Alfonso Maruccia

OS/2, 25 anni e non sentirli

Cinque lustri per lo storico sistema operativo di IBM. Nato da una partnership con Microsoft e finito nel dimenticatoio della storia dopo il successo di Windows. Eppure sopravvive qua e lÓ

Roma - In questi giorni si festeggiano i 25 anni dalla nascita di OS/2, il sistema operativo che nelle intenzioni di IBM avrebbe dovuto cambiare il mondo e che invece finì per lasciare il posto all'irrefrenabile successo di Windows. Eppure nel corso degli anni OS/2 ha saputo crearsi una sua nicchia di utilizzatori e aficionado, tanto da essere ancora in uso oggigiorno.

OS/2 venne alla luce il 2 aprile del 1987 con le migliori intenzioni possibili: nato da una partnership tra IBM e Microsoft, il sistema operativo doveva rappresentare il successore di PC-DOS (e quindi di MS-DOS) da usare con i nuovi processori (80286 e 386) capaci di girare in modalità protetta. Il "grimaldello" dell'evoluzione delle CPU x86 dai 16-bit originali fino ai 64 bit degli attuali processori di Intel e AMD.

Come la storia dell'informatica testimonia, le intenzioni di IBM andarono deluse: Microsoft decise di abbandonare il progetto dopo il successo di vendite di Windows 3.0 (primo OS a finestre ad avere accesso alle funzionalità avanzate della modalità protetta), e Big Blue dovette accontentarsi di vendere il proprio software a specifici settori aziendali o poco più.
Venticinque anni dopo la prima release, OS/2 viene ancora omaggiato come un passo significativo nell'evoluzione dei sistemi operativi per computer, è disponibile in commercio tramite eComStation ed è ancora utilizzato - alla pari di altre antiche tecnologie che non si estinguono mai del tutto - nei bancomat (alcuni, non tutti), nei supermarket statunitensi e in altri sporadici casi che si trascinano dietro legacy più che decennale.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
28 Commenti alla Notizia OS/2, 25 anni e non sentirli
Ordina
  • I will like to point that the OS/2 and eComStation community still hangs out at OS2world.com and other online sites. We have OpenOffice, Firefox, Thunderbird, OpenJDK, Qt 4 framework, GCC ported to this platform.

    You are welcome to visit us at http://www.os2world.com.

    Thanks
    Martin
    non+autenticato
  • Windows 3.0 non era un sistema operativo, ma un semplice programma che, se volevi, potevi installare sopra DOS 5. E, ad ogni avvio del computer, se volevi usare Windows dovevi avviare start.exe (o come si chiamava), poi si bloccava tutto, tu lo chiudevi e tornavi al DOS... che invece funzionava bene, che ci crediate o no.

    (insisti: un giorno riuscirai a scrivere un articolo senza errori. in fondo ci provi solo da 20 anni)

    ---

    Credo che OS/2 sia usato nelle biglietterie automatiche di trenitalia. Almeno, qualche anno fa era così. Una volta vidi un tecnico che ne riavviava uno (ovviamente non sono altro che enormi scatoloni che contengono un normalissimo computer incredibilmente vecchio e lento) e il boot era proprio quello di OS/2.
    Ma adesso non funzionano quasi mai, quindi probabilmente ci hanno messo Windows.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno nessuno
    > Windows 3.0 non era un sistema operativo, ma un
    > semplice programma che, se volevi, potevi
    > installare sopra DOS 5. E, ad ogni avvio del
    > computer, se volevi usare Windows dovevi avviare
    > start.exe (o come si chiamava), poi si bloccava
    > tutto, tu lo chiudevi e tornavi al DOS... che
    > invece funzionava bene, che ci crediate o
    > no.
    >
    > (insisti: un giorno riuscirai a scrivere un
    > articolo senza errori. in fondo ci provi solo da
    > 20
    > anni)
    >
    > ---
    >
    > Credo che OS/2 sia usato nelle biglietterie
    > automatiche di trenitalia. Almeno, qualche anno
    > fa era così. Una volta vidi un tecnico che ne
    > riavviava uno (ovviamente non sono altro che
    > enormi scatoloni che contengono un normalissimo
    > computer incredibilmente vecchio e lento) e il
    > boot era proprio quello di
    > OS/2.
    > Ma adesso non funzionano quasi mai, quindi
    > probabilmente ci hanno messo Windows.

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3494731&m=349...
    krane
    22544
  • - Scritto da: uno nessuno

    > Ma adesso non funzionano quasi mai, quindi
    > probabilmente ci hanno messo
    > Windows.

    wa e no!!! hanno già rovinato i bancomat Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Mica vero, mi sembra che tu l'hai visto solo di sfuggita Windows (e non sono un fan, nota bene).

    Riprova, sarai più fortunato Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Si può dire tutto tranne che IBM non sappia scrivere sistemi operativi.
    Onestamente, tra tutti quelli provati in vita, OS/400 mi è sempre sembrato un gioiello, un sistema dove la grammatica dei comandi era sempre logica, tanto che si poteva indovinare il nome del comando per fare una certa operazione applicando pochissime semplici regole e che oltretutto forniva sempre all'utente una specie di wizard con aiuto in linea (scritto in HTML) per impostare tutti i parametri, con la possibilità per l'utente evoluto di scrivere i propri o personalizzare quelli esisti.
    Mai più visto niente di così ben fatto e potente allo stesso tempo, con buona pace di unix, linux e windows.
    non+autenticato
  • e vms?A bocca aperta

    è una mia impressione o prima le cose si facevano meglio? Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > è una mia impressione o prima le cose si facevano
    > meglio?

    I tempi di rilascio sono sempre più rapidi, perciò la maggior parte dei produttori di software si sono ridotti a scrivere dei grossi bug che ogni tanto, per sbaglio, fanno qualcosa di utile. Quando succede basta riavviare tutto, e riprenderanno a non funzionare come di norma.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Oracle Guru
    > Si può dire tutto tranne che IBM non sappia
    > scrivere sistemi
    > operativi.
    > Onestamente, tra tutti quelli provati in vita,
    > OS/400 mi è sempre sembrato un gioiello, un
    > sistema dove la grammatica dei comandi era sempre
    > logica, tanto che si poteva indovinare il nome
    > del comando per fare una certa operazione
    > applicando pochissime semplici regole e che
    > oltretutto forniva sempre all'utente una specie
    > di wizard con aiuto in linea (scritto in HTML)
    > per impostare tutti i parametri, con la
    > possibilità per l'utente evoluto di scrivere i
    > propri o personalizzare quelli
    > esisti.

    Non conosco, ma ci posso credere. Una volta IBM era davvero il top.
    Pensa che idi*ti ad incaricare una sconosciuta come M$ (dell'epoca) per far fare l'OS dei loro PC.
    Davvero consideravano i PC dei giocattoli all'inizio, oggetti in cui non valeva la pena sprecarci la minima risorsa.
    Penso sia stato l'errore commerciale più grande della storia.
    Purtroppo di questo madornale errore ne abbiamo subito le conseguenze tutti per decenni.
  • Mica tanto. Chi ha avuto dei pc negli anni 80, quasi sicuramente ha avuto almeno un IBMSorride
    non+autenticato
  • bisogna sempre e solo ringraziare ibm per ciò che ha fatto.. Se non avesse creato il pc, come lo conosciamo tutt'ora, con pezzi assemblabili (come poi è avvenuto), i computer sarebbero tutti apple e costerebbero 5 o 6000 euro l'uno.. E poi, abbandonato il settore desktop, mi pare se la sia cavata benissimo lo stesso..
    non+autenticato
  • Guarda che un IBM PC all'epoca non costava meno di un Apple II, anzi.

    Solo che come hardware erano così scarsi che in breve altri hanno iniziato a copiarli (c'era qualche clone anche per l'Apple II all'epoca). I Mac era molto più difficile da clonare perché avevano chip custom e un OS bello complesso in ROM, mentre sull'IBM su Rom c'era solo un firmware rudimentale.

    Quando (mi pare) la Phoenix Tecnologies è riuscita a ricreare in "camera bianca" un firmware compatibile a quello di IBM sono esplosi i cloni (M$ gli vendeva volentieri il suo OS).

    IBM ha provato a metterci una toppa, cambiando bus ai suoi nuovi PC (microchannel) super brevettato e quindi inclonabile. Ma nessuna se l'è ca*ata e tutti i cloni hanno continuato con il bus AT del PC originale. Il resto è storia.
  • - Scritto da: stelvio
    > bisogna sempre e solo ringraziare ibm per ciò che
    > ha fatto.. Se non avesse creato il pc, come lo
    > conosciamo tutt'ora, con pezzi assemblabili (come
    > poi è avvenuto), i computer sarebbero tutti apple
    > e costerebbero 5 o 6000 euro l'uno.. E poi,
    > abbandonato il settore desktop, mi pare se la sia
    > cavata benissimo lo stesso..

    Amiga... E nn dico altro Fan Amiga

    Anche se potrei dire: atari, archimedes...
    krane
    22544
  • ...non abbia voluto ascoltare la mia petizione:

    http://www.petitiononline.com/OS24FREE/petition.ht...

    In qualsiasi caso, per chi è capace di programmare, c'è il progetto open OSfree:

    http://www.osfree.org/
    non+autenticato
  • Scusa se te lo dico, ma è abbastanza inutile. Linux è molto più avanzato di OS/2, come tutti i sistemi operativi moderni.
    C'è già un sistema interessantissimo e rilasciato con licenza libera da cui Linux potrebbe imparare molto. Si chiama Mimix, è a tutt'oggi finanziato e sviluppato (soprattutto come progetto accademico, ma è usabile in ambienti di produzione) e se un qualsiasi sistema operativo usasse la metà di quei concetti sarebbe infinitamente più affidabile. Ma purtroppo se ne fregano.
    non+autenticato
  • Punto primo: il sistema si chiama Minix, non Mimix.

    Punto secondo: Minix è basato su un microkernel, Linux è un sistema a kernel monolitico. L'architettura dei due sistemi è troppo diversa per poterli unire

    Punto terzo: la tua proposta di usare le soluzioni di minix in linux non è molto originale: Andrew Tanenbaum (autore di Minix) aveva già proposto la stessa cosa a Linus Torvalds (autore di Linux) nel gennaio 1992: tale discussione (molto accesa) si era conclusa con la frase di Tanenbaum: Io continuo a ritenere che progettare un kernel monolitico nel 1991 sia un errore fondamentale. Ringrazi che non è mio studente. Non avrebbe preso un voto alto per tale progetto (le ultime parole famose!)
    non+autenticato
  • Sullo scaffale, le scatole di OS/2 3 e 4 complete di tutto.
    (No, non le venderò su Ebay !!!)
    non+autenticato
  • certo con quello che le fanno pagare...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ospite
    > (No, non le venderò su Ebay !!!)

    Neanche per un prezzo equo ma interessante? (solo se sono nuove e sigillate, comunque) Con la lingua fuori
  • La confezione di OS/2 Warp 3 ce l'ho anche io ... busta dei floppies aperta solo per fare copia di sicurezza dei medesimi. Due palle, con quel formato proprietario ... Il programmino incluso ha funzionanto solo in DOS !
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)