Alfonso Maruccia

La legge di Moore? Le restano 10 anni

Ennesima previsione funesta per il celebre enunciato formulato dal co-fondatore di Intel Gordon Moore: un fisico teorico stabilisce a 10 anni il termine

Roma - Se non è ancora morta, certo la legge di Moore non si sente tanto bene: a rafforzare le continue, periodiche, e sovente ultimative, previsioni sulla fine della validità dell'enunciato espresso da Gordon Moore svariate decadi fa ci si mette ora il fisico teorico Michio Kaku.

Noto per il suo lavoro di ricerca nel campo della teoria delle stringhe oltre che per il suo impegno come "futurista", comunicatore e sponsor della ricerca scientifica, Kaku prevede ora che "in circa 10 anni assisteremo al collasso della Legge di Moore".

Da qui a un paio di lustri le CPU per computer cesseranno di raddoppiare la loro performance ogni 2 anni circa, sostiene Kaku, per il semplice motivo che la produzione di microprocessori avrà raggiunto i limiti ultimi del silicio e non si potrà più avanzare nella miniaturizzazione dei transistor.
Intel potrà insomma infilare tutti i design "tridimensionali" che vuole nelle sue nuove CPU, suggerisce Kaku, ma quando si arriverà al punto da non poter più contrastare i fenomeni quantistici che influenzano le particelle elementari (elettroni) sarà "game over" per l'enunciato di Gordon Moore.

Il futuro dell'evoluzione tecnologica è il quantum computing? Per Kaku si tratta di una tecnologia ancora troppo immatura, non competitiva prima dell'ultima parte del 21esimo secolo.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaNVIDIA contro la legge di MooreBordata del produttore californiano contro l'enunciato del co-fondatore di Intel. L'unica soluzione, manco a dirlo, č abbandonare le CPU e concentrarsi sulle GPU
  • HardwareIl debutto di Ivy BridgeArchitettura tridimensionale a 22nm. Il nuovo arrivato di Intel promette molto sotto il profilo tecnico. Ma non tutte le promesse possono essere mantenute
17 Commenti alla Notizia La legge di Moore? Le restano 10 anni
Ordina
  • Useremo il Grafene, e si tornerà a rincorrere il GHz, infati il Grafene permette di raggiungere e superare i 100GHz. magari arriveremo a 16 core e ci rimarremo per decenni, ma aumenteranno le frequenze. Tuttavia aumenteranno anche i consumi elettrici.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Claudio
    > Useremo il Grafene, e si tornerà a rincorrere il
    > GHz, infati il Grafene permette di raggiungere e
    > superare i 100GHz. magari arriveremo a 16 core e
    > ci rimarremo per decenni, ma aumenteranno le
    > frequenze. Tuttavia aumenteranno anche i consumi
    > elettrici.

    a ridurre i consumi e limitare il surriscaldamento ci penseranno i memristori
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mem.ristora tore
    > - Scritto da: Claudio
    > > Useremo il Grafene, e si tornerà a rincorrere il
    > > GHz, infati il Grafene permette di raggiungere e
    > > superare i 100GHz. magari arriveremo a 16 core e
    > > ci rimarremo per decenni, ma aumenteranno le
    > > frequenze. Tuttavia aumenteranno anche i consumi
    > > elettrici.
    >
    > a ridurre i consumi e limitare il
    > surriscaldamento ci penseranno i
    > memristori


    secondo me i memristori troveranno una loro specifica collocazione... i memristori faranno fare un balzo in avanti alla "intelligenza artificiale", perché la loro maggior peculiarità è quella di tenere memoria di un numero teoricamente infinito di stati... insomma sono analogici e non digitali, quindi non sono vincolati alla logica binaria. in questo si avvicinano al neurone dell'essere vivente.
    i chip a logica binaria però continueranno secondo ad essere la scelta ideale per gestire grandi quantità di calcoli in tempi brevi, e le due logiche convivranno... magari anche in una stessa macchina (prospettiva quasi spaventosa, una macchina ibrida di chip al grafene e memristori potrebbe forse condurre alla singolarità tecnologica)
    non+autenticato
  • - Scritto da: max
    >
    > secondo me i memristori troveranno una loro
    > specifica collocazione... i memristori faranno
    > fare un balzo in avanti alla "intelligenza
    > artificiale", perché la loro maggior peculiarità
    > è quella di tenere memoria di un numero
    > teoricamente infinito di stati... insomma sono
    > analogici e non digitali, quindi non sono
    > vincolati alla logica binaria. in questo si
    > avvicinano al neurone dell'essere
    > vivente.
    > i chip a logica binaria però continueranno
    > secondo ad essere la scelta ideale per gestire
    > grandi quantità di calcoli in tempi brevi, e le
    > due logiche convivranno... magari anche in una
    > stessa macchina (prospettiva quasi spaventosa,
    > una macchina ibrida di chip al grafene e
    > memristori potrebbe forse condurre alla
    > singolarità
    > tecnologica)

    Anche il transistor è un componente "analogico" solo che nei processori viene sfruttato come interruttore e non come amplificatore. Penso che i prossimi processori in cui verranno implementati i memristori sostituiranno, almeno parzialmente, i transistor ed avranno un comportamento "digitale"
    non+autenticato
  • - Scritto da: memristorat ore
    > - Scritto da: max
    > >
    > > secondo me i memristori troveranno una loro
    > > specifica collocazione... i memristori faranno
    > > fare un balzo in avanti alla "intelligenza
    > > artificiale", perché la loro maggior peculiarità
    > > è quella di tenere memoria di un numero
    > > teoricamente infinito di stati... insomma sono
    > > analogici e non digitali, quindi non sono
    > > vincolati alla logica binaria. in questo si
    > > avvicinano al neurone dell'essere
    > > vivente.
    > > i chip a logica binaria però continueranno
    > > secondo ad essere la scelta ideale per gestire
    > > grandi quantità di calcoli in tempi brevi, e le
    > > due logiche convivranno... magari anche in una
    > > stessa macchina (prospettiva quasi spaventosa,
    > > una macchina ibrida di chip al grafene e
    > > memristori potrebbe forse condurre alla
    > > singolarità
    > > tecnologica)
    >
    > Anche il transistor è un componente "analogico"
    > solo che nei processori viene sfruttato come
    > interruttore e non come amplificatore. Penso che
    > i prossimi processori in cui verranno
    > implementati i memristori sostituiranno, almeno
    > parzialmente, i transistor ed avranno un
    > comportamento
    > "digitale"


    però il memristore "ricorda" le correnti che lo hanno attraversato... elabora e memorizza nello stesso tempo, come i neuroni, registra la "storia" delle correnti che lo hanno attraversato
    non+autenticato
  • ci voleva questo fisico teorico per dirci che il silicio ha un limite fisico, e che lo si raggiungerà nel giro di 10 anni...
    è da un po' che si sa sta cosa...
    non+autenticato
  • e' che ci giri Crysis 3 A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: mem.ristora tore
    > ...dove lo infiliamo?

    ops me ne ero dimeticato! ci si aspetta grandi cose dal "quarto componente fondamentale" dell'elettronica. Le premesse ci sono tutte, ma credo che prima finiranno di spremerci come limoni facendoci pagare piu' dell'oro i transistor a 22, 16, 11, 7 nm, poi passeranno ai memristori a 100nm per ricominciare la corsa verso il basso con quelli e ricomincera' la spremitura....
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > - Scritto da: mem.ristora tore
    > > ...dove lo infiliamo?
    >
    > ops me ne ero dimeticato! ci si aspetta grandi
    > cose dal "quarto componente fondamentale"
    > dell'elettronica. Le premesse ci sono tutte, ma
    > credo che prima finiranno di spremerci come
    > limoni facendoci pagare piu' dell'oro i
    > transistor a 22, 16, 11, 7 nm, poi passeranno ai
    > memristori a 100nm per ricominciare la corsa
    > verso il basso con quelli e ricomincera' la
    > spremitura....

    un computer costa 300 euro, quanto dovrebbe costare secondo te per farti smettere di lamentarti ? meno di etto di prosciutto ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > - Scritto da: mem.ristora tore
    > > ...dove lo infiliamo?
    >
    > ops me ne ero dimeticato! ci si aspetta grandi
    > cose dal "quarto componente fondamentale"
    > dell'elettronica. Le premesse ci sono tutte, ma
    > credo che prima finiranno di spremerci come
    > limoni facendoci pagare piu' dell'oro i
    > transistor a 22, 16, 11, 7 nm, poi passeranno ai
    > memristori a 100nm per ricominciare la corsa
    > verso il basso con quelli e ricomincera' la
    > spremitura....


    ma se l'elettronica di consumo è SVENDUTA...
    fammi il favore va...
    non+autenticato
  • Finalmente si comincerebbe ad assistere all'ottimizzazione del software.

    E comunque mi sembra una ca**ata bella e buona. Mica esiste solo il silicio.
  • - Scritto da: W.O.P.R.
    > Finalmente si comincerebbe ad assistere
    > all'ottimizzazione del software.

    anche usare cpu ARM da 1 milione di transistor al posto di cpu intel da 1 miliardo di transistor non sarebbe una cattiva idea: dai un calcio in culo a intel/windows e passi a ARM/Linux. prestazioni dignitose e consumi ridicoli, in un anno di uso risparmi in corrente.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)