Mauro Vecchio

Hotfile, regno dell'open source

I due file più scaricati dagli utenti del cyberlocker sono applicazioni a codice aperto. Gli sviluppatori vengono ricompensati per i download da parte dei netizen. Uno studio in difesa della piattaforma dopo gli assalti di MPAA

Roma - Un'analisi che potrebbe tornare utile al celebre cyberlocker Hotfile, arroccato in difesa sui veloci contropiedi legali della Motion Picture Association of America (MPAA). James Boyle, docente di legge alla Duke University di Durham (North Carolina), ha scoperto che i due file più scaricati dagli utenti della piattaforma panamense non violano affatto le attuali leggi sul copyright.

Per un totale di 1,5 milioni di download, le applicazioni open source iREB e Sn0wbreeze sarebbero di gran lunga le preferite sul sito di file hosting finito nel mirino dell'industria cinematografica statunitense. Software gratuito, dunque non invischiato nelle condivisioni illecite invocate da MPAA per l'immediata chiusura del cyberlocker gestito da Anton Titov.

Per completezza d'informazione, bisogna sottolineare come il report di Boyle non si azzardi in percentuali relative ai contenuti caricati in violazione del diritto d'autore. Uno studio commissionato da MPAA aveva parlato del 92 per cento di file illeciti sul totale presente su Hotfile. Un'analisi successiva aveva però bacchettato l'industria per aver usato un campione non rappresentativo: il 54 per cento del materiale non sarebbe mai stato scaricato.
Il professore statunitense ha ora chiesto ad un giudice della Florida di considerare il suo report nel caso MPAA vs Hotfile. Gli stessi sviluppatori di iREB e Sn0wbreeze sarebbero utenti iscritti al cyberlocker panamense, oltretutto ricompensati per i download effettuati dai netizen. In altre parole, Hotfile rappresenterebbe un legittimo strumento per guadagnare attraverso il codice open.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàMegaupload e l'amicizia delle majorNuove rivelazioni del founder Kim Dotcom: l'industria del cinema hollywoodiano avrebbe offerto al cyberlocker contenuti in esclusiva. Mentre soldati e agenzie governative statunitensi avrebbero aperto centinaia di account
  • AttualitàFile hosting, effetto Megaupload?FileSonic. e non è il solo, chiude le funzionalità di condivisione dei file caricati dagli utenti. RapidShare e MediaFire non temono. Kim Dotcom vorrebbe uscire su cauzione e rinuncia temporaneamente alla causa contro Universal Music
  • AttualitàMPAA: bombardare Hotfile, adessoRichiesto l'intervento di un giudice senza aspettare l'esito dello scontro legale. L'industria del cinema vorrebbe subito chiuso il cyberlocker perché del tutto simile a Megaupload. Il 90 per cento dei suoi download sarebbe illecito
46 Commenti alla Notizia Hotfile, regno dell'open source
Ordina
  • leggendo molti commenti, noto che la gente tende sempre ad esporre casi particolari, non arrivando ovviamente mai a niente

    questo genere di questioni va risolto basandosi su principi universali e quanto più generali possibile

    del resto tutto il diritto è costruito così

    immaginate cosa sarebbe la legge, se il legislatore avesse voluto creare eccezioni o basarsi su casi singoli molti specifici

    il punto è che, nel caso dei bitlocker, va valutata la loro responsabilità riguardo i contenuti che essi veicolano

    inutile ricordare, spero, che l'UE si è già espressa più volte, affermando che la responsabilità è personale e il veicolo di un'azione non può essere considerato correo

    detto questo, si può fare il solito esempio dell'autostrada, ovvero un sistema di transito che può essere usato per svariati fini ( anche criminosi )

    la similitudine sta nel fatto che, sia le autostrade sia i bitlocker, non possono materialmente esercitare un controllo totale su ciò che transita lungo i loro condotti ( per mera questione di numeri, cioè troppa roba da controllare )

    questa cosa dovrebbe risultare lampante e qualsiasi giudice dovrebbe respingere le assurdità vomitate dalle major partendo da questo semplice principio

    diversa è l'analisi dei casi singoli però!!

    se, ad esempio, nel caso megaupload si riesce a dimostrare che Dotcom e soci promuovevano attivamente l'upload e lo scambio di materiale pirata, allora è ovvio e lecito condannarli

    ma questo non implica in alcun modo che sia legittimo giudicare a priori tutti i bitlocker e considerarli colpevoli, perchè è quello che si verrebbe a fare promulgando leggi restrittive, assurdità tanto care alle major come le intercettazioni 24 ore su 24 di tutte le comunicazioni ( cosa in palese violazione delle Costituzioni di 3/4 delle nazioni del mondo, dei diritti umani e di tutte le più elementari e basilari convenzioni tra Stati )

    la cosa preoccupante è che ci siano persone di legge che prendono anche solo in considerazione ipotesi del genere

    ma si sa, ormai stiamo pericolosamente scivolando verso 1984

    ma la corda nemmeno si può tirare più di tanto Occhiolino
    non+autenticato
  • Hotfile non paga piu per singolo download ma per registrazioni paganti conseguenti al click sul link di un file assegnando la commissione all'account proprietario del file.

    Poi non so se ha accordi particolari con qualcuno.
    non+autenticato
  • iReb e SnowBreeze servono per il jailbreak dell'iphone (quindi principalmente per installare software piratato sull'iphone...)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Michele
    > iReb e SnowBreeze servono per il jailbreak
    > dell'iphone (quindi principalmente per installare
    > software piratato
    > sull'iphone...)

    Da quando e' vietata la commercializzazione di coltelli da cucina, di piedi di porco, di tronchesi a manico lungo, di pugni di ferro, lame da 20 cm, veleni per topi, e una infinita' di altre cose che potrebbero anche essere usate in modo improprio?

    Invece della presunzione di innocenza fino a sentenza contraria siamo alla certezza di colpevolezza solo per detenzione di strumenti che "potrebbero anche essere usati in modo improprio" come quelli dell'elenco di cui sopra?

    Ipocrisia senza limiti?
  • Coda di paglia senza limiti?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Michele
    > Coda di paglia senza limiti?

    No, perchè il JB non serve solo a quello.
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Michele
    > iReb e SnowBreeze servono per il jailbreak
    > dell'iphone (quindi principalmente per installare
    > software piratato
    > sull'iphone...)

    Non hai mai avuto un telefono JB in mano, vero ?
    Sgabbio
    26177
  • Guardacaso ho in iphone con il jailbreak. I vantaggi, soprattutto per i modelli più vecchi, sono indiscutibili. Dire che non viene usato, dalla stragrande maggioranza delle persone, per installare applicazioni pirata è ipocrisia allo stato puro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Michele
    > Guardacaso ho in iphone con il jailbreak. I
    > vantaggi, soprattutto per i modelli più vecchi,
    > sono indiscutibili. Dire che non viene usato,
    > dalla stragrande maggioranza delle persone, per
    > installare applicazioni pirata è ipocrisia allo
    > stato
    > puro.

    Immagino che hai la famosa statistica alla mano che rileli che sia l'uso maggiore, quando il JB permette da sempre operazioni che apple preclude da sempre.
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio

    > Non hai mai avuto un telefono JB in mano, vero ?

    ma in quale universo? non certo quello della mente malata di un videotechino Rotola dal ridere

    siamo seri, cerchi di far ragionare gente vergognosamente di parte come loro?
    non+autenticato
  • sbagliato servono per fare quel che vuoi con un dispositivo che hai pagato 800 euri...
    Il Jailbreak serve per far girare software che la apple non vuole che tu faccia girare, magari anche solo xke lo sviluppatore di un determinato software non ha voluto pagare la tassa (non proprio economica) alla apple per distribuire una propria app gratis.
    Che poi i bambini lo usano per scaricare i giochini gratis è un altra cosa.
    non+autenticato
  • Sono perfettamente d'accordo con te. Il jailbreak è utile. Il fatto che venga utilizzato impropriamente da molti (tanti) è incontrovertibile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Michele

    > Sono perfettamente d'accordo con te. Il jailbreak
    > è utile. Il fatto che venga utilizzato
    > impropriamente da molti (tanti) è
    > incontrovertibile.

    E cosa c'entra con Hotfile?

    Hotfile, come tutti i cyberlocker della rete, viene usato per condividere file con chi si vuole, senza dover pagare per l'hosting. Poi, questi file possono essere "leciti" o "illeciti". Ma questo non dice nulla sullo strumento. Banalmente, posti su un forum, per esempio uno relativo ad un gioco X, il tuo messaggio sul tuo bellissimo scenario che vuoi far provare a mezzo mondo (dei patiti del gioco). Dove lo metti il file? Lo invii via mail a tutti quelli che ne fanno richiesta? Lo metti come allegato del messaggio, così l'admin del forum ti strozza? O lo meti su hotfile, mediafire e compagnia bella, così ti basta mettere un link nel tuo post per risolvere il problema?
    FDG
    10946
  • Io ho usato per parecchio tempo mediafire per distribuire la versione preliminare di un programma open source fatto da me. Poi l'ho passato su sourceforge.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Io ho usato per parecchio tempo mediafire per
    > distribuire la versione preliminare di un
    > programma open source fatto da me. Poi l'ho
    > passato su
    > sourceforge.

    Hai scoperto l'acqua calda, complimenti.
    Cmq dimostri anche tu con la tua scelta che hotfile, mediafire e compagnia bella servono a tutto meno che a distribuire software open source.
    non+autenticato
  • Cosa avrei dimostrato? Ti ho detto il contrario!
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Cosa avrei dimostrato? Ti ho detto il contrario!

    Usi ancora mediafire per distribuire software open source? NO.
    Prima lo facevi come uno che vuole distribuire un libro dal bancone di una rosticceria. Poi qualcuno è libero di farlo, da lì a dire che la rosticceria serva a distribuire libri però ce ne corre.
    non+autenticato
  • Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    - Scritto da: Dottor Stranamore
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > Cosa avrei dimostrato? Ti ho detto il
    > contrario!
    >
    > Usi ancora mediafire per distribuire software
    > open source? NO.
    >
    > Prima lo facevi come uno che vuole distribuire un
    > libro dal bancone di una rosticceria. Poi
    > qualcuno è libero di farlo, da lì a dire che la
    > rosticceria serva a distribuire libri però ce ne
    > corre.
    Sgabbio
    26177
  • c'e' da chiedersi quale sia il reale bisogno di tutto questa voracita' di banda, la risposta e' semplice:

    gli aggiornamenti perenni delle distro linux in modalita' binary.

    mentre una volta chi usava linux era capace di compilare autonomamente i proprio aggiornamenti...vere chicche di abilita' ninja... con una manciata di kb in sorgenti, erano capaci di realizzare il miglior aggiornamento possibile ottimizzato per la propria macchina e customizzabile per le proprie esigenze.

    e ora? tutti linux esperti grazie a pollycoke, tutti a farsi le proprie distro home-brew, tutti a scaricare dai repository l'intero pacchetto di openoffice anche si si tratta di una minor update...

    ecco perche' c'e' tanto traffico open
    non+autenticato
  • - Scritto da: Drone
    > c'e' da chiedersi quale sia il reale bisogno di
    > tutto questa voracita' di banda, la risposta e'
    > semplice:

    > gli aggiornamenti perenni delle distro linux in
    > modalita' binary.

    > mentre una volta chi usava linux era capace di
    > compilare autonomamente i proprio
    > aggiornamenti...vere chicche di abilita' ninja...

    Scrivere Make ????
    Si ok, a vonte anche ./configure

    > con una manciata di kb in sorgenti, erano capaci
    > di realizzare il miglior aggiornamento possibile
    > ottimizzato per la propria macchina e
    > customizzabile per le proprie esigenze.

    > e ora? tutti linux esperti grazie a pollycoke,
    > tutti a farsi le proprie distro home-brew, tutti
    > a scaricare dai repository l'intero pacchetto di
    > openoffice anche si si tratta di una minor
    > update...

    > ecco perche' c'e' tanto traffico open
    krane
    22544
  • contenuto non disponibile
  • ma poi mica è vero

    il kernel binario di linux è 20 volte più piccolo dei sorgentiA bocca aperta
    non+autenticato
  • Con i binari precompilati si risparmia tempo e elettricità
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • > ma infatti è quello che dicevo sopra.
    > E' normale che i sorgenti (comprensivi di fiel di
    > risorse) occupino più degli
    > eseguibili.

    in realtà facendo affidamento a subversion/git o simili scarichi solo le differenze o utilizzando patch... una volta scaricato il sorgente completo vai di aggiornamenti.
    certo che passi giorni a compilare e ricompilare... non vivi.
    di fatto tutte le distro utilizzano gestori dei pacchetti tipo apt, yum, yast e binari rpm o deb.
    senza queste pacchettizzazioni diventi scemo con dipendenze e gestione delle versioni
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > Con i binari precompilati si risparmia tempo e
    > elettricità

    eh ma purtroppo Drone perde il brivido di una compilazione, con una sessione preparatoria di patchingA bocca aperta
    non+autenticato
  • Un repository fatto bene ti invia solo i files che sono cambiati dall'ultima versione che hai.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: Drone
    >
    > c'e' da chiedersi quale sia il reale bisogno di tutto questa
    > voracita' di banda, la risposta e' semplice:
    >
    > gli aggiornamenti perenni delle distro linux in modalita' binary.
    >

    Gli aggiornamenti in modalità binary per Windows e MacOSX sono di gran lunga più voluminosi.
    Per non parlare del download di film, ciascuno dei quali occupa quanto una distro Linux su DVD.

    > mentre una volta chi usava linux era capace di
    > compilare autonomamente in proprio
    > aggiornamenti...vere chicche di abilita' ninja...
    > con una manciata di kb in sorgenti ...
    >

    Veramente, se provi a scaricare i sorgenti anziché i binari, rischi di decuplicare la "voracità di banda".
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)