Mauro Vecchio

Cina, microblogging sbloccato

La pubblicazione di commenti era stata disattivata sulle note piattaforme asiatiche Weibo e Tencent. Probabile l'intervento del governo per evitare indiscrezioni su certe figure politiche di spicco. Ora sembra tornato tutto alla normalitÓ

Roma - ╚ tornata a funzionare dopo tre giorni, improvvisamente sospesa dai responsabili delle due principali piattaforme di microblogging in terra cinese. La libera pubblicazione di opinioni e commenti è stata dunque restituita a più di 700 milioni di utenti, abituali frequentatori dei social network Weibo e Tencent.

Un fiume di proteste aveva inondato le due piattaforme, con gli account impossibilitati a pubblicare commenti sui post dei propri contatti. Probabile - ma non confermato in via ufficiale - l'intervento delle autorità di Pechino, che non avrebbe affatto gradito la circolazione di indiscrezioni su certe figure del governo.

In particolare quella relativa alla caduta di Bo Xilai, uno degli esponenti di spicco del Partito Comunista al potere in Cina. Le autorità asiatiche avevano già chiuso una dozzina di siti (arrestando 6 persone) accusati di aver cospirato nei confronti del governo. Come noto, le indiscrezioni pericolose per la sicurezza nazionale non sono affatto tollerate.
Vaghe le dichiarazioni dei gestori di Weibo e Tencent: il blocco dei commenti sarebbe stato necessario a "fare pulizia", ovvero a togliere dai siti contenuti "illegali e pericolosi". Resta il fatto che i commenti su Xilai hanno attirato le irate attenzioni degli esponenti di governo in terra asiatica.

Attenzioni guadagnate anche dal noto artista locale Ai Weiwei, che ha deciso di diventare volontariamente una vittima della brutale sorveglianza cinese. Weiweicam è l'esperimento di protesta che manda in onda la vita ordinaria dell'attivista grazie a 4 webcam impiantate nella sua casa.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàCina, microblogging identificatoTutti gli utenti del social network Weibo dovranno favorire i documenti agli amministratori del sito stesso. Pena il blocco delle pubblicazioni in stile Twitter. Ribellione da parte degli iscritti: meditano la migrazione di massa
  • AttualitàGiornalismo, la Cina prosciugherà le fonti onlineI giornalisti dovranno citare fonti dirette negli articoli, per evitare fughe selvagge di indiscrezioni. Se in rete non si possono soffocare gli anonimi, si possono controllare coloro che gli danno voce
  • AttualitàCina, censura o rivoluzione?I grandi protagonisti del web asiatico pronti a combattere i contenuti dannosi per il popolo. Accordi in corso con il governo di Pechino. Mentre il leader di Wikipedia Jimbo Wales prevede una nuova primavera in salsa cantonese
2 Commenti alla Notizia Cina, microblogging sbloccato
Ordina
  • si era parlato di un colpo di Stato in atto

    tentativo americano di destabilizzare il Paese? ricordo che qualche mese fa diffusero la notizia della morte del panzone che governa la Corea del Nord
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > si era parlato di un colpo di Stato in atto
    >
    > tentativo americano di destabilizzare il Paese?
    > ricordo che qualche mese fa diffusero la notizia
    > della morte del panzone che governa la Corea del
    > Nord

    La cina non è come i paesi africani ridotti mali per malgoverni vari, la Cina ha forse più risorse degli stati uniti.... prima di rovesciare la cina,si dovrebbe rovesciare l'econonmia e il capitalismo.
    Sgabbio
    26178