Claudio Tamburrino

LulzSec, Internet è irresistibile

Torna in galera l'hacker in libertà vigilata Ryan Cleary: non ha saputo rispettare l'ordine di non utilizzare Internet

Roma - Il giovane Ryan Cleary, arrestato con l'accusa di aver partecipato attivamente agli attacchi informatici condotti dalla crew LulzSec, è tornato in prigione dopo che è stato trovato in violazione degli arresti domiciliari che gli erano stati concessi.

A tutela dei suoi arresti domiciliari vi era una cavigliera elettronica che gli imponeva di restare presso il suo domicilio, nonché l'ordine categorico a non avvicinarsi a nessun dispositivo connesso ad Internet.

Proprio questa imposizione sarebbe stata violata dal ragazzo che, nel corso delle vacanze natalizie, avrebbe inviato messaggi elettronici ad un altro membro di LulzSec, Hector Xavier Monsegur, meglio conosciuto come Sabu, che starebbe attualmente collaborando con le autorità. (C.T.)
Notizie collegate
  • AttualitàLulzSec, accusato in libertà vigilataIl giovane Ryan Cleary non potrà avvicinarsi a qualsiasi dispositivo connesso ad Internet. E dovrà osservare un coprifuoco giornaliero per due mesi. Poi verranno valutate le accuse di violazione del Computer Misuse Act britannico
  • AttualitàLulzSec, arresto eccellente?Un diciannovenne dell'Essex nelle grinfie della Metropolitan Police di Londra. Sarebbe un membro chiave nella crew che ha seminato il panico tra i governi. O solo il gestore di un canale IRC, come cinguettato dal gruppo
3 Commenti alla Notizia LulzSec, Internet è irresistibile
Ordina