Roberto Pulito

Adobe manda CS6 nella nuvola

Photoshop e soci scommettono sul cloud. La nuova Creative Suite 6 di Adobe può essere noleggiata sottoscrivendo un abbonamento

Roma - Adobe lancia la sesta versione della sua Creative Suite, pacchetto di 14 programmi per professionisti del design, del web e del video broadcasting, che include anche il nuovo Photoshop CS6. I nuovi strumenti non mancano, ma a cambiare è soprattutto la filosofia distributiva. Una nuova offerta basata sull'abbonamento Adobe Creative Cloud offre infatti la possibilità di noleggiare ogni applicazione distribuita online.

Il contratto individuale costa 49,99 euro al mese +IVA con impegno annuale e 74,99 euro al mese +IVA con impegno mensile. Il servizio non consente solo di scaricare app, ma anche di condividere e distribuire i lavori creati con i software Adobe. Un'apposita utility abilita la sincronizzazione e l'archiviazione dei file tra i dispositivi mobili e il desktop. Per il momento lo storage sulla nuvola è limitato a 20GB, ma molto presto sarà possibile acquistare altro spazio.


Acquistare normalmente i programmi diffusi su supporto fisico è, ovviamente, ancora possibile. Il prezzo della Master Collection con tutti i programmi (Photoshop, InDesign, Illustrator, Acrobat X Pro, Flash Professional, Premiere, After Effects, Fireworks, Dreamweaver, Prelude e SpeedGrade) arriva a 2.999 euro +IVA. La disponibilità del tutto è prevista per metà maggio 2012, ma è già possibile effettuare un pre-ordine.
Per quanto riguarda i ritocchi introdotti dagli aggiornamenti, si parla di nuovi strumenti per HTML5, editing potenziato e nuove API per l'integrazione con le schede video. Il changelog del nuovo Photoshop CS6 include oltre 600 nuove voci, tra funzioni aggiunte e miglioramenti. L'azienda californiana ha anche pianificato un evento live-streaming in cui verranno illustrate nel dettaglio tutte le nuove caratteristiche dei vari programmi.

Roberto Pulito
Notizie collegate
  • TecnologiaFlash, Adobe e l'update silenteCi sono novità per il plugin più famoso del Web. E oltre a un meccanismo di aggiornamento più immediato, la casa madre si impegna anche nel 3D. Cercando pure di guadagnarci tassando gli sviluppatori
  • TecnologiaAdobe Edge si muoveLa casa di Flash rilascia la prima Beta pubblica per lo strumento da web designer che consente di creare animazioni HTML5
7 Commenti alla Notizia Adobe manda CS6 nella nuvola
Ordina
  • non può essere utilizzata per lavorare. E' un sitema così limitante che si poteva accettare solo alla fine degli anni 70. I danni crescono proprozionalmentte con il numero di dipendenti che utilizzano il software per lavoro.

    Cliente : oggi mi consegnate il lavoro?
    Fornitore: purtroppo non c'è la nuvola?
    Cliente : Quando pensate di riprendere il lavoro?
    Fornitore: purtroppo non dipende da noi.
    Cliente : Quindi adesso come faccio?

    Secondo me fra un po' le aziende inizieranno a valutare i fornitori classificandoli anche in funzione se lavorano nella nuvola o con i piedi per terra. Ovviamente se lavorano nella nuvola la valutazione sarà negativa: io cliente sto pagando per ottenere un servizio, poi sono fatti tuoi fornitore se sei capace di metterti nelle condizioni di essere professionale, ovvero di consegnare alle date fissate. Ricordiamoci che il lavoro è una catena tutti siamo sempre clienti e fornitori di qualcuno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > non può essere utilizzata per lavorare. E' un
    > sitema così limitante che si poteva accettare
    > solo alla fine degli anni 70. I danni crescono
    > proprozionalmentte con il numero di dipendenti
    > che utilizzano il software per
    > lavoro.
    >
    > Cliente : oggi mi consegnate il lavoro?
    > Fornitore: purtroppo non c'è la nuvola?
    > Cliente : Quando pensate di riprendere il lavoro?
    > Fornitore: purtroppo non dipende da noi.
    > Cliente : Quindi adesso come faccio?
    >
    > Secondo me fra un po' le aziende inizieranno a
    > valutare i fornitori classificandoli anche in
    > funzione se lavorano nella nuvola o con i piedi
    > per terra. Ovviamente se lavorano nella nuvola la
    > valutazione sarà negativa: io cliente sto pagando
    > per ottenere un servizio, poi sono fatti tuoi
    > fornitore se sei capace di metterti nelle
    > condizioni di essere professionale, ovvero di
    > consegnare alle date fissate. Ricordiamoci che il
    > lavoro è una catena tutti siamo sempre clienti e
    > fornitori di
    > qualcuno.

    Io continuo a non capire perchè le grosse aziende investono ancora sulla nuvola come se fosse il futuro di tutto.
    Qualcuno riesce a darmi delle spiegazioni?
    non+autenticato
  • Il trucco e che all'inizio non costa niente e ti da servizi enterprise, se poi l'azienda cresce, ormai e legata alla piattaforma e paga profumatamente senza poterci fare molto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > non può essere utilizzata per lavorare. E' un
    > sitema così limitante che si poteva accettare
    > solo alla fine degli anni 70. I danni crescono
    > proprozionalmentte con il numero di dipendenti
    > che utilizzano il software per
    > lavoro.
    >
    > Cliente : oggi mi consegnate il lavoro?
    > Fornitore: purtroppo non c'è la nuvola?
    > Cliente : Quando pensate di riprendere il lavoro?

    L’abbiamo completato, oggi non lo condividiamo con la nuvola ma usiamo i mezzi tradizionali.
    Teo_
    2654
  • meno male che va sulla nuvola e speriamo ci rimanga
    ma perchè invece di queste stronzate non riducono i prezzi esorbitanti che chiedono in modo tale che nessuno poi lo compri tarocco?
    non+autenticato
  • Me lo chiedo da decenni.Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • intanto scaricate la suite master e poi aspettate di trovare il seriale
    non+autenticato