Mauro Vecchio

Megaupload, scontro totale

Dopo il raid Ŕ ormai un tutti contro tutti. Il governo di Washington contro la societÓ di hosting Carpathia. Gli attivisti di EFF per restituire i file agli utenti, mentre Ŕ polemica sul nuovo avvocato del mega-impero

Roma - Il caos delle polemiche era prevedibile, e non si sopisce a quasi tre mesi di distanza dal raid statunitense contro il mega-impero del file hosting. Anzi, cresce, con il governo a stelle e strisce contro la nuova difesa legale scelta dai vertici di Megaupload per evitare l'estradizione al di là dell'Atlantico.

Alle autorità di Washington non sembra andar giù la presenza in aula di Andrew Schapiro, avvocato partner della law firm Quinn Emanuel Urguhart & Sullivan. Lo stesso Schapiro è infatti coinvolto nel noto caso Viacom vs YouTube, ora clamorosamente riaperto dai giudici di Manhattan. Un vero e proprio conflitto d'interessi, almeno secondo gli States.

C'è infatti anche il Tubo nell'elenco delle vittime stilato dal governo federale in seguito alla chiusura del cyberlocker di Hong Kong. Google sarà così chiamata a testimoniare nel tentativo di incastrare la gang pirata di Kim Dotcom, che nel frattempo ottiene la libertà di accedere ai principali servizi offerti dal web.
Nessun ritorno sulle scene, ovviamente. Mentre il boss Dotcom si concede all'arte musicale, infuria la battaglia sui contenuti appartenenti agli utenti del cyberlocker. Gli attivisti di Electronic Frontier Foundation (EFF) sono attualmente in prima linea nel caso Goodwin vs USA, lo schiaffo legale azzardato da un giovane giornalista sportivo.

Come fare a rientrare in possesso dei propri filmati amatoriali sulle gare al college? Materiale perfettamente legale, ora minacciato dalla totale distruzione di quasi 30 petabyte di file. Proprio i vertici di Megaupload si sono fermamente opposti all'ipotesi del macero digitale, dal momento che il materiale può risultare utile per la difesa in aula.

Stesso discorso - pur con finalità diametralmente opposte - per la Motion Picture Association of America (MPAA), che vuole trattenere i contenuti degli utenti per avviare una serie di citazioni a catena contro la piattaforma. Ma, allo stesso tempo, l'industria cinematografica non vorrebbe la nuova distribuzione dei file perché in violazione delle leggi sul copyright.

Insomma, che fine faranno i dati degli utenti? La società di hosting Carpathia ha accusato il governo federale di "ipocrisia", perché non intenzionato a sbloccare la situazione pur dichiarandosi "non interessato" ai 1.103 server gestiti per la modica cifra di 9mila dollari al giorno.

Proprio per questo il provider statunitense vorrebbe liberarsi per sempre dei server, offrendoli ad un soggetto terzo una volta svuotati dai contenuti. Ma la svolta più clamorosa arriva nella decisione di un giudice della Florida, dalle cui labbra dipende il destino dell'immenso patrimonio d'informazioni sul cyberlocker.

Carpathia Hosting potrebbe essere ritenuto responsabile delle violazioni del copyright commesse dagli utenti di Megaupload. Perché avrebbe guadagnato la cifra monstre di 35 milioni di dollari dall'accordo commerciale con il sito di Dotcom. Il caos è ancora padrone nello scontro legale, in attesa di evoluzioni che potrebbero portare ad un vero massacro di file multimediali.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàMegaupload e l'amicizia delle majorNuove rivelazioni del founder Kim Dotcom: l'industria del cinema hollywoodiano avrebbe offerto al cyberlocker contenuti in esclusiva. Mentre soldati e agenzie governative statunitensi avrebbero aperto centinaia di account
  • AttualitàKim Dotcom, il sequestro non è validoErrore da parte delle autoritÓ neozelandesi: la polizia ha eseguito un ordine di sequestro definito "nullo e invalido" dall'Alta Corte. Il founder di Megaupload potrebbe ora tornare in possesso dei suoi beni
  • AttualitàMegaupload, scontro sui file degli utentiIl servizio di hosting Carpathia vorrebbe l'eliminazione di tutti i file, per evitare i costi di gestione dei server. MPAA vuole trattenerli per eventuali citazioni legali. C'Ŕ chi tenta di truffare gli utenti del cyberlocker
137 Commenti alla Notizia Megaupload, scontro totale
Ordina
  • Probabilmente il processo non si farà (non lo dico io ma il giudice Liam O'Grady) per vizi procedurali da parte dell'FBI. Tutto questo polverone si risolverà in un un nulla di fatto, com'era prevedibile, del resto se si agisce senza riflettere i risultati 9 volte su 10 sono pessimi. E se continua così a Dotcom devono anche pagargli i danni.
    non+autenticato
  • ragazzi mi avete fatto ridere tantissimo grazie ci volevaSorride
    non+autenticato
  • Sul forum c'è qualcosa che non va.

    Oltre allo spam aprendo le pagine cerca di scaricare anche una dll
  • Sono evidenti tentativi di boicottaggio, possiamo immaginare da parte di chi... A bocca aperta
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • di questo non abbiamo tracce, potresti circoscrivere il problema per favore?
  • - Scritto da: Luca Annunziata
    > di questo non abbiamo tracce, potresti
    > circoscrivere il problema per
    > favore?

    Il problema si è presentato solo ieri per una mezz'oretta, in visualizzazione classica ogni volta che cliccavo per espandere un ramo Firefox 11.0 su Seven 64 tentava di scaricare un file ad(qualcosa).dll

    Nè ieri sera nè stamattina il problema si rispresenta
  • se risuccede, scrivici o scrivimi subito per favore
    so che ieri è stato rilasciato del codice sulla piattaforma, e altro oggi, magari c'è stato un breve lasso di tempo in cui c'era qualcosa che non andava

    grazie mille
  • Il Mitico Kim Dotcom ha sacrificato la propria libertà per rendere i contenuti di internet accessibili a tutti, non solo alle zucche vuote col portafoglio pieno.
    Quindi lottiamo tutti uniti contro le grandi major che sono i latifondisti medievali dell'epoca moderna, e contro i loro fedeli scudieri, i videotechini in salsa giurassica.

    Pertanto:

    - LOTTARE CONTRO LE GRANDI MAJOR BOICOTTANDOLE Pirata
    - ABOLIRE IL COPYRIGHT Pirata
    - ABOLIRE LE VIDEOTECHE   Pirata
    non+autenticato
  • - Scritto da: Videoteca Neandertha l
    > Il Mitico Kim Dotcom ha sacrificato la propria
    > libertà per rendere i contenuti di internet
    > accessibili a tutti, non solo alle zucche vuote
    > col portafoglio
    > pieno.
    > Quindi lottiamo tutti uniti contro le grandi
    > major che sono i latifondisti medievali
    > dell'epoca moderna, e contro i loro fedeli
    > scudieri, i videotechini in salsa
    > giurassica.
    >
    > Pertanto:
    >
    > - LOTTARE CONTRO LE GRANDI MAJOR BOICOTTANDOLE
    >Pirata
    > - ABOLIRE IL COPYRIGHT Pirata
    > - ABOLIRE LE VIDEOTECHE   Pirata
    Più che per la libera circolazione della cultura, sembra l'abbia fatto per i 200 milioni di dollari... è un criminale, non un benefattore.
    Le major sono quelle entità a te sconosciute grazie alle quali oggi esiste la cultura. la cultura la fa chi crea, investe, produce e distribuisce richiedendo i giusti ricavi. Chi sottrae la creazione altrui per lucro personale è un criminale, tanto che Kim è agli arresti e le major continuano a produrre, come è giusto che sia. Perchè non convinci il tuo benefattore a finanziare giovani registi per poi condividere il lavoro fatto? Molto più comodo farlo fare alle MAJOR cattive per poi lucrarci sopra SENZA MAI PRODURRE NULLA E risquotere anche la simpatia di ignari scarichini come te. Come fai a non provare un pizzico di vergogna quando scrivi certe cose?
    non+autenticato
  • > Più che per la libera circolazione della cultura,
    > sembra l'abbia fatto per i 200 milioni di
    > dollari... è un criminale, non un
    > benefattore.

    Un benefattore può anche guadagnare dal suo operto. Molti benefattori dell'umanità sono anche diventati ricchissimi.

    > Le major sono quelle entità a te sconosciute
    > grazie alle quali oggi esiste la cultura.

    Falso. Le majors sono coloro che hanno trasformato l'arte e la cultura in merce. Noi vogliamo annullare questo errore.

    > la
    > cultura la fa chi crea, investe, produce e
    > distribuisce richiedendo i giusti ricavi.

    Ma richiedere di essere pagati in base alle copie non è un giusto ricavo. È solo un pizzo.

    > Chi
    > sottrae la creazione altrui per lucro personale è
    > un criminale,

    Ma dal momento che nessuno ha sottratto la creazione, le tue restano parole vuote.

    > tanto che Kim è agli arresti e le
    > major continuano a produrre, come è giusto che
    > sia.

    Kim è a piede libero. E le majors producono sempre meno.

    > Perchè non convinci il tuo benefattore a
    > finanziare giovani registi per poi condividere il
    > lavoro fatto?

    Esistono tali iniziative.
    Ma magari a noi non interessa che vengano realizzate nuove produzioni, ti è mai passato per la testa?

    > Molto più comodo farlo fare alle
    > MAJOR cattive per poi lucrarci sopra SENZA MAI
    > PRODURRE NULLA

    Allora, non devi fare altro che smettere di produrre.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > > Più che per la libera circolazione della
    > cultura,
    > > sembra l'abbia fatto per i 200 milioni di
    > > dollari... è un criminale, non un
    > > benefattore.
    >
    > Un benefattore può anche guadagnare dal suo
    > operto. Molti benefattori dell'umanità sono anche
    > diventati
    > ricchissimi.
    >
    > > Le major sono quelle entità a te sconosciute
    > > grazie alle quali oggi esiste la cultura.
    >
    > Falso. Le majors sono coloro che hanno
    > trasformato l'arte e la cultura in merce. Noi
    > vogliamo annullare questo
    > errore.
    >
    > > la
    > > cultura la fa chi crea, investe, produce e
    > > distribuisce richiedendo i giusti ricavi.
    >
    > Ma richiedere di essere pagati in base alle copie
    > non è un giusto ricavo. È solo un
    > pizzo.
    >
    > > Chi
    > > sottrae la creazione altrui per lucro
    > personale
    > è
    > > un criminale,
    >
    > Ma dal momento che nessuno ha sottratto la
    > creazione, le tue restano parole
    > vuote.
    >
    > > tanto che Kim è agli arresti e le
    > > major continuano a produrre, come è giusto
    > che
    > > sia.
    >
    > Kim è a piede libero. E le majors producono
    > sempre
    > meno.
    >
    > > Perchè non convinci il tuo benefattore a
    > > finanziare giovani registi per poi
    > condividere
    > il
    > > lavoro fatto?
    >
    > Esistono tali iniziative.
    > Ma magari a noi non interessa che vengano
    > realizzate nuove produzioni, ti è mai passato per
    > la
    > testa?
    >
    > > Molto più comodo farlo fare alle
    > > MAJOR cattive per poi lucrarci sopra SENZA
    > MAI
    > > PRODURRE NULLA
    >
    > Allora, non devi fare altro che smettere di
    > produrre.
    ahahah, cos'è scherzi a parte? Appropriarsi dell'opera d'ingegno senza il consenso del suo autore non è appropriazione? Cosè moltiplicazione dei pani e dei pesci? Se esistono tali iniziative, cioè improntare milioni di dollari (non si fa un film con i fichi secchi) per ricavarne un'opera e poi condividerla, vedi che nessuno si oppone, sarei felice se lo facessi anche tu. Purtroppo sono le major a produrre e a permettere che oggi esistano film, non sono i quaqquaraquà come te che vorrebbero vederli senza pagare perchè dicono che sia giusto così e propongono come soluzione del problema: "non produrre più". Alla faccia di vorrebbe cultura... da non crederci.
    non+autenticato
  • > ahahah, cos'è scherzi a parte? Appropriarsi
    > dell'opera d'ingegno senza il consenso del suo
    > autore non è appropriazione?

    Tu prima hai detto sottrazione, non cambiare le carte in tavola.

    Tu hai scritto Chi sottrae la creazione altrui per lucro personale è un criminale, .

    Non hai parlato di appropriazione.

    > Cosè moltiplicazione dei pani e dei pesci?

    Esattamente. Lo vedi che se ti sforzi riesci a capire?
    Si parte da un numero di esemplari limitato (5 pani e 2 pesci.... o un dvd), e si fanno comparire nuove copie, in modo da accontentare tutti.


    > Se esistono tali
    > iniziative, cioè improntare milioni di dollari
    > (non si fa un film con i fichi secchi) per
    > ricavarne un'opera e poi condividerla, vedi che
    > nessuno si oppone, sarei felice se lo facessi
    > anche tu.

    È una mia scelta.

    > Purtroppo sono le major a produrre e a
    > permettere che oggi esistano film

    Per loro scelta. Se non sono soddisfatte, hanno solo da smettere di produrre film. Nessuno le ha mai obbligate.


    >, non sono i
    > quaqquaraquà come te che vorrebbero vederli senza
    > pagare perchè dicono che sia giusto così e
    > propongono come soluzione del problema: "non
    > produrre più". Alla faccia di vorrebbe cultura...

    Io voglio l'accesso a ciò che esiste; che venga prodotto altro mi interessa molto meno. E perciò mi va benissimo di sacrificare la produzione in cambio della fruizione completa di tutto quello che già esiste.

    Ma se tu vuoi anche la produzione di film nuovi, non cerco assolutamente di impedirtelo; finanziane pure la realizzazione. Ma coi tuoi soldi, non con i miei.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > > ahahah, cos'è scherzi a parte? Appropriarsi
    > > dell'opera d'ingegno senza il consenso del
    > suo
    > > autore non è appropriazione?
    >
    > Tu prima hai detto sottrazione, non cambiare le
    > carte in
    > tavola.
    >
    > Tu hai scritto Chi sottrae
    >
    la creazione altrui per lucro
    > personale è un criminale,

    > .
    >
    > Non hai parlato di appropriazione.
    >
    > > Cosè moltiplicazione dei pani e dei pesci?
    >
    > Esattamente. Lo vedi che se ti sforzi riesci a
    > capire?
    > Si parte da un numero di esemplari limitato (5
    > pani e 2 pesci.... o un dvd), e si fanno
    > comparire nuove copie, in modo da accontentare
    > tutti.
    >
    >
    > > Se esistono tali
    > > iniziative, cioè improntare milioni di
    > dollari
    > > (non si fa un film con i fichi secchi) per
    > > ricavarne un'opera e poi condividerla, vedi
    > che
    > > nessuno si oppone, sarei felice se lo facessi
    > > anche tu.
    >
    > È una mia scelta.
    >
    > > Purtroppo sono le major a produrre e a
    > > permettere che oggi esistano film
    >
    > Per loro scelta. Se non sono soddisfatte, hanno
    > solo da smettere di produrre film. Nessuno le ha
    > mai
    > obbligate.
    >
    >
    > >, non sono i
    > > quaqquaraquà come te che vorrebbero vederli
    > senza
    > > pagare perchè dicono che sia giusto così e
    > > propongono come soluzione del problema: "non
    > > produrre più". Alla faccia di vorrebbe
    > cultura...
    >
    > Io voglio l'accesso a ciò che esiste; che venga
    > prodotto altro mi interessa molto meno. E perciò
    > mi va benissimo di sacrificare la produzione in
    > cambio della fruizione completa di tutto quello
    > che già
    > esiste.
    >
    > Ma se tu vuoi anche la produzione di film nuovi,
    > non cerco assolutamente di impedirtelo;
    > finanziane pure la realizzazione. Ma coi tuoi
    > soldi, non con i
    > miei.
    Tu sei uno, che a te non interessi lo sviluppo della cultura e della creatività poco importa al mondo. Sei un cittadino di questo paese, credo, e devi rispettare le regole che ci sono se vuoi essere degno di farne parte. Il lavoro fatto prima di oggi appartiene sempre a qualcuno, anche se fai fatica a capirlo. Dietro qualsiasi opera d'ingegno ci sono investimenti milionari e spesso anni di lavoro, tu vorresti usufruirne gratis, ma sei un bel tipo. Appropriarsene è esatto, come sottrarre, perchè ancora non hai capito (o fai finta di non capire per comodo) che un'idea, una canzone, un film o un libro, è altro che carta, dischi o pendrive, non è rubando il cd che sottrai, ma anche copiare e scaricare sottrae quell'opera senza il volere dell'avente diritto. Ti ho spiegato più volte che le opere esistono perchè qualcuno le produce e molti le comprano, non vedo perchè qualcun'altro non divrebbe pagarle. Vai su wiky e studia il fenomeno del free rider, poi torna qui.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito

    > Tu sei uno,

    Gli "scariconi" (o evil downloader) sono centinaia di milioni, forse miliardi.

    > che a te non interessi lo sviluppo
    > della cultura e della creatività poco importa al
    > mondo. Sei un cittadino di questo paese, credo, e
    > devi rispettare le regole che ci sono se vuoi
    > essere degno di farne parte.

    Ci sono regole che noi riteniamo sbagliate ed altre la cui importanza è troppo poca rispetto ad altre priorità.

    Se non te ne fossi accorto si discute di questo.


    > Il lavoro fatto
    > prima di oggi appartiene sempre a qualcuno, anche
    > se fai fatica a capirlo.

    Dipende da cosa significa "appartiene".

    > Dietro qualsiasi opera
    > d'ingegno ci sono investimenti milionari e spesso
    > anni di lavoro, tu vorresti usufruirne gratis, ma
    > sei un bel tipo.

    Gli investimenti fanno parte dle rischio di impresa.
    Solo in Italia, imprenditori dei miei stivali credono che per qualche motivo il rischio di impresa debba ricadere sulla collettività e non su chi se lo assume. E' una vostra distorsione mentale, nessuno vi deve niente.


    > Appropriarsene è esatto, come
    > sottrarre, perchè ancora non hai capito (o fai
    > finta di non capire per comodo) che un'idea, una
    > canzone, un film o un libro, è altro che carta,
    > dischi o pendrive, non è rubando il cd che
    > sottrai, ma anche copiare e scaricare sottrae
    > quell'opera senza il volere dell'avente diritto.

    Hai gia fatto una pessima figura quando hai parlato di sottrazione (infatti ti sei sottratto alla discussione) e adesso ne stai facendo un'altra a proposito della "appropriazione".
    Capisco che ci sia anche un grosso limite culturale che ti spinge a usare impropriamente i termini, ma cio' non giustifica il tuo errore, nè il modo capzioso con cui usi le parole come strumento di offesa.

    > Ti ho spiegato più volte che le opere esistono
    > perchè qualcuno le produce e molti le comprano,
    > non vedo perchè qualcun'altro non divrebbe
    > pagarle.

    Chi se ne frega se gli altri le comprano?
    Le volete comprare? Compratele.
    Liberi di farlo, ma io sono libero di non farlo.


    > Vai su wiky e studia il fenomeno del
    > free rider, poi torna
    > qui.

    Ti ho gia spiegato che il fenomeno non è applicabile al caso in quanto non si tratta di bene o servizio pubblico, ma privato.
    Tu, ovviamente, non hai capito niente e riproponi l'argomento rifacendo lo stesso errore.

    Cosa ti spinge a venire qui a fare figuracce?
    No dico, oltre all'ego smisurato e poca cultura.
  • - Scritto da: dont feed the troll/dovella
    > - Scritto da: Allibito
    >
    > > Tu sei uno,
    >
    > Gli "scariconi" (o evil downloader) sono
    > centinaia di milioni, forse
    > miliardi.
    >
    > > che a te non interessi lo sviluppo
    > > della cultura e della creatività poco
    > importa
    > al
    > > mondo. Sei un cittadino di questo paese,
    > credo,
    > e
    > > devi rispettare le regole che ci sono se vuoi
    > > essere degno di farne parte.
    >
    > Ci sono regole che noi riteniamo sbagliate ed
    > altre la cui importanza è troppo poca rispetto ad
    > altre
    > priorità.
    >
    > Se non te ne fossi accorto si discute di questo.
    >
    >
    > > Il lavoro fatto
    > > prima di oggi appartiene sempre a qualcuno,
    > anche
    > > se fai fatica a capirlo.
    >
    > Dipende da cosa significa "appartiene".
    >
    > > Dietro qualsiasi opera
    > > d'ingegno ci sono investimenti milionari e
    > spesso
    > > anni di lavoro, tu vorresti usufruirne
    > gratis,
    > ma
    > > sei un bel tipo.
    >
    > Gli investimenti fanno parte dle rischio di
    > impresa.
    > Solo in Italia, imprenditori dei miei stivali
    > credono che per qualche motivo il rischio di
    > impresa debba ricadere sulla collettività e non
    > su chi se lo assume. E' una vostra distorsione
    > mentale, nessuno vi deve
    > niente.
    >
    >
    > > Appropriarsene è esatto, come
    > > sottrarre, perchè ancora non hai capito (o
    > fai
    > > finta di non capire per comodo) che un'idea,
    > una
    > > canzone, un film o un libro, è altro che
    > carta,
    > > dischi o pendrive, non è rubando il cd che
    > > sottrai, ma anche copiare e scaricare sottrae
    > > quell'opera senza il volere dell'avente
    > diritto.
    >
    > Hai gia fatto una pessima figura quando hai
    > parlato di sottrazione (infatti ti sei sottratto
    > alla discussione) e adesso ne stai facendo
    > un'altra a proposito della
    > "appropriazione".
    > Capisco che ci sia anche un grosso limite
    > culturale che ti spinge a usare impropriamente i
    > termini, ma cio' non giustifica il tuo errore, nè
    > il modo capzioso con cui usi le parole come
    > strumento di
    > offesa.
    >
    > > Ti ho spiegato più volte che le opere
    > esistono
    > > perchè qualcuno le produce e molti le
    > comprano,
    > > non vedo perchè qualcun'altro non divrebbe
    > > pagarle.
    >
    > Chi se ne frega se gli altri le comprano?
    > Le volete comprare? Compratele.
    > Liberi di farlo, ma io sono libero di non farlo.
    >
    >
    > > Vai su wiky e studia il fenomeno del
    > > free rider, poi torna
    > > qui.
    >
    > Ti ho gia spiegato che il fenomeno non è
    > applicabile al caso in quanto non si tratta di
    > bene o servizio pubblico, ma
    > privato.
    > Tu, ovviamente, non hai capito niente e riproponi
    > l'argomento rifacendo lo stesso
    > errore.
    >
    > Cosa ti spinge a venire qui a fare figuracce?
    > No dico, oltre all'ego smisurato e poca cultura.
    Vabbè, ho capito, ti va di scherzare, a me no. Il rischio d'impresa? Un'impresa saccheggiata la chiami rischio d'impresa? Non sai che il free riding è anche colui che aspetta a mettere la monetina per illuminare una statua perchè prima o poi qualcun'altro lo farà? Tu non vuoi pagare i film e sei libero di farlo, ma chi deteniene i diritto ha la libertà di non farlelo vedere, è così che funzione, come per la benzina, il pane, le consulenze e i progetti.
    Le figuracce mi sembra che le stia facendo tu e brutte davvero. Sottrarre va bene l'ho scritto ma non sai leggere e sappi che non si tratta di operazione matematica. Chi ne sa di più e sa parlare lo giudica chi legge, non chi è in palese difficoltà. Il bue adesso dice cornuto all'asino, hai una bella faccia tosta, ma questo non ti evita le figure che fai. Non vuoi ammettere di essere in torto, le opere le ha pensate, scritte e realizzate qualcuno che deve essere ricompensato come crede e non come credi tu, proprio perchè non si tratta di bene pubblico esiste un mercato, appare un'offerta, si può accettare o rifiutare, al limite contrattare, ma nessuno può appropriarsi di un bene altrui senza il volere del proprietario. Non ammettere questo non vuol dire solo essere ignoranti, ma qualcosa di più.
    non+autenticato
  • > Vabbè, ho capito, ti va di scherzare, a me no. Il
    > rischio d'impresa? Un'impresa saccheggiata la
    > chiami rischio d'impresa?

    Saccheggiata?
    Ti hanno sfondato la vetrina? Rovesciato gli scaffali? Portato via i dischi?

    Perchè quello è "saccheggiare". Ma se nessuno ti ha toccato, e nessuno è nemmeno entrato nel tuo negozio, vuol dire che ti considerano semplicemente obsoleto. E quello È rischio di impresa.

    > Non sai che il free
    > riding è anche colui che aspetta a mettere la
    > monetina per illuminare una statua perchè prima o
    > poi qualcun'altro lo farà? Tu non vuoi pagare i
    > film e sei libero di farlo, ma chi deteniene i
    > diritto ha la libertà di non farlelo vedere

    E infatti nessuno pretende che il produttore ci faccia vedere il film.
    Se però il produttore vende una copia di tale film a Tizio, sarà Tizio a farcelo vedere. Il produttore ha la libertà di decidere... ma anche Tizio ce l'ha.


    > Le figuracce mi sembra che le stia facendo tu e
    > brutte davvero.

    La peggiore figuraccia l'hai fatta quando ti sei messo a sostenere che avevo modificato la pagina di wikipedia, quando ti sarebbe bastato controllare la cronologia per vedere che ti sbagliavi.


    > Il bue adesso dice cornuto all'asino,

    Ti stai dando dell'asino da solo?

    > Non vuoi ammettere di
    > essere in torto, le opere le ha pensate, scritte
    > e realizzate qualcuno che deve essere
    > ricompensato come crede e non come credi tu,

    Quindi se il produttore chiede 72 vergini le deve avere? Ti rendi conto che stai delirando?

    > proprio perchè non si tratta di bene pubblico
    > esiste un mercato, appare un'offerta, si può
    > accettare o rifiutare, al limite contrattare, ma
    > nessuno può appropriarsi di un bene altrui senza
    > il volere del proprietario. Non ammettere questo
    > non vuol dire solo essere ignoranti, ma qualcosa
    > di
    > più.

    Torna dopo che avrai smaltito la grappa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito

    > le opere le ha pensate, scritte
    > e realizzate qualcuno che deve essere
    > ricompensato come crede e non come credi tu,
    > proprio perchè non si tratta di bene pubblico
    > esiste un mercato,

    Di che mercato vai cianciando?

    Libero mercato:
    2 prodotti:
    - il dvd a 20 euro o "come crede";
    - il dvdrip a 0 euro;
    - il consumatore sceglie il prodotto che più gli conviene.


    Mercato protetto:
    - la collettività spende sue risorse per tutelare il monopolio di un privato sul singolo prodotto;
    - il prezzo del prodotto viene calmierato (spese + remunerazione dell'investimento con % ad una cifra, non a 2 o 3 cifre) per non danneggiare la collettività stessa creando ingiuste rendite.


    Il mercato che proponi:
    - la collettività spende sue risorse per tutelare il monopolio di un privato sul singolo prodotto;
    - il privato impone il prezzo "come crede" e si arricchisce;
    - la collettività viene danneggiata.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito

    > Vabbè, ho capito,

    Dubito fortemente.

    > ti va di scherzare, a me no.

    No, non mi va di scherzare, mi va di ragionare e discutere.
    Ne sei capace oppure no?
    Sei interessato a discutere o hai intenzione di ripetere come un mantra le tue opinioni, offendendo a destra e a manca, o hai intenzione di metterti in discussione?


    Il
    > rischio d'impresa? Un'impresa saccheggiata la
    > chiami rischio d'impresa?

    Esatto.
    Anche quello è rischio di impresa.
    Anche il "pizzo" è rischio di impresa.
    Tutto è rischio di impresa, quando investi del denaro in una attività sperando di averne un ritorno.
    Il rishio di impresa è la possibilità che il ritorno non ci sia, indipendentemente dal motivo.
    D'altronde quando guadagnate, non è che i soldi venite a darli a me, per lo stesso motivo, non vedo perchè quando invece ci smenate, la collettività dovrebbe venire in vostro soccorso.


    > Non sai che il free
    > riding è anche colui che aspetta a mettere la
    > monetina per illuminare una statua perchè prima o
    > poi qualcun'altro lo farà?

    Si è chiaro cosa significa (io so leggere) quello che non ti è chiaro è che è un problema solo quando il bene o servizio è pubblico ed è irrinunciabile. Capisci cosa significa o te lo devo spiegare meglio?
    Se vuoi te lo spiego, eh.


    > Tu non vuoi pagare i
    > film e sei libero di farlo, ma chi deteniene i
    > diritto ha la libertà di non farlelo vedere, è
    > così che funzione, come per la benzina, il pane,
    > le consulenze e i
    > progetti.

    E chi lo dice che la sua libertà di farmi un dispetto sia prevalente sulla mia libertà di fruire della cultura?

    > Le figuracce mi sembra che le stia facendo tu e
    > brutte davvero.

    E certo, come no?

    > Sottrarre va bene l'ho scritto ma
    > non sai leggere e sappi che non si tratta di
    > operazione matematica.

    Guarda non basta scriverlo come scrivere "i maiali volano" non fa spuntare loro le ali.
    Bisogna dimostrarlo e tu non lo hai fatto.


    > Chi ne sa di più e sa
    > parlare lo giudica chi legge, non chi è in palese
    > difficoltà.


    Eh gia, è proprio lì che ti freghi.

    > Il bue adesso dice cornuto all'asino,
    > hai una bella faccia tosta, ma questo non ti
    > evita le figure che fai. Non vuoi ammettere di
    > essere in torto,

    Se tu dimostrassi che ho torto sarei il primo ad ammetterlo.
    E' la tua dimostrazione che latita.

    > le opere le ha pensate, scritte
    > e realizzate qualcuno che deve essere
    > ricompensato come crede

    Come crede?
    Ma in quale pianeta?
    Tutti vorrebbero essere ricompensati con un milione di euro alla settimana, ma evidentemente non è possibile.
    Tu fai qualcosa e vedi se qualcuno la compra. Se la comprano in molti vieni ricompensato bene, se la comprano in pochi non vieni ricompensato a sufficienza. AMen, è il mercato.
    Se non ti piace il mercato, non cercare di esserne un attore.


    > e non come credi tu,
    > proprio perchè non si tratta di bene pubblico
    > esiste un mercato, appare un'offerta, si può
    > accettare o rifiutare,

    Ok rifiuto.

    > al limite contrattare, ma
    > nessuno può appropriarsi di un bene altrui senza
    > il volere del proprietario.

    Appropiarsi no, infatti.
    E chi si vuole appropriare di niente?
    (sai cosa significa appropriarsi, vero?)
  • Per la stessa linea di principio non dovrebbero chiudere altri servizi tipo
                                YOUTUBE?
    Se si vuole preservare il lavoro fatto da altri allora bisogna preservarlo in toto, invece siccome Youtube è di google e una causa contro google è impensabile, vai poi a capire perchè!, per dare il contentino alle major e a qualche altro potere forte, buttano giu un sito senza andare troppo sul sottile, andano anche ad arrestare il suo fondatore, che certo non sarà uno stinco di santo, con un mandato internazionale neanche avesse fatto saltare in aria un palazzo!
    Spero solo che persano la causa perchè il conto che gli farà l'avocato sarà salatissimo!
    non+autenticato
  • Youtube = Megavideo

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
  • - Scritto da: ThEnOra
    > Youtube = Megavideo
    >
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Vorresti dire che non cencellava nulla su segnalazione ?

    Pirate haters...pirate haters...
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: ThEnOra
    > Youtube = Megavideo
    >
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Vorresti dire che non cencellava nulla su segnalazione ?

    Pirate haters...pirate haters...
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > - Scritto da: ThEnOra
    > > Youtube = Megavideo
    > >
    > > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    >
    > Vorresti dire che non cencellava nulla su
    > segnalazione
    > ?
    >
    > Pirate haters...pirate haters...

    Vorresti dire che tutti i contenuti protetti venivano sistematicamente cancellati e/o che era difficile trovarne?

    Pirate lovers... Pirate lovers...
  • - Scritto da: Basta Pirateria

    >
    > Vorresti dire che tutti i contenuti protetti
    > venivano sistematicamente cancellati e/o che era
    > difficile
    > trovarne?
    >
    > Pirate lovers... Pirate lovers...

    Quello che voglio dire, troll voltagabbana pagato dalla redazione, è che Mega* come qualsiasi servizio internet i contenuti su segnalazione li cancellava.

    Se poi tu fingi di non capire, come molti piratehaters esistenti, non è colpa mia.
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    [...]
    > Quello che voglio dire, troll voltagabbana pagato
    > dalla redazione,

    Wow, ti ho punto sul vivo a quanto pare A bocca aperta

    Tralascio sul troll, visto che siamo tutti un po' troll qui, ma "voltagabbana" e "pagato dalla redazione" me li devi proprio dimostrare, altrimenti ti metti allo stesso livello dei pirate haters accusando gli altri di cose che non esistono.

    > è che Mega* come qualsiasi
    > servizio internet i contenuti su segnalazione li
    > cancellava.
    >

    E io che ho detto? Era una faticaccia trovare un link funzionante su quella piattaforma. Tutti contenuti rimossi! Una cosa incredibile!

    >
    > Se poi tu fingi di non capire, come molti
    > piratehaters esistenti, non è colpa
    > mia.

    Io dico che dovresti cercare di essere un po' più obbiettivo invece di dare del pirate haters a destra e manca.
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > - Scritto da: Sgabbio
    > [...]
    > > Quello che voglio dire, troll voltagabbana
    > pagato
    > > dalla redazione,
    >
    > Wow, ti ho punto sul vivo a quanto pare A bocca aperta
    >
    > Tralascio sul troll, visto che siamo tutti un po'
    > troll qui, ma "voltagabbana" e "pagato dalla
    > redazione" me li devi proprio dimostrare,
    > altrimenti ti metti allo stesso livello dei
    > pirate haters accusando gli altri di cose che non
    > esistono.

    Sinceramente tu non hai nemmeno smentito quanto io ho affermato su di te, anzi hai cercato di evadere l'argomento.


    > E io che ho detto? Era una faticaccia trovare un
    > link funzionante su quella piattaforma. Tutti
    > contenuti rimossi! Una cosa
    > incredibile!

    Non fare lo spiritoso, di link rotti ne trovavi a iosa, parli come se tu tale sito non l'avessi mai usatoA bocca aperta


    > Io dico che dovresti cercare di essere un po' più
    > obbiettivo invece di dare del pirate haters a
    > destra e
    > manca.

    Facciamo il gioco del "specchio riflesso" ?
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    [...]
    > > > Quello che voglio dire, troll voltagabbana
    > > pagato
    > > > dalla redazione,
    > >
    > > Wow, ti ho punto sul vivo a quanto pare A bocca aperta
    > >
    > > Tralascio sul troll, visto che siamo tutti un
    > po'
    > > troll qui, ma "voltagabbana" e "pagato dalla
    > > redazione" me li devi proprio dimostrare,
    > > altrimenti ti metti allo stesso livello dei
    > > pirate haters accusando gli altri di cose che
    > non
    > > esistono.
    >
    > Sinceramente tu non hai nemmeno smentito quanto
    > io ho affermato su di te, anzi hai cercato di
    > evadere
    > l'argomento.

    Ok. Ti smentisco. Contento?

    Adesso dimostrami che sono un voltagabbana e che sono pagato dalla redazione altrimenti abbi almeno la decenza di scusarti.

    >
    >
    > > E io che ho detto? Era una faticaccia trovare un
    > > link funzionante su quella piattaforma. Tutti
    > > contenuti rimossi! Una cosa
    > > incredibile!
    >
    > Non fare lo spiritoso, di link rotti ne trovavi a
    > iosa, parli come se tu tale sito non l'avessi mai
    > usato
    >A bocca aperta

    E come si poteva usarlo? Tutti i contenuti protetti venivano rimossi con una solerzia che ha dell'incredibile.

    >
    >
    > > Io dico che dovresti cercare di essere un po'
    > più
    > > obbiettivo invece di dare del pirate haters a
    > > destra e
    > > manca.
    >
    > Facciamo il gioco del "specchio riflesso" ?

    Pirate haters / pirate lovers è un gergo che conosci: l'ho preso da te. Lo scopo è giusto di farti capire che scrivere "rotfl" o "pirate haters" nove volte su dieci non porta nessun contributo alla discussione.
  • - Scritto da: Basta Pirateria

    > Pirate haters / pirate lovers è un gergo che
    > conosci: l'ho preso da te. Lo scopo è giusto di
    > farti capire che scrivere "rotfl" o "pirate
    > haters" nove volte su dieci non porta nessun
    > contributo alla
    > discussione.


    Scusa è che mi osno dimenticato di nuovo i tuoi formidabili contributi alla discussione, non è che me li rammenti?
  • - Scritto da: dont feed the troll/dovella
    > - Scritto da: Basta Pirateria
    >
    > > Pirate haters / pirate lovers è un gergo che
    > > conosci: l'ho preso da te. Lo scopo è giusto
    > di
    > > farti capire che scrivere "rotfl" o "pirate
    > > haters" nove volte su dieci non porta nessun
    > > contributo alla
    > > discussione.
    >
    >
    > Scusa è che mi osno dimenticato di nuovo i tuoi
    > formidabili contributi alla discussione, non è
    > che me li
    > rammenti?

    Credo siano più o meno come i tuoi (moooolto meno dotti chiaramente)
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)