Mauro Vecchio

USA, l'intelligence può flirtare con Google

Un panel di tre giudici autorizza i vertici di NSA a non rivelare al pubblico i dettagli di un accordo con la Grande G dopo gli attacchi cinesi del 2010. Questioni di riservatezza e di sicurezza nazionale

Roma - A stabilirlo sono stati tre giudici della Corte d'Appello nel District of Columbia: la National Security Agency (NSA) statunitense non dovrà consegnare informazioni dettagliate sull'eventuale accordo stipulato nel 2010 con il gigante del search globale Google.

L'intelligence a stelle e strisce non sarà dunque obbligata a confermare o negare i dettagli relativi ad un patto nato per garantire la sicurezza nazionale nel vasto cyberspazio. È stata così confermata una precedente sentenza di primo grado che aveva liberato NSA da qualsiasi obbligo invocato facendo leva sul Freedom Of Information Act (FOIA).

Erano stati gli attivisti dell'organizzazione locale Electronic Privacy Information Center (EPIC) a scandagliare gli oscuri fondali dell'accordo tra NSA e BigG. Un'alleanza che vedrebbe il colosso californiano passare informazioni critiche sui netizen ai vertici dell'intelligence nazionale.
Secondo le tesi circolate all'inizio, il governo di Washington avrebbe suonato il campanello d'allarme dopo il caso Google-Cina. La minaccia imminente contro il cyberspazio a stelle e strisce aveva portato ad un accordo per la distribuzione silente di dati, a sua volta un campanello d'allarme per gli attivisti di EPIC.

Il panel di tre giudici federali ha ora autorizzato i vertici di NSA a non rivelare alcunché sull'accordo, dal momento che si tratterebbe di informazioni riservate. Il governo aveva oltretutto tirato in ballo questioni cruciali di sicurezza nazionale per motivare la mancata conferma del patto con Google.

A far divampare l'ira degli attivisti era stata la bozza legislativa nota come Cyber Intelligence Sharing and Protection Act (CISPA), che prevede la collaborazione coatta tra grandi piattaforme del web e agenzie governative per un continuo flusso di informazioni sugli utenti sospetti.

La decisione della Corte d'Appello potrebbe ora legittimare il testo del disegno già approvato dai membri della House of Representatives. L'intelligence degli States avrebbe il potere di istituire un contatto con una società commerciale per fini di sicurezza nazionale. Con buona pace di tutti gli attivisti che si battono per la privacy dei netizen.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
2 Commenti alla Notizia USA, l'intelligence può flirtare con Google
Ordina
  • non avevano già una backdoor al loro servizio?
    Comunque: più sicurezza equivale a meno privacy.
  • - Scritto da: Neverstop
    > non avevano già una backdoor al loro servizio?
    > Comunque: più sicurezza equivale a meno privacy.

    Specie per le aziende che fanno concorrenza ai colossi americani.

    Hackers, terroristi e altri sicuramente usano precauzioni, "come sta lo zio?" in chat puo' voler dire "l'attacco parte domani" e né google ne l'NSA hanno molte chances.

    Le aziende che vogliono invece fregare la neonata startup estera che rompe i maroni, bussano all'NSA e hanno tutti i fascicoli di tutti gli ingegneri ed i manager, e rispettive amanti (formato jpeg per gli ingegneri of course).
    non+autenticato