Claudio Tamburrino

Frequenze, Mediaset ricorre al Tar

Il gruppo considera l'asta una sorta di vendetta politica. E se il ricorso alla magistratura non dovesse resuscitare il beauty contest, non è detto che Mediaset metta mano alla borsa

Roma - Mediaset ha fatto ricorso al Tar del Lazio contro la decisione del Governo Monti di non affidare più le frequenze liberate dal passaggio al digitale terrestre attraverso un beauty contest non oneroso, bensì ricorrendo a un'asta al rialzo.

L'annullamento del beauty contest è stato approvato con emendamento del Governo al decreto legge sulla delega fiscale: un atto che sconfessa quanto deciso dal precedente Governo e ne prescrive l'assegnazione con "altre forme di competizione".

Una decisione che sembra raccogliere un certo favore nell'opinione pubblica: solo il PdL rimane sulla posizione originaria, legata a doppio filo a quella dell'ex premier Silvio Berlusconi, criticando aspramente la scelta. In realtà il sindaco di Roma Gianni Alemanno ha specificato che "per quanto ne so io il Pdl non è contro l'asta delle frequenze, ma vuole delle regole più trasparenti nella gestione".
Ora contro l'emendamento si è espressa anche la diretta interessata: Mediaset. Il presidente del gruppo televisivo Fedele Confalonieri ha detto che "il punto è politico e di fatto Gentiloni è tornato ministro perché queste erano da sempre le sue tesi". Parlando poi un po' più del merito della questione ha affermato che il beauty contest rappresenta una proceduta legale e condivisa dall'Unione europea e che "c'è stata demagogia, far pagare alle ricche televisioni le frequenze anziché diminuire i redditi dei cittadini con nuove tasse. Siamo proprio sicuri che l'asta produrrà introiti significativi per lo Stato?".

In caso di conferma della decisione su un asta da parte del Tar, peraltro, Confalonieri non dà per scontata la partecipazione da parte di Mediaset, rimandando una scelta che attende di vedere la disciplina che redigerà Agcom per la sua procedura di aggiudicazione delle frequenze.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
15 Commenti alla Notizia Frequenze, Mediaset ricorre al Tar
Ordina
  • Tutti contro berlusconi e le sue televisioni! eletto con milioni di voti, avversari politici, traditori interni al partito e settori deviati della magistratura, le famigerate toghe rosse, lo hanno fatto cadere e ora si accaniscono contro le sue aziende, che danno lavoro a migliaia di persone, sono condotte da fior di professionisti e che hanno dato lustro all'italia.

    Ma lui tornera' piu' forte di prima.

    E. Fede
    non+autenticato
  • meno tette&culi e piu' cultura
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > meno tette&culi e piu' cultura

    Be' qui ti dico che basta avere più cultura.

    Perche'...

    Se hai cultura hai la possibilità di essere affascinante. Se sei affascinante hai molte possibilità di fare sesso. Se hai molte possibilità di fare sesso non hai molto interesse a vedere tette e culi su qualsivoglia schermo.
    Cala la domanda di "culi e tette" e, giocoforza, anche il Cavaliere deve adeguarsi.


    GT
  • - Scritto da: brain
    > - Scritto da: Gennarino B
    > > - Scritto da: Pavi
    > > > > ...personalmente, con un contest
    > fatto
    > come
    > > > si
    > > > > deve, Mediaset avrebbe poco da
    > guadagnarci
    > > > con
    > > > un
    > > > > beauty contest, a mio avviso fa
    > programmi
    > > da
    > > > > schifo già da molti
    > > > > anni...
    > > > Il punto è che Mediaset produce
    > programmi.
    > > > Fare chiudere o ridimensionare Mediaset
    > e
    > Rai
    > > > equivale a far chiudere qualsiasi
    > produzione
    > > > italiana, relegandoci a spettatori di
    > produzioni
    > > > estere.
    > >
    > > Mi sfugge il punto dove spieghi perché
    > sarebbe
    > un
    > > problema
    > non sa come si scrive gnocca in ingleseImbarazzato, non
    > saprebbe cosa guardare
    >A bocca aperta

    Pussy: problema risolto.


    Adesso possiamo anche sequestrare mediaset e venderla all'asta, con il ricavato possiamo coprire la voragine nei conti pubblici causata da Berlusconi.
  • Se fossi appena tornato sulla terra dopo aver vissuto trent'anni in una caverna su marte con le orecchie tappate, darei ragione a Mediaset.
    Dar torto a Mediaset significherebbe implicitamente rimettere in ballo il discorso conflitto di interessi di Berlusconi sul quale raramente pochi parlamentari hanno messo bocca dal 1993 ad oggi.
  • argomenta... perchè avrebbe ragione?

    le frequenze del 3G sono state vendute a caro presso, perchè quelle del digitale terrestre dovrebbero essere "regalate"?
    poi... beauty contest indetto da chi? chi decide la TV più bella?

    ...personalmente, con un contest fatto come si deve, Mediaset avrebbe poco da guadagnarci con un beauty contest, a mio avviso fa programmi da schifo già da molti anni...
    non+autenticato
  • > ...personalmente, con un contest fatto come si
    > deve, Mediaset avrebbe poco da guadagnarci con un
    > beauty contest, a mio avviso fa programmi da
    > schifo già da molti
    > anni...
    Il punto è che Mediaset produce programmi.
    Fare chiudere o ridimensionare Mediaset e Rai equivale a far chiudere qualsiasi produzione italiana, relegandoci a spettatori di produzioni estere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pavi
    > > ...personalmente, con un contest fatto come
    > si
    > > deve, Mediaset avrebbe poco da guadagnarci
    > con
    > un
    > > beauty contest, a mio avviso fa programmi da
    > > schifo già da molti
    > > anni...
    > Il punto è che Mediaset produce programmi.
    > Fare chiudere o ridimensionare Mediaset e Rai
    > equivale a far chiudere qualsiasi produzione
    > italiana, relegandoci a spettatori di produzioni
    > estere.

    Mi sfugge il punto dove spieghi perché sarebbe un problema
    non+autenticato
  • Ma dove sta scritto che mediaset produrrà programmi x questi canali che non ha.
    Si fa l'asta? Va deserta?
    Bene, vuol dire che lo stato non incassa e che mediaset non lucra su un bene pubblico scippato come al solito.
    D'altronde non penserete che ne uscirebbero programmi innvativi e/o culturali, vero?
    non+autenticato
  • L'unico motivo per cui solo loro producono è perchè soltanto loro hanno i soldi per farlo, ti ricordo che l'italia aveva 4 tv nazionali di cui 1 era stata esclusa perchè le frequenze sono state rubate da rete 4 per anni...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Europa_7

    Queste cose mi fanno vergognare di essere italiano...

    Se invece di mettere i bastoni tra le ruote davano possibilità a nuovi imprenditori di nascere e crescere oggi probabilmente non avremmo avuto soltanto 2 tv che producono (poi cosa producono che il 90% dei format TV sono americani o francesi).
    non+autenticato
  • Scusa se non quoto ma da cellulare mi è difficile.
    Ovviamente "beauty" non è inteso in senso letterale, ma in quanto aziende "migliori" in quanto a garanzie tecniche.
    Il fatto è che Mediaset ha ricevuto garanzie da parte del governo precedente e un'azienda, quando ha delle garanzie, si prepara e investe su quello che otterrà e qui il danno potrebbe essere facilmente dimostrabile in un ricorso.
    A meno che il mondo della politica e della giustizia non mettano finalmente in discussione il conflitto di interesse del precedente governo... Ma crediamo che qualcuno lo farà?
  • - Scritto da: il solito bene informato
    > Il fatto è che Mediaset ha ricevuto garanzie da
    > parte del governo precedente e un'azienda, quando
    > ha delle garanzie, si prepara e investe su quello
    > che otterrà e qui il danno potrebbe essere
    > facilmente dimostrabile in un
    > ricorso.
    Anche i pensionati che si erano fidati del governo, si ritrovano con una bella supposta, i compratori di buoni del tesoro greco pure, vatti a fidare dei governi!A bocca aperta
    Ormai gli unici che tengono fede alla parola data lavorano per la mafia...Perplesso
    non+autenticato
  • DVB-T2 obbligatorio su TV e decoder dal 2015 quando forse sarà già superato

    Chi produce decoder dovrebbe sin da ora vendere decoder DVB-T2 e collegabili ad internet in modo che la liberazione delle frequenze da TV a LTE possa essere anticipata quanto prima offrendo nuove opportunità.

    Sono occasioni per uscire dalla crisi e invece si pensa sempre a mantenere privilegi ai soliti.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)