Guido Scorza

AGCOM, autorità una e trina?

di G. Scorza - Calabrò alla seconda audizione in Senato. Emerge il testo del provvedimento che il Governo dovrebbe varare per affidare ad AGCOM i poteri per vigilare sul rispetto del diritto d'autore online. Inaccettabile, nel metodo e nel merito

Roma - Altro che Governo dei professori, del rilancio e del futuro. Quello del Professor Mario Monti rischia di passare alla storia come il Governo più nemico della Rete che il Paese abbia avuto negli ultimi anni. Ma stiamo ai fatti che giustificano un giudizio tanto severo. Anna Masera, sulle pagine de La Stampa, pubblica il testo del provvedimento che il Governo, stando a quanto anticipato dal Presidente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni nel corso delle sue recenti audizioni dinanzi al Senato, si accingerebbe a varare.
Si tratta, purtroppo, di quanto già anticipato su queste pagine.

Con il Provvedimento in questione il Governo affiderebbe - il condizionale è conseguenza del carattere non ufficiale del documento pubblicato sulle pagine de La Stampa e del silenzio della Presidenza del Consiglio dei Ministri - all'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni il compito di vigilare sul rispetto della disciplina in materia di diritto d'autore online, di risolvere le relative controversie e, come se non bastasse, di dettare le regole che governeranno i procedimenti relativi alla rimozione dei contenuti pubblicati in violazione del diritto d'autore online.

Un'Autorità una e trina, dunque. Un'Autorità che - caso più unico che raro in un paese democratico - è tenutaria, in relazione ad una materia tanto rilevante come la circolazione dell'informazione e del sapere nello spazio pubblico telematico, dei tre poteri dello Stato: quello legislativo, quello esecutivo e quello giudiziario.
È una decisione di inaudita gravità inaccettabile nel metodo e nel merito.
Ecco le ragioni di metodo.
1. Gap di Trasparenza
L'iniziativa del Governo è stata gestita - e continua ad essere gestita - nelle segrete stanze di Palazzo Chigi, nonostante la rilevanza del tema del quale si discute e l'esistenza, ormai da mesi, di un dibattito pubblico senza precedenti che a Palazzo Chigi non può essere sfuggito.
È una scelta istituzionalmente offensiva nei confronti dell'opinione pubblica che un Premier come Mario Monti che nella sua prima conferenza stampa aveva annunciato di voler procedere - "alla maniera europea" - in modo trasparente e con ampie consultazioni non avrebbe dovuto permettere venisse assunta dai suoi uomini.
È urgente, per rimediare, che il testo ufficiale del provvedimento - in bozza - venga pubblicato sulle pagine del sito di Palazzo Chigi o che il Governo smentisca.

2. Balle di Stato
Il provvedimento sarebbe intitolato "Disposizioni interpretative in materia di competenze dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni".
Si tratta di una clamorosa mistificazione della realtà. Il provvedimento, infatti, non interpreta nessuna precedente disposizione di legge perché non esiste nessuna previsione normativa che attribuisca all'Autorità Garante poteri tanto ampi ed incisivi. È una balla di Stato. L'ennesima in questa brutta vicenda. Il Governo sta attribuendo - ex novo - ad AGCOM poteri che non le competono e che, in ogni caso, nessuna norma di legge - né in modo implicito né in modo esplicito - allo stato, le attribuisce.

3. Tardivo e salva-AGCOM
Sono mesi che si discute del fatto che l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni è priva dei poteri necessari a varare il regolamento che l'industria editoriale ed audiovisiva italiana - con la connivenza di una buona fetta dell'emiciclo parlamentare - le ha commissionato. Ora, a qualche settimana dal rinnovo dei Commissari AGCOM, il Governo sana questa situazione di palese illegalità attribuendo all'Authority poteri senza precedenti nella storia della Governance della Rete.

Queste, invece, le ragioni di merito.
1. L'informazione online è un bene comune
Il Governo sta affidando a 5 persone - tanti saranno i membri della nuova Autorità - il potere di dettare le regole che governeranno l'accesso dei cittadini italiani all'informazione online da chiunque ed ovunque pubblicata nel mondo. È una materia che non può essere sottratta al dibattito parlamentare e, soprattutto, non può essere affidata ad un numero tanto ristretto di individui nominati con un meccanismo oscuro, non meritocratico e governato da logiche di lottizzazione politica.
L'informazione ed il sapere sono i più preziosi tra i beni comuni di una democrazia. Un Governo che se ne preoccupa tanto poco da affidarne la disciplina ad un Autorità semi-indipendente è un Governo che non ha a cuore le sorti ed il futuro del Paese.

2. L'accesso alla Rete è più prezioso del diritto d'autore
"Nei casi di particolare gravità o di reiterazione delle condotte illecite, l'Autorità inoltre dispone la disabilitazione dell'accesso al servizio o, solo se possibile,  ai contenuti resi accessibili in violazione della legge 22 aprile 1941, n. 633.". È una previsione che dà il polso dell'approccio che il Governo ha al tema dell'informazione online.
La pubblicazione - ancorché reiterata - di un contenuto in violazione del diritto d'autore (ad esempio un video amatoriale o di satira con una musica di sottofondo abbinata senza la necessaria autorizzazione) legittima l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni a disporre, di norma, la disabilitazione dell'intero servizio (forse stanno pensando di chiudere l'accesso a Facebook o a YouTube dall'Italia?) salvo che non risulti possibile ottenere un blocco selettivo all'accesso al solo contenuto pubblicato in violazione delle regole. Anche a voler seguire l'impostazione perversa e liberticida della Presidenza del Consiglio, la norma avrebbe dovuto essere scritta in termini esattamente contrari: l'Autorità dovrebbe fare il possibile per ottenere la rimozione del singolo contenuto pubblicato in violazione del diritto d'autore e, solo in ipotesi del tutto eccezionali (ed all'esito di un giudizio comparativo tra gli interessi tutelati alla libertà di informazione ed al diritto d'autore), poter dettare un ordine di inibitoria alla fruizione di un intero servizio dal nostro Paese. Si sta ipotizzando di chiudere l'accesso alla Rete dal nostro Paese per proteggere qualche centinaia di migliaia di euro di diritti d'autore destinati, peraltro, in massima parte, ad un'industria che non batte più da tempo bandiera italiana.
È un'autentica follia ed è un disegno costituzionalmente insostenibile. L'accesso alla Rete, nel 2012, significa libertà di comunicare e. dunque, costituisce uno dei diritti fondamentali dell'uomo e del cittadino.

Ora la parola tocca al Governo dei professori. Può scegliere di proseguire su questa strada e passare alla storia come l'Esecutivo che ha fatto carne da macello della libertà di informazione nel nostro Paese, superando - in peggio - il suo predecessore nemico, per ragioni personali, di Internet e dell'informazione libera. O, invece, chiedere scusa agli Italiani ed ammettere di essersi un po' troppo lasciato tirare dalla giacchetta dei soliti noti.
Quale che sia la posizione che il Premier vorrà assumere, l'importante è che lo faccia al più presto.

Frattanto - considerati gli straordinari poteri - dei quali i nuovi cinque membri dell'AGCOM si troveranno a disporre, diventa ancora più determinante chiedere ed esigere trasparenza nelle loro nomine, come la società civile ha già iniziato a fare attraverso la campagna VogliamoTrasparenza.it.

Guido Scorza
Presidente Istituto per le politiche dell'innovazione
www.guidoscorza.it
Coordinatore Open media Coalition
www.vogliamotrasparenza.it
Notizie collegate
  • Diritto & InternetDiritto d'autore: il governo in soccorso di AGCOMdi G. Scorza - Calabrò lo ammette: allo stato, l'AGCOM non può varare un Regolamento sull'enforcement del diritto d'autore. Ma rivela: il Governo starebbe per provvedere. Siamo al golpe contro la Rete?
  • AttualitàAGCOM non chiede pareri sui filtriL'authority chiarisce: il documento, favorevole al coinvolgimento degli ISP nel filtrare siti italiani e esteri che violino il diritto d'autore, è stato sollecitato da Confindustria Cultura, portato a testimonianza nel corso della consultazione dei mesi scorsi
  • AttualitàDiritto d'autore, senatori richiamano AGCOMLuigi Vimercati e Vincenzo Vita invitano il presidente Calabrò all'audizione per fare il punto sul regolamento in materia di enforcement del copyright. Per domani mattina è prevista una riunione (forse) decisiva per la delibera
290 Commenti alla Notizia AGCOM, autorità una e trina?
Ordina
  • Abbiamo un'autorità di garanzia che garantisce le grandi major, videotechini ormai giurassici che legalmente ti svuotano il portafogli. Triste

    Non resta altro che il boicottaggio! Pirata

    Liberiamoci dal dominio di questi sfruttatori! Angioletto
    non+autenticato
  • - Scritto da: Videoteca Vuota
    > Abbiamo un'autorità di garanzia che garantisce le
    > grandi major, videotechini ormai giurassici che
    > legalmente ti svuotano il portafogli.
    >Triste
    >
    > Non resta altro che il boicottaggio!Pirata
    >
    > Liberiamoci dal dominio di questi sfruttatori!Angioletto

    QUOTO! Pirata
    non+autenticato
  • - Scritto da: Videoteca Vuota
    > Abbiamo un'autorità di garanzia che garantisce le
    > grandi major, videotechini ormai giurassici che
    > legalmente ti svuotano il portafogli.
    >Triste
    >
    > Non resta altro che il boicottaggio! Pirata
    >
    > Liberiamoci dal dominio di questi sfruttatori! Angioletto

    Io mi sono già liberato.
    non+autenticato
  • Ma l' AGCOM che è una istituzione pubblica, non dovrebbe tutelare gli interessi generali ed evitare di farsi coinvolgere dalle lobby?
    La rete appartiene a "qualcuno" in particolare o a tutti noi?
    Sono belle domande, che qualcuno dovrebbe porre a questi signori superpagati di nomina politica! A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Carletto
    > Ma l' AGCOM che è una istituzione pubblica, non
    > dovrebbe tutelare gli interessi generali ed
    > evitare di farsi coinvolgere dalle
    > lobby?
    > La rete appartiene a "qualcuno" in particolare o
    > a tutti
    > noi?
    > Sono belle domande, che qualcuno dovrebbe porre a
    > questi signori superpagati di nomina politica!
    >A bocca aperta

    Quando "esattamente" la rete sarebbe diventata "del popolo"?

    E' composta per la stragrande maggioranza da infrastrutture private, e comunque qui non è lo strumento ad essere messo in discussione, ma determinati modi di utilizzarlo.

    Non è proibito costruire armi: però è proibito sparare alla gente.
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > - Scritto da: Carletto
    > > Ma l' AGCOM che è una istituzione pubblica,
    > non
    > > dovrebbe tutelare gli interessi generali ed
    > > evitare di farsi coinvolgere dalle
    > > lobby?
    > > La rete appartiene a "qualcuno" in
    > particolare
    > o
    > > a tutti
    > > noi?
    > > Sono belle domande, che qualcuno dovrebbe
    > porre
    > a
    > > questi signori superpagati di nomina
    > politica!
    >
    > >A bocca aperta
    >
    > Quando "esattamente" la rete sarebbe diventata
    > "del
    > popolo"?
    bene combattere la retorica un po populistica ecc... ma qua la controbattuta viene facile.
    "Quando esattamente?" dall'inizio! Visto che il core di internet italiana era tenuto dalle universita' PUBBLICHE (u know cnuce unipi polito e poi garr) Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    [...]
    > > Quando "esattamente" la rete sarebbe diventata
    > > "del
    > > popolo"?
    > bene combattere la retorica un po populistica
    > ecc... ma qua la controbattuta viene
    > facile.

    Ok, vediamo.

    > "Quando esattamente?" dall'inizio! Visto che il
    > core di internet italiana era tenuto dalle
    > universita' PUBBLICHE

    Università pubbliche? In America? Non è che hai ecceduto con le libagioni vero?
  • >
    > Università pubbliche? In America? Non è che hai
    > ecceduto con le libagioni
    > vero?
    america? cos'e'? e' la cittadina dove ha sede l'AGCOM ? no perche qui si parlava di questo... non di zone del globo terracqueo a caso
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > >
    > > Università pubbliche? In America? Non è che
    > hai
    > > ecceduto con le libagioni
    > > vero?
    > america? cos'e'? e' la cittadina dove ha sede
    > l'AGCOM ? no perche qui si parlava di questo...
    > non di zone del globo terracqueo a
    > caso

    No. Si parlava della frase di "Carletto":

    > La rete appartiene a "qualcuno" in particolare o
    > a tutti
    > noi?

    e della tua affermazione:

    > "Quando esattamente?" dall'inizio!
    > Visto che il core di internet italiana era tenuto
    > dalle universita' PUBBLICHE

    Affermazione che io ho smentito.
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > - Scritto da: bubba
    > > >
    > > > Università pubbliche? In America? Non è
    > che
    > > hai
    > > > ecceduto con le libagioni
    > > > vero?
    > > america? cos'e'? e' la cittadina dove ha sede
    > > l'AGCOM ? no perche qui si parlava di
    > questo...
    > > non di zone del globo terracqueo a
    > > caso
    >
    > No. Si parlava della frase di "Carletto":
    TOPIC> brava agcom
    Ma l' AGCOM che è una istituzione pubblica, non dovrebbe tutelare gli interessi generali ed evitare di farsi coinvolgere dalle lobby?
    La rete appartiene a "qualcuno" in particolare o a tutti noi?
    questa sarebbe la frase del carletto.. io l'AGCOM ce la vedo. forse dovresti smetter di comprare gli occhiali dalla Troll spa

    > > dalle universita' PUBBLICHE
    >
    > Affermazione che io ho smentito.
    certo certo......Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: Basta Pirateria
    > > - Scritto da: bubba
    > > > >
    > > > > Università pubbliche? In America? Non
    > è
    > > che
    > > > hai
    > > > > ecceduto con le libagioni
    > > > > vero?
    > > > america? cos'e'? e' la cittadina dove ha
    > sede
    > > > l'AGCOM ? no perche qui si parlava di
    > > questo...
    > > > non di zone del globo terracqueo a
    > > > caso
    > >
    > > No. Si parlava della frase di "Carletto":
    > TOPIC> brava agcom
    > Ma l' AGCOM che è una istituzione pubblica, non
    > dovrebbe tutelare gli interessi generali ed
    > evitare di farsi coinvolgere dalle
    > lobby?
    > La rete appartiene a "qualcuno" in particolare o
    > a tutti
    > noi?
    >   questa sarebbe la frase del carletto.. io
    > l'AGCOM ce la vedo. forse dovresti smetter di
    > comprare gli occhiali dalla Troll
    > spa
    >
    > > > dalle universita' PUBBLICHE
    > >
    > > Affermazione che io ho smentito.
    > certo certo......Con la lingua fuori

    Il discorso di Carletto sull'Agcom ha senso, ciò che non ne ha è la sparata sulla rete con cui conclude il post. Io ho risposto alla sparata. Non credo che partire con un discorso sensato autorizzi automaticamente a sparare razzate due righe più in basso.
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > - Scritto da: bubba
    > > - Scritto da: Basta Pirateria
    > > > - Scritto da: bubba
    > > > > >
    > > > > > Università pubbliche? In
    > America?
    > Non
    > > è
    > > > che
    > > > > hai
    > > > > > ecceduto con le libagioni
    > > > > > vero?
    > > > > america? cos'e'? e' la cittadina
    > dove
    > ha
    > > sede
    > > > > l'AGCOM ? no perche qui si
    > parlava
    > di
    > > > questo...
    > > > > non di zone del globo terracqueo a
    > > > > caso
    > > >
    > > > No. Si parlava della frase di
    > "Carletto":
    > > TOPIC> brava agcom
    > > Ma l' AGCOM che è una istituzione pubblica,
    > non
    > > dovrebbe tutelare gli interessi generali ed
    > > evitare di farsi coinvolgere dalle
    > > lobby?
    > > La rete appartiene a "qualcuno" in
    > particolare
    > o
    > > a tutti
    > > noi?
    > >   questa sarebbe la frase del carletto.. io
    > > l'AGCOM ce la vedo. forse dovresti smetter di
    > > comprare gli occhiali dalla Troll
    > > spa
    > >
    > > > > dalle universita' PUBBLICHE
    > > >
    > > > Affermazione che io ho smentito.
    > > certo certo......Con la lingua fuori
    >
    > Il discorso di Carletto sull'Agcom ha senso, ciò
    > che non ne ha è la sparata sulla rete con cui
    > conclude il post. Io ho risposto alla sparata.
    > Non credo che partire con un discorso sensato
    > autorizzi automaticamente a sparare razzate due
    > righe più in
    > basso.
    Beh la sua uscita aveva un filo di quella classica retorica un po forzata che ci sta', se vuoi metter giu un pensiero in due righe... che IO sostengo xche, come dicevo altrove, qualunque proclama "anti-sistema" (l'ATTUALE sistema, costruito dalle major travestite da parlamentari) mi va bene. E la tua risposta piccata poteva esser facilmente controbattuta... visto che tecnicamente in italia internet e' stata sul serio fatta nascere dalle universita' pubbliche (puoi chiedere a Quintarelli ... lol)... cmq pace & beneSorride
    non+autenticato
  • > > "Quando esattamente?" dall'inizio! Visto che
    > il
    > > core di internet italiana era tenuto dalle
    > > universita' PUBBLICHE
    >
    > Università pubbliche? In America? Non è che hai
    > ecceduto con le libagioni
    > vero?

    Quale parte di "core di internet italiana" non hai letto accecato di rabbia per il vicino che sentiva a tutto volume la radio facendo di fatto illecita diffusione di contenuti?Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Basta Pirateria

    >
    > Non è proibito costruire armi: però è proibito
    > sparare alla
    > gente.

    Peccato che qui vogliono colpevolizzare chi costruisce le armi, perchè qualcuno le usa per sparare alla gente.

    Il file hosting ne sono un esempio.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: ANTI agcom
    > Giornali gratis su agcom
    >
    > http://blog.quintarelli.it/blog/2012/03/giornal

    E' il tuo blog questo ?
  • Eviti i fatti?
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Eviti i fatti?

    No, pongo una domanda. (ma non ottengo risposta...)
  • Io non so di chi è quel blog, ma ti faccio una domanda: saperlo ti cambierebbe qualcosa?
    Importa quello che c'è scritto, non chi l'ha scritto.

    E poi, se "ANTI agcom" ti rispondesse, tu gli crederesti? Non è registrato, quindi chiunque potrebbe firmarsi così: inoltre non sai il suo nome, e quindi potrebbe indicarti qualunque blog come suo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Io non so di chi è quel blog, ma ti faccio una
    > domanda: saperlo ti cambierebbe
    > qualcosa?
    > Importa quello che c'è scritto, non chi l'ha
    > scritto.

    Non è vero: per valutare l'obbiettività conta anche chi l'ha scritto.

    >
    > E poi, se "ANTI agcom" ti rispondesse, tu gli
    > crederesti? Non è registrato, quindi chiunque
    > potrebbe firmarsi così: inoltre non sai il suo
    > nome, e quindi potrebbe indicarti qualunque blog
    > come
    > suo.

    Qui hai ragione al 100%.
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > Io non so di chi è quel blog, ma ti faccio
    > una
    > > domanda: saperlo ti cambierebbe
    > > qualcosa?
    > > Importa quello che c'è scritto, non chi l'ha
    > > scritto.
    >
    > Non è vero: per valutare l'obbiettività conta
    > anche chi l'ha
    > scritto.
    certo che tra voi due non se ne salva mezzo....
    Non sapere chi e' quintarelli e' come non sapere chi e' bill gates....
    Ma cmq... ODIOSO il post del quinta, che si mette a fare il rompino ADESSO che e' al soldo del sole24ore.... la rassegna stampa della camera saranno 5 anni che e' li... ma solo gli editori pidocchiosi si vanno a lamentare di una roba del genere... grande caduta di stile del QuintaCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > certo che tra voi due non se ne salva mezzo....

    E con te siamo in tre A bocca aperta

    > Non sapere chi e' quintarelli e' come non sapere
    > chi e' bill
    > gates....

    Addirittura!!

    > Ma cmq... ODIOSO il post del quinta, che si mette
    > a fare il rompino ADESSO che e' al soldo del
    > sole24ore.... la rassegna stampa della camera
    > saranno 5 anni che e' li... ma solo gli editori
    > pidocchiosi si vanno a lamentare di una roba del
    > genere... grande caduta di stile del Quinta
    >Con la lingua fuori

    Veramente il link al blog l'ha messo un anonimo, e come faceva giustamente notare "uno qualsiasi" un anonimo può essere chiunque.

    Quello che penso sul post poi è inutile dirlo: credo sia chiaro.
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > - Scritto da: bubba
    > > certo che tra voi due non se ne salva
    > mezzo....
    >
    > E con te siamo in tre A bocca aperta
    non direi. nel thread eravate GIA in tre

    > > Non sapere chi e' quintarelli e' come non
    > sapere
    > > chi e' bill
    > > gates....
    >
    > Addirittura!!
    beh vantati pure di sfoggiare la tua ignoranzaSorride

    > > Ma cmq... ODIOSO il post del quinta, che si
    > mette
    > > a fare il rompino ADESSO che e' al soldo del
    > > sole24ore.... la rassegna stampa della camera
    > > saranno 5 anni che e' li... ma solo gli
    > editori
    > > pidocchiosi si vanno a lamentare di una roba
    > del
    > > genere... grande caduta di stile del Quinta
    > >Con la lingua fuori
    >
    > Veramente il link al blog l'ha messo un anonimo,
    > e come faceva giustamente notare "uno qualsiasi"
    > un anonimo può essere
    > chiunque.
    'veramente' niente... io -era ovvio- mi riferivo ai contenuti del post di Quinta.. chi ha messo il link e' irrilevante, se la fonte linkata e' di rilievo.

    > Quello che penso sul post poi è inutile dirlo:
    > credo sia
    > chiaro.
    Beh si certo... hai all'attivo 1000 msg di trolling pro/copyright... ma di strada ne devi ancora masticare prima di raggiungere i "migliori" quiSorride Guarda solo il counter di ruppolo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: Basta Pirateria
    > > - Scritto da: bubba
    > > > certo che tra voi due non se ne salva
    > > mezzo....
    > >
    > > E con te siamo in tre A bocca aperta
    > non direi. nel thread eravate GIA in tre

    E allora perché hai scritto "tra voi due" ?

    >
    > > > Non sapere chi e' quintarelli e' come
    > non
    > > sapere
    > > > chi e' bill
    > > > gates....
    > >
    > > Addirittura!!
    > beh vantati pure di sfoggiare la tua ignoranzaSorride

    Se non credo che Quintarelli sia paragonabile a Bill Gates sono ignorante?

    [...]
    > 'veramente' niente... io -era ovvio- mi riferivo
    > ai contenuti del post di Quinta.. chi ha messo il
    > link e' irrilevante, se la fonte linkata e' di
    > rilievo.

    Il blog linkato è brutto esteticamente e difficilmente condivisibile nei contenuti.

    >
    > > Quello che penso sul post poi è inutile
    > dirlo:
    > > credo sia
    > > chiaro.
    > Beh si certo... hai all'attivo 1000 msg di
    > trolling pro/copyright...

    Non devi averli letti altrimenti non affermeresti questa falsità.

    > ma di strada ne devi
    > ancora masticare prima di raggiungere i
    > "migliori" quiSorride Guarda solo il counter di
    > ruppolo!

    E qui devo darti ragione A bocca aperta
  • Agcom o no, dobbiamo difendere il diritto di libertà in rete. Pertanto boicottiamo le major e gli ultimi videotechini in estinzione... In lacrimeIn lacrimeIn lacrime
    non+autenticato
  • - Scritto da: Free Internet
    > Agcom o no, dobbiamo difendere il diritto di
    > libertà in rete. Pertanto boicottiamo le major e
    > gli ultimi videotechini in estinzione...
    > In lacrimeIn lacrimeIn lacrime

    Come fai a boicottare le major? Dai loro soldi solo esistendo.

    Non sono ricchi perchè sono stupidi. Sono ricchi perchè sono astuti e molto, molto insidiosi.

    Non lo vedo bene un tentativo di spingere la gente a boicottare: sono tempi terribili, e il divertimento a buon mercato è un bene prezioso. Nessuno vi vorrà rinunciare.

    Comunque inutile. Tempo qualche anno e non rimarrà nulla di internet da salvare, se anche fosse mai stato possibile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > - Scritto da: Free Internet
    > > Agcom o no, dobbiamo difendere il diritto di
    > > libertà in rete. Pertanto boicottiamo le
    > major
    > e
    > > gli ultimi videotechini in estinzione...
    > > In lacrimeIn lacrimeIn lacrime
    >
    > Come fai a boicottare le major?

    Quoto: il boicottaggio è una ca22ata.

    >
    > Non sono ricchi perchè sono stupidi.

    Vero: non sono ricchi, proprio perchè sono stupidi.

    > Sono ricchi
    > perchè sono astuti e molto, molto
    > insidiosi.

    Falso: erano ricchi. Si stanno piano piano mangiando i soldi.

    >
    > Non lo vedo bene un tentativo di spingere la
    > gente a boicottare


    Vero: non può funzionare (teoria dei giochi).
    Ogni tanto, per puro caso, ne dici una giusta.

    >: sono tempi terribili

    Appunto: quindi, la gente non compra comunque.


    >, e il
    > divertimento a buon mercato è un bene prezioso.

    E il divertimento gratuito ancora di più: non a caso la pirateria prospera.
    E mentre il boicottaggio dura poco (la gente boicotta un mese, poi si stufa), la pirateria è irreversibile.

    > Nessuno vi vorrà
    > rinunciare.

    E infatti nessuno deve rinunciare: il concetto "paga o rinuncia" è morto e sepolto.

    >
    > Comunque inutile. Tempo qualche anno e non
    > rimarrà nulla di internet da salvare,

    Intendi dire che non rimarrà nulla da mettere sotto copyright? Vero.
    Chiudere i siti di download non servirà a nulla, perchè gli utenti si saranno già visto e scaricato tutto. L'utente medio avrà centinaia o migliaia di film scaricati e mai visti, e non avrà nemmeno più voglia di cercare, perchè quello che è rimasto è tutta roba che non gli interessa.
    Potrà guardare tutto.... e non avrà voglia di guardare niente.

    Come un bambino in una pasticceria: all'inizio cercherà di assaggiare tutto.... ma se glielo lasci fare, dopo un po' sarà nauseato e non toccherà più nulla.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: Get Real
    > - Scritto da: Free Internet
    > > Agcom o no, dobbiamo difendere il diritto di
    > > libertà in rete. Pertanto boicottiamo le
    > major
    > e
    > > gli ultimi videotechini in estinzione...
    > > In lacrimeIn lacrimeIn lacrime
    >
    > Come fai a boicottare le major? Dai loro soldi
    > solo
    > esistendo.
    >
    > Non sono ricchi perchè sono stupidi. Sono ricchi
    > perchè sono astuti e molto, molto
    > insidiosi.
    >
    > Non lo vedo bene un tentativo di spingere la
    > gente a boicottare: sono tempi terribili, e il
    > divertimento a buon mercato è un bene prezioso.
    > Nessuno vi vorrà
    > rinunciare

    Tipo andare al cinema? Nessuno vorrà rinunciare? Ma davvero? Io ci rinuncio volentieri visto i prezzi ridicoli a cui sono arrivati e visto la qualità oscena dei film degli ultimi anni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    [...]
    > Non sono ricchi perchè sono stupidi. Sono ricchi
    > perchè sono astuti e molto, molto
    > insidiosi.

    Sicuramente si.

    Ma lo sono ANCHE perché producono e distribuiscono contenuti che vi interessano e vi piacciono, infatti ve li scaricate.

    Le major si comportano in modo spregiudicato (visto che il loro scopo è comunque fare soldi) come molte altre aziende, quindi sono criticabili. Ma cerchiamo di non dimenticare che i loro prodotti piacciono.
  • - Scritto da: Basta Pirateria

    >
    > Sicuramente si.
    >
    > Ma lo sono ANCHE perché producono e
    > distribuiscono contenuti che vi interessano e vi
    > piacciono, infatti ve li
    > scaricate.

    Contenuti che però qua spesso non portano.... potrei farti milioni di esempi.

    > Le major si comportano in modo spregiudicato
    > (visto che il loro scopo è comunque fare soldi)
    > come molte altre aziende, quindi sono
    > criticabili. Ma cerchiamo di non dimenticare che
    > i loro prodotti
    > piacciono.

    E quindi ? Li Giustifica ?
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > - Scritto da: Basta Pirateria
    >
    > >
    > > Sicuramente si.
    > >
    > > Ma lo sono ANCHE perché producono e
    > > distribuiscono contenuti che vi interessano
    > e
    > vi
    > > piacciono, infatti ve li
    > > scaricate.
    >
    > Contenuti che però qua spesso non portano....
    > potrei farti milioni di
    > esempi.

    Milioni! Esagerato A bocca aperta

    Comunque non vorrai darmi ad intendere che vengono scaricati solo quei contenuti che non è possibile trovare in commercio, oppure è questo che stai sostenendo?

    >
    > > Le major si comportano in modo spregiudicato
    > > (visto che il loro scopo è comunque fare
    > soldi)
    > > come molte altre aziende, quindi sono
    > > criticabili. Ma cerchiamo di non dimenticare
    > che
    > > i loro prodotti
    > > piacciono.
    >
    > E quindi ? Li Giustifica ?

    Un comportamento scorretto è un comportamento scorretto: nessuna giustificazione. Ed un prodotto che piace è un prodotto che piace, anche qui c'è poco da dire.
  • > Comunque non vorrai darmi ad intendere che
    > vengono scaricati solo quei contenuti che non è
    > possibile trovare in commercio, oppure è questo
    > che stai
    > sostenendo?
    non credo. Anche perche in un sistema legale normale, NON sarebbe quello il discrimine... ma sarebbe banalmente la data di fine della protezione temporanea accordata (che in 200 anni di legislazione e' diventata GIGANTESCA... dai 14 anni siam passati ai 140 = 70+70 di media...)


    > Un comportamento scorretto è un comportamento
    > scorretto: nessuna giustificazione. Ed un
    > prodotto che piace è un prodotto che piace, anche
    > qui c'è poco da
    > dire.
    il grosso problema e' che il "comportamento scorretto" e' vidimato nella legge... leggi scritte da commercianti editori major e lecchini. Quindi l'unica strada e' la disobbedienza civile, sinche non si riportano le norme ipertrofiche contradittorie e inapplicabili, a livelli onesti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > > Comunque non vorrai darmi ad intendere che
    > > vengono scaricati solo quei contenuti che
    > non
    > è
    > > possibile trovare in commercio, oppure è
    > questo
    > > che stai
    > > sostenendo?
    > non credo. Anche perche in un sistema legale
    > normale, NON sarebbe quello il discrimine... ma
    > sarebbe banalmente la data di fine della
    > protezione temporanea accordata (che in 200 anni
    > di legislazione e' diventata GIGANTESCA... dai 14
    > anni siam passati ai 140 = 70+70 di
    > media...)

    Sono decisamente troppi.
    Io sono per un limite a 18 mesi.

    >
    >
    > > Un comportamento scorretto è un comportamento
    > > scorretto: nessuna giustificazione. Ed un
    > > prodotto che piace è un prodotto che piace,
    > anche
    > > qui c'è poco da
    > > dire.
    > il grosso problema e' che il "comportamento
    > scorretto" e' vidimato nella legge... leggi
    > scritte da commercianti editori major e lecchini.
    > Quindi l'unica strada e' la disobbedienza civile,
    > sinche non si riportano le norme ipertrofiche
    > contradittorie e inapplicabili, a livelli
    > onesti.

    E allora fate disobbedienza civile.

    Ti avverto però che scaricare a manetta è diverso dal fare disobbedienza civile (cercati la definizione se non mi credi).
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > Sono decisamente troppi.
    > Io sono per un limite a 18 mesi.
    ti consiglio di cambiare nickname alloraA bocca aperta   18mesi e' eversivo

    > > Quindi l'unica strada e' la disobbedienza
    > civile,
    > > sinche non si riportano le norme ipertrofiche
    > > contradittorie e inapplicabili, a livelli
    > > onesti.
    >
    > E allora fate disobbedienza civile.
    io qualcosa faccio

    > Ti avverto però che scaricare a manetta è diverso
    > dal fare disobbedienza civile (cercati la
    > definizione se non mi
    > credi).
    io non ho mai scaricato 'a manetta' in effetti.... oddio si se andiamo nel paleozoico (around 1993) scaricavo parecchio sw (x amiga)... ma ormai quei tempi son andati...
    non+autenticato
  • E mi è venuta leggendo questa notizia...
  • - Scritto da: BlogMasterPg
    > E mi è venuta leggendo questa notizia...

    a me è venuta anche di più leggendo certi commenti...
    non+autenticato
  • - Scritto da: uh uh
    > - Scritto da: BlogMasterPg
    > > E mi è venuta leggendo questa notizia...
    >
    > a me è venuta anche di più leggendo certi
    > commenti...

    (e non mi riferisco certo a BlogMasterPg)
    non+autenticato
  • - Scritto da: uh uh
    > - Scritto da: uh uh
    > > - Scritto da: BlogMasterPg
    > > > E mi è venuta leggendo questa notizia...
    > >
    > > a me è venuta anche di più leggendo certi
    > > commenti...
    >
    > (e non mi riferisco certo a BlogMasterPg)

    Allora era un'autocritica ?
  • non sai leggere ?
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > non sai leggere ?

    Faccio del mio meglio ma non sempre i post sono comprensibili Sorride
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)