Alfonso Maruccia

Google Drive, questa volta per davvero?

Il fantomatico "hard disk nelle nuvole" di Mountain View sarebbe finalmente pronto al debutto. Dopo anni di indiscrezioni e speculazioni, il "G-Drive" andrebbe a detronizzare i piccoli del settore

Roma - C'era una volta Google Drive, e a quanto pare c'è ancora. Anzi, sarebbe quasi pronto al lancio: il "mitico" hard disk telematico di Google non sarebbe più una leggenda metropolitana ma un servizio di file hosting con tutti i crismi del caso, capace di offrire uno spazio di storage gratuito molto più esteso rispetto a quello di una parte dei concorrenti già attivi sul mercato.

Google Drive non è ufficiale, ma le indiscrezioni sono particolarmente robuste: è stato adocchiato un software di interfacciamento per Mac OS X, e una bozza proveniente da un ignoto partner di Google restituisce qualche dettaglio in merito alle caratteristiche del servizio.

Le possibili caratteristiche di Google Drive, dunque: atteso al debutto ufficiale la prossima settimana o comunque entro il mese, il cyberlocker di Mountain View offrirebbe ben 5 Gigabyte di spazio "free" ai suoi utenti - molto inferiore all'offerta SkyDrive di Microsoft (25 Gigabyte) ma più del doppio dello storage gratuito garantito da Dropbox (2 GB).
Google Drive - nome provvisorio che in definitiva potrebbe anche rivelarsi azzeccato - potrà sincronizzare i propri contenuti telematici con client Windows, Mac OS X e naturalmente gadget basati su Android, preannunciano ancora le fonti anonime.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaGDrive, forse si fa sul serioIl tanto atteso servizio di storage online potrebbe vedere la luce a breve. Il drive made-in-Google colmerebbe il tassello mancante nella strategia di BigG
41 Commenti alla Notizia Google Drive, questa volta per davvero?
Ordina
  • domani un pinco pallino qualsiasi mette un documento coperto da copirait e gli USA chiudono tutti gli account ... oramai il Cloud ha la credibilità di una pu**ana ...
    non+autenticato
  • Io sono un fedele dropboxer (che grazie al raddoppio dei giorni scorsi ora è ad un pelo dai 20 GB gratuiti presi tra inviti e beta-testing) nonostante i 50 GB regalatemi da Box. Eppure da natale uso anche <a href=https://www.insynchq.com/>Insynch</a>; che per me già fa tutto quello che dovrebbe fare un eventuale G-Drive: funziona esattamente come dropbox (cartella insync etc.) ma sui documenti di google-docs ed è già Mac/Win. Svantaggi: non esiste ancora una versione mobile (annunciata per maggio e quella dovrebbe essere a pagamento) o linux; non ci sono ancora le cartelle condivise; si parte solo con 1GB; non ci sono sistemi gratuiti per aumentare lo spazio. Vantaggi: quando avete bisogno veramente di spazio basta comprarne per google-docs, e attualmente non c'è nessuno che faccia i prezzi di Google.

    Per quanto mi riguarda è questa la società che va comprata da Google visto che non credo sia spropositatamente quotata come Dropbox! E per una garanzia di successo basterebbe arrivare ad avere delle cartelle condivise buone quanto quelle del concorrente ma senza un sistema antagonista
    non+autenticato
  • molto interessante, ma la domanda che in questi casi mi frulla per la testa è "ma gli hard disk sono passati di moda?"

    non riesco proprio a capire la validità di questi sistemi

    ok, devo passare un file a 10 persone e invece di mandare 10 email, lo metto su dropbox

    ci può stare

    ma pensare di avere un hard disk chissà dove nel mondo, in mano a chissà chi e con chissà quali rischi, mi fa accapponare la pelle
    non+autenticato
  • Ti rispondo facilmente: backup, backup, backup! Io utilizzo un sistema di backup tradizionale (hdd con time machine), un backup dati (e non applicazioni) cloud che costa poco, più le sincronizzazioni con dropbox/insynch. Alla fine questi due servizi sono i più comodi in caso di urgenza perché permettono un veloce accesso proprio ai dati che sto lavorando nel periodo recente.
    Ad ogni modo oggi mi sarebbe impossibile pensare di lavorare in squadra senza un sistema facile di condivione dei dati, al di là dei salvataggi.
    non+autenticato
  • Io ho provato da pochissimo skydrive e mi trovo benissimo. Lo usiamo in classe per condividere file dell'università. Ha le cartelle private e pubbliche e funziona come una vera e pripria cartella di rete. In più puoi scaricare una cartella con tutte le sue sottocartelle e il server te la fa scaricare in un unico file zippato...
    Veramente semplice e soprattuto con 25 GB free!!!
    Noi carichiamo perfino le registrazioni delle lezioni in MP3
    Ciao
    non+autenticato
  • 25 Gb gratuiti? Forte! Si vede che vogliono fare concorrenza a Google e a Dropbox!
    non+autenticato
  • E' molto comodo perchè basta trascinare i file su explore con il Drag&Drop e li carica. anche più di uno, li mette in coda di caricamento con delle barre di progressione che ti danno la stima della velocità e del tempo rimanente per l'upload...
    Poi poi cambiare le proprietà delle singole cartelle e decidere di condividerle in internet se vuoi. Proprio come un cartella che condividi in intranet aziendale
    non+autenticato
  • Non è che usare Dropbox sia molto più complicato.Sorride

    Alla fine bisogna solo capire quanto per ogni servizio l'affidabilità e i tempi di upload/download, oltre alla sincronizzazione automatica, siano adatti alle proprie esigenze personali.

    Comunque meglio piu competitor che un monopolio.

    - Scritto da: The doctor
    > E' molto comodo perchè basta trascinare i file su
    > explore con il Drag&Drop e li carica. anche più
    > di uno, li mette in coda di caricamento con delle
    > barre di progressione che ti danno la stima della
    > velocità e del tempo rimanente per
    > l'upload...
    > Poi poi cambiare le proprietà delle singole
    > cartelle e decidere di condividerle in internet
    > se vuoi. Proprio come un cartella che condividi
    > in intranet aziendale
    non+autenticato
  • - Scritto da: The doctor
    > Ciao

    E' già uscito un client per mac e linux oltre che per windows? ero molto interessato ma l'ultima volta che ho provato era necessario l'uso esclusivo di un browser e sinceramente rispetto a DBox è un bel problema e una rogna non da poco e tra l'altro non sincronizza nulla, tiene tutto in the cloud e tu non hai una copia fisica su disco, al momento DBox è il top anche se gratis ti fornisce solo 2 GB
    non+autenticato
  • Uso da oltre un anno Syncdocs che sfrutta il Google Data Protocol e praticamente mi permette di usare gli 80Gb di Google Documents come se fosse un hard disk virtuale, io ci metto roba dentro e lui sincronizza sul portatile, sul fisso e online... e quando voglio accedo dal mio iPhone con GoodReader... Per cui Google Drive la vedo come una evoluzione, ma non come una grandissima innovazione!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco Menzera aka mrflanger
    > Uso da oltre un anno Syncdocs che sfrutta il
    > Google Data Protocol e praticamente mi permette
    > di usare gli 80Gb di Google Documents come se
    > fosse un hard disk virtuale, io ci metto roba
    > dentro e lui sincronizza sul portatile, sul fisso
    > e online... e quando voglio accedo dal mio iPhone
    > con GoodReader... Per cui Google Drive la vedo
    > come una evoluzione, ma non come una grandissima
    > innovazione!


    Io pure utilizzo SyncDocs, e mi trovo benissimo, e sono d'accordo sul fatto che GDrive è un'evoluzione, che pero ha già perso troppo tempo e deve correre se vuole raggiungere i competitor come dropbox, e skydrive
    non+autenticato
  • Penso che Mountain View si adeguerà allo standard de facto, e opterà per ACQUISTARE DROPBOX e renderlo un servizio google, piuttosto che aprire un servizio concorrente. Dropbox funziona troppo bene ed è troppo comodo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo Marani
    > Penso che Mountain View si adeguerà allo standard
    > de facto, e opterà per ACQUISTARE DROPBOX e
    > renderlo un servizio google, piuttosto che aprire
    > un servizio concorrente. Dropbox funziona troppo
    > bene ed è troppo
    > comodo.
    E' la stessa identica cosa che ho pensato anche io,il problema è che solitamente queste cose si sanno prima e ad oggi non si ha nessuna notizia di questo acquisto.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)