Alfonso Maruccia

Grafene, refrigerio per microchip

Un mix di rame e grafene è molto più efficiente nella dissipazione del calore rispetto al solo rame, dicono i ricercatori. Ed è persino più conveniente da produrre

Roma - I ricercatori della North Carolina State University hanno sviluppato un mix di materiali vecchi e nuovi capace di migliorare la dissipazione del calore prodotto dai circuiti elettronici e dai microchip. Componenti del mix sono il grafene e il rame, l'uno promessa della tecnologia futura e l'altro già ampiamente utilizzato allo scopo di liberare i circuiti dal calore prodotto.

Il team di ricercatori guidato da Jag Kasichainula ha in particolare realizzato un mix di grafene e rame, collegando poi detto mix ai componenti elettronici da raffreddare attraverso un sottile strato-cuscinetto di indio-grafene.

Il risultato di tale setup è un 25 per cento in più di efficienza (velocità) nella dissipazione del calore rispetto ai classici blocchi, lamelle e radiatori di rame "puro", ed è - sempre stando ai ricercatori - anche più economico da produrre visto che usa meno rame del consueto.
La nuova tecnologia di dissipazione grafene-rame-indio sarebbe indicata soprattutto per raffreddare i dispositivi elettronici che producono molto calore come i laser e (appunto) i semiconduttori, dicono i ricercatori.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàGrafene, premio Nobel per la FisicaIl Nobel di quest'anno va ai due scienziati di origine russa che per primi hanno isolato il "materiale delle meraviglie", il grafene. Una scoperta che secondo gli ottimisti cambierà per sempre i computer e la tecnologia tutta
  • TecnologiaGrafene masterizzato per supercondensatoriRicercatori USA utilizzano Lightscribe e supporti da 12cm come i DVD. E promettono un futuro hi-tech meno ansiogeno dove i gadget si ricarichino in un lampo e durino di più