di euro.
    > >
    > > Ecco perchè i videotecari falliranno, altro che
    > > pirateria.
    > > Per 40 centesimi a film la pirateria perde di
    > > senso.
    > tra l'altro i videotechini sono di una ipocrisia
    > stellare.
    >
    > Da un lato si lagnano per la cosidetta pirateria
    > online (e anche per il satellite, mediaset
    > premium, e ora pure i vari cubovision) perche
    > vengono depredati della vendita/noleggio dei
    > dischi fisici, MA DALL'ALTRO hanno creato un
    > sistema DI STREAMING (chiedere a spacevideo)...
    > praticamente alcuni predicano 'bene' e razzolano
    > male.
    >
    > Ma non finisce li'.
    > ROMPONO LE PALLE sul Rigoroso e pedissequo
    > rispetto delle norme fasciste (la 633/41) e poi
    > ci lavorano sopra per anni per trovare un modo
    > per ELUDERLA!... vengono portati portano in
    > tribunale piu volte.. e alla fine le "vittime" +-
    > devono constatare che c'e' un buchino nella norma
    > per cui gliela danno buona (parlo della
    > cosiddetta multiproprieta' dei film... imbroglio
    > legale per eludere il divieto al noleggio di cose
    > marcate per la vendita. La chiamano Plurivision.
    > Geniale devo dire ahahha.. stanno a frega' i
    > distributori e pure la siae....
    > )

    Personaggi tristi che fanno ormai parte del passato, già ora hanno clientele ottuagenarie ma tra poco con il ricambio generazionale manco più quelle avranno, in compenso aumenteranno esponenzialmente i kebabbariA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato