Mauro Vecchio

YouTube spartisce con tutti, o quasi

Anche i comuni netizen potranno diventare partner del Tubo per distribuire i propri video e guadagnare con la pubblicità. La piattaforma di Google mette a disposizione nuovi strumenti e contest come Next Vlogger

Roma - Aspiranti stelle della pop music, insegnanti di matematica a caccia della fama mondiale. Tutti su YouTube, la piattaforma di video sharing che lancia quotidianamente i grandi fenomeni della Rete. Comuni netizen per milioni di visualizzazioni, ora capaci di monetizzare i propri sforzi creativi entrando a far parte dei partner ufficiali del Tubo.

Il programma YouTube Partner è oggi attivo in 20 paesi del mondo - dall'Argentina alla Spagna, ma non in Italia - e permette di abilitare un account per la successiva distribuzione dei video sul portalone controllato da Google. A poter guadagnare dalle visualizzazioni saranno ora anche i semplici utenti affamati di notorietà.

La squadra di YouTube ha così messo a disposizione nuovi strumenti per promuovere la creatività personale dei netizen. Next Vlogger è il contest per video maker emergenti che potranno ricevere in premio attrezzature professionali del valore di 5mila dollari. Oltre che un periodo di formazione one to one con alcune delle attuali star sul Tubo.
A tutti i partner giunti prima dello scorso 10 aprile, la piattaforma di BigG garantirà pubblicità gratuita sul Google Display Network. Mentre il Creators Club rappresenterà una sorta di gruppo social in cui gli utenti potranno collaborare in base alla propria area geografica di residenza.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • TecnologiaYouTube Live, monetizzazione dal vivoSucculente novità per gli utenti della piattaforma di streaming in tempo reale. Si potranno caricare filmati amatoriali, ma soprattutto guadagnare con la pubblicità. Mentre in Italia sbarca il servizio con gli spettacoli televisivi
  • BusinessYouTube, noleggio con Paramount (e Viacom)Il Tubo viene a patti con la major controllata dal grande nemico. Circa 500 film saranno a disposizione per il noleggio sul servizio Rentals e su Google Play. Con più di 9mila titoli, BigG apre la caccia a Vudu e iTunes
  • Digital LifeWebTheatre/ YouTube, i canali e il caosdi G. Niola - Elevare ciò che è nerd a prodotto strutturato: YouTube centralizza materiale originale e la confusione regna. L'italiano Web Series TV prova a battere un'altra strada
2 Commenti alla Notizia YouTube spartisce con tutti, o quasi
Ordina