Mauro Vecchio

UK, guerra agli intermediari del gossip

I parlamentari britannici vorrebbero obbligare motori di ricerca e social network a rimuovere tutti i link relativi a scandali o indiscrezioni coperte dalle ordinanze giuridiche. Google risponde: già lo facciamo, se segnalati

Roma - Nel Regno Unito vengono chiamate super-injunction, strumenti giuridici a disposizione di personaggi pubblici e celebrità per tutelare la propria privacy da eventuali scandali o semplici indiscrezioni in esclusiva. Il meccanismo è rigido perché vieta a qualsiasi fonte mediatica di rivelare i dettagli di una determinata vicenda di cronaca o gossip. Ma che succede quando la notizia finisce nel vortice inesorabile della Rete?

È il problema che si pongono i membri parlamentari della britannica Joint Committee on Privacy and Injunctions, che hanno chiesto al governo di Londra un disegno di legge sul ruolo dei cosiddetti intermediari nella proliferazione selvaggia dei contenuti protetti dalle specifiche ingiunzioni emanate dai giudici d'Albione. Motori di ricerca, piattaforme social, grandi aggregatori di news. Gli operatori del web dovrebbero così assumere i connotati del vigilante.

Per approfondire meglio la questione, due eclatanti casi di cronaca gossip. Il calciatore gallese Ryan Giggs tradisce la moglie e ottiene la super-injunction per non rendere pubblica la vicenda. Ma il misterioso utente Twitter InjunctionSuper rivela al globo social l'identità dell'ala sinistra del Manchester United, subissato di insulti sulla stessa piattaforma di microblogging.
Il secondo caso riguarda l'ex-boss della Formula Uno Max Mosley, che dichiara di aver versato 500mila sterline in 23 paesi nel tentativo di rimuovere dal web un video pubblicato dal defunto News of the World. Un'impresa titanica, data l'enorme diffusione di un filmato relativo ad una sessione sadomaso intrapresa dallo stesso Mosley con alcune prostitute.

Che cosa vorrebbero ora i parlamentari d'Albione? Obbligare i motori di ricerca a rimuovere tutti i link relativi ad articoli/video/immagini coperte dalle super ordinanze emesse in favore dei personaggi pubblici. La libera consultazione online rappresenterebbe infatti una violazione evidente delle leggi britanniche. Anche i social network sarebbero dunque responsabili della proliferazione di notizie investite dalle ordinanze.

Immediata la reazione da parte di Google, appunto tirata in ballo dai parlamentari britannici: ha sottolineato come una misura del genere sia paragonabile ad una gigantesca operazione di intercettazioni telefoniche. "Google già rimuove tutte quelle pagine dichiarate illegali in tribunale - si legge nel comunicato di BigG - Abbiamo un numero di semplici strumenti per la segnalazione di questi contenuti, che vengono successivamente rimossi dall'indicizzazione".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • TecnologiaTwitter e l'era del proibizionismoIl tecofringuello ha ulteriormente ristretto il raggio di azione per le applicazioni di terze parti. Più controlli e informazioni in favore della privacy dell'utente finale. Attenzione insperata o decisione strategica?
  • AttualitàIndia, intermediari alla rimozione forzataGoogle e Facebook eliminano dal web indiano i contenuti ritenuti osceni e diffamatori dalla corte di Nuova Delhi. Spariti dalle bacheche in blu e dalle piattaforme YouTube e Blogger. I giganti dell'IT seguono le rispettive policy
  • AttualitàDi giornalismo, aggregatori e uccelli-zeccaDuro attacco condotto dall' editor del New York Times agli aggregatori di news, HuffPost in testa. Definiti "parassiti dell'informazione". Arianna Huffington risponde a tono
6 Commenti alla Notizia UK, guerra agli intermediari del gossip
Ordina